\\ : Articolo : Stampa
Android non si ferma più: svetta negli smartphone e ruba mercato all'iPad
Di Altri Autori (del 02/02/2011 @ 07:13:32, in Mobile, linkato 1620 volte)

Telefonini e tavolette: letti i dati relativi alle vendite del quarto trimestre 2010 appare già evidente quel previsto ribaltone in campo hi-tech che gli analisti avevano sì predetto tempo fa ma con tempistiche molto più dilazionate. E questo perchè Android ha scavalcato Symbian nel ranking dei sistemi operativi per smartphone e ha catturato una significativa porzione di mercato nei tablet, ridimensionando (parzialmente, per ora) il dominio dell'iPad di Apple.

Il messaggio che sortisce dalle fotografie scattate dagli analisti di Canalys Research e Strategy Analytics si può sintetizzare quindi così: la piattaforma mobile di Google è inarrestabile, prosegue nella sua poderosa marcia mettendo in ombra le prestazioni della concorrenza e rafforza quel concetto, già emerso distintamente al Ces di Las Vegas, che la vede sempre di più come l'ecosistema di riferimento per sviluppatori, produttori e operatori dell'industria mobile.
Il botto che fa più rumore arriva dalle vendite di telefonini intelligenti. Da ottobre a dicembre sono stati spediti sul mercato globale oltre 100 milioni di apparecchi, con un incremento in volumi anno su anno dell'88%: 33 milioni di questi avevano a bordo Android, 31 milioni Symbian (quasi interamente a firma Nokia) e 16,2 milioni sono stati iPhone (un numero doppio rispetto allo stesso periodo del 2009). Sorpasso quindi avvenuto con Google che può oggi vantare una share del 32,9%, doppia rispetto a quella di Apple (16%) e di Research in Motion (scesa dal 20% al 14,4%) e 10 volte tanto quella di Microsoft, che perde ancora terreno scivolando al 3,1%.

La repentina scalata di Android al trono di piattaforma leader negli smartphone, secondo gli analisti di Canalys, si spiega di fatto con l'azione di mercato esercitata dalle varie Samsung, Htc (che insieme hanno coperto nel periodo considerato il 45% della domanda di googlefonini), Lg, Motorola e via dicendo. In buona sostanza è avvenuto quello che si pensava da tempo: i principali produttori di cellulari hanno spinto sul sistema di Google e i risultati (di vendita) si sono visti, con incrementi a tre o quattro cifre dei volumi di consegna. Un altro dato infine, certifica il successo della piattaforma della società di Mountain View: negli Usa sono stati venduti 12,1 milioni di smartphone androidi un numero tre volte superiore a quello dei BlackBerry. Dove potrà arrivare ora Google in un mercato che nel 2011 è destinato a crescere ancora rispetto al tetto dei 300 milioni di pezzi sfiorato nel 2010? La sensazione degli analisti è che l'ascesa di Android non si fermerà, vuoi per l'appeal che la piattaforma esercita sui vari attori di questa industry vuoi perché il rimescolamento in atto sul mercato americano, con At&t che aprirà (come conseguenza dell'accordo fra Verizon e Apple) ai vendor di googlefonini, potrebbe ulteriormente favorirne la diffusione presso gli utenti.

In campo tablet, invece, la situazione attuale premia come noto la società della Mela e il suo iPad, le cui vendite nel quarto trimestre sono state ottime: 7,3 milioni di unità spedite (14,8 milioni, invece, quelle che Apple ha venduto complessivamente da aprile a oggi) e una crescita del 74% rispetto al terzo periodo del 2010. La tavoletta di Steve Jobs piace quindi sempre di più ma in valori assoluti ha perso significativamente quote di mercato, passando dal 96% al 75%. Per colpa di Android. Il sistema operativo di Google, secondo i dati elaborati da Strategy Analytics, avrebbe infatti catturato il 22% della domanda di tablet con oltre 2,1 milioni di unità spedite sul mercato: rispetto ai 100mila pezzi (e una share del 2,3%) dei precedenti tre mesi il salto è stato indubbiamente notevole. Samsung, come del resto assai prevedibile, ha fatto da locomotiva e il suo Galaxy Tab è stato il principale artefice (con circa due milioni le unità vendute) della rincorsa di Android. Una piattaforma che, rimarcano gli analisti, piace ai produttori perché percepita come a basso costo e perché si accompagna a un ampio bouquet di servizi a corredo, da YouTube a Google Maps.

Come negli smartphone, c'è da capire ora come potrà evolversi questo mercato in relazione alla prevista maggiore disponibilità nei negozi e nei listini dei carrier di prodotti non Apple. In altre parole ci si può già chiedere se la rincorsa delle tavolette Android sull'iPad – la cui sfida nel 2010 si è chiusa nettamente a favore di quest'ultimo, che ha fatto proprio l'84.1% del mercato contro il 13,1% della piattaforma rivale - si potrà concretizzare già nel 2011, quando il business dei tablet ruoterà intorno ai 45-55 milioni di pezzi e gettare le basi per triplicare a quota 174 milioni nel 2014. Una torta a cui non vogliono certo rinunciare gli altri nemici dichiarati della società della Mela, e cioè Research in Motion con il suo Blackberry PlayBook (il cui lancio negli Usa è imminente) e Microsoft. La casa di Redmond, in attesa di svelare i piani prossimi venturi sui tablet (bisognerà aspettare Windows 8 per vedere una tavoletta con i processori Arm?), ha intanto apertamente criticato l'iPad al cospetto dei suoi partner di canale: "è un prodotto bello e con un'interfaccia molto intuitiva, ma per le aziende è inutile perché poco sicuro e capace di una produttività off line ridotta".

di Gianni Rusconi su IlSole24ORE.com