\\ : Articolo : Stampa
Nel 2012 Android si prenderà la metà del mercato degli smartphone
Di Altri Autori (del 12/04/2011 @ 07:07:52, in Mobile, linkato 1565 volte)

Il sistema operativo mobile di Google non si ferma più. Se il 2010 è stato l'anno dell'ascesa nell'olimpo degli smartphone e il 2011 è a detta di tutti gli esperti di settore quello della consacrazione, il 2012 sancirà per Android la vittoria per ko sulle altre piattaforme. I dati rilasciati oggi da Gartner parlano infatti chiaro: quest'anno si venderanno nel mondo poco meno di 470 milioni di telefonini intelligenti, con un incremento di domanda pari al 57,7%, e il software di Mountain View assumerà la leadership di mercato per avviarsi a conquistare, entro la fine dell'anno prossimo, una quota del 49% a livello mondiale.

Dagli analisti arriva dunque l'ennesima conferma che Android farà la parte del leone negli smartphone, un segmento che quest'anno andrà ad incidere nella misura di oltre un quarto (il 26% per la precisione) sulle vendite complessive di telefoni cellulari e che, nel 2015, è destinato secondo le ultime stime a superare la fatidica soglia del miliardo di unità (coprendo il 47% della domanda globale). Fra quattro anni, lo dice Roberta Cozza, principal analyst di Gartner, si materializzerà del tutto anche la cosiddetta "democratizzazione" degli smartphone: il 67% di tutti i dispositivi mobili basati su piattaforme aperte (nella definizione rientrano praticamente tutti i sistemi più diffusi, e cioè BlackBerry OS, Apple iOS, Symbian, Android, Windows Phone, Linux, Limo Foundation, WebOS e Bada) avranno un prezzo medio di vendita non superiore a 300 dollari. Costi all'utente finale che si abbasseranno, spiega ancora l'analista, "soprattutto in funzione della guerra a colpi di ribassi per conquistare quote di mercato che si scatenerà fra i vendor di terminali Android. Il sistema operativo di Google rimarrà una prima scelta nella fascia alta degli smartphone ma nel lungo termine le sue maggiori opportunità di crescita a volumi sarà nella fascia media e low cost, e in tutti i mercati emergenti".

Interessante, nel prospetto redatto da Gartner, vedere come si comporteranno da qui al 2015 le altre piattaforme. Apple è candidata al ruolo di seconda forza fino al 2014, quando la market share di iOs, che toccherà il suo punto più alto quest'anno (arrivando al 19,4%), inizierà a ridursi per lasciare spazio a Microsoft e al suo Windows Phone. La società di Cupertino, questa almeno la sensazione degli analisti, sarà più interessata in futuro a mantenere su buoni livelli i margini di profitto piuttosto che orientata a cambiare la propria strategia di prezzi per perseguire qualche punto percentuale in più nella classifica del venduto. Anche Research In Motion dovrà fare i conti con una progressive erosione delle sue quote di mercato, giustificabile della grande concorrenza che la casa canadese – pronta secondo Gartner a migrare dalla piattaforma BlackBerry OS a Qnx (il sistema installato sul tablet PlayBook) a partire dal 2012 - dovrà affrontare sia in ambito consumer che in chiave business.

Il grande cambiamento nell'arena degli smartphone sarà invece ad opera di Nokia e Microsoft. La casa finlandese spingerà con decisione Windows Phone sui propri smartphone di fascia media verso la fine dell'anno prossimo e già dal 2013 il sistema operativo mobile del gigante di Redmond si isserà sul terzo gradino del podio, dietro Android e iOs. Nel 2015, poi, quando Symbian sarà ormai del tutto fuori gioco, arriverà come previsto a coprire poco meno del 20% delle vendite mondiali. Nell'arco dei prossimi anni, questa l'ultima considerazione elaborata dagli analisti di Gartner, aumenterà ulteriormente la portata degli ecosistemi legati alle singole piattaforme, anche in relazione alla prevista esplosione della domanda per i tablet. Con una conseguenza ben precisa: gli utenti di uno smartphone saranno tendenzialmente incentivati a mettersi in borsa anche un pc a tavoletta (e viceversa) al fine di poter vivere su due diversi device la propria personale esperienza d'uso in mobilità, condividendo fra entrambi applicazioni, servizi, contenuti e quant'altro.

di Gianni Rusconi su IlSole24Ore.com