\\ : Articolo : Stampa
Microsoft-Skype: affare boomerang?
Di Altri Autori (del 12/05/2011 @ 07:17:18, in Aziende, linkato 1723 volte)

L’intesa è fatta: Microsoft si aggiudica Skype per 8,5 miliardi di dollari, con grande stupore degli analisti, che avevano stimato il valore del servizio VoIp tra i 4 e i 4,5 miliardi, con buona pace di Facebook e Google, che a loro volta avevano messo gli occhi su Skype, e con qualche preoccupazione degli addetti ai lavori per una mossa quanto meno azzardata.

Innanzitutto, Microsoft ha strapagato Skype. L’ultima offerta nota alla stampa di settore era quella avanzata da Google poco più di una settimana fa: 4 miliardi di dollari. Molto, ma comunque meno della metà rispetto a quanto sborsato da Steve Ballmer quest’oggi. In prospettiva poi, sarà difficile monetizzare l’acquisto: Skype è sul libro nero di tutte le compagnie telefoniche, che non sopportano l’idea di un programma che consenta di chiamare gratis ovunque. Ergo, gli operatori faranno finché possibile fronte unito contro la diffusione del servizio su smartphone e affini.

C'è poi il problema del bilancio. Skype, nonostante l’enorme popolarità e un’utenza di circa 660 milioni di persone, non riesce ad avere guadagni adeguati: 860 milioni di dollari di profitti per un servizio così diffuso non sono molti, mentre la società ha chiuso il 2010 con perdite per 7 milioni, segnale di un business che fatica a decollare davvero, al di là dell’immagine forte. Difficile immaginare modalità alternative con cui Microsoft possa trarre profitto dall’integrazione (per altro non semplice) del servizio VoIp in Windows o in altri software. Google ha dimostrato che un’utenza ampia può portare soldi solo tramite una altrettanto ampia raccolta pubblicitaria: ma Skype non è un motore di ricerca, non ne ha i numeri nè le caratteristiche, e gli investitori non correranno in aiuto di Ballmer e soci.

La vera motivazione dell’acquisto risiede nella volontà di rilancio del marchio Microsoft, decisamente sotto tono rispetto all'epoca d'oro degli anni '90. Non a caso, negli ultimi mesi Ballmer ha concentrato la propria attenzione su tutte le attività più intriganti, dal punto di vista del marketing, del colosso di Redmond: Xbox, Kinect, l’accordo con Nokia e, infine, Skype. Proprio la partnership con Nokia, cui Microsoft fornirà il sistema operativo per i prossimi smartphone, potrebbe rendere munifica l’acquisizione di oggi. La percentuale di accessi al web in mobilità cresce in maniera spaventosa, con gli smartphone che in Europa hanno incrementato le vendite del 47% tra gennaio e marzo. In un futuro ideale, almeno secondo Microsoft, centinaia di milioni di persone accederanno a internet via cellulare e chiameranno così via Skype, aggirando le tariffe imposte dagli operatori e consentendo a Ballmer di far fruttare l’affare. Ma gli ostacoli alla costruzione di questo eden del ‘tutto gratis’ sono innumerevoli, e comunque Windows Mobile ha avuto scarso successo e bisognerà aspettare il 2012 per un rilancio nel settore mobile (via Nokia, appunto).

In definitiva: per ora, Skype non è che un trofeo nella bacheca di casa Microsoft, che ultimamente languiva impolverata a causa delle vittorie in serie degli avversari. Difficile dire quanto tempo servirà per valutare l’azzardo odierno, che potrebbe rivelarsi un boomerang letale per una società che vede a repentaglio anche il proprio dominio nel campo dei sistemi operativi per pc (con Windows) e dei pacchetti per ufficio (con Office). Di sicuro Google reagirà: a Mountain View già possiedono un servizio VoIp, Google Talk, e possono contare su Android, software per dispositivi mobili già in testa al mercato americano. A Redmond incrociano le dita, ma l’ultima mossa sembra quella della disperazione. O, volendo essere fiduciosi, una versione moderna del gioco delle tre carte.

Via Quo Media