Immagine
  mymarketing.it: l'isola nell'oceano del marketing... di Admin
 
"
Errare è umano, ma per incasinare davvero tutto è necessario un computer.

Arthur Bloch
"
 
\\ : Storico : Social Networks (inverti l'ordine)
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di Altri Autori (del 13/04/2015 @ 07:07:00, in Social Networks, linkato 1447 volte)

Facebook rimane il più popolare social network tra gli adolescenti americani di età compresa tra 13 e 17, secondo un nuovo sondaggio di Pew.

Anche se siti come Instagram e Snapchat si rivolgono sempre più alla fascia d'eta dei ragazzi, Facebook è ancora una "forza dominante", Pew ha detto. Tra gli oltre 1.000 ragazzi intervistati, il 71 per cento ha dichiarato di utilizzare Facebook, mentre il 41 per cento ha detto che Facebook è il sito che usano più di frequente su tutte le altre reti sociali. Instagram e Snapchat sono, rispettivamente, il secondo e terzo dei siti più utilizzati di frequente.

Mantenere (e anche trovarne di nuovo) pubblico adolescente è fondamentale per Facebook per attirare dollari di pubblicità, sia nel presente e soprattutto nel futuro. Nel frattempo, il ruolo di Facebook nella vita del tipico adolescente americano (perchè il sondaggio è stato condotto tra ragazzi americani) è stato più volte messa in discussione negli ultimi anni.

Indagini pubblicate l'anno scorso, come quelle di Piper Jaffray e Frank N. Magid Associates, hanno concluso che la popolarità di Facebook tra gli adolescenti è diminuita negli ultimi anni. Tuttavia, un sondaggio di Forrester sempre dello scorso anno ha ottenuto risultati più in linea con la nuova indagine di Pew e ha notato che Facebook è ancora il sito di social media più utilizzato tra gli adolescenti.

Ad ottobre 2013, il Chief Financial Officer di Facebook David Ebersman ha detto che ogni giorno l'uso di Facebook tra gli adolescenti più giovani era diminuito tra il secondo trimestre ed il terzo trimestre di quell'anno. Tuttavia, il mese successivo il Chief Operating Office di Facebook Sheryl Sandberg ha respinto tali preoccupazioni, dicendo che "la stragrande maggioranza dei ragazzi americani sono su Facebook, e la maggior parte degli adolescenti americani usano Facebook quasi ogni giorno."

Secondo il nuovo sondaggio di Pew, la maggior parte degli adolescenti trascorrono il loro tempo su più di un social network. Nello specifico, il 22 per cento degli intervistati usano ancora solo un sito, il 66 per cento dpreferisce Facebook, il 13 per cento usa Google+, il 13 per cento Instagram e il 3 per cento Snapchat.

Pew ha precisato che i ragazzi avevano più probabilità rispetto alle ragazze di dire che visitano Facebook più spesso - il campione era composto per il 45 per cento da ragazzi contro il 36 per cento di ragazze.

I ragazzi tra i 15 a 17 anni hanno più probabilità dei giovani adolescenti di età tra 13 e 14 anni di usare maggiormente Facebook (il 44 per cento dei ragazzi più grandi contro il 35 per cento dei ragazzi più giovani). Gli adolescenti più giovani si sono rivelati essere più appassionati di Instagram dei ragazzi più grandi. Questa è ancora una buona notizia per Facebook, in quanto la società ha pagato 1 miliardo di dollari l'acquisizione di Instagram nel 2012.

Pew ha anche interrogato i ragazzi per il loro numero di amici di Facebook. Tra gli intervistati, il tipico adolescente ha 145 amici in rete. Nel dettaglio, il 30 per cento ha riferito di avere amici in numero tra 0 e 100, il 12 per cento tra 101 e 200 amici, il 9 per cento tra 201 e 300 amici, e il 15 per cento oltre 300 amici. Circa un terzo dei ragazzi intervistati ha dichiarato di non essere sicuro di quanti amici in Facebook avevano.

Il sondaggio di Pew è stato condotto online negli Stati Uniti in inglese e spagnolo tra circa 1.060 ragazzi di età compresa tra 13 e 17 anni, insieme a un genitore o tutore, dal 25 settembre al 9 ottobre 2014 e ad altre 44 coppie di adolescenti/genitori dal 10 febbraio al 16 marzo 2015.

Via PianetaCellulare.it

 
Di Altri Autori (del 09/04/2015 @ 07:32:24, in Social Networks, linkato 1598 volte)

Con il progetto Google Plus in netto declino e clinicamente morto, Google potrebbe lanciare una offerta di pubblico acquisto per Twitter per dotarsi di uno strumento social e rilanciare una ulteriore integrazione tra il proprio motore di ricerca e l'enorme flusso informativo di Twitter.

Si tratta per ora solo di voci di corridoio, sufficienti a far volare il titolo in borsa del 4%.

Secondo le indiscrezioni, circolate a Wall Street, Google si sarebbe rivolta alla società Goldman Sachs per valutare il caso e preparare l'offerto di acquisizione delle azioni che, come forse saprete già, sono quotate al Nasdaq.

In queste occasioni, l'acquirente ha l'obbligo di annunciare una offerta di pubblico acquisto ovvero una promessa di acquisire le azioni detenute da investitori e risparmiatori ad un prezzo prefissato. In caso di adesione di una certa quota azionaria, l'operazione si conclude effettivamente.  Per avere il controllo sicuro di una società quotata, è necessario disporre del 50% +1 delle azioni totali, anche se in realtà, in molti casi, un buon 30% è sufficiente per averne il controllo di fatto.

A leggere i commenti sui siti americani, sembrerebbe che la notizia possa trovare effettivamente delle basi solide.

Google dispone di ampia liquidità, calcolata intorno ai 60 miliardi di dollari e deve in qualche modo sopperire alla mancanza di un progetto Social in grado di funzionare a dovere.

Inoltre, come già accaduto in passato, l'integrazione con Twitter darebbe anche un certo valore aggiunto a Google che potrebbe includere i tweet nei risultati di ricerca, sfruttando la dote di istantaneità tipica di Twitter.

Altro punto da considerare, l'ipotesi che Google, messe le mani sul cuore del social network, possa acquisire dettagli da sfruttare poi nel proprio algoritmo di ricerca, aggiungendo una interessante componente social per stabilire l'importanza e l'ordinamento nei proprio risultati di ricerca.

Riguardo Twitter, il sistema si presa decisamente bene alla rivoluzione Mobile in corso, per la sua stessa natura.

Via PianetaCellulare

 
Di Altri Autori (del 07/04/2015 @ 07:36:00, in Social Networks, linkato 1348 volte)

Instagram vanterà più di 100 milioni di utenti degli Stati Uniti entro il 2018, dicono le stime di eMarketer, e nel corso del 2015 il pubblico del social network aumenterà quasi del 21%, raggiungendo i 77,6 milioni utenti. Dati che danno conto del continuo apprezzamento del social, di proprietà di Facebook dal 2012.

Ma quali sono le categorie di brand che usano di più Instagram in Usa? Se lo è chiesto Yesmail che ha rilevato come, a fronte di una crescente adozione, innanzitutto ci sia un ampio margine di miglioramento lato brand: Instagramsolo il 23% dei marchi degli Stati Uniti ha avuto un account su Instagram, la cifra più bassa rispetto a ogni altro social network studiato tra cui Twitter (82%), Facebook (80%), YouTube (60%) e Google+ (37%). I ristoranti sono quelli più attivi con il 31,1% dei clienti YesMail che hanno dichiarato di avere un account su Instagram. Seguono ristoranti e hotel e alberhi, categorie legate al mondo più ampio delle vacanze e del relax. E sono gli stessi brand ad apprezzare lo “sbarco” sul social visuale per eccellenza: sempre secondo Yesmail, marche presenti sul social network hanno visto il numero di seguaci crescere anche del 278% in media nel 2015, più di qualsiasi altra piattaforma studiate.

Ma occhio alla frequenza dei post: i marchi non dovrebbero intasare i follwer con troppi messaggi secondo il principio sempre valido che la qualità conti più della quantità. Secondo dati L2 Think Tank brands monitorati in tutto il mondo hanno condiviso una media di 121 posti durante il Q4 del 2014 e hanno visto un tasso di engagement del 1,03%, in assoluto il più basso registrato lo scorso anno. Al contrario nel Q1 del 2014, con 110 post, il medesimo tasso arrivava a all’1,15%.

Via Tech Economy

 
Di Altri Autori (del 24/03/2015 @ 07:12:14, in Social Networks, linkato 1897 volte)

Un modo semplice per inviare denaro agli amici? Facebook ha annunciato in via ufficiale l'introduzione nella sua app mobile Messenger la funzione che permetterà di fare proprio questo: inviare denaro agli tuoi amici. Facebook spera che gli utenti inizino a scambiarsi denaro con la sua app invece di affidarsi ai servizi concorrenti come Paypal.

Il servizio di social-networking ha annunciato la novità Martedì, spiegando che gli amici in Facebook potranno presto inviare denaro ad un altro amico, dopo aver associato al proprio account le informazioni dei loro conti di carte di credito dei circuiti MasterCard o Visa. E' possibile attivare la funzione toccando il simbolo del dollaro presente nella conversazione con un amico nell'app Facebook Messenger.

Circa 500 milioni di persone attualmente utilizzano Messenger, quindi potenzialmente Facebook ha una grande base di utenti che possono utilizzare la nuova funzione - che inizialmente viene resa disponibile solo negli USA.

Facebook spera di battere una lista crescente di concorrenti. Square, per esempio, ha collaborato con Snapchat a novembre per dare agli utenti del servizio di messaggistica un modo semplice per scambiarsi denaro a vicenda. Venmo di PayPal e Square Cash sono altri servizi che rendono più semplice per gli utenti lo scambio di moneta.

La funzione di pagamento potrebbe contribuire a rendere l'app di messaggistica mobile di Facebook universale. Alla fine dello scorso anno, il social network ha registrato quasi 1,2 miliardi di utenti al mese che hanno acceduto da un dispositivo mobile, ma meno della metà in realtà utilizza il servizio Messenger dell'azienda. Facebook lo scorso anno ha acquisito Whatsapp per più di 19 miliardi di dollari, che conta 700 milioni di utenti in tutto il mondo - ma non offre servizi di pagamento.

Nel frattempo, i concorrenti, come Snapchat, sono cresciuti da piccole start-up a mostri del settore, in parte integrando nelle loro app nuove funzionalità di tendenza tra gli utenti più giovani. Snapchat è particolarmente popolare tra i giovani tra i 14 anni e i 34 anni, secondo il ricercatore di mercato eMarketer. Questo gruppo di età corrisponde anche a quello che maggiormente utilizza i servizi di messaggistica istantanea, la cui maggiore parte dei membri non ha un conto in banca, secondo le indagini da parte della Federal Deposit Insurance Corporation. Questi nuovi servizi di pagamento potrebbero contribuire a cambiare la situazione, e far utilizzare le app anche a coloro che rientrano in altre fasce di età maggiori.

I pagamenti mobili stanno diventando una delle più grandi tendenze nella Silicon Valley. Apple ha introdotto il suo servizio di mobile-payment Apple Pay lo scorso anno, permettendo ai possessori dell'ultima generazione di iPhone e (presto) i proprietari di Apple Watch di sfruttare i loro dispositivi per pagare presso i negozi dotati dei POS abilitati. I concorrenti Samsung, Google e PayPal offrono servizi simili - o presto come nel caso di Samsung (con Samsung Pay introdotto con Galaxy S6).

La funzione per inviare denaro agli tuoi amici sarà disponibile per gli utenti iOS e Android nei prossimi mesi, solo negli USA, ha detto la società.

E' da Ottobre che Facebook prepara il sistema di pagamenti in Messenger
Uno studente e sviluppatore della Stanford University, Andrew Aude, ha anticipato lo scorso Ottobre 2014 quella che Facebook ha confermato solo a marzo 2015 come nuova caratteristica per Facebook Messenger. La caratteristica in questione è il sistema di pagamento online che Facebook si appresta di integrare direttamente nella sua app Messenger, che non sarà più quindi usata solo per parlare con gli amici ma anche per scambiare denaro. Andrew Aude al tempo ha fornito una prova di quello che ha scoperto, ossia uno screenshots che ha mostrato chiaramente che, all'interno di una conversazione, è possibile attivare un menu da cui poter scegliere la fonte (carta di debito) da cui prelevare il denaro e inviarlo al contatto. Funzionerebbe un po' allo stesso modo di come si invia una foto, per intenderci.

Via PianetaCellulare

 
Di Altri Autori (del 10/03/2015 @ 07:25:54, in Social Networks, linkato 941 volte)

Twitter, dopo aver messo a disposizione degli utenti la possibilità di girare video e condividerli attraverso la sua piattaforma, punta sullo streaming live. Alcune fonti vicine al social network, come riporta re/code, hanno dichiarato che la società di Costolo ha raggiunto un accordo per l’acquisizione di Periscope, una startup ancora in fase di sviluppo che permette agli utenti di “esplorare il mondo in tempo reale attraverso gli occhi di qualcun altro”.

Le voci della possibile transazione erano state già riportate da TechCrunch che ha ipotizzato un’acquisizione per cifre che si aggirano intorno ai 100 milioni di dollari. Anche Business Insider ipotizza numeri simili: il prezzo potrebbe quindi essere molto alto ma per ora non si hanno dati precisi da parte di Twitter e Periscope.

Secondo gli analisti per Twitter l’integrazione dei video in streaming sembra abbastanza ovvia, in particolare dopo che il lancio di un strumento di condivisione e di editing per i video. La capacità di trasmettere eventi in tempo reale (ad esempio le proteste, le interviste, gli eventi meteorologici, etc) è una scelta perfettamente in linea con le esperienze della piattaforma, che rappresenta il servizio più utilizzato per la diffusione di notizie e informazioni in real time.

L’accordo con Periscope arriva in un momento in cui Meerkat, un simile servizio di video in streaming live, ha guadagnato l’attenzione di molti media  e di alcune celebrity Usa. Meerkat ha già dimostrato che molti utenti di Twitter hanno interesse a produrre e consumare video in live streaming: ora, grazie a questo accordo, tale funzionalità potrebbe essere sfruttata in modo nativo sul social network, rendendo quest’ultimo ancora più attraente per la diffusione di informazioni e notizie in real time.

Via Tech Economy

 

Twitter ha annunciato di aver acquisito Niche, una startup con sede a News York, che aiuta a collegare personaggi noti presenti sui social media con i grandi marchi favorendo lo stabilirsi di attività commerciali e di marketing tra le parti. Twitter, in altre parole, oltre che a preoccuparsi di ampliare la sua base utenti e rassicurare gli investitori sulle prospettive di crescita del colosso, punta anche a valorizzare utenti e potenziali legami sulla piattaforma in chiave di business.

L’acquisto di Niche, di cui non si conoscono i dettagli economici, rientrerebbe in questa direzione. E’ un dato di fatto che sui social, oggi, vi sono sempre più celebrità e anche “persone normali” che hanno acquisito ampio seguito online. E i grandi brand sono sempre più interessati ad entrare in contatto con loro e, ovviamente, con i milioni di persone che li seguono. Niche, che si definisce come una agenzia di talenti per i social media, fa in modo di rintracciare online le celebrità per metterle in contatto con aziende interessate. In passato ha lavorato per aziende Usa come Gap, American Eagle, the NFL, Proctor & Gamble, and Warner Bros ma ha tra i suoi clienti anche pubblicitari.

Anche Twitter ha già lavorato con Niche su Vine, l’app che permette di realizzare brevi video da condividere sui principali social network, ed è probabile, dicono gli analisti, che l’acquisizione è orientata proprio a sviluppare le possibilità economiche di Vine.

Via Tech Economy

 
Di Altri Autori (del 19/01/2015 @ 07:45:38, in Social Networks, linkato 1959 volte)

Sempre più mobile, sempre più video. Il futuro dell’advertising è tracciato, come quei romanzi che, inizi a leggerli, e sai già come finiranno. E chiedete pure a quelli di Facebook, che qualche mese fa hanno sborsato mezzo miliardo di dollari per assicurarsi LiveRail, piattaforma di video advertising che genera qualcosa come 7 milioni di video pubblicitari al mese. Oppure a Twitter, che nei mesi scorsi ha fatto incetta di startup del macrocosmo video, portandosi a casa MoPub, Namo Media e TapCommerce, e ora è pronta a lanciare la sua piattaforma, con una versione beta che è già disponibile per i profili verificati.

Proprio su Twitter è doveroso spendere qualche riga in più. E non solo perché la sfida dei video può ragionevolmente segnare il futuro del social network di Jack Dorsey.

A San Francisco sono abituati a fare le cose in grande, e dalle prime (e poche) indiscrezioni che trapelano dagli uffici di Market Street, si apprende che il video player di Twitter consentirà agli utenti di caricare video di una durata massima di 10 minuti, mentre i formati supportati saranno mp4 e mov, e non ci saranno limiti per la dimensione del file. Inoltre, l’immagine di anteprima, che spesso decreta il successo di un video, sarà selezionabile dall’utente. Il lancio? Ancora qualche settimana. Poi chiunque ha un account Twitter potrà postare video, senza ricorrere a piattaforme terze come Vine e YouTube.

La mossa di Twitter, e prima ancora quella di Facebook, sono probabilmente i segnali più chiari di come l’evoluzione dell’advertising online stia virando in modo deciso verso i video. Pre-roll, mid-roll e post-roll sono vocaboli ai quali faremo abitudine prestissimo, anche perché le previsioni lasciano poco spazio ai dubbi. Secondo un’infografica presentata da Iab Italia, il mercato del video advertising è in costante crescita negli ultimi due anni. E dovrebbe toccare quota 11,4 miliardi di dollari nel 2016. Un piatto ricco sul quale i colossi del web hanno posato gli occhi in largo anticipo. È notizia di qualche giorno fa, ad esempio, il nuovo finanziamento ottenuto da Teads, una delle piattaforme internazionali più popolari nel campo del video advertising. 24 milioni di euro per un’operazione finanziaria che la dice lunga sulla fiducia degli investitori nel settore e che vede coinvolte banche del calibro di Bank of China, Hsbc, Bnpp e Bpi.

Ora però, è già scattata la guerra ai click. E in questo senso la mossa più astuta, senza ombra di dubbio, pare essere stata quella di Mark Zuckerberg. Già da qualche mese Facebook ci ha “abituati” ai suoi video in auto-play, cioè quelli che partono da soli scorrendo la time line (per fortuna in modalità silenziosa). E “abituati”, attenzione, sembra il termine più adatto per descrivere la capacità pervasiva del social di Palo Alto. Ora, non appena i filmati pubblicitari sbarcheranno su Facebook, il business esploderà con forza devastante. Se la logica rimarrà quella attuale, basterà scrollare la time line per far partire un pre-roll correlato a un video. Ergo: basterà uno scroll per innescare il business. Anche per questo Twitter s’è mossa sui video. Rimanere indietro, oggi, potrebbe compromettere il futuro. I cinguettii potrebbero non bastare più, fra qualche mese.

La vera battaglia, dunque, sarà sulle visualizzazioni dei video. Una battaglia che, in realtà, è cominciata già da qualche mese e vede due protagonisti indiscussi: Facebook e YouTube, con il primo che da quando ha introdotto il proprio player sta insidiando i vari primati che lo storico “tubo” ancora detiene. Le statistiche si sprecano, e sembra l’ennesima guerra senza esclusioni di colpi fra Google e il social network da oltre un miliardo di utenti. Perché i numeri, in questo caso, non rimangono solo numeri. Ma si tramutano in danaro.

Via IlSole24Ore.com

 

Facebook conferma quanto scritto dal Financial Times lo scorso novembre: a breve offrirà un nuovo servizio dedicato alla vita professionale. L’azienda dice che sta iniziando a testare «Facebook at Work» insieme a «selezionati partner pilota». L’app sarà visibile sugli app store di iOS e Android e disponibile solamente per i partner dei test.

Facebook at Work, continua la nota, «è un’esperienza completamente separata da quella della piattaforma e offre agli impiegati la possibilità di connettersi e collaborare in modo efficace attraverso l'utilizzo degli strumenti Facebook – molti dei quali già noti e largamente utilizzati come il News Feed, i Gruppi, messaggi ed eventi. Sarà quindi possibile restare in contatto con i propri colleghi nello stesso modo in cui lo si fa con i propri amici e familiari attraverso Facebook. Facebook at Work offre infatti un'esperienza – anche visiva - simile a quella di Facebook, condividendone infatti gli strumenti».

L’ambizione di Facebook è dunque entrare anche nelle imprese, nella vita lavorativa dei suoi utenti. Il social network è infatti spesso bandito all’interno delle aziende, mentre in questi anni si sono fatti strada diversi tool collaborativi aziendali che cercano di imitare semplicità e condivisione cui siamo abituati in ambito privato. Secondo alcune indiscrezioni sui giornali americani, la versione per aziende sarebbe a pagamento e dunque non sostenuta dalla sola pubblicità.

Microsoft ha acquisito Yammer nel 2012, Google ha i suoi prodotti, Ibm un servizio chiamato “Connections” e una partnership con Apple per sviluppare app dedicate alle aziende. Insomma, è un mondo che si sta popolando e una opportunità di business. Ovviamente Facebook deve stare attento ai dati personali, pena l’esclusione dalle aziende, e infatti il comunicato ci tiene a sottolineare che le informazioni su Facebook at Work «sono al sicuro, protette, confidenziali e completamente separate da quelle del proprio Profilo Facebook personale. Le informazioni condivise tra gli impiegati sono infatti accessibili solamente alle persone della compagnia».

Via IlSole24Ore.com

 
Di Altri Autori (del 14/01/2015 @ 07:23:18, in Social Networks, linkato 1666 volte)

Un “mi piace” su Facebook può dire molto della nostra personalità, più di quanto potrebbero fare i nostri migliori amici: per ogni “like” sul social network vengono lasciate tracce digitali che aiutano i computer a ricostruire il nostro carattere. La notizia arriva da uno studio pubblicato su Pnas, organo ufficiale dell’United States National Academy of Sciences, che ha messo a confronto la capacità delle persone e dei computer di esprimere giudizi sulla personalità.
Lo studio, condotto dai ricercatori della Standford University e dell’Università di Cambridge, ha coinvolto 86.220 volontari che hanno compilato su Facebook un quiz sulla personalità con l’app myPersonality, rendendo accessibili i propri “like” al team scientifico. Mentre amici e familiari dei volontari descrivevano il carattere dei partecipanti un computer speciale, basandosi semplicemente sui “mi piace” degli utenti, ha svelato la personalità dei soggetti in modo più preciso.
Ad esempio, analizzando 10 “mi piace” il computer ha descritto il carattere di un soggetto meglio di un collega di lavoro, con 70 ha fatto meglio di un amico, con 150 ha superato anche l’analisi dei familiari, con 300 quella del coniuge.

Via Business People

 
Di Altri Autori (del 09/01/2015 @ 07:47:45, in Social Networks, linkato 1273 volte)

Il numero dei post video per persona su Facebook è aumentato del 75% a livello globale e del 94% negli Stati Uniti; ogni giorno le persone in media caricano più di 350 milioni di foto su Facebook, mentre cresce anche l’uso degli sticker condivisi ogni giorno sul social di Zuckerberg: in crescita del 75% dal 2013 al 2014. Infine Instagram: più di 300 milioni di persone in tutto il mondo postano più di 70 milioni di foto e video ogni giorno. Sono questi alcuni dei numeri appena comunicati dal social network secondo il quale il trend fotografato non fa altro che confermare una tendenza ormai diffusa, ovvero il forte aumento da parte delle persone dell’uso del linguaggio visivo per comunicare. Un’abitudine sostenuta dalla tecnologia mobile che “mette a disposizione delle persone una fotocamera sempre pronta per catturare e condividere immagini e esprimere se stessi utilizzando la vista, i suoni e il movimento.”

Quale effetto su Facebook? “Dal momento che le persone creano, postano e interagiscono sempre con più video su Facebook, la composizione del News Feed sta cambiando” spiegano, tanto che, globalmente, la quantità di video dalle persone e dai brand nel News Feed è aumentata di 3.6 volte anno dopo anno. Da giugno 2014, Facebook ha raggiunto la media di 1 miliardo di visualizzazioni video ogni giorno e in media, più del 50% delle persone che accede a Facebook ogni giorno negli Stati Uniti guarda almeno un video al giorno.

“Una significativa porzione di queste visualizzazioni video avvengono da mobile: il 65% a livello globale. Questo passaggio ai video mobile continua grazie a una connessione più veloce, un accesso meno oneroso e schermi più grandi e a più alta definizione. Dal momento che gli adulti negli Stati Uniti usano 1 dei loro 5 minuti spesi su mobile su Facebook e Instagram, queste piattaforme saranno chiave in questa crescita.”  E Facebook diventa anche il luogo dove più frequentemente gli utenti si imbattono, o scoprono, i video: “il 76% delle persone che utilizza Facebook negli Stati Uniti dice che tende a scoprire i video proprio su Facebook”.

Mobilità in crescita e video in aumento non fanno altro che offrire ai brand, spiega Facebook, “maggiori opportunità di raggiungere le persone in maniera visivavamente interessante, trascendendo le barriere linguistiche attraverso uno schermo che è con le persone ovunque e sempre. I brand hanno infatti bisogno di portare le storia in vita nel giro di pochi secondi.”

Purchè gli stessi brand comprendano l’importanza di strutturare i video con attenzione: il valore è creato molto rapidamente, iniziando dalla prima immagine e i primi pochi secondi (~3) del video. Per far sì che i pollici si fermino e le persone guardino, va assicurata una forte creatività dal primo frame in poi. “Il valore incrementale va al di là dei primi pochi secondi. Ciò che alla fine conta è il contenuto e la storia. Mentre le persone tendono a guardare video corti, guarderanno video più lunghi fintantochè questi video gli raccontino buone storie.”
Inoltre, suggerisce Facebook, “visto che le persone guardano sempre più video dai loro dispositivi mobili durante il giorno, vanno creati video che funzionino bene sia con audio sia senza cosicchè le persone possano essere coinvolte anche se il video viene visto in silenzioso.” E infine campagne multischermo e per velocità di connessione differenti: “Le imprese dovrebbero ottimizzare la oro creatività per diversi schermi, dispositivi e velocità di connessione per raggiungere le persone nella maniera più convincente ed efficace.”

Dati, trend e consigli pratici che non fanno che confermare l’estrema attenzione del social di Zuckerberg verso il mobile e verso i video, trend realmente in crescita come testimoniano le analisi di molti osservatori.

Via Tech Economy

 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35
Ci sono 2908 persone collegate

< ottobre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
 
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
     
             

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Advertising (108)
Aziende (142)
Blog (11)
Brand (37)
Comarketing (2)
Comunicazione (9)
dBlog (1)
Digitale (33)
eCommerce (39)
Grande Distribuzione (7)
Internet (541)
Marketing (288)
Marketing Ambientale (3)
Marketing non convenzionale (62)
Media (102)
Mercati (79)
Mobile (210)
Permission Marketing (1)
Prodotti (95)
Pubblicità (32)
Pubblicità (88)
Retail (11)
Segnalazioni (43)
Social Networks (345)
Startup (1)
Strategie (59)
Tecnologie (73)
Trade Marketing (1)
Viral Marketing (40)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019

Gli interventi più cliccati

Titolo
Automobili (2)
Bianco e nero (1)
Comarketing (1)
Home (4)
Internet (4)
Prodotti (5)
Pubblicità (5)

Le fotografie più cliccate


Titolo

< /p>


Subscribe to my feed


Google
Reader or Homepage

Add to netvibes



Creative Commons License




22/10/2019 @ 05:42:34
script eseguito in 320 ms