\\ : Articolo : Stampa
Pagamenti mobili, cosa manca all'Italia
Di Altri Autori (del 10/02/2011 @ 07:13:09, in Mobile, linkato 2803 volte)

La storia dei pagamenti mobili in Italia è ancora tutta da scrivere. La conferma di ciò giunge dai dati della School of Management del Politecnico di Milano, secondo quali solo l'1% della nutrita popolazione di utilizzatori mobili di casa nostra ha sfruttato il suo dispositivo per effettuare un pagamento in remoto.

"Sono stati censiti 107 servizi di mobile payment in Italia nel 2010 rispetto ai 78 servizi disponibili nel 2009. In generale, possiamo dire che il mobile remote payment (servizi che consentono di pagare con il cellulare anche in remoto, ndr) in Italia cresce poco in termini di offerta – 65 servizi nel 2010, rispetto ai 63 del 2009 – e mancano ancora progetti a larga diffusione, comparabili con i migliori progetti a livello mondiale. Nonostante questa lenta crescita, l'opzione continua a rappresentare in Italia il paradigma maggiormente diffuso. La dimensione del mercato totale è di quasi 200 milioni di euro ed è quasi totalmente rappresentata dal pagamento di ricariche telefoniche. Le principali cause della limitata diffusione presso i consumatori sono, a nostro avviso, la mancanza di circolarità dei servizi, la complessità del processo di attivazione per l’utente e la ridotta attività promozionale", ha spiegato Alessandro Perego, responsabile scientifico dell'Osservatorio.

Un esempio di questo sistema di pagamento nel nostro paese? Il pagamento della sosta: dopo aver associato la targa della propria automobile al numero di cellulare, l’attivazione e la disattivazione del pagamento può essere fatta tramite un semplice Sms o Ivr. Questa piattaforma ha esteso il servizio a nuove città arrivando nel 2010 a 30 Comuni abilitati rispetto ai 25 dello scorso anno. Nonostante gli utilizzatori siano pochi, la soddisfazione appare elevata: il 55% si è detto molto soddisfatto e ha affermato di utilizzare spesso il servizio. I plus citati sono la comodità (61%), la velocità del pagamento (53%) e la facilità (per il 61% è addirittura “facilissimo”).

In via di sviluppo anche il mobile commerce, che ha raggiunto i 12 milioni di euro di transato nel 2010. Per ciò che concerne gli altri sistemi di pagamento, la ricerca segnala uno sviluppo del soluzioni contactless, oltre 350.000 carte emesse e i circa 2.000 POS abilitati in poco più di un anno.


L'interesse per la possibilità di pagare in mobilità senza dover mettere mano a contanti o carte di credito, dunque, c'è. Quello che manca in Italia è una presa di coscienza comune delle possibilità offerte e una varietà di proposte per gli utenti e per le aziende. Perfezionare gli acquisti con il proprio dispositivo mobile connesso in rete renderà i consumatori più agili, più consapevoli e più reattivi. Basti pensare all'ipotetica possibilità di visualizzare le caratteristiche di un prodotto e delle eventuali alternative mentre ci si trova in prossimità dello stesso.

Via Quo Media