Immagine
  mymarketing.it: l'isola nell'oceano del marketing... di Admin
 
"
Errare è umano, ma per incasinare davvero tutto è necessario un computer.

Arthur Bloch
"
 
\\
Benvenuti nel blog di mymarketing.it. Il sito è a disposizione di tutti coloro che vogliono confrontarsi su tematiche di marketing. Buona lettura!

WebLog
 
Di Max Da Via' (del 23/05/2017 @ 07:29:53, in Strategie, linkato 82 volte)

Hollister gioca la carta ‘seriale’ per fare nuovamente breccia nel cuore dei giovanissimi americani, la cosiddetta “Generazione Z”. Il marchio young del gruppo Abercrombie & Fitch, che la scorsa settimana ha confermato l’ipotesi di una vendita, ha siglato una partnership con AwesomenessTv, network che fa capo a Dreamworks che, oltre a produrre contenuti originali, aggrega decine di canali youtuber statunitensi per un totale di 17 miliardi di visualizzazioni e 150 milioni di iscritti, per creare una serie Tv di 24 episodi ispirata al lifestyle Hollister. ‘This is summer’, questo il nome della docuserie, sarà in onda a partire da domani sul canale Youtube di AwesomenessTv, con puntate di 8-10 minuti ottimizzate per la visione su mobile che racconteranno le avventure estive di 7 liceali di San Francisco.

Un’operazione, finora mai tentata da altri brand, attraverso la quale Hollister, in  fase di pericoloso stallo (il 2016 per il marchio si è chiuso con un fatturato in calo del 2% a 1,84 miliardi di dollari, pari a 1,65 miliardi di euro), punta a diventare nuovamente rilevante tra i consumatori più giovani e a conquistare in particolare la ‘Generazione Z’, quella cioè dei nati tra il 1995 e il 2000, e che sono cresciuti tra smartphone e tablet.

L’intento sembra essere quello di parlare con questo target attraverso il suo linguaggio, quello cioè della rete e dei social media. Oltre a Youtube, infatti, la serie Tv presidierà anche Spotify, dove sarà possibile ascoltare le canzoni e i video musicali che faranno da colonna sonora alle vicende dei protagonisti e che saranno poi mandati on air anche negli store Hollister. Inoltre, sarà possibile scoprire e acquistare i look dei protagonisti dalla pagina Instagram del marchio.

“Vogliamo creare una ricca brand experience per i nostri consumatori teen”, ha dichiarato Kristin Scott, brand president di Hollister. “Awesomeness  ha una diffusione importante nella Generazione Z e offrirà a Hollister l’opportunità di creare engagement in un modo nuovo e autentico, a partire dal prodotto e passando per musica ed esperienze uniche”.

Via PambiancoNews
 
Di Max Da Via' (del 22/05/2017 @ 07:38:47, in Grande Distribuzione, linkato 146 volte)

Un primo quadrimestre positivo per il largo consumo, che a volume conferma i buoni risultati degli ultimi due anni e a valore torna a crescere del 2,2%, il tasso migliore degli ultimi cinque anni. Questi i risultati presentati alla conferenza stampa d'apertura di Linkontro, l'evento di Nielsen che per il 33esimo anno fa il punto su scenario presente con sguardo al futuro.

A fare da traino nella gdo è l'alimentare (food + beverage + pet), con vendite che sullo stesso periodo dell’anno precedente mettono a segno un incremento del +3,4%, mentre gli altri prodotti non-food subiscono un calo del -2,5%. L’incremento complessivo, a totale negozio, è pari a +2,1%.

A livello di categoria si segnalano: frutta e verdura +9,6% (frutta fresca +7,1%, frutta secca +11,9%, verdura +11,4%), freddo +5,8% (gelati +2%, surgelati +6,4%), pane/pasticceria/pasta +5,7%, pet food +3,8%, bevande +2,5%, cibo confezionato +2,4%, macelleria e polleria +2,3%, salumeria/gastronomia/formaggi +2,2%, fresco confezionato +1,5%, pescheria +0,7%. Performance negative, invece, per la cura della persona (-1,3%), la cura della casa (-1,7%) e il bazar e tessile (-2,5%).

Abitudini di consumo

  • I segmenti benessere e naturale (compresa l’ortofrutta) continuano a fare la parte del leone rappresentando il 41% della crescita. Le altre componenti che contribuiscono sono: affettati in busta 10%, piatti pronti freschi 9%, prodotti gourmet 5% e pet care 4%. Tra le categorie dei prodotti naturali/salutistici si segnalano in particolare: biscotti integrali +14%, frutta secca +12%, yogurt greco +12%, frutta disidratata +10%, integratori vitaminici +9%, cioccolato (tavolette) +9% e salmone affumicato +7%.
  • Non si rinuncia tuttavia ai prodotti che offrono esperienze di gusto superiori o un elevato contenuto di servizio, come zuppe pronte fresche +33%, piatti pronti freschi (sushi) +25%, caffè in capsule +20%, spuntini/tramezzini +20%, filetti di pesce surgelato +12%, charmat secco +11%, pizze surgelate +9%, basi pasta/pizza +9%, creme dolci +8%, salumi affettati +7%, sughi pronti +6% e vino DOC +5%.
  • Le nicchie sono sempre meno nicchie. Dall’analisi dei trend emerge infatti che la spiegazione dei fenomeni è sempre più legata a bisogni cross-categoria e che il rapporto tra nicchia e mainstream è cambiato nel corso degli ultimi mesi. Mercati che fino a ieri erano considerati nicchie, oggi hanno perso la caratteristica originaria e spiegano una parte rilevante della crescita dei consumi. Il biologico, ad esempio, ha raggiunto un giro d’affari di 1 miliardo e 292 milioni di euro (+19,8%), con 5,2 milioni di famiglie che lo acquistano tutte le settimane (in crescita di 1 milione vs. 2015). Il boom dei prodotti integrali ha generato vendite per 435 milioni (+11,3%). Anche i free-from hanno andamenti sempre più positivi: il senza glutine raggiunge 170 milioni (+26,3%), il senza lattosio 376 milioni (+6,3%) e le bevande vegetali 198 milioni (+7,4%).

L'eCommerce
Cresce anche il fatturato proveniente degli acquisti effettuati online, che generano 622 milioni di euro nel 2016 (+45% vs 2015), con un’incidenza pari all’1,1% del fatturato complessivo del largo consumo. La crescita del canale online è stata trainata dall’incremento degli acquirenti (5,4 milioni, +39%) e dall’aumento della spesa media annua (pari a 115,5 euro, +4,2%)

Prezzi e promozioni
Tornano a muoversi i prezzi di vendita dopo gli andamenti deflattivi dello scorso anno, contribuendo positivamente alla crescita dei fatturati. L’analisi dei prezzi evidenzia anche l’arresto del downgrading del carrello (-0,3%) e un sensibile miglioramento rispetto agli scorsi anni. Le vendite promozionate sono in leggero calo e la pressione promozionale scende di 0,8 punti, arrestando la spirale di incremento degli acquisti in promozione.

Assortimenti e marche del distributore
Si confermano i segnali di dinamicità degli assortimenti con un’ulteriore accelerazione nel corso dell’ultimo anno (+3,8%, anno terminante marzo 2017 vs A.T. marzo 2016). E l’identikit delle nuove referenze sembra seguire le tendenze della domanda.
Rimane stabile l’incidenza delle vendite di prodotti delle marche del distributore (18,7% delle vendite complessive) e in leggera crescita la quota assortimentale (19,6%, +0,3 p.ti). A fronte di vendite stabili, si evidenzia una trasformazione dell’offerta della marca del distributore con la crescita dei segmenti premium e il crollo dei primi prezzi.

"La velocità del cambiamento – dichiara l’amministratore delegato di Nielsen Italia Giovanni Fantasia – è la principale caratteristica degli attuali mercati. Lo studio presentato oggi in apertura de Linkontro evidenzia uno scenario mutevole e frenetico, che impone alle imprese di adattarsi alla nuova domanda del consumatore".

Via Mark Up
 
Di Max Da Via' (del 19/05/2017 @ 07:46:24, in Social Networks, linkato 180 volte)

Sempre più intrigati dagli influencer, ma ancora lontani dal saperli gestire con sicurezza. Queste, in breve, le conclusioni del report ‘The new face of luxury’ redatto da Econsultancy, società di ricerca e consulenza americana, dopo aver raccolto 300 pareri provenienti da professionisti ed esperti del settore lusso sul rapporto che lega gli influencer a vendite e brand awareness.

Il cosiddetto ‘influencer marketing’ sembra destinato a crescere (la piattaforma MuseFind calcola che il 92% dei consumatori dà maggior fiducia alll’endorsment di un influencer piuttosto che a quello di una celebrity), nonostante sia una strategia adottata da meno di due anni da circa metà dei rispondenti.
In termini di budget, il 59% dei luxury brand ha stanziato una quota del 10% da allocare a questo tipo di promozione, anche se il 66% è pronto ad aumentare questa percentuale entro il prossimo anno incrementando gli impieghi connessi, ad esempio l’influencer relations manager. Il 65% dei brand ritiene efficaci gli approcci sperimentati finora citando con entusiasmo le collaborazioni legate al lancio di nuovi prodotti. Si legge che il filmato Snapchat realizzato da una blogger abbia contribuito alla vendita di 422 mascara Yves Saint Laurent in 24 ore per un totale di 13.500 dollari. Al contrario le campagne adv tradizionali non stanno procurando gli effetti sperati, almeno secondo il 26% del campione.
Il 62% dei rispondenti guarda ai risultati di vendita ottenuti dalle operazioni di influencer marketing, ma oltre il 70% si focalizza sull’ammontare di traffico online generato.
“Cruciale” o “molto importante”, questi i pareri del 77% dei luxury brand in relazione al numero di follower degli influencer che potrebbero essere scelti per una collaborazione.

Non solo top-influencer. A quanto risulta dal report, il 40% del campione è interessato a intrecciare rapporti con personaggi meno popolari rispetto a quelli che vantano milioni di follower (opzionati dal 17% dei marchi). Il 20% conferma che in futuro i luxury brand saranno sempre più interessati a collaborare con personalità relativamente “di nicchia”. Infine, oltre alle immagini, le griffe puntano sempre di più su contenuti video: nei prossimi 12 mesi l’11% dice di voler incrementare questo tipo di comunicazione.

Via PambiancoNews
 

Invariate rispetto al mese precedente, le prime tre posizioni della classifica dell’informazione online stilata da Prima Comunicazione sulla base dei dati Audiweb Database di marzo. Prima è sempre Repubblica.it, seguita dal sito del Corriere della Sera e da Tgcom24. Il quotidiano online di Mediaset, diretto da Paolo Liguori, è molto visitato soprattutto su smartphone e tablet (580mila lettori al giorno sulla versione responsive del sito e sulle app) e si conferma per il terzo mese consecutivo il sito di news più letto su dispositivi mobili.

La Gazzetta dello Sport guadagna una posizione rispetto alla rilevazione di febbraio, e conquista il quarto posto, superando il Messaggero. Il quotidiano di Caltagirone Editore deve quasi la metà della sua audience online a siti terzi con cui ha stretto accordi commerciali; la sua audience organica, depurata da questi apporti, è infatti di 372mila utenti unici, contro i 665mila dell’audience complessiva.

Al sesto posto Donna Moderna che fa segnare un aumento monstre del 64% rispetto al marzo 2016, quando il gruppo Mondadori non aveva ancora acquisto Banzai e il suo frequentatissimo sito femminile Pianeta Donna. Quest’ultimo è calato di una percentuale identica (-64%); in pratica ha trasferito gran parte della sua audience al sito del settimanale diretto da Annalisa Monfreda.

Le posizioni seguenti, fino alla decima, restano invariate rispetto a febbraio: settimo è LaStampa.it, ottavo Tiscali, nono Citynews (il network di 42 giornali locali online di Luca Lani), decimo il sito dell’agenzia Ansa. Il Sole 24 Ore, undicesimo, guadagna due posizioni, a spese del Fatto Quotidiano e del sito calcistico TuttoMercatoWeb.com, che scendono rispettivamente al dodicesimo e tredicesimo posto.

Rispetto al marzo 2016 solo dieci siti su 60 vedono aumentare i propri utenti unici nel giorno medio e in genere solo di pochi punti percentuali. Fa eccezione Grazia.it che cresce addirittura del 121%, merito anche in questo caso delle nuove strategie digitali messe in atto dalla Mondadori dopo l’acquisizione di Banzai. Nel primo trimestre 2017 il gruppo di Segrate si conferma il primo editore digitale italiano, con una unique audience di 16,6 milioni al mese, rispetto agli 8,9 milioni del febbraio 2016.

Ben 48 siti su 60 vedono calare la propria audience rispetto a un anno fa. C’è da considerare a questo proposito che alcuni eventi, in particolare gli attacchi terroristici di Bruxelles, avevano fatto schizzare all’insù le visite ai siti di informazione nel marzo 2016, eventi che quest’anno (per fortuna) non si sono verificati.

Ma a spiegare tutti questi segni meno nella classifica concorrono anche altre considerazioni. In particolare – come abbiamo ripetuto più volte – il fatto che le rilevazioni di Audiweb non tengono conto del traffico sulle app mobili, che costituisce una quota crescente dell’audience dei siti di informazione.

Secondo la survey sull’audience dei contenuti editoriali fruiti all’interno dell’app mobile di Facebook, diffusa qualche giorno fa da da Audiweb, Fanpage ha 6,9 milioni di utenti unici ‘in-app’, la Repubblica 5,7 milioni, il Corriere della Sera e l’Huffington Post 3,9 milioni, i quotidiani locali del Gruppo Espresso 3,6 milioni, Il Fatto Quotidiano 3,5 milioni, LaStampa.it 3,1 milioni. Dati questi che non si possono sommare con quelli di Audiweb Database, in quanto la metodologia di rilevazione è totalmente differente.

A proposito dei metodi di rilevazione, prosegue la polemica di Class Editori contro le rilevazioni campionarie di Audiweb, accusate di sottovalutare i siti del gruppo – MilanoFinanza.it e ItaliaOggi.it – rispetto ai dati forniti da Google Analytics, il sistema di misurazione integrato con AdWords (il programma pubblicitario di Google).

Via Prima Comunicazione
 
Di Max Da Via' (del 17/05/2017 @ 07:19:48, in Mobile, linkato 239 volte)
Era nell'aria, prima o poi doveva accadere e alla fine è successo. A marzo 2017, per la prima volta le connessioni mobile hanno superato quelle da desktop. A dirlo sono i dati Comscore sulla Total Digital Population italiana (37,3 milioni di visitatori unici): le connessioni a internet esclusivamente tramite device mobili sono state 9,3 milioni (25% del totale) contro i 9,1 milioni di utenti che hanno avuto accesso solo da desktop (24%). Gli utenti multi-piattaforma rimangono la metà della popolazione digitale italiana (51%), in crescita di 4 punti rispetto a settembre 2016.

L'aumento dell’audience mobile-only riguarda tutte le principali categorie di contenuto. Le maggiori crescite in punti percentuali si registrano nelle categorie News (passata dal 28% al 40%), Retail (dal 22% al 33%) e Sports (dal 41% al 51%). Gli interessi più "leggeri", dunque, come News e Lifestyles, raggiungono ormai l’80% della propria audience complessiva su dispositivi mobili (utenti esclusivi mobile e utenti multipiattaforma). Dove c'è invece un elemento transattivo, come nel Retail e nel Business la componente Desktop-Only ricopra ancora un ruolo importante.

Via Business People
 
Di Max Da Via' (del 16/05/2017 @ 07:49:01, in Mercati, linkato 281 volte)

L’ultimo report di Contactlab ed Exane BNP Paribas, intitolato Online Offer Dive & Pricing Landscape FW16/17 (https://goo.gl/b9zObG), rileva una convergenza tra le strategie di prodotto e di pricing utilizzate dai brand del lusso nei canali di vendita online e offline. Lo sforzo di questi brand per conservare il loro carattere esclusivo e i rapporti personali con i clienti che acquistano online si sta traducendo in una drastica ridefinizione dell’offerta di prodotti e delle scelte di pricing online. Nella stagione FW 2016/17, brand come Fendi, Luis Vuitton, Saint Laurent, Ferragamo, Moncler, Bulgari e Cucinelli hanno ampliato di più del 20% la loro gamma di prodotti disponibili online.

Secondo l’analisi i 32 brand del lusso presi in esame stanno modificando le loro strategie di prodotto e di pricing nel continuo tentativo di aumentare quote di mercato e redditività. Dal 2014 al 2016 alcuni player del segmento soft luxury come Prada e Ferragamo hanno aumentato l’offerta di prodotti venduti online più della media. Sebbene in genere sul web sia presente l’intero catalogo di un brand, non tutti i prodotti sono acquistabili online, come nel caso del ready-to-wear per Prada e Louis Vuitton. Una conseguenza di questa strategia è quello di stuzzicare la curiosità dei consumatori, invogliandoli a recarsi in negozio per conoscere tutta la gamma di prodotti e  quindi spendere di più. Burberry, dal canto suo, per recuperare l’esclusività e redditività ha scelto di ridurre drasticamente l’offerta di prodotti consolidando marchi secondari come Brit.

Anche Gucci ha scelto di ridurre la quantità complessiva di prodotti venduti online, in particolare in riferimento alle sue due categorie chiave: borse e soft luxury. D’altra parte, però, Gucci ha aumentato in maniera significativa l’offerta di ready-to-wear (+ 60%) e di categorie di prodotti non-core come gioielli e orologi. Il primato della più vasta offerta di borse spetta a Michael Kors, seguito a ruota da Louis Vuitton.

Il trend non è omogeneo nemmeno in relazione al pricing, con un incremento del 3% circa del prezzo mediano medio dei brand. Bulgari, Zegna ed Hermès hanno considerevolmente aumentato sia i prezzi mediani che gli entry price, mentre Dolce & Gabbana, Tiffany e Burberry hanno adottato la strategia opposta, riducendoli entrambi e rendendo così i loro prodotti alla portata di una fascia più ampia di consumatori. Per quanto riguarda i mega-brand, i prezzi applicati da Louis Vuitton (in calo) e da Gucci (in leggero aumento) continuano a convergere.

Marco Pozzi, senior advisor di ContactLab, commenta: “Sebbene i prezzi massimi dei prodotti acquistabili online siano aumentati da 150.000 dollari nella stagione FW15 (collana Tiffany) a 181.000 nella stagione FW16 (orologio Cartier), ben 11 brand sui 32 analizzati vendono prodotti a un prezzo inferiore ai 20 dollari! Il canale online, infatti, è ideale per attirare i clienti più aspirazionali. Ralph Lauren, Tiffany ed Hermes hanno un entry price inferiore a 150 dollari e sono i leader nella differenziazione dei prezzi per categoria di prodotto. Nel canale di vendita online persino brand del settore “luxury” come Chanel e Dior hanno entry price molto accessibili (rispettivamente 38 e 28 dollari), tutt’altro che distanti da quelli del marchio premium Swatch (38 dollari).

Il report mette in luce come i vari brand stiano sperimentando nuove strategie di prodotto e di pricing con l’obiettivo di trovare la giusta strada per catturare nuovi clienti nell’arena digitale. Considerando però che i consumatori che acquistano beni di lusso sia online che nei negozi fisici spendono circa il 50% in più all’anno rispetto a chi acquista soltanto in negozio, gli acquisti multicanale e non solo online sono la vera priorità e sfida per le aziende del lusso.

Via DailyOnline
 
Di Max Da Via' (del 12/05/2017 @ 07:50:19, in eCommerce, linkato 303 volte)
Gli italiani spenderanno via ecommerce 23,1 miliardi di euro nel 2017, con un aumento del 16% sull’anno passato (oltre 3,2 miliardi). Cresceranno anche gli acquisti, con un incremento del 25%, in maniera più evidente che i servizi (+8%). Sono i primi dati annunciati in occasione della XII edizione del Netcomm Forum, evento dedicato al commercio elettronico e la trasformazione digitale. «Anche quest’anno il commercio elettronico in Italia vivrà un momento di grande dinamicità e di importanti cambiamenti che già oggi si stanno delineando, grazie soprattutto al processo di digital transformation trainato all’interno delle imprese proprio dall’ecommerce”, ha spiegato Roberto Liscia, presidente di Netcomm. «È in atto un cambiamento sistemico di acquisto e offerta che coinvolge alcuni fattori importanti del commercio elettronico. Il digitale non è più il futuro ma intride moltissimi aspetti della vita quotidiana del consumatore».

DALL'ECOMMERCE ALL'UNIFIED COMMERCE
«La chiave del successo competitivo è creare un’esperienza di unified commerce, dove online e offline e i diversi device si mescolano in un nuovo ecosistema esperienziale», prosegue Liscia. Saranno i prodotti per la prima volta al pari dei servizi (11,5 miliardi a testa) a trainare la domanda ecommerce in Italia per l’anno in corso. Il food & grocery (+37%) che da 593 milioni di euro del 2016 passerà a ben 812 milioni e l’arredamento & home living a quota 847 milioni (+27%). Vanno molto bene anche l’informatica e l’elettronica con 3.695 milioni (+26%), l’abbigliamento con 2.384 milioni di euro (+23%) e l’editoria che sfiora gli 800 milioni (+18%). Ancora in crescita, anche se ridotta, i servizi per il turismo (+9%, 9.347 milioni di euro) davanti alle assicurazioni che crescono del 6% sfiorando 1.300 milioni. Il peso dell’ecommerce sul totale acquisti retail degli italiani raggiungerà il 5,6%.

ONLIFE COMMERCE
Tra le novità in atto, c’è sicuramente la convergenza tra i canali fisici e digitali, fenomeno che sta creando un nuovo ecosistema di Always Connected Retail. Secondo i dati della ricerca Net Retail, elaborata da Human Highway per Netcomm, nel primo trimestre del 2017 i consumatori italiani che hanno acquistato online sono passati dai 18,7 milioni dello scorso anno a 20,9 di questa primavera con 12,2 milioni di famiglie italiane (oltre la metà del totale) che hanno adottato lo shopping digitale come modalità di routine quotidiana. Negli primi mesi del 2017, ogni 100 acquisti online, 8,5 sono stati effettuati da tablet pc (sia su sito web che via app, con quota stabile) e 17,4 da smartphone (sul sito web o via app). Particolarmente consistente è la crescita degli acquisti via smartphone (+52%), a 5,3 miliardi di euro (7 miliardi di euro se si considerano anche gli acquisti via tablet).

In questo contesto il consumatore vive un’esperienza che possiamo definire di Onlife Commerce, in cui l’acquisto è solo una parte di un nuovo e più ampio processo conversazionale che valorizza tutti i nuovi punti di contatto tra l’acquirente e il venditore. Fondamentale è lo smartphone, che diventa il vero protagonista, capace di ricomporre la frammentazione delle nostre relazioni e conversazioni in un diverso assetto: “chi usa 3 device (pc, mobile, tablet) spende in media 2 volte di più di chi utilizza solo il pc, così come l’everywhere shopper compra di più in tutti i canali e usa lo smartphone per orientarsi e acquistare offline».

COME COMPRARE
La gran parte degli acquisti sono pagati al momento dell’ordine e solo nell’8,8% dei casi vengono saldati alla consegna o nel momento di utilizzo del servizio. In Italia il pagamento online contestualmente all’acquisto risulta in crescita alla fine dell’anno, dall’86,2% di inizio 2014 al 91,2% di marzo 2017. I pagamenti vengono eseguiti principalmente con carte bancarie: Il 44% degli ordini online viene saldato al momento dell’acquisto con una Carta di Credito (o prepagata) e il 38,8% con PayPal.

Per quanto riguarda la consegna, in più di 9 casi su 10 in Italia il bene è recapitato dal sistema di consegna presso un indirizzo indicato dall’acquirente (più spesso in casa, talvolta presso un ufficio o un luogo terzo). Solo nell’8,6% dei casi i prodotti fisici acquistati online sono ritirati dal cliente presso un punto vendita o un punto di ritiro indicato dal merchant.

Via Business People
 
Di Max Da Via' (del 10/05/2017 @ 07:01:44, in Mercati, linkato 320 volte)

La classifica dei quotidiani a marzo (.xls) per diffusione carta+digitale elaborata da Primaonline.it su dati Ads. La classifica è realizzata comparando il dato appena diffuso da Ads con quello del mese precedente per permettere un confronto omogeneo visto che, a causa della questione ‘copie multiple digitali’, un paragone anno su anno non è ancora proponibile.

Ads ha fatto sapere che i primi dati sulla diffusione digitale prodotti con il nuovo regolamento saranno quelli relativi alle stime di maggio 2017 che verranno pubblicati a luglio.
- Leggi o scarica le tabelle con dati Ads di diffusione della stampa di quotidiani e settimanali a marzo e dei mensili a febbraio

Ads – Accertamenti Diffusione Stampa è la società che certifica e divulga i dati relativi alla tiratura e alla diffusione e/o distribuzione della stampa quotidiana e periodica di qualunque specie pubblicata in Italia.

Via Prima Comunicazione
 
Di Max Da Via' (del 08/05/2017 @ 07:09:57, in Aziende, linkato 407 volte)

Bisognerà attendere ancora qualche giorno, o settimana, affinché Facebook diventi un servizio da due miliardi di utenti nel mondo. Due miliardi. Un numero spaventoso che diverse aziende del beverage guardano dal basso e solo pochi altri non invidiano. Facebook ha chiuso il trimestre al 31 marzo con 1,94 miliardi di user mensili, fatturato in aumento del 49% a oltre 8 miliardi e un profitto a +76% per 3 miliardi. Il core business del colosso social – il cui fatturato è circa l’utile del rivale Alphabet – è l’advertising: di questa l’85% è transitata da mobile per un totale di 6,7 miliardi di dollari. Il giro d’affari della sola pubblicità non accenna a rallentare, nonostante gli ammonimenti della stessa Facebook e le conseguenti preoccupazioni di Wall Street: +51% a 7,85 miliardi di dollari.

Oltre il newsfeed: Instagram, video e audience network

Facebook capitalizza 440 miliardi. Gran parte del suo business dipende dagli annunci sul newsfeed, che ormai hanno raggiunto una quota ‘eccessiva’. Non si possono più sovraccaricare gli utenti di messaggi promozionali. Per questo l’attenzione si è spostata verso Instagram, che quest’anno secondo i dati forniti da eMarketer dovrebbe fatturare poco meno di 4 miliardi di dollari e ormai raggiunge oltre 700 milioni consumatori; e dalla pubblicità video, il segmento più corposo in termini di raccolta pubblicitaria per via della diretta competizione con i più elevati budget televisivi. Un altro canale cui il social sta attingendo è Facebook Audience Network (FAN): in questo caso la vendita di pubblicità su siti e applicazioni esterni sembra poter compensare l’affollamento pubblicitario del newsfeed. Tuttavia ciò non dovrebbe bastare, secondo il chief financial officer David Wehner, ad arrestare il “significativo” rallentamento della crescita delle revenue di Facebook nel secondo semestre. Ma occorre operare ancora una volta una distinzione importante: il problema dell’ad load riguarda il solo newsfeed e non l’armata di app e asset in mano a Facebook. WhatsApp ha oltre 1 miliardo di utenti, Messenger ne ha oltre 1,2 miliardi. Queste sono destinazioni che potranno essere mettere a frutto, magari non nell’immediato, e le tante novità annunciate nel corso della ultima F8 developer conference lo confermano.

Utenza in ascesa. E più preziosa

Gli utenti attivi su base giornaliera sono 1,28 miliardi. La quasi totalità si connette da mobile. E il consumatore si fa più prezioso, anche in mercati consolidati come il Nord America, dove il valore del singolo utente (ARPU) è balzato del 37% a


Via DailyOnline
 

La società di ricerca eMarketer ha rivisto al rialzo le stime sull’utenza internet globale per il periodo 2016-2021, principalmente per gli incrementi previsti in Cina e altri Paesi dell’area Asia-Pacifico nonché in tutta Europa. A riferirlo è l’ultimo rapporto “Worldwide Internet and Mobile Users: eMarketer’s Estimates for 2016-2021”, in base a cui oltre il 47% della popolazione mondiale utilizzerà internet almeno una volta quest’anno, un dato il 6,1% più elevato rispetto al 2016 e pari a 3,47 miliardi di persone.  La soglia del 50% verrà superata solo nel 2019, quando saranno 3,82 miliardi le persone connesse alla rete su scala internazionale. Una parabola ascendente che per gli operatori del settore significa una sola cosa: opportunità.

Le aree a maggiore crescita

Senza particolari sorprese, eMarketer spiega che la spinta più importante arriverà dalle zone rurali e a più basso reddito di alcune nazioni situate in Asia-Pacifico, Europa Centrale, Europa dell’Est, America Latina, Medioriente e Africa. In questi territori, diverse persone si collegheranno alle reti internet per la prima volta attraverso dispositivi mobili. A tal proposito, quest’anno circa l’80% dei navigatori web userà un telefono mobile per accedere online (+9,3%) grazie al traino dato da un’espansione della copertura del wi-fi e una maggiore disponibilità di tecnologie 3G/4G.

Il ruolo degli smartphone

Specialmente a causa di un abbassamento sia dei prezzi dei dispositivi sia dei piani dati, lo smartphone sta diventando una componente  fondamentale per connettersi. Stando alle stime eMarketer, infatti, il numero di utenti smartphone crescerà a doppia cifra in tutte le zone esaminate, eccetto che nel Nord America. Al contempo, una riduzione del costo dei piani dati in America Latina dovrebbe fornire a questa macro-regione una grande spinta. Per la prima volta quest’anno, il 60% della popolazione locale userà uno smartphone per accedere regolarmente a internet.

Messaggistica e social al top

Una forte domanda per servizi di messaggistica e piattaforme di social media come WhatsApp, WeChat e Messenger sta guidando lo sviluppo dell’internet mobile: questi strumenti sono oggi la via più comune per comunicare con amici e parenti. E in alcuni Paesi hanno scavalcato anche le chiamate vocali e gli SMS. Quest’anno il 98% dei nordamericani e il 97% di chi vive in Europa occidentale userà uno smartphone per connettersi e la crescita, ovviamente più ristretta rispetto ai Paesi in via di sviluppo, sarà da attribuire alle fasce più anziane della popolazione. Che per la prima volta andranno sul web tramite il proprio smartphone.

Via DailyOnline
 
Di Max Da Via' (del 03/05/2017 @ 07:02:46, in Social Networks, linkato 536 volte)

La Federal Trade Commission (Ftc) ottiene un primo storico riscontro dagli influencer americani. Dopo aver più volte segnalato la necessità di dichiarare esplicitamente il contenuto commerciale di alcuni contenuti condivisi sui social network attraverso gli hashtag #sponsored o #adv, qualcuno ha fatto il primo passo. Fohr Card, agenzia di marketing che connette alcuni influencer con le aziende, ha annunciato una doppia presa di posizione: l’esortazione dei propri clienti ad affiancare la sigla #sponsored agli scatti condivisi on line; l’esortazione agli stessi influencer a spiegare perché è necessario farlo.

Il risultato è che 120 degli iscritti all’agenzia hanno accettato la proposta, pubblicando una foto con tanto di testo esplicativo, hashtag e look “sponsored”. James Nord, fondatore di Fohr Card, ha dichiarato a Fashionista: “Volevamo dare agli influencer una piattaforma per intavolare una conversazione con i loro follower del tipo ‘Hey, investo molta energia in ciò che faccio per vivere, voi siete il motivo per cui ho questo lavoro e non firmo contratti che penso non siano giusti'”. Il manager ribadisce l’importanza di seguire le regole emesse dalla Ftc, e aggiunge quanto sia importante per gli stessi influencer poter avere la fortuna di collaborare con marchi riconosciuti da milioni di persone. Fortuna che, a maggior ragione, non va nascosta ma mostrata apertamente. In quanti seguiranno il suo esempio?


Via PambiancoNews
 
Di Max Da Via' (del 28/04/2017 @ 07:40:04, in Marketing, linkato 466 volte)

La spesa globale in digital advertising è in continua crescita. Secondo le stime negli Stati Uniti quest'anno arriverà a 83 miliardi di dollari (eMarketer): una torta spartita al 90% da Google e Facebook, i due maggiori player che confermano la crescente tendenza al duopolio nel settore.

Una delle conseguenze di questa concentrazione di potere è il rischio di un calo di fiducia da parte degli utenti. Non è un caso che i due colossi della rete stiano prendendo provvedimenti al riguardo, da ultimo Google con un cambio di algoritmo volto ad arginare le fake news.

Il trend delineato è solo una delle evoluzioni che contribuiscono a creare un nuovo scenario d'azione per il digital marketing, come evidenzia Business2Community. Tra quelle in atto vediamone allora tre fondamentali.

  • La necessaria automazione del marketing
    Nonostante la concentrazione di potere tra i due player, i social network e le piattaforme di relazione sono molto più numerose di un tempo. Ne deriva la necessità di creare un maggior numero di contenuti, diversi tra loro, e di gestire una complessità crescente. L'unica risposta sul lungo termine è l'automazione del marketing attraverso strumenti ad hoc: da quelli per aumentare in automatico i follower come Social Quant per Twitter e SociallyRich per Instagram, a piattaforme in stile "tutte in uno" come Marketo e Hubspot. Una multinazionale del calibro di Coca-Cola sta addirittura sperimentando la creatività automatizzata in sostituzione parziale al genio umano.
  • L'ascesa dell'intelligenza artificiale
    Ricollegandoci al trend precedente, anche il volume di dati a nostra disposizione è in aumento esponenziale. Per dare un senso a tutto questo "rumore" servono intelligenza artificiale e macchine con processori potenti. Oggi incontriamo l'AI già in diversi casi, come quando su Facebook ci viene proposto di taggare un amico in base al riconoscimento facciale della foto.
    Secondo una ricerca condotta da Demand Base, sono almeno tre i vantaggi per i marketer nell'utilizzo dell'intelligenza artificiale:
    benefici AI marketing
  • Il continuo prosperare dei video...live!
    Il boom dei video è già una tendenza assodata che continua a restare sull'onda. Quello che però emerge man mano è la crescente efficacia del live e dello streaming. Mark Zuckerberg sostiene che gli utenti li guardino il 300% più a lungo e li commentino 10 volte di più rispetto ai video "ordinari". Tradotto in termini di marketing, si tratta di preziosissimo engagement.
    live video streaming


Via Mark Up
 
Di Max Da Via' (del 27/04/2017 @ 07:47:54, in Social Networks, linkato 566 volte)

Ti sei mai chiesto chi acquista il tuo ? Se ti dicessi che i Millennias sono il tuo presente, non solo il futuro? La ricerca pubblicata a Marzo da PWC dimostra che l’impatto della Generazione Y nel settore vinicolo è in rapida crescita: essi rappresentano circa un terzo del mercato in Italia (+12% dal 2014) e quasi la metà in Europa (+13% dal 2014).  In Italia sono le giovani donne a incrementare i consumi,  che rappresentano circa il 32% del mercato, gli uomini invece si inseriscono con una percentuale minore il 25%.

Considerando questi dati risulta essenziale per le aziende del settore capire come influenzare il processo di acquisto dei Millennial. PWC, infatti, mette  un nuovo atteggiamento di consumo del vino che diventa un’esperienza omnicanale.  Lo storytelling s’impone come parola d’ordine anche in questo campo, per  valorizzare la conoscenza del prodotto verso i clienti. E’ interessante notare come il livello di fedeltà al brand sia più basso rispetto ad altre generazioni: “non sono esperti, ma curiosi e si affidano ai canali social,  agli inflencer del settore, per la fase di ricerca e per ottenere consigli su una degustazione ottimale e sull’acquisto più giusto”. Parlando di consumatori abituati a trovare ogni risposta online, cambiano ovviamente i touchpoint.

I Millennial ricercano informazioni sui vini tramite App mobile e dopo l’utilizzo ne condividono le loro impressioni sui social.  Così se cambia la percezione del prodotto, come si legge nel report pubblicato da PWC, e da bevanda di consumo, il vino diventa sinonimo di life style, cultura e relax, allora forse non è arrivato il momento anche di ripensare la propria strategia di comunicazione?

Tra i nuovi touchpoint a cui fare attenzione, l’ingaggio di Web-Influencer è la soluzione che approfondiamo in questo articolo.

CHI SONO GLI INFLUENCER?

In parole semplici gli influencer sono tutti quei soggetti capaci di influenzare le scelte, non solo di acquisto, degli utenti che s’interessano a loro. Tagliapietra ha cercato di definirli suddividendoli in due macro categorie: le persone con un audience ampia, i broadcaster, e quelle con un audience limitata (i narrocaster), entrambi possono essere attivi su più piattaforme o su una sola. In base all’appartenenza degli influencer ad una di queste due categorie, si potrà parlare in modo decrescente di personaggi famosi, publisher (blogger), fan (consumatori) e amici. Ottenere l’influenza di un personaggio famoso non è obbligatoriamente sempre la cosa migliore, a volte è proprio il consiglio di un amico fidato a guidare le scelte di acquisto dei consumatori.

PERCHÉ SONO IMPORTANTI?

  1. Seguire con regolarità le persone più influenti sul web per il proprio settore, permette di essere sempre aggiornati sulle nuove mode, sugli interessi e i linguaggi dei consumatori. Possiamo prendere esempio dal loro stile comunicativo, ricavare nuove idee di vendita o promozionali e seguire le reazioni degli utenti ai contenuti più apprezzati.
  2. Ingaggiare un influencer come vero e proprio ambasciatore del brand o semplicemente riuscire ad essere resi visibili sui suoi profili consente di ottenere non solo un’ampia visibilità del brand, ma conferma agli utenti il valore del marchio. 

CHI SONO I WINE-INFLUENCER  DA SEGUIRE?

Julien Miquel ha redatto su Social Vignerons una classifica dei top influencer sui  per il 2017. Tra questi  ci sono anche tre italiani: Andrea Gori, Marilena Barbera e Francesco Saverio Russo.

Le leggi del marketing tuttavia insegnano che ogni obiettivo deve essere realizzabile e cercare di arrivare ai tre principali wine blogger del momento forse per alcuni non è una meta così semplice da raggiungere. L’importante è procedere a piccoli passi e magari iniziare a coinvolgere i nostri fan più seguiti sul web e magari, grazie anche a loro, riuscire a raggiungere altri importanti nomi del “WineWeb”.

Ad esempio si può iniziare con nomi come:

  • Filippo Ronco, 6.520 follower
  • Luciani pignataro, 5.548 follower
  • Giampiero Nadali, 4.166 follower
  • Marco Caprai, 3.549 follower
  • Mike Madio, 8.416 follower
  • Filippo Cortivo, 5246 follower
  • Luciano Ferraro, 5421 follower

Non perdete di vista però anche le Pagine e i blog più seguiti del momento, potranno essere una grande fonte di ispirazione per le vostre strategie digitali:

  • Italy fine wines, 29.200 follower
  • Ridge vigneyards, 14.600 follower
  • Iwinect, 15.900 follower.

Via Tech Economy
 
Di Max Da Via' (del 26/04/2017 @ 07:01:56, in Internet, linkato 422 volte)
Audiweb rende disponibile il nastro di pianificazione, Audiweb Database*, con i dati della fruizione di internet (total digital audience) del mese di febbraio 2017.

La total digital audience a febbraio ha raggiunto 30,7 milioni di utenti unici, il 56% della popolazione dai 2 anni in su. Gli italiani online hanno navigato complessivamente per 53 ore e 20 minuti, collegati tramite i device rilevati (PC e mobile - smartphone e tablet - al netto delle sovrapposizioni).

Erano online nel giorno medio 24,1 milioni di utenti, online per 2 ore e 26 minuti per persona.
Più in dettaglio, nel giorno medio a febbraio hanno navigato da un computer 10,9 milioni di italiani (circa il 20% della popolazione 2+ anni) e/o da mobile 21,4 milioni (il 48,5% della popolazione di 18-74 anni).

Dai dati demografici risulta che nel giorno medio a febbraio erano online il 43,2% degli uomini (11,8 milioni dai due anni in su) e il 44,5% delle donne (12,3 milioni). La fruizione quotidiana di internet si conferma quale abitudine diffusa soprattutto tra i giovani - con il 70,4% dei 18-24enni (2,9 milioni) e il 65,9% dei 25-34enni (4,6 milioni) online nel giorno medio – e gli under 54 (il 61% dei 35-54enni).
Inoltre, con il 47,4% della popolazione collegata a internet nel giorno medio (6,3 milioni), il Nord Ovest è ancora geografica più online nel giorno medio, rispetto al 43,7% del Nord Est (3,7 milioni), il 42,7% del Centro (3,9 milioni) e il 40,2% dell’aera Sud e Isole (8,4 milioni).

In base ai dati di consumo nel giorno medio emerge ancora la preferenza delle donne e dei giovani per la fruizione da mobile. Infatti, nel giorno medio a febbraio hanno dedicato alla fruizione da mobile 2 ore e 28 minuti le donne e 2 ore e 35 minuti i 18-24enni, navigando per poco più di 1 ora da PC.

Dai dati sul traffico online nel mese, tra le categorie di siti più visitati dagli italiani, risultano confermati i motori di ricerca (sotto-categoria “Search”, con il 93,3% degli utenti online, 28,7 milioni), i portali generalisti (“General Interest Portals & Communities”, con l’89,6% degli utenti online, 27,5 milioni) e i social network (“Member Communities”, con l’87,1% degli utenti online, 26,8 milioni).

Tra le altre categorie di siti dedicati all’intrattenimento, all’informazione e alle diverse attività pratiche emergono: la categoria di siti dedicati alla fruizione dei video (“Videos / Movies”) con 25,7 milioni di utenti, i siti dedicati all’informazione (“Current event & global news) che hanno raccolto l’interesse di circa 20 milioni di utenti, i siti dedicati all’ecommerce (“Mass Merchandiser”) con 22,6 milioni di utenti unici, i siti e le applicazioni dedicati alla gestione delle email con 23,4 milioni di utenti e quelli dedicati ai servizi mobile e di messaggistica istantanea (“Cellular/Paging”) con 23,7 milioni di utenti unici.

Via MediaKey
 
Di Altri Autori (del 20/04/2017 @ 07:25:46, in Pubblicità, linkato 540 volte)
Negli Stati Uniti il programmatic è ormai assoluto protagonista nel campo degli investimenti pubblicitari online. Secondo un forecast di eMarketer, infatti, quest’anno gli investimenti in programmatic display raggiungeranno quota 33 miliardi di dollari, circa l’80% del totale display. E nel 2019 la quota del programmatic sul display arriverà all’84%. Nonostante i numeri siano di per sé molto positivi, non è tutto oro quel che luccica: secondo eMarketer inserzionisti ed editori richiedono maggior controllo in tema programmatic, in particolare attraverso deal su private marketplace. Già oggi, circa il 75% della spesa in programmatic display, 24,25 miliardi di dollari, è transata tramite private marketplace o direct deals, con quest’ultima modalità di moda soprattutto per il native advertising. Contestualmente lo share degli open exchange è in declino, segno che le richieste da parte del mercato si stanno concretizzando in dei cambiamenti tangibili. L’anno scorso, per la prima volta, più della metà degli investimenti dedicati al video sono stati destinati al programmatic advertising e questa porzione crescerà del 42,3% a quota 9,13 miliardi. E l’anno prossimo il 75% dei video pubblicitari sarà venduto in programmatic. Buone notizie anche sul fronte del mobile, in questo caso circa l’80% della spesa su questo mezzo sarà automatizzata, per arrivare a oltre l’85% nel 2019.

via DailyOnline
 
Ci sono 11429 persone collegate

< maggio 2017 >
L
M
M
G
V
S
D
1
2
3
4
5
6
7
8
9
11
13
14
15
20
21
24
25
26
27
28
29
30
31
       
             

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Advertising (90)
Aziende (131)
Blog (11)
Brand (28)
Comarketing (2)
Comunicazione (9)
dBlog (1)
Digitale (27)
eCommerce (32)
Grande Distribuzione (6)
Internet (527)
Marketing (270)
Marketing Ambientale (3)
Marketing non convenzionale (62)
Media (99)
Mercati (68)
Mobile (199)
Permission Marketing (1)
Prodotti (95)
Pubblicità (32)
Pubblicità (74)
Retail (8)
Segnalazioni (41)
Social Networks (281)
Startup (1)
Strategie (57)
Tecnologie (69)
Trade Marketing (1)
Viral Marketing (40)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017

Gli interventi più cliccati

Titolo
Automobili (2)
Bianco e nero (1)
Comarketing (1)
Home (4)
Internet (4)
Prodotti (5)
Pubblicità (5)

Le fotografie più cliccate


Titolo

< /p>


Subscribe to my feed


Google
Reader or Homepage

Add to netvibes



Creative Commons License




23/05/2017 @ 12:47:33
script eseguito in 859 ms