Immagine
  mymarketing.it: il marketing fresco di giornata... di Admin
 
"
Errare è umano, ma per incasinare davvero tutto è necessario un computer.

Arthur Bloch
"
 
\\ : Storico : Internet (inverti l'ordine)
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di Altri Autori (del 13/05/2008 @ 07:00:51, in Internet, linkato 1436 volte)

Con il passare degli anni il web diventa sempre più al femminile: sono in aumento le donne che si dilettano navigando sul web. Pur non essendo ancora una percentuale schiacciante quella delle internaute, a oggi il 35% delle donne utilizza regolarmente internet per svolgere attività di vario tipo.

A dirlo è stata una ricerca condotta dall’associazione Donneuropee-Federcasalinghe, Esperya.com e La Feltrinelli.it, che hanno confrontato i dati Istat e Nielsen con quelli contenuti all’interno del proprio database.

Nel 2007 il 31,7% delle donne utilizzava internet in modo regolare, mentre gli uomini erano il 42,3%. Pur non essendo frequentatrici assidue della rete è interessante constatare che l’85% degli accessi “rosa” sono da ricollegarsi ad attività sociali come mandare e ricevere email (72,6%), ricercare informazioni (58,9%), apprendere nozioni varie (53,2%), cercare offerte di viaggi (43,3%), leggere giornali (39,3%).

A collegarsi alla rete sono comunque donne di età compresa tra i 18 e 20 anni (73,3%), segue la fascia tra i 15 e i 17 anni (72,2%), quella tra i 20 e i 24 (69,8%) e infine quella tra i 25 e i 34 anni (53,6%). Per quanto riguarda l’attività professionale, utilizza abitualmente internet il 40,3% delle donne lavoratrici, il 18,6% delle studentesse e l’8% delle casalinghe. Il fenomeno dell’e-commerce nel 2007 aveva un valore di 4,868 miliardi di euro così distribuiti: turismo (48,7%), tempo libero (15,4%) e elettronica di consumo (13,4%).

In Italia sono stati eseguiti circa 23 milioni di ordini online: il 22,7% degli italiani nel 2007 ha utilizzato la rete per acquistare merci o servizi per uso privato, di cui il 27,2% uomini e il 17,2% donne.

La carta di credito rimane lo strumento di pagamento preferito per gli acquisti online con circa il 43% degli intervistati. Rispetto allo scorso anno, la tendenza vede un aumento del pagamento alla consegna (30%, rispetto al 24% dello scorso anno).

Tra i motivi della sfiducia verso il pagamento con carta: la preferenza ad acquistare di persona (52,3%), l'assenza di bisogno (43,8%), i problemi di sicurezza legati alla carta di credito (23,1%), la mancanza di fiducia (14,8%).

Via Quo Media

 
Di Altri Autori (del 12/05/2008 @ 07:54:42, in Internet, linkato 1449 volte)

Advertising on line : social networking via maestra
In realtà sembra che l'appetito di Steve Ballmer & Co. sia quanto mai elevato e si parla addirittura di un fantomatico "Project Granola", un piano "B" che metterebbe nel mirino della società vari siti di spicco del social networking. Facebook, come ha scritto anche il Wall Street Journal, sarebbe la prima di una lunga serie di acquisizioni che il gigante del software potrebbe operare per ovviare al "fallimento" dell'operazione Yahoo!. In Facebook, tra l'altro, Microsoft detiene già una quota dell'1,6% (pagata un anno fa 240 milioni di dollari) e le attività in fortissima crescita di quest'ultima – oltre 100 milioni di visitatori unici mensili e 350 milioni di dollari di fatturato previsto per il 2008, numeri più che raddoppiati rispetto a dodici mesi fa – fanno assai gola ai vertici di Redmond sebbene possano costare parecchio in termini di investimento (non meno di 10-15 miliardi di dollari secondo alcuni analisti). Siamo ovviamente nell'ambito delle indiscrezioni, anche se è confermato il fatto che le banche d'affari vicine a Microsoft abbiano in effetti bussato di recente alla porta di Mark Zuckerberg (Ceo di Facebook) e che alcuni executive di Redmond abbiano discusso di possibili accordi con la News Corp. di Rupert Murdoch. Facebook, però, non è il solo nome caldo del Web 2.0 che solletica l'attenzione di Ballmer: nella sua lista della spesa ci sarebbero stando ai bene informati, anche "fenomeni emergenti" come Digg.com e LinkedIn, o realtà ultra consolidate come MySpace, il "social site" di proprietà della Fox Interactive Media. Ma la domanda da porsi non è tanto chi finirà nella pancia di Microsoft quanto come Facebook (con la quale la società ha in essere un contratto di esclusiva per la rivendita di display advertising sul sito di social networking) o chi altri potrà aiutarla a crescere in modo sostanzioso nel business della pubblicità on line. Ed è quest'ultimo il terreno dove Ballmer vuole primeggiare.

Il nuovo motore pronto entro maggio
In attesa dei prossimi sviluppi, Microsoft ha calamitato l'attenzione dei media americani anche su un altro fronte, quello del proprio motore di ricerca on line, Live Search. La rivalità con Google, su questo fronte, è quanto mai sentita e stando ai bene informati la casa di Redmond annuncerà sostanziali miglioramenti alla piattaforma entro la fine di questo mese. Lo stesso Bill Gates, ieri l'altro, parlava di una prossima versione del motore made in Windows (il cui nome in codice sarebbe "Roma") in cui convergeranno aggiornamenti sotto vari profili, dalla rilevanza delle "query"di ricerca a tool intelligenti che guideranno in modo più mirato (e contestuale) le richieste degli utenti e i risultati loro proposti. Microsoft, ad oggi, lamenta un gap notevole nella classifica dei motori di ricerca più utilizzati dagli americani: stando ai dati di ComScore, infatti il 59.8% delle ricerche sul Web transita da Google, il 21,3% da Yahoo e solo il 9,4% da Msn e Windows Live. Logico quindi che lo sforzo della società non possa prescindere da una più marcata attenzione del grande pubblico verso i propri servizi di search e che il fine ultimo delle novità in rampa di lancio sia quello di offrire agli investitori pubblicitari strumenti di interazione con i potenziali clienti allo stato dell'arte.

Di Gianni Rusconi su ILSOLE24ORE.COM

 
Di Altri Autori (del 05/05/2008 @ 07:52:57, in Internet, linkato 1709 volte)

Il giornalismo della carta stampata sta attraversando momenti davvero bui, profondamente penalizzato dall’avvento di internet e dall’evoluzione tecnologica.
 
Molte testate si trovano costrette a chiudere i battenti delle proprie redazioni che devono trasferirsi sul web, ultimo tra tutti Il Capital Times. Il mercato dei giornali perde colpi mentre quello online gode di ottima salute: negli ultimi mesi l’audit bureau of circulation, agenzia statunitense che monitora le tirature, ha registrato un crollo globale delle copie vendute pari al 3,5%.
 
Tra le testate più colpite dalla crisi, il New York Times che perde il 9,2% per l’edizione domenicale e il 3,8% per il resto della settimana. Imminenti i problemi sul fronte dell’occupazione: sono previsti tagli per 100 unità. Abbastanza negativa anche la situazione del Washington Post che subisce un calo del 3,5% sulle vendite settimanali e del 4,3% su quelle domenicali.
 
Il Wall Street Journal di Rupert Murdoch segna invece una tiratura in leggero aumento (+0,3%), destinata a crescere con l’introduzione della nuova edizione generalista con cui il magnate australiano vuole fare concorrenza al rivale New York Times. Usa Today, il quotidiano più diffuso, sale dello 0,27%, mentre il Los Angeles Times perde il 5,1% nelle edizioni settimanali e il 6% in quelle domenicali.

Via Quo Media

 
Di Roberto Venturini (del 28/04/2008 @ 07:08:34, in Internet, linkato 4193 volte)

Sono 97 milioni gli esseri umani che a Dicembre 2007 hanno visitato nel mondo siti di incontri per l'anima gemella (un calo del 10% rispetto al 2006), secondo ComScore.

Il calo potrebbe essere dovuto ai siti di networking sociale (Facebook etc) che in parte assolvono anche alla funziona di radunare cuori solitari...?

Il leader è sempre match.com (a livello globale), presente in 37 nazioni.

Negli USA i servizi di matchmaking sono usati da circa il 3% dei singles. Il business dunque ha grandi possibilità di crescere e di far ulteriormente salire i fatturati degli operatori.

Le donne rappresentano (a seconda della nazione e delle politiche promozionali adottate dagli operatori) tra il 40 e il 55% degli utenti.

 
Di Altri Autori (del 21/04/2008 @ 07:15:49, in Internet, linkato 2125 volte)

Il botto sparato da Google alla lettura della trimestrale (profitti netti in crescita del 31% a quota 1,3 miliardi di dollari e ricavi saliti a 5,2 miliardi nel primo periodo dell'esercizio fiscale 2008) ha subito avuto un degno seguito. Dal quartier generale di Yahoo, infatti, sarebbe arrivato il via libera – lo ha scritto ieri, citando fonti non meglio precisate, il "Wall Street Journal" – per sancire l'accordo fra le due grandi rivali di Microsoft. Un accordo che è il frutto della sperimentazione avviata dai due giganti del Web californiani giorni addietro e che prevede l'affidamento a Google in outsourcing dei servizi di search advertising di Yahoo, nell'ottica di abbinare i messaggi pubblicitari ai risultati delle ricerche effettuate sul Web. C'è, per contro, chi fa notare come Yahoo abbia investito milioni di dollari nello sviluppo della piattaforma Panama e l'annuncio di cui sopra equivalerebbe a una precoce dismissione del progetto e, di fatto, dell'intera propria infrastruttura per la pubblicità on line.

Il buon esito dei test avrebbe quindi spianato la strada a un'intesa – soggetta però al vaglio delle normative antitrust - che da un lato potrebbe complicare il futuro dell'offerta messa sul piatto dal gigante di Redmond e dall'altro gettare le basi per la nascita di una (clamorosa) triplice alleanza anti Microsoft (composta da Google, Yahoo e Aol). Dai vertici di Google, e in particolare dal Ceo Eric Schmidt, sono arrivate in queste ultime ore espliciti riferimenti alla bontà della collaborazione fra le due compagnie ma quello che osserva il Wsj è soprattutto il possibile impatto che la "partnership" avrebbe nei confronti del tentativo di scalata perseguito da Steve Ballmer (il Ceo di Microsoft). E quale sia l'impatto è facile immaginarlo: una Yahoo più forte avrebbe maggiore forza per esortare la società di Redmond ad alzare la posta e andare ben oltre i 31 dollari per azione offerti finora. Ed è questo pare, in fondo in fondo, il vero obiettivo del Board di Sunnyvale.
I risultati fiscali attesi per Yahoo (in predicato di toccare nell'esercizio 2008 quota 8 miliardi di dollari, rispetto ai poco meno di 7 del 2007) e soprattutto per Google (avviata a raggiungere quest'anno un fatturato vicino ai 25 miliardi di dollari) sono ben in vista agli occhi di Microsoft. A detta degli analisti americani, tali risultati non fanno altro che aumentare le mire del gigante del software, i cui ricavi previsti per l'anno fiscale, in chiusura al 30 giugno, sono intorno ai 60 miliardi di dollari. Il mercato della pubblicità on line e dei servizi di search advertising in particolare è assai profittevole e l'idea di un gemellaggio fra Yahoo e Google non può certo far sorridere (gelosie e arrabbiature a parte) il cassiere di Microsoft. Per questo, scrive ancora il Wsj, è lecito pensare che Ballmer (e Bill Gates nell'ombra) siano sempre convinti di mettere le mani sulla preda tanto ambita: per non dare ulteriore slancio al ruolo di Google nell'universo dei servizi Web e per cercare di ripetere nella Rete il successo ottenuto nei computer con Windows e Office.

di Gianni Rusconi su ILSOLE24ORE.COM

 
Di Altri Autori (del 18/04/2008 @ 07:57:38, in Internet, linkato 2069 volte)

iTunes, su tutti, e gli altri negozi digitali continuano a capitalizzare l’attenzione degli amanti della musica. E i negozi di cd soffrono

I cd continuano a giacere sugli scaffali in attesa degli ultimi amanti della musica vecchia maniera, mentre gli mp3, illegali e legali, si fanno strada nel mercato. La maggior parte delle ricerche sull’argomento hanno sempre specificato che lo sviluppo della musica online è ancora troppo contenuto e frammentato dalla diffusione di file pirata per poter arginare le ingenti perdite registrate dalla vendita di cd. Di diverso avviso un’analisi svolta da In-Stat che prevede un rialzo delle vendite legate alla musica online su scala mondiale pari al 40% entro la fine del 2012. Durante il 2007, ha specificato la ricerca, il commercio del digitale ha rappresentato solo il 10% delle vendite globali, mentre nel 2006 è stata del 6%. La previsione positiva di In-Stat è legata alla continua espansione della connettività a banda larga in tutto il mondo che ha portato un arricchimento dei cataloghi musicali e un conseguente aumento di richieste.

Uno dei contribuiti più importanti alla causa della musica online è dato da iTunes, lo store online della Apple che al momento domina incontrastato il settore, come sottolineato da una ricerca di Ipsos: il 38% del campione preso in considerazione ha dichiarato che iTunes è il marchio più soddisfacente all’interno del settore in cui opera e la popolarità del portale Apple è cresciuta del 24% nei 30 giorni precedenti il sondaggio, dato in rialzo rispetto al 18% ottenuto nel 2006. Il 50% degli internauti ha riconosciuto in iTunes anche la migliore soluzione possibile dal punto di vista economico, percentuale in rialzo rispetto al 41% convinto di ciò nel 2006 e al 33% nel 2005.

Lo strapotere di iTunes non si è però fermato al mondo del web andando a invadere anche gli scaffali dei negozi, le statistiche di Npd MusicWatch hanno testimoniato il primato del negozio online della Apple fra tutti i rivenditori di musica degli Stati Uniti. Secondo l’osservatorio, la quota di Apple nel settore musicale è pari al 19%, contro il 15% di Wal-Mart, seguito a sua volta dal 13% di Best Buy. Il gigante Wal-Mart si è visto quindi scavalcare per la prima volta dal colosso californiano. Il dato, nei giorni seguenti la sua uscita, è stato messo in discussione delle quattro case discografiche più importanti,Universal, Sony BMG, Warner e Emi, che hanno testimoniato a favore del primato di Wal-Mart.

Qualunque sia il dato veritiero, è indubbio che il ruolo di iTunes stia assumendo un’importanza sempre crescente, sia sul web, sia nei confronti del resto del mercato e che i negozi di cd si debbano affidare a offerte particolari per tenere alta l’attenzione dei consumatori nei confronti di un formato sempre più difficile da distribuire. 

L’anti-iTunes forse esiste già

Mentre nell’universo della mela si festeggia a oltranza, compaiono come funghi i possibili competitor di iTunes. Il più accreditato a minare il primato del negozio online della Apple sembra essere MySpace Music. L’ultima pensata del magnate australiano Rupert Murdoch è quella di sfruttare l’enorme successo della sua community di social network MySpace con la credibilità in campo musicale delle tre big Universal, Sony BMG e Warner. Il sito distribuirà file liberi dalla protezione Drm e permetterà il download da parte degli internauti in forma completamente gratuita. Questo sarà possibile grazie agli introiti pubblicitari, dei quali si nutriranno tanto il sito, quanto le case discografiche, essendo coinvolte all’interno del progetto con una partecipazione azionaria. Una diffusione di questo tipo potrebbe rivoluzionare completamente il modo di gestire musica sul web e diventare la prima risposta concreta alla pirateria, che continua a essere una spina nel fianco non indifferente per il settore. 

Martina Pennisi su Quo Media

 
Di Altri Autori (del 16/04/2008 @ 06:20:02, in Internet, linkato 1888 volte)

Un’analisi svolta dall’istituto di ricerca In-stat prevede una crescita delle vendite legate alla musica online su scala mondiale pari al 40% entro la fine del 2012. Durante il 2007 il commercio del digitale ha rappresentato solo il 10% delle vendite globali, mentre nel 2006 la percentuale è stata del 6%. La previsione di crescita è certamente legata alla continua espansione della connettività a banda larga a livello mondiale che ha portato un arricchimento dei cataloghi musicali e un conseguente aumento di richieste.
 
Il progressivo sviluppo del mercato del digitale, il cui padrone incontrastato è il Giappone, costituisce anche un potenziale elemento di traino. La pirateria continua a essere il più acerrimo nemico dei ricavi alimentati dalla musica online.

“Altri ostacoli sono rappresentati dalla mancanza di interoperabilità tra servizi e strumenti, dovuta dalle differenti norme che regolano le tecnologie digitali e alla scarsità di domande ai servizi di sottoscrizione da parte dei consumatori” spiega Stephanie Ethier, analista di In-Stat. 


Via Quo Media

 
Di Roberto Venturini (del 28/03/2008 @ 11:45:22, in Internet, linkato 2023 volte)

Immagino che conosciate Flickr, il sito/servizio di sharing di foto di proprietà di Yahoo.

Sito che mi piace molto e che uso abbastanza. E che mi sembra personalmente molto meglio di Picasa, analogo servizio di proprietà di Google.

A dire il vero è l'unico servizio di Yahoo che uso - mentre sono un heavy user di quasi tutti i servizi di Google.

YouTube, invece, è proprietà di Google ed è infinitamente superiore a Yahoo! Video, anche perchè quest'ultimo non è nella testa della gente, non ha un brand forte.

A quanto pare, però, Yahoo - sia per continuare la sua strenua lotta per non esser spiaccicato da Google o magari per aumentare il valore della sua prossima acquisizione - sta per fare la cosa ovvia: fare leva sul gran numero di utenti di Flickr per far (ri)decollare anche quel tipo di mercato... portando su Flickr anche il posting di video.

Problema: se Flickr è principalmente un luogo "d'arte", il mondo dei video uploadati è spesso un mondo di vaccate o comunque di contenuti con un taglio e un target completamente diverso. Se si mettessero i contenuti di YouTube su Flickr, gli utenti (io compreso) scapperebbero, magari verso Picasa.

Che Flickr ci stia preparando un contenitore per gli amatori dell'immagine in movimento, sì, ma di qualità? A naso mi sembra una nicchia scoperta...

 
Di Altri Autori (del 17/03/2008 @ 07:51:53, in Internet, linkato 2086 volte)

Facebook ha ideato una nuova applicazione per valorizzare la propria immagine commerciale: pagherà gli utenti che metteranno in contatto i propri amici con i venditori online.
 
Market Lodge si basa sul principio per cui i consumatori sono più propensi ad acquistare prodotti consigliati da persone che conoscono e di cui si fidano.

L’utente percepirà il 10% sulle vendite avvenute grazie ai propri suggerimenti.
Sarà possibile aprire un proprio negozio virtuale e scegliere gli articoli da mettere in vendita.

Via Quo Media

 
Di Roberto Venturini (del 14/03/2008 @ 07:24:57, in Internet, linkato 2121 volte)

Questa è una mia vecchia fissa.
Che il web sia più vicino al DM che all'advertising, anche quando non usiamo nessun tipo di database...

Se definiamo (un po' semplicisticamente) il DM come un'attività che:

- si basa su una comunicazione one to one, invece che mass

- si basa quindi su una comunicazione personalizzata

- si basa sulla misurabilità, che di conseguenza mi permette

- di imparare e migliorare, attraverso

- una operazione di comunicazione che non è one shot ma

- si basa sulla costruzione di un dialogo con le persone

- e mi permette di far passare dei messaggi precisi, anche focalizzati su operazioni promozionali o commerciali, e ben dettagliati

- il cui focus è generare una reazione, far far qualcosa a chi riceve questa comunicazione

- usando al massimo processi di facilitazione della risposta...


beh, prendendo ad esempio un sito web:

- la comunicazione è one to one, sopratutto nella misura in cui decide l’utente i propri percorsi di navigazione / fruizione e che magari il sito si riconfigura automaticamente quando mi riconosce (vedi il caso classico di Amazon)

- la comunicazione è misurabile (in vari modi, poi ci sarebbe da discutere di come interpretare i dati...ect)

- monitorando l'andamento del sito ho la possibilità di migliorare costantemente e di adattare il sito stesso… cosa che ad es in advertising non posso fare perchè fare uno spot è talmente costoso e spesso si brucia così in fretta che non c'è generalmente modo di migliorarlo dopo il lancio

- il sito mi offre una infinità di modalità di costruzione di dialogo e di far passare una ampio range di messaggi...e di andare nel dettaglio a livello infinito

- ed è normalmente (se non siamo un po’ miopi e ci limitiamo ad un poco utile “sito vetrina”/ “io esisto”) alla ricerca di una reazione da parte del visitatore, che porti un vantaggio all'azienda (compra, registrati, dammi i tuoi dati, manda ad un amico... fai qualcosa)

- con una grande criticità sull'usabilità del sito e la sua realizzazione, per rendere il più facile possibile fruizione, navigazione, conversione da browser a buyer...


Che dite, c’è qualche somiglianza?

Secondo me vale la pena di tenere presente questi concetti quando si studia una operazione di marketing online. E magari di rileggersi qualcuno dei grandi classici del Direct Marketing “offline”…

 
Ci sono 2949 persone collegate

< ottobre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
 
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
     
             

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Advertising (108)
Aziende (142)
Blog (11)
Brand (37)
Comarketing (2)
Comunicazione (9)
dBlog (1)
Digitale (33)
eCommerce (39)
Grande Distribuzione (7)
Internet (541)
Marketing (288)
Marketing Ambientale (3)
Marketing non convenzionale (62)
Media (102)
Mercati (79)
Mobile (210)
Permission Marketing (1)
Prodotti (95)
Pubblicità (32)
Pubblicità (88)
Retail (11)
Segnalazioni (43)
Social Networks (345)
Startup (1)
Strategie (59)
Tecnologie (73)
Trade Marketing (1)
Viral Marketing (40)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019

Gli interventi più cliccati

Titolo
Automobili (2)
Bianco e nero (1)
Comarketing (1)
Home (4)
Internet (4)
Prodotti (5)
Pubblicità (5)

Le fotografie più cliccate


Titolo

< /p>


Subscribe to my feed


Google
Reader or Homepage

Add to netvibes



Creative Commons License




22/10/2019 @ 05:54:13
script eseguito in 346 ms