\\ : Articolo : Stampa
Permission Marketing
Di Max Da Via' (del 03/09/2005 @ 13:25:02, in Permission Marketing, linkato 3372 volte)
Il permission marketing è definito dal suo ideatore, Seth Godin, una strategia di marketing che ha l'obiettivo di ottenere dal consumatore il permesso di comunicare con lui. Avere il suo permesso garantisce che il consumatore presti maggiore attenzione al nostro messaggio.

Ma a cosa è dovuto il suo notevole successo?

I principi del permission marketing sono molto semplici e partono da un'incontestabile verità: la risorsa scarsa per eccellenza (il tempo). In una società sempre più frenetica, dove siamo continuamente sottoposti a stimoli e bombardamenti di informazioni, la gestione del tempo assume una valenza sempre più strategica.
Le iniziative pubblicitarie, così come le promozioni e gli sconti e tentano di attirare l'attenzione dei potenziali consumatori, tuttavia la frequenza dei messaggi è tale che per autodifesa molti consumatori non prestano più attenzione a queste iniziative.

Secondo Godin "il permesso del consumatore va ottenuto in modo graduale e nella maniera meno intrusiva possibile". Ad esempio, una tecnica efficace è quella di spedire un campione di prodotto in omaggio ad un certo numero di persone, facenti parte di un target selezionato. In questo modo, si stabilisce un primo contatto con la clientela potenziale senza utilizzare forme di pubblicità troppo intrusive.

In seguito, gli operatori di marketing pianificano un'azione di telemarketing per ottenere un feed-back riguardo al grado di apprezzamento del campione gratuito. Attraverso questo processo graduale, l'azienda viene percepita non più come "estranea", che vuole invadere la privacy dei consumatori, ma come "amica", che se ne vuole guadagnare il consenso.
Ecco, quindi, che la clientela potenziale diventa molto più disposta a prestare attenzione ai messaggi promozionali e ad effettuare il primo acquisto. da premettere che attuare una politica di permission marketing richiede un'investimento iniziale molto maggiore dell'interruption marketing. Tuttavia, ciò permette di fidelizzare il consumatore, di conquistarne la fiducia ad una ben precisa marca.

Con il marketing tradizionale, invece, si ottengono solo risultati a breve termine (se il mercato non è già completamente saturo): il cosidetto "mordi e fuggi", per cui l'acquirente può comprare occasionalmente un prodotto, ma non viene fidelizzato.