Immagine
  mymarketing.it: perchè interagire è meglio!... di Admin
 
"
Errare è umano, ma per incasinare davvero tutto è necessario un computer.

Arthur Bloch
"
 
\\ : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Max Da Via' (del 20/12/2005 @ 06:52:37, in Internet, linkato 2071 volte)
Anche quest’anno sono stati assegnati da “Il Sole 24ORE” gli Oscar della Rete, un premio giunto all’ottava edizione che ha come scopo dare il giusto riconoscimento alle realtà più interessanti presenti sul web.

Il concorso si è articolato in diverse sezioni, curate da una giuria tecnica, mentre trasversalmente è stato premiato il sito più votato in assoluto dai navigatori: il solito Google, efficace e pluripremiato motore di ricerca.

Per quanto riguarda le altre categorie, il pubblico ha potuto votare una classifica di cinque finalisti, tra i quali la una giuria tecnica ha scelto i vincitori.

Ecco i premiati dell’edizione 2005.

- News e Informazioni: www.beppegrillo.it
- Tecnologia e Innovazione: www.punto-informatico.it
- Entertainment: www.105.net
- Commercio Elettronico: www.misterprice.it
- Istituzione, Pubblica Amministrazione e No Profit: www. trenitalia.com
- Finanza e Investimento, Banche e Assicurazioni: www.ingdirect.it
- Viaggi: www.turistipercaso.it
- Istruzione e Lavoro: www.wikipedia.org
- Home, Fashion e Lifestyle: www.glamour.com
- Imprese: www.enel.it
- Auto e Motori: www.moto.it
- Motori di ricerca, Portali e Community: www.virgilio.it

Premi per le categorie speciali:

- Education: www.wikipedia.org
- Broadband: www.105.net
- Migliore campagna di Comunicazione web: Voola con Global Italia
- Premio speciale del Sole 24ORE per il maggior traffico generato per il concorso: www.cartoline.net.


Classifica molto eterogenea e con poche sorprese, trattandosi prevalentemente di realtà consolidate. Le premiazioni lasciano però spazio a due brevi riflessioni:

1. Beppe Grillo continua a fare incetta di premi e riconoscimenti. Poche settimane fa il comico genovese è stato anche premiato dalla rivista Time come uno tra i trentasette eroi europei del 2005, mentre il suo sito è da mesi saldamente in testa alla classifica dei blog italiani più visitati. Pur comparendo poco nei media tradizionali (tv, radio e giornali in particolare) grazie alla propria instancabile attività sul web riesce comunque a far riflettere provocando con la consueta ironia, ritagliandosi un proprio spazio nell’affollato panorama mediatico.

2. Virgilio, anno dopo anno, rimane uno dei marchi più noti e amati dai navigatori italiani. Per questo motivo stupisce molti la decisione di Telecom Italia di sacrificarlo a favore della giovane e più strategica Alice, allo scopo di uniformare la presenza dei brand su internet. Per maggiori informazioni sull’argomento rimandiamo al post Il funerale di Virgilio. Ad ogni modo la transizione verso l’uniformità è già cominciata: se vi recate su Virgilio noterete che Alice ha già parzialmente sostituito i loghi e il nome sulla barra del browser. Largo ai giovani!
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Jacopo Gonzales (del 19/12/2005 @ 14:00:28, in Blog, linkato 4718 volte)

Il proliferare dei blog ha convinto gli organizzatori del più antico, prestigioso e noto premio per il giornalismo, a prendere in considerazione anche la forma parallela del giornalismo tradizionale; ovvero quello online.

La Fondazione Pulitzer, infatti, fondatrice dei prestigiosi premi di giornalismo, ha deciso di aprire una sezione dedicata anche ai giornali online. Il nuovo modo di accedere alle news online, ha fatto si che il più famoso premio di giornalismo ha aperto la sua nicchia al giornalismo web.

Ma come in ogni "club d'elite" che sperimenta strade alternative, non tutti sono d’accordo: non piacciono alcune posizioni troppo liberal di molti blog o di altri web journal, non piace, ai guru del giornalismo offline sedersi allo stesso tavolo di un qualsiasi "uomo della strada" che con il suo blog, ha per esempio, pubblicato un'inchiesta di rilevanza internazionale.

Molti però devono capire che questa è la modernità portata da internet: non più una conoscenza verticale, stratificata e monodirezionale giornalista-lettore, ma una conoscenza-condivisa che rende ogni singolo essere umano un'entità indipendente, atomizzata e protagonista del cambiamento. [fonte marketing-adv]

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Jacopo Gonzales (del 19/12/2005 @ 13:32:52, in Internet, linkato 1800 volte)

Telegodado

 

Il motore di ricerca Godado ha inaugurato il suo nuovo portale Telegodado.com, interamente dedicato alla web tv.  La nuova web tv in chiaro del motore di ricerca è già fruibile online.

Su Telegodado si può quindi trovare una selezione dei migliori programmi televisivi trasmessi via internet e i relativi links per accedervi.

In particolare la redazione segnalerà le trasmissioni in chiaro delle principali emittenti televisive che trasmettono eventi sportivi di interesse internazionale.

Ad aiutare il visitatore a fruire del servizio vi sarà un'interfaccia grafica innovativa di facile utilizzo e sarà possibile vedere le tv di tutto il mondo via internet. Inizia a prendere forma ciò che fino a poco tempo fa era considerato un futuro troppo lontano; la possibilità di vedere la TV, scaricare un quotidiano o una rivista di un altro continente, comodamente a casa propria. [fonte marketing-adv]

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Max Da Via' (del 19/12/2005 @ 07:28:34, in Marketing, linkato 1597 volte)
Uno degli effetti negativi della globalizzazione a detta di molti esperti di mercato è l’eccesso di offerta. I continui miglioramenti nelle tecnologie velocizzano i cicli produttivi, mentre la lenta ma inarrestabile erosione dei margini spinge ad aumentare i volumi per compensare la perduta redditività.. Molte aziende quindi si trovano nella situazione di dover cercare di immettere sul mercato volumi crescenti di prodotti, che non sempre possono essere assorbiti.

Questa sovrapproduzione viene infatti a collocarsi in un contesto di mercato a cresciuta lenta, caratterizzato da consumatori sempre più volubili, che riconoscono il valore della marca ma sono molto difficili da fidelizzare.

Acquista quindi sempre più importanza la capacità di comunicare con il target di riferimento. La grande azienda deve infatti essere in grado di offrire non solo prodotti di elevata qualità ma anche una serie di aspetti collaterali (assistenza pre e post vendita, garanzia estesa, design e packaging) che assumono una rilevanza crescente nel processo decisionale che determina l’acquisto.

Un altro rischio legato alla volubilità della clientela è che innesca una sfida all’arma bianca tra produttori e trader,che attivano programmi di fidelizzazione costosi e poco efficaci, spesso basati sulla convenienza del prezzo e quindi più adatti ad attirare i cacciatori di offerte che a trasformare saltuari visitatori in assidui clienti.

Il rilancio di molte grandi imprese dipende invece dalla capacità di costruire un reale dialogo con i consumatori, promuovendo una comunicazione alla cui base ci siano fiducia e familiarità.

Ma per avere successo questa strategia non può prescindere da una collaborazione più intensa con la grande distribuzione, le cui strategie giocano sempre più un ruolo chiave nelle dinamiche di acquisto del cliente finale.

Secondo gli esperti di Procter & Gamble infatti i consumatori che si aggirano nelle corsie di un supermercato prendono le loro decisioni in un lasso di tempo che oscilla tra i 3 ed i 7 secondi, cioè giusto il tempo di prendere nota della merce esposta sullo scaffale. Questi preziosi secondi sono chiamati “il momento della verità”, e rappresentano un momento di marketing fondamentale per un marchio, che deve essere in grado di suscitare l’emozione che scatena il processo di acquisto, differenziandosi quindi dai numerosi prodotti concorrenti che lo circondano.

Tale è la rilevanza di questo breve intervallo da convincere P&G a creare ruolo dedicato allo studio e all’analisi di questi preziosi istanti, che è il di Direttore del Primo Momento di Verità (FMOT, First Moment Of Truth).
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Alessandro Figus (del 18/12/2005 @ 22:37:22, in Marketing non convenzionale, linkato 4109 volte)

        Chi gioca di frequente ai videogames avrà notato più volte la comparsa di riferimenti più o meno espliciti a marche e prodotti ben precisi. Se in un videogioco ci aggingiamo a guidare una moto, questa potrebbe essere un vero modello di una casa motociclistica o per fare un altro esempio, l’abbigliamento dei personaggi, potrebbe essere completamente griffato da marche reali. Il product placement sbarca anche nel mondo dei videogiochi.

Da recenti indagini è emerso che il giocatore accoglie positivamente la presenza di questo tipo di intrusioni pubblicitarie, visto che regalano al gioco un ulteriore tocco di realtà( come i cartelloni pubblicitari ai bordi di un campo di calcio);mentre si fa pubblicità poter godere di una buona considerazione non è cosa di poco conto. Inoltre un prodotto che viene incorporato in un momento ricreativo è facilmente associabile al piacere che il gamer prova mentre si diverte; così il brand entra in stretto contatto con un’esperienza positiva, con il lato emozionale di un momento ludico.

Un altro elemento da considerare è che il target interessato è molto numeroso ed ancora in crescita. Sembra infatti che le ore trascorse davanti alle console dal segmento composto da giovani fino a 35 anni aumenti a discapito delle ore passate davanti alla tv e quindi un accertato incremento degli users e dell’usage di videogiochi non può che aver convinto società del calibro di Activision e Nielsen ad effettuare approfondite ricerche che possano realmente quantificare le potenzialità di crescita di questa nuova tecnica. Per la fine del 2006 sono previsti 173.1 milioni di dollari di ritorni, cifra molto simile ai ricavi previsti per gli advergames. Il divario tra i due modelli si andrà ad ampliare sempre più e nel 2008 l’in-game adv conterà un flusso in entrata per 562.5 milioni mentre per gli advergames salirà a 312.2. Sempre secondo questo studio, l’ 87% degli intervistati ha registrato un elevato livello di imprinting di una marca vista all'interno di un videogioco e il 40% dei giocatori maschi ha affermato di essere stato influenzato all'acquisto dal messaggio visto all'interno del videogame.

Le società che si occupano di in-game advertising dovranno stare attente a non rovinare la loro reputazione mediante campagne eccessivamente intrusive che possano disturbare i gamers; il rischio è quello di rendere questo tipo di comunicazione noioso e fastidioso così come viene recepita la stragrande maggioranza dei messaggi pubblicitari.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Jacopo Gonzales (del 18/12/2005 @ 08:44:27, in Internet, linkato 1519 volte)

Micropersuasion found out this video promoting Google Maps. You can't really say if a fan of the service created it or it's a smart, sneaky marketing action by Google itself. Anyway, it's quite funny. Watch it here.

google maps video

[via adverblog]

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Danilo Arlenghi (del 18/12/2005 @ 07:55:10, in Marketing Ambientale, linkato 4851 volte)
L'ambient communication è in generale un approccio originale alla comunicazione e in particolare alla segmentazione del target di riferimento, che viene individuato attraverso i luoghi fisici in cui si aggrega spontaneamente. Ai classici e rigidi "stili di vita", l'ambient coommunication & marketing contrappone dei "momenti di vita", situazioni in cui il target si raduna spontaneamente, in "luoghi" e "momenti" determinati.

Ogni ambiente è infatti abitato da individui che condividono non solo uno spazio ma anche una condizione comune: interessi, attitudini, stili di consumo, ecc. Seguendo tale approccio, la comunicazione raggiunge il target al di fuori dei comuni canali di vendita, quando è più ricettivo al messaggio pubblicitario ovvero nei luoghi in cui si reca spontaneamente e nel momento in cui è più aperto alla comunicazione (in particolare a quella non convenzionale in quanto nuova e di perciò stessa solleticante la naturale curiosità di ognuno) perché con la mente sgombra dai 'martellamenti' dei consueti messaggi quotidiani. La ricezione è più immediata e penetra nei meandri del cervello con più facilità. La percezione è più completa e migliorata dall'abbassamento delle barriere naturali che fungono da 'spam mentale', di protezione contro l'invasività della comunicazione ordinaria, alla quale si diventa refrattari.

Questa tecnica è di grandissima efficacia se appplicata nel momento in cui nasce il bisogno di un prodotto o di un servizio. E' ancor più funzionale se pregna di creatività innovativa che nasce come reazione fisiologica , applicata a mezzi e strumenti inusuali per la comunicazione, oggi troppo stereotipata.

D'altronde se tutti lo fanno è come se non lo facesse nessuno e l'effetto si annulla.


Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Jacopo Gonzales (del 17/12/2005 @ 18:58:32, in Viral Marketing, linkato 3515 volte)

Si chiamano Icecard e sono un innovativo strumento di marketing virale.
Si tratta di veri e propri biglietti da visita realizzati con il brand e con i colori dell'azienda di cui si è richiesto il "servizio".

Completamente gratuiti per i consumatori, che acquistano così il ruolo di "brand ambassadors", le Icecards rappresentano una nuova sfaccettatura del marketing moderno.


In Italia la prima azienda che ha affiancato Icemedia, la società olandese che ha inventato il brevetto, nel lancio del prodotto è la Puma che ha affidato alle Icecards il lancio di due profumi, Puma White Man e Puma Red Woman, della linea Puma Fraganze.


Il funzionamento è semplice: attraverso il sito dedicato alla community di Puma Fraganze (www.come-closer.it) i giovani possono ordinare le contact cards e in pochi passi si personalizzano i biglietti con i propri dati. In seguito, nel giro di due settimane, si ricevono gratuitamente a casa, pronte per essere scambiate come strumento di socializzazione con altri ragazzi. Chiunque, poi, viene in possesso di una Icecard, può richiederla, a sua volta, gratuitamente recandosi sul sito dell'iniziativa e scegliendole in base al gusto personale innescando così il meccanismo virale che porta alla diffusione del messaggio.


Unico neo è che Icecard rappresenta uno strumento di viral marketing per brand consolidati indirizzati ad un target principalmente di giovani e giovanissimi, "volenterosi" di affiancare il loro nome a quello di un brand di valenza internazionale. [via marketing-adv]

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Danilo Arlenghi (del 17/12/2005 @ 08:08:54, in Marketing, linkato 1723 volte)
La tecnologia che progredisce a velocità esponenziale sembra sfuggire a chiunque tenti di spiegarla o quantificarla. Eppure, un uomo è riuscito a "fermare" il segreto della sua crescita. "Il passo della tecnologia raddoppia ogni dieci anni", questo è il fulcro della "legge di accelerazione" scoperta da Ray Kurzweil.

La prospettiva che ne deriva è vertiginosa: "Mentre ci sono volute decine di migliaia d'anni per sviluppare pienamente tutte le potenzialità di scoperte come la ruota e il fuoco, l'uso del cellulare e del web si è diffuso in poco tempo dappertutto".

Così, spiega lo studioso, "nel 19mo secolo ci sono stati più cambiamenti tecnologici che nei nove secoli precedenti. "Nei primi venti del secolo successivo, ci sono stati più passi in avanti che in tutto il 1800 e ancora di più ce ne saranno nei primi dieci del secolo che stiamo vivendo".

Un'escalation di numeri che potrebbe trasformare radicalmente il nostro pianeta. Ma sarà questo il modo giusto di considerare il progresso? E' davvero solo una questione di numeri? Forse alcune scoperte del passato hanno influenzato la storia dell'uomo più delle ultime proposte che la tecnologia sforna "ogni giorno". Fa piacere che ognuno possa esprimere liberamente la propria creatività con un blog in rete e forse anche il sito "Friendster" avrà migliorato la vita sociale di un sacco di gente.

Ma da qui a parlare - come si è fatto - di "massiccio impatto sulla società" ce ne passa. La penicillina è una scoperta che ha cambiato il corso della storia umana, così come lo hanno fatto la teoria della relatività, il sonar, i robot e la televisione. E sono tutte conquiste del secolo scorso.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Eli (del 16/12/2005 @ 19:22:42, in Marketing, linkato 2918 volte)
Le immagini sono state dichiaratamente ritoccate al computer, però l’effetto è molto interessante. Che possano essere di ispirazione per qualcuno?






Via Avertising/Design Goodness
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7
Ci sono 4358 persone collegate

< settembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
           

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Advertising (108)
Aziende (142)
Blog (11)
Brand (37)
Comarketing (2)
Comunicazione (9)
dBlog (1)
Digitale (33)
eCommerce (39)
Grande Distribuzione (7)
Internet (540)
Marketing (286)
Marketing Ambientale (3)
Marketing non convenzionale (62)
Media (102)
Mercati (79)
Mobile (210)
Permission Marketing (1)
Prodotti (95)
Pubblicità (32)
Pubblicità (88)
Retail (11)
Segnalazioni (42)
Social Networks (344)
Startup (1)
Strategie (59)
Tecnologie (73)
Trade Marketing (1)
Viral Marketing (40)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019

Gli interventi più cliccati

Titolo
Automobili (2)
Bianco e nero (1)
Comarketing (1)
Home (4)
Internet (4)
Prodotti (5)
Pubblicità (5)

Le fotografie più cliccate


Titolo

< /p>


Subscribe to my feed


Google
Reader or Homepage

Add to netvibes



Creative Commons License




16/09/2019 @ 02:34:03
script eseguito in 375 ms