Immagine
  mymarketing.it: l'isola nell'oceano del marketing... di Admin
 
"
Errare è umano, ma per incasinare davvero tutto è necessario un computer.

Arthur Bloch
"
 
\\ : Storico : Social Networks (inverti l'ordine)
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di Altri Autori (del 04/07/2011 @ 07:11:07, in Social Networks, linkato 1172 volte)

La spesa pubblicitaria su Facebook è incrementata di più del doppio in un anno. Dal Rapporto sulla pubblicità online condotto in America da IgnitionOne si evince che tra il secondo trimestre 2010 e il corrispondente di quest’anno la spesa per far pubblicità sul social network è aumentata del 281%. Anche il costo delle impressions ha registrato un aumento del 200%.

Osservando più da vicino i dato dell’indagine, si nota che i clienti tendo a spendere maggiormente nei primi due mesi della loro campagna marketing. In media, la spesa aumenta sensibilmente nel secondo mese, prima di scendere leggermente nel terzo mese e poi crescere nuovamente in modo significativo durante il quarto e quinto mese. Nella restante metà dell’anno, gli investimenti pubblicitari continuano a crescere e decrescere in modo fluttuante.

Per IgnitionOne questi modelli di spesa mostrano l’immaturità commerciale nell’utilizzare questa nuovo strumento di marketing; l’investitore fatica a capire come gestire al meglio il budget da dedicare al social netwotk.

Via Quo Media

 

C'è chi l'ha definito, e come dargli torto, uno dei peggiori investimenti del magnate dei media australiano. MySpace, la notizia è ufficiale ed ufficiose sono solamente le cifre dell'operazione, è stata venduta dalla News Corp. a Specific Media (azienda che opera nel mondo dei media digitali e della pubblicità online) e stando alle indiscrezioni di AllThingsD il prezzo pagato da quest'ultima è di 35 milioni di dollari. Per il social network un tempo più popolare di Facebook, Rupert Murdoch sborsò nel 2005 la bellezza di 580 milioni di dollari con l'intento di aumentare esponenzialmente l'audience della sua Fox Tv.

L'agonia di MySpace è quindi finita e l'epilogo non è stato certo quello prospettato da Murdoch quando, a febbraio di quest'anno, comunicò pubblicamente di mettere in vendita la compagnia ipotizzando di incassare non meno di 100 milioni di dollari. La penuria di acquirenti ha però indotto News Corp. ad abbassare drasticamente le pretese ed ecco arrivata la necessità di chiudere la trattativa con Specific Media, di cui il colosso dei media acquisirà una quota di minoranza (fra il 5 e il 10%) del capitale.

Cosa succederà ora a MySpace? Lo statement del Ceo di Specific Media, Tim Vanderhook, parla chiaro: «Combineremo le due piattaforme perché ci sono molte sinergie e perché sono entrambe focalizzate ad innovare continuamente l'esperienza digitale degli utenti». Sta di fatto che il 50% dei 400 dipendenti del social network verrà licenziato ed ulteriori misure di riorganizzazione della struttura del personale sono tutt'altro che remote. La crisi in cui versava la compagnia, del resto, sono ben riassunte dai numeri. Quelli che, stando alle rilevazioni di ComScore aggiornate a fine maggio, attestano il calo drammatico degli utenti unici mensili, scesi a 34,8 milioni contro i 75,9 milioni dei momenti d'oro, e quelli che evidenziano la voragine alla voce ricavi: 470 i milioni di dollari incassati dalla pubblicità nel 2009 (dati eMarketer) e circa 190 milioni gli introiti previsti per quest'anno.


Nei giorni scorsi, quando le voci dell'imminenta vendita si erano fatte insistenti, su Bloomberg era apparsa un'approfondita analisi della storia di MySpace che metteva in luce soprattutto gli errori di gestione che hanno costellato l'evoluzione del sito in questi anni. Errori riscontrabili sia sotto il profilo dei contenuti che da quello squisitamente tecnologico, e in tal senso si criticava la scelta di aver utilizzato un linguaggio di programmazione (ColdFusion) non adeguato. La ragione principale del crack di MySpace è comunque forse un'altra e cioè la perdita progressiva di reputazione presso l'utenza al cospetto dell'ascesa inarrestabile di Facebook e Twitter, più reattivi nel mettere a disposizione di milioni di internauti servizi e strumenti di tipo social. Murdoch deve quindi recitare il classico "mea culpa" senza pensare al fatto che Microsoft investì nel 2007 poco più di 240 milioni di dollari per l'1,6% del capitale di Facebook, che oggi è accreditata di un valore di mercato di oltre 70 miliardi di dollari.

di Gianni Rusconi su  IlSole24ORE.com

 
Di Altri Autori (del 14/06/2011 @ 07:20:25, in Social Networks, linkato 1416 volte)

Facebook cresce a singhiozzo. La notizia, di per sé, non è preoccupante, ma può far riflettere coloro i quali scommettono su uno sviluppo continuo dei social network e, in particolare, della piattaforma ideata da Mark Zuckerberg.

In Canada, Norvegia, Russia, Gran Bretagna e Stati Uniti, l’utenza è in calo: secondo il sito Inside Facebook, negli Usa si sono persi 5,8 milioni di iscritti nel mese di maggio, mentre nello stato confinante il calo è stato di 1,5 milioni di account. Negli altri paesi citati l’emorragia è stata minore, con circa 100mila utenti smarriti per strada da ciascuna bandiera.

Nel complesso, il social network continua la sua espansione globale e avvicina la soglia dei 700 milioni di iscritti (687 milioni in maggio, con 11,8 milioni di nuovi profili), ma l’effetto mania va scemando, mentre i mercati più importanti, Cina esclusa, sono stati ormai conquistati. “Quando Facebook raggiunge circa il 50% della popolazione di un paese, il tasso di crescita generalmente cala - dice Eric Eldon, uno dei ricercatori di Inside Facebook -. Sin qui, Facebook è stato capace di rintuzzare le perdite e le situazioni di stallo con la crescita nei paesi in via di sviluppo, come Messico, Brasile e India”.

Una vera diffusione in Cina potrebbe far salire il numero degli utenti fino alla fatidica soglia del miliardo, ma le severe norme cui la rete è sottoposta all’ombra della Grande Muraglia non agevolano l’ascesa dei social network, a meno di non aderire alle limitazioni imposte dal governo locale, perdendo così credibilità agli occhi dei paesi e dei mercati occidentali. Facebook dovrà quindi differenziare le proprie attività e i propri servizi, cercando di attrarre nuovi investimenti pubblicitari per via dell’offerta e non solo del costante aumento dell’utenza. La recente apertura all’e-commerce va proprio in questa direzione. 

Via Quo Media

 
Di Altri Autori (del 06/06/2011 @ 07:33:31, in Social Networks, linkato 1116 volte)

Mai più senza Facebook. Pare proprio essere questo l’imperativo adatto a definire il rapporto tra gli italiani e il social network. Secondo i dati diffusi da Luca Colombo, country manager del sito per l’Italia, nel nostro paese ci sono 19 milioni di utenti attivi che mensilmente si collegato alla piattaforma.

Se si pensa che gli italiani dotati di una connessione internet sono circa 26 milioni, il 73% di tutti gli internauti e il 30% dell’interna popolazione dello Stivale naviga su Facebook, facendo dell’Italia uno dei partner più affidabili della società di Palo Alto.

Anche i dati più specifici destano stupore: circa 12 milioni di utenti accedono al loro account almeno una volta al giorno. Sono invece 5 milioni al mese gli ingressi da dispositivi mobili.

Via Quo Media

 

«Fisicamente c'è ancora distanza, ma c'è grande consapevolezza delle potenzialità del mezzo e grande apertura al suo utilizzo». In modo sintetico, lo stato di relazione fra i social media e le aziende è così che lo vede Luca Belloni, amministratore delegato di Millward Brown in Italia. L'occasione per parlare di quanto Facebook e simili (diari digitali e blog compresi) possono influenzare la percezione di un marchio dei consumatori che frequentano attivamente i nuovi strumenti di comunicazione digitali è arrivata in occasione della presentazione, avvenuta stasera a Milano, di un'indagine qualitativa che la società che misura periodicamente i marchi più popolari del pianeta ha realizzato in collaborazione con Firefly in 15 paesi (Italia compresa) nei cinque continenti.

Lo scopo dello studio, intitolato non a caso «The Language of Love in Social Media», era quello di individuare le dinamiche che descrivono come gli utenti del Web 2.0 vivono la presenza dei brand nei social media e come gli stessi brand si dimostrano più o meno sensibili nel recepire i dettami del nuovo universo di relazione per milioni e milioni di individui. Qual è dunque lo stato di salute del rapporto fra consumatori e aziende? Si può parlare realisticamente di fidanzamento consolidato o siamo ancora nella fase iniziale del corteggiamento? A queste domande, Belloni ha risposto al Sole24ore.com parlando innanzitutto di un «rapporto che si potrebbe definire ancora di attesa e di prudenza. E non solo in Italia ma anche nei Paesi tradizionalmente più ricettivi per le nuove tecnologie online, come Regno Unito e Stati Uniti».

Le aziende, in poche parole, stanno iniziando solo ora a considerare seriamente il fenomeno e l'attendismo di cui sopra non è associabile al rischio che i social media possano rivelarsi una meteora. L'esempio in tal senso citato da Belloni è esplicito: «Second Life è stato un grande fenomeno digitale ma è durato poco, è passato velocemente di moda. Lo zoccolo duro di questi strumenti, il fattore che li rende una realtà duratura è nel numero di consumatori che li utilizzano. Ed è un fattore che abbatte il rischio di una nuova bolla in stile net economy».

Rimarcata quindi la natura di media destinato a trovare sempre più proseliti e popolarità in futuro, il manager di Millward Brown ha messo in evidenza un altro aspetto non secondario della questione, che spiega in parte perché le interazioni tra brand e consumatori innescate e vissute all'interno dell'universo social vadano immaginate come una relazione analoga al processo che porta allo stabilirsi di un legame affettivo. "La complessità del mezzo – ha detto infatti Belloni – non va assolutamente sottovalutata: non ci sono regole chiare per l'utilizzo infallibile di questi media a supporto del business aziendale. Siamo ancora in una fase in via di definizione, in cui è prematuro parlare di vere e proprie linee guida". In altre parole gli strumenti ci sono, possono portare a risultati importanti (in termini di visibilità, brand awarness se non addirittura vendite) ma vanno anche impiegati in modo congruo rispetto agli obiettivi di marketing dell'azienda, e per questo servono competenze dedicate e strutture organizzate in modo adeguato.

E l'impatto dei social media sulla percezione del marchio fra i consumatori? Secondo Belloni è già elevato ("quanto da 1 a 10? Diciamo 8") anche se la televisione esercita ancora oggi, un'incidenza in valori assoluti ancora nettamente superiore, in quanto strumento di comunicazione di massa radicato, in Italia in modo particolare, e consolidato per i grandi spender pubblicitari. «Per alcune fasce di utenza, però, i social media sono il canale di comunicazione e di informazione digitale per eccellenza e di questo aspetto le aziende non possono non tenerne conto. È preferibile che un'azienda vada sui social media perché l'ha deciso in proprio e non perché ce l'hanno portata, in un'accezione negativa, i consumatori. Che possono diventare difficilmente controllabili. L'importante – ha sottolineato ancora il concetto Belloni – è sviluppare azioni che abbiano precise finalità e votate a generare nuove opportunità di business. È una questione di approccio, di metodo finalizzato a far interagire i consumatori e trasformarne la presenza nei social media in comportamenti d'acquisto. Qualche esempio? Aprire una pagina su Facebook e tramite questa veicolare una campagna legata a una particolare promozione, vedi un'applicazione gratuita per lo smartphone, che presuppone una minima profilazione dei consumatori».

Sebbene, per quanto riguarda l'Italia, si può parlare di un atteggiamento in linea generale propositivo al tema, l'approccio delle aziende verso i social media non è però scevro da incoerenze anche evidenti, che hanno fare per esempio con la libertà d'uso di Facebook e degli altri social network negli orari d'ufficio. Non è fantascienza il fatto che i responsabili It della tal grande azienda proibiscano l'uso di questi servizi agli addetti e la stessa azienda si sia attivata per sfruttare questo canale per stringere il rapporto di interazione con la propria clientela. «Vi sono ancora ostacoli culturali da superare – questa la conclusione di Belloni – che credo si possano risolvere in tempi e modi relativamente veloci. Cosa succederà da qui a un anno? Saranno moltiplicati i casi di successo e anche i flop e registreremo in generale un atteggiamento verso i social media più professionale e consapevole».

di Gianni Rusconi su IlSole24ORE.com

 
Di Altri Autori (del 24/05/2011 @ 07:08:33, in Social Networks, linkato 1700 volte)

Sembra proprio che Mark Zuckerberg, plenipotenziario di Facebook, voglia abolire il limite minimo di età (fissato al momento a 13 anni) necessario per creare un proprio account sul social network.

Creando però un ambiente digitale apposito, e a suo dire protetto, per gli utenti più giovani. Un Facebook parallelo per gli iscritti alle scuole primarie, da sviluppare forse in accordo con gli istituti. Forse, come pensano i critici di Zuckerberg, il settore dell’istruzione come nuovo bacino d’affari a cui guardare.

Via Quo Media

 

Sbarcano su Facebook gli sconti e le promozioni dei negozi in città: il social network lancia il progetto "Deals" in cinque città degli Stati Uniti (Atlanta, Austin, Dallas, San Diego e San Francisco). Gli utenti leggeranno gli avvisi per risparmiare con le offerte commerciali nella posta elettronica e nella pagina dove appaiono i messaggi pubblicati da chi fa parte del loro network ("Notizie" o "News feed" in inglese).

Inoltre potranno completare gli acquisti su internet anche con la moneta digitale di Facebook, i "credits", già utilizzata in Italia per comprare beni virtuali nei videogiochi come FarmVille e CityVille. Si tratta di una valuta elettronica gestita dal social network: per la prima volta è spendibile in una progetto di commercio elettronico collegato con il territorio. Sono seicento milioni gli utenti attivi del social network nel mondo: 250 milioni accedono alla rete sociale online da smartphone e altri dispositivi mobili. Che abilitano la visualizzazione degli sconti anche nelle vicinanze dei negozi attraverso il display del cellulare.

Ma Google ha anticipato Facebook di pochi giorni. La scorsa settimana ha varato la piattaforma Offers: gestisce l'accesso degli utenti a promozioni e coupon offerti dalle attività commerciali locali a New York e in altre due territori degli Stati Uniti, la baia di San Francisco e l'Oregon. Secondo Google il risparmio arriva fino al 50% del prezzo. Inoltre il sistema operativo Android degli smartphone è predisposto alle transazioni attraverso tecnologia nfc: per pagare basta avvicinare il cellulare a un dispositivo di lettura.

Eppure a contendersi gli sconti sul territorio sono per adesso soprattutto tre piattaforme negli Usa. Groupon ha le sue radici a Chicago: prevede lo sbarco in borsa tra agosto e dicembre puntando a una valutazione iniziale tra 15 e 20 miliardi di dollari, secondo il Wall Street Journal. Ha raccolto finanziamenti da alcuni tra i principali fondi di venture capital, come Andreessen Horowitz e il gruppo russo Dst: l'anno scorso ha ottenuto investimenti per 950 milioni di dollari. Groupon è stato tra i primi a trasferire su internet l'esperienza dei gruppi di acquisto associata con offerte promozionali quotidiane, segnalate attraverso una newsletter e proposte dalle attività commerciali in città, come ristoranti, bar, negozi. Ha dichiarato di avere 60 milioni di iscritti. Ma i colossi dell'ecommerce non si sono fatti trovare impreparati. Amazon ha acquistato LivingSocial per sperimentare le vendite con i coupon digitali e l'integrazione tra ecommerce e community. Invece eBay ha inglobato due start up: Milo e, di recente, Where per arrivare agli scaffali delle attività commerciali locali.

di Gianni Rusconi su IlSole24ORE.com

 
Di Altri Autori (del 26/04/2011 @ 09:07:12, in Social Networks, linkato 2208 volte)

Una ricerca di Socialseeker che ha stilato la prima classifica dei 35 massimi opinion leader italiani che usano efficacemente i social network, e in particolare Facebook, sapendosi trasformare così in persone con un’influenza sulla società. I sei milioni di italiani che hanno aperto un profilo sul sito ideato da Mark Zuckerberg hanno espresso le loro preferenze e la ricerca ha incrociato i dati rispetto a sette criteri di valutazione.

Il più influente su Facebook è Nichi Vendola, seguono il direttore de Il Post, Luca Sofri, il direttore di The Week, Mario Adinolfi, il responsabile di Nova-il Sole 24 ore Luca De Biase, lo scrittore Aldo Nove. Non poteva mancare Beppe Grillo, in compagnia di volti noti del web come Guzzanti (padre) e figlia (Sabrina), Jovanotti e Andrea Pezzi.

Via Quo Media

 
Di Altri Autori (del 14/04/2011 @ 07:06:46, in Social Networks, linkato 2069 volte)

Cresce la spesa per chi vuole pubblicizzare un proprio prodotto su Facebook. Nel primo trimestre del 2011, il prezzo per ciascun click sui banner ospitati da Mark Zuckerberg & Co. è aumentato del 40%. Cattive notizie per gli investitori pubblicitari, dunque, che però possono contare su una visibilità mai così ampia e sicura. Facebook ha raccolto 1,86 miliardi di dollari in pubblicità nel 2010, con oltre 50 miliardi di banner mostrati al mese.

Via Quo Media

 
Di Altri Autori (del 13/04/2011 @ 07:12:41, in Social Networks, linkato 1648 volte)

Crescono i profili degli over65 italiani sui social network. Nel nostro paese sono 1,5 milioni gli anziani che possiedono una pagina Facebook. L’utilizzo della rete è un fenomeno sempre più diffuso anche tra i meno giovani, che stanno scoprendo le potenzialità di internet, del social networking (praticato dall’8% degli appartenenti alla categoria) e dei servizi di comunicazione offerti dal web.

Skype, per esempio, è utilizzato da oltre un milione di anziani per comunicare con nipoti e parenti lontani. E pare che la piattaforma sviluppata da Mark Zuckerberg abbia anche effetti benefici sulla memoria. Secondo uno studio condotto dall’Associazione italiana psicogeriatria, l’utilizzo quotidiano di Facebook allena le sinapsi e stimola i nonni internauti.

Va Quo Media

 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35
Ci sono 4364 persone collegate

< settembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
           

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Advertising (108)
Aziende (142)
Blog (11)
Brand (37)
Comarketing (2)
Comunicazione (9)
dBlog (1)
Digitale (33)
eCommerce (39)
Grande Distribuzione (7)
Internet (540)
Marketing (286)
Marketing Ambientale (3)
Marketing non convenzionale (62)
Media (102)
Mercati (79)
Mobile (210)
Permission Marketing (1)
Prodotti (95)
Pubblicità (32)
Pubblicità (88)
Retail (11)
Segnalazioni (42)
Social Networks (344)
Startup (1)
Strategie (59)
Tecnologie (73)
Trade Marketing (1)
Viral Marketing (40)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019

Gli interventi più cliccati

Titolo
Automobili (2)
Bianco e nero (1)
Comarketing (1)
Home (4)
Internet (4)
Prodotti (5)
Pubblicità (5)

Le fotografie più cliccate


Titolo

< /p>


Subscribe to my feed


Google
Reader or Homepage

Add to netvibes



Creative Commons License




16/09/2019 @ 02:36:42
script eseguito in 303 ms