\\ : Articolo : Stampa
Applicazioni sul cellulare, un business da sette miliardi di dollari
Di Altri Autori (del 20/01/2010 @ 07:14:50, in Mobile, linkato 2117 volte)

Oltre 4,5 miliardi di download, di cui l'80% riguarderà programmi gratuiti. Questa la fotografia scattata da Gartner che riassume quanto potrebbe succedere nel corso nel 2010 nei negozi on line di applicazioni per cellulari. Sui vari AppStore (Apple), Android Market (Google), OviStore (Nokia), Windows Marketplace (Microsoft) e via dicendo gli utenti spenderanno secondo gli analisti qualcosa come 6,2 miliardi di dollari complessivamente e a questi si aggiungono i previsti 600 milioni di dollari derivanti dalla pubblicità.

Conti alla mano, il giro d'affari legato alle applicazioni mobili sfiorerà quest'anno i sette miliardi di dollari, rispetto ai 4,2 miliardi registrati nel 2009. Ci vuole poco a realizzare che il salto in avanti di questo mercato è esorbitante. Quali siano i fattori che supporteranno tale boom non è certo un mistero: la popolarità crescente degli smartphone, la maggiore propensione dei consumatori a utilizzare gli store virtuali, la generalizzata focalizzazione sul business delle applicazioni dei player del settore (carrier telefonici, produttori di terminali, fornitori di contenuti) e della comunità degli sviluppatori.

La corsa a scaricare software, giochi e altro dal proprio cellulare è comunque solo all'inizio. Le proiezioni di Gartner parlano infatti di un numero totale di download che supererà quota 21,6 miliardi nel 2013, con l'87% di questi riferibili a programmi gratuiti. I giochi sono al momento la categoria di applicazioni più richiesta ma servizi di shopping on line, social networking e soluzioni di produttività personale mostrano una continuità di crescita importante attraendo cifre sempre più sensibili.

Download e advertising aumenteranno a tal punto che fra tre anni il business degli application store è destinato a quadruplicare, sfiorando il più che ragguardevole tetto dei 29,5 miliardi di dollari, di cui il 25% derivanti dalla pubblicità. Numeri che giustificano gli sforzi di un pò tutti gli attori di questo mercato per creare un proprio "ecosistema" in cui gli utenti si ritiene possano identificarsi, un ecosistema che regge sostanzialmente sul binomio telefono/negozio di applicazioni. "Gli store virtuali ha osservato in merito Carolina Milanesi, research director in Gartner, saranno un obiettivo primario per l'industria mobile nel corso del 2010 e le applicazioni aiuteranno a determinare chi fra le piattaforme operative del mercato sarà quella vincente". Fra iPhone e Blackberry, Windows Phone e telefonini Android, terminali Symbian e Linux (fra cui spicca Palm con il suo WebOs) la guerra per dominare lo scenario dei servizi mobili è già iniziata e si giocherà in buona parte sul fronte degli smartphone.

di Gianni Rusconi su ILSOLE24ORE.COM