Immagine
  mymarketing.it: il marketing fresco di giornata... di Admin
 
"
Errare è umano, ma per incasinare davvero tutto è necessario un computer.

Arthur Bloch
"
 
\\ : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Matteo B. (del 30/09/2005 @ 08:12:00, in Pubblicità, linkato 1937 volte)
Questa volta la Sony l’ha combinata grossa, e la pubblicità per il decennale della Playstation sembra abbia superato il limite, attirando un coro unanime di proteste da parte di esponenti politici e rappresentanti della Chiesa.
Reazione completamente opposta da parte del mondo dei pubblicitari, che in buona parte ha lodato lodano la qualità della campagna Playstation.
Tra le tante voci che si sono levate a difesa di questa scelta spicca il parere di Lorenzo Marini, noto pubblicitario, che dice testualmente“Per attrarre l'attenzione dei giovani il linguaggio deve essere per forza più trasgressivo di quello utilizzato per un prodotto per over 60enni”, se bisogna stare sempre attenti a non valicare il confine tra provocazione e buon gusto.

Ma è veramente necessaria la provocazione ad ogni costo? Recentemente, proprio in queste pagine, avevamo parlato della campagna RA-RE, altra scelta di dubbio gusto. Tutti noi abbiamo ben presente l’importanza del marketing e del riuscire ad attirare l’attenzione di un target bombardato giornalmente da migliaia di messaggi…

A volte la provocazione non è una facile scorciatoia per supplire alla mancanza di creatività?
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Alessandro Figus (del 29/09/2005 @ 20:04:02, in Internet, linkato 1876 volte)

Ad Alex, 21 anni, serviva un'idea che potesse dargli una mano a finanziarsi le spese univrsitarie ed iniziò così a pensarci su, finchè una trovata a dir poco originale non gli balenò per la testa.

Qualche giorno fa Alex ha aperto un sito sulla cui homepage c'è solamente una griglia. Questa griglia è composta da un milione di pixel messi tutti in vendita ad un dollaro l'uno e se mai un giorno verranno acquistati tutti Alex avrà guadagnato un milione di dollari.

Le società acquistano quante celle vogliono e si pubblicizzano grazie al logo che decidono di apporvi sopra. Cliccando sulla cella si arriva direttamente sul sito dello sponsor. Alcuni hanno comprato un solo riquadro che per quanto è piccolo può riportare giusto un carattere, un segno, al massimo una bandiera. Ma che visibilità può assicurare questo strumento pubblicitario? Il sito non offre servizi e probabilmente ciò che può spingere l'utenza a visitarlo è solo la curiosità di capire che tipo di trovata è questa; ma quando cesserà di essere una novità? Personalmente mi sono domandato chi potesse essere realmente interessato ad investire anche poche centinaia di dollari in una pubblicità del genere, al che ho potuto constatare che in pochi giorni Alex ha venduto in tutto il mondo ben 197.700 pixel, per un valore di 197.700 $. Speriamo che il povero Alex risca a pagarsi quste tasse universitarie che devono essere veramente molto care...

www.milliondollarhomepage.com

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Jacopo Gonzales (del 29/09/2005 @ 19:26:28, in Internet, linkato 1823 volte)

Una interessante notizia che viene pubblicata quest'oggi sia da Forbes che da Red Herring in riferimento ad una collaborazione attiva tra Google e niente di meno che la NASA:

La società di ricerca su Internet Google ha annunciato di progettare una collaborazione con l'agenzia spaziale americana Nasa per la ricerca spaziale e per la costruzione di una nuova sede all'interno del centro di ricerca dell'agenzia nel cuore della Silicon Valley. Google e la National Aeronautical and Space Administration (NASA) hanno affermato di avere in programma una collaborazione su progetti di ricerca come la gestione di dati su larga scala, la nanotecnologia, esperimenti di informatica collettiva. Quest'ultimo consiste nello sfruttare, attraverso Internet, le potenzialità di migliaia o milioni di computer mentre i loro proprietari non li stanno usando, per progetti di ricerca su larga scala. Il direttore del Centro Ames della NASA G. Scott Hubbard ha detto in un comunicato che la partnership pubblica-privata offre "un'enorme gamma di potenziali benefici al programma spaziale". L'operazione prevede che Google costruisca una nuova sede all'interno del Parco di Ricerca della Nasa di Moffett Field, un'ex base aerea circondata da migliaia di società high-tech nel cuore della Silicon Valley. La superficie totale è circa il doppio di quella dell'attuale quartier generale della società nella vicina città di Mountain View, in California, dove Google si è trasferita un paio di anni fa.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Eli (del 29/09/2005 @ 13:41:52, in Internet, linkato 1794 volte)

Sono sempre di più le aziende che utilizzano eBay per promuovere il proprio brand con iniziative promozionali. La pluricitata (in questi ultimi post) Coca Cola ha recentemente messo all'asta esclusive bottiglie e altri oggetti ideati dal designer Chris Aire e ispirati alla nuova Coca Cola Zero, ideati dal designer Chris Aire, creando un certo clima di attesa attorno a questo nuovo prodotto. La 20th Century Fox in occasione dell’uscita nelle sale di I, Robot aveva messo in vendita su eBay un merchandising, vario, tra cui una giacca di pelle autografata da Will Smith alla modica somma di 4.600 dollari, promuovendo efficacemente il film in questione.
Recentemente inoltre una catena di fast food americana,Wendy, ha messo all’asta il pupazzo protagonista di uno spot televisivo di successo, incassato 1.700 dollari donati poi in beneficenza.

Il grande successo e utilizzo di eBay può quindi servire da “traino” per i propri prodotti o si tratta di episodi isolati e sporadici? In ogni caso sempre più spesso oggetti stravaganti messi all’asta sul sito fanno notizia in tutto il mondo.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Max Da Via' (del 29/09/2005 @ 08:04:39, in Marketing, linkato 1660 volte)

Da sabato primo ottobre fino al 31 in 290 punti vendita Auchan, Sma e Cityper sarà in vendita il biglietto “Viaggia quanto vuoi”, a un prezzo fisso di 19 euro con una durata di 24 ore dal momento della convalida.

Già da tempo Trenitalia cerca di rendere più flessibile questo mezzo di trasporto, tramite numerose promozioni che vengono proposte periodicamente. E i risultati sembrano dare incoraggianti: oltre 600.000 sono i viaggiatori che hanno approfittato dell’offerta low cost di Ferragosto e di una serie di biglietti in promozione. Nel periodo giugno - metà settembre sono stati circa 650mila i passeggeri in più su Intercity, Eurostar, e Notte rispetto allo stesso periodo 2004.
L’iniziativa di vendere i biglietti del treno nei supermercati non è una novità in Europa. La Germania ha già sperimentato questa formula, con risultati incoraggianti.

Trenitalia tramite questa iniziativa cerca di rendere sempre più flessibile e “customer friendly” la propria offerta, raggiungendo l’utente in luoghi “non convenzionali”, offrendo un risparmio sia in termini di costi che di tempo, sfruttando anche l’ampia distribuzione territoriale delle catene coinvolte nella partnership.
Queste ultime arricchiscono sia pure temporaneamente la propria gamma prodotti mettendo a disposizione un servizio utile e di utilizzo diffuso ad un prezzo particolarmente competitivo.

Cosa potrebbe succedere se i risultati superassero le più rosee aspettative? Stiamo di fronte ad una possibile revisione dei canali distributivi utilizzati da Trenitalia? Probabilmente no, anche perché l’offerta può funzionare solo se il prodotto è standardizzato (tariffa unica da 19 Euro indipendentemente dalla destinazione). Difficilmente infatti le casse del supermercato potrebbero gestire l’emissione di un biglietto standard, che presuppone un sistema informativo in grado di dialogare in real time con l’intera infrastruttura ferroviaria.
Quello che potrebbe succedere però è che Trenitalia decida di ricorrere regolarmente a questo canale anche in caso di future promozioni. Quando saremo in coda alla cassa, tra i corn flakes e l’insalata, potremmo avere quindi l’occasione di aggiungere un viaggio al mare.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Max Da Via' (del 28/09/2005 @ 14:03:46, in Prodotti, linkato 1681 volte)

A proposito di Coca Cola a Dublino sono in fase di collaudo distributori automatici di di Coca-Cola costantemente connessi ad Internet che, oltre all’ormai famoso soft drink, offrono l'opportunità di acquistare canzoni in formato mp3. Grazie a Bluetooth e lettori di memory-card questi chioschi potranno dialogare con smartphone, palmari e portatili di ultima generazione. Attualmente il sistemi sono disponibili soltanto nella zona metropolitana di Dublino, ma è previsto un lancio a livello dell’intera nazione dei prossimi sei mesi.
Poiché la società che gestisce questi apparecchi, la Leisure Link, è leader di mercato anche in Italia nel settore delle macchinette per intrattenimento è lecito aspettarci un prossimo sbarco anche dalle nostre parti.
Funzionerà l’abbinamento musica-Coca Cola? A giudicare dai recenti festival organizzati in alcune città italiane proprio dalla Coca Cola si direbbe di sì. Questa nuova forma di distribuzione del prodotto potrebbe fungere da apripista per altri abbinamenti. Gelato e musica, ma anche mms video e snack, wallpaper o suoneria e soft drink…
La lista potrebbe continuare all’infinito, cominciamo quindi a mettere da parte gli spiccioli, perché il mix prodotto di consumo e contenuto multimediale potrebbe anche costarci un po’.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Eli (del 28/09/2005 @ 08:11:57, in Marketing, linkato 1662 volte)

Coca Cola lo scorso luglio ha commisionato a 5 studi di design di fama mondiale l'ideazione di una nuova bottiglia, che farà parte di un'edizione limitata destinata a diventare un oggetto da collezione.
Il progetto è legato ad un sito web appositamente realizzato, all'interno del quale sono presentate le nuove bottiglie, i video che hanno ispirato i designer e i relativi wallpaper da scaricare.

Il packaging delle bottiglie diventa quindi il filo conduttore di questo viaggo ricco di immagini, musica e contenuti, offrendo al visitatore un'esperienza nuova.

Il sito vale sicuramente una visita http://www.them5.com.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Tiziana P. (del 27/09/2005 @ 07:18:29, in Marketing, linkato 1802 volte)
Un recente articolo apparso su “Il Sole 24 Ore” affronta il tema della Customer Satisfaction. In un periodo in cui si parla molto di attenzione alle esigenze del cliente e della capacità di saper anticipare le sue esigenze i risultati di questa ricerca invitano a riflettere.

(…) oggi scopriamo che il 39% dei consumatori italiani ritiene le aziende poco o per nulla sensibili ai bisogni della clientela. Tuttavia non bisogna generalizzare, poiché il dato raggiunge livelli preoccupanti per i servizi finanziari ( 67%), per i trasporti ( 56%) e per le utility ( 49%), forse i business tra i meno esposti alla concorrenza. Mentre spuntano valutazioni migliori le aziende dell’elettronica di consumo e dell’informatica ( 72% di giudizi in area positiva e 17% di bassa sensibilità) e del turismo ( rispettivamente 72% e 21%). Relativamente bene il comparto dell’editoria e media: “soltanto” un cliente su 3 è insoddisfatto.
(…) Il gap tra azienda e cliente è reso ancora più grave dal fatto che le aree per le quali i clienti manifestano la maggiore insoddisfazione sono anche quelle che ritengono più importanti. Il tema della fiducia, in particolare, appare fondamentale per creare e alimentare una vera relazione con la propria clientela ed è ancora sottovalutato dalle aziende: l’affidabilità è molto rilevante per 9 clienti su 10, ma solo per il 44% delle aziende. La trasparenza è fondamentale per 8 clienti su 10, ma lo è solo per il 17% delle aziende. Infine, prendersi cura dei problemi del cliente è rilevante per il 76% dei clienti e soltanto per il 32% delle aziende. 7 Le priorità. Anche le attese sulle priorità di intervento sono espresse dai clienti in un modo che le aziende non sembrano comprendere. In genere, la funzione più carente nelle aziende sembra quella relativa alla capacità di “ gestire nel tempo” i clienti. Le attese dei clienti si concentrano infatti sulla richiesta di attenzione a voci quali l’assistenza dopo la vendita ( 65%) e la chiarezza delle informazioni preliminari ( 49%).
(…)Lo scarso ricorso ad iniziative di profiling ( che ha inciso per il solo 9% tra gli interventi realizzati per migliorare la relazione con i clienti) lascia emergere l’indisponibilità delle aziende all’accoglimento delle esigenze soggettive del cliente. Questo genera maggiore " infedeltà" al prodotto da parte dei target medio alti ma anche di quelli più bassi che, in condizioni di effettiva competizione, sono pronti a “ tradire”.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Max Da Via' (del 26/09/2005 @ 07:30:54, in Internet, linkato 1595 volte)
In America ma non solo è di moda tra molti manager e professionisti affermati verificare regolarmente quante volte il proprio nome è citato nei siti internet e a che proposito.
Questa tendenza è stata da qualcuno prontamente ribattezzata “Ego Surfing”, e ha come scopo quello di analizzare la propria popolarità, ma anche l’opinione della gente sull’azienda nella quale i manager lavorano, oltre ad essere un utile strumento per monitorare la concorrenza.
Alcune imprese dispongono addirittura di uffici di comunicazione e pubbliche relazioni dedicate a questa attività, e la ricerca avviene all’interno di varie tipologie di siti, compresi alcuni blog.

Internet quindi diventa sempre più un importante canale non solo per comunicare ma anche per ottenere informazioni di prima mano su quello che gli utenti pensano realmente dei prodotti, sul loro gradimento e più in generale sull’immagine dell’azienda.
Del resto non è una novità che da parecchio tempo ormai le aziende considerino i blog e i forum come uno strumento fondamentale per cogliere “gli umori” del proprio target, tant’è che molti uffici marketing visitano regolarmente queste pagine, a volte dichiarando la propria identità, altre fingendosi un normale utente, ma raccogliendo in ogni caso utili informazioni di prima mano.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Alessandro Figus (del 26/09/2005 @ 01:06:00, in Strategie, linkato 1811 volte)

E' ormai ufficiale la firma del memorandum of understanding tra Fiat e l' indiana Tata Motors. Chi si aspettava un'altra intesa con un partner blasonato, almeno per ora, dovrà pazientare.

In India il marchio Tata è il più venduto tra i veicoli commerciali ed il terzo tra le automobili. Il suo fatturato si avvicina ai 5 mld di dollari ed è la più grande industria indiana. Uno dei modelli di punta della società di Ratan Tata è la Safari, gip a sette posti, che voci di corridoio vogliono come prima vettura a dover subire il remake dei designers Fiat.

L'azienda italiana avrà da guadagnare in termini di costi di produzione e di visibilità in un mercato vastissimo, ma avrà poco da aggiungere alle sue conoscienze per quanto concerne la qualità, la ricerca (che sono poi tra i tasti dolenti della sua offerta) e tutte quelle armi che in Europa rendono un'azienda realmente concorrenziale . La Tata Motors è comunque leader in R&S nel mercato indiano, ma è evidente che Fiat è intenzionata ad attingere ben altro da questa alleanza.

www.ilsole24ore.com

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6
Ci sono 1503 persone collegate

< maggio 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
  
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
16
17
18
19
20
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
   
             

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Advertising (107)
Aziende (142)
Blog (11)
Brand (37)
Comarketing (2)
Comunicazione (9)
dBlog (1)
Digitale (33)
eCommerce (39)
Grande Distribuzione (7)
Internet (538)
Marketing (286)
Marketing Ambientale (3)
Marketing non convenzionale (62)
Media (101)
Mercati (79)
Mobile (210)
Permission Marketing (1)
Prodotti (95)
Pubblicità (32)
Pubblicità (88)
Retail (11)
Segnalazioni (41)
Social Networks (339)
Startup (1)
Strategie (59)
Tecnologie (73)
Trade Marketing (1)
Viral Marketing (40)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019

Gli interventi più cliccati

Titolo
Automobili (2)
Bianco e nero (1)
Comarketing (1)
Home (4)
Internet (4)
Prodotti (5)
Pubblicità (5)

Le fotografie più cliccate


Titolo

< /p>


Subscribe to my feed


Google
Reader or Homepage

Add to netvibes



Creative Commons License




21/05/2019 @ 17:05:47
script eseguito in 379 ms