\\ : Articolo : Stampa
L'e-commerce in Italia vale 14,3 miliardi (grazie al poker)
Di Altri Autori (del 21/04/2011 @ 07:23:02, in Internet, linkato 1464 volte)

Il dato mi pare sorprendente, anche se non è una novità assoluta, perché il settore che ha sempre trainato le vendite online, e cioè il turismo, vale “solo” il 31% della torta complessiva e quindi qualcosa come 4,5 miliardi, mentre l'elettronica di consumo è al 7% a poco più di un miliardo. A livello industriale, poi, il 2010 è stato caratterizzato dall'ingresso in Italia da maxi-gruppi come Amazon, che dopo anni di attesa ha deciso di entrare nel nostro Paese e anche da un servizio come Groupon, la piattaforma per gli acquisti “istantanei” scontati. Nel 2011 il commerio elettronico dovrebbe crescere di un altro bel 30%, con l'editoria che potrebbe mettere il turbo (+35%). Anche se Amazon dovrebbe ancora dominare le vendite, iTunes continuerà a tenere le sue posizioni nella musica online in attesa che il videonoleggio migri definitivamente sul web, con la nascita di servizi “locali” come Netflix. Secondo Casaleggio il grande trend sarà la razionalizzazione dei player in gioco. Con i piccoli sempre più fagocitati dai grandi. Segno che ad ognuno toccherà cercare una nicchia da rendere redditizia.

Il tutto mentre in Europa consorzi come Netcomm stanno facendo la guerra all'Europa, che il 24 marzo ha approvato una proposta di direttiva che dovrebbe favorire i clienti, generando però per gli operatori aggravi complessivi per 10 miliardi di euro. Tra le novità proposte dall'Ue, l'obbligo per ogni sito di e-commerce di vendere in tutta Europa e tempi più lunghi sulla possibilità di recesso.

Qui potete scaricare il report completo.

di Daniele Lepido su IlSole24Ore.com