\\ : Articolo : Stampa
Bloggare o non bloggare? Questo è il dilemma
Di Max Da Via' (del 03/11/2005 @ 07:33:46, in Blog, linkato 2597 volte)
Il rapporto di amore-odio tra blog e aziende tiene spesso banco su internet in questi ultimi giorni.

Da un certo punto di vista i blog possono essere visti come possibile fonte di informazioni su abitudini, pensieri e opinioni per quanto riguarda un’azienda, il suo brand e i suoi prodotti. Si tratta, come già detto in altre occasioni, di pareri “di prima mano”, che come tali dovrebbero essere tenuti in adeguata considerazione dai responsabili marketing che aspirano ad una migliore conoscenza del proprio target.

D’altro canto, come emerge chiaramente dalla presa di posizione di Forbes ma anche di altre testate, la natura “anarchica” e potenzialmente distruttiva per l’azienda di alcuni di questi blog rischia invece di creare non pochi grattacapi a chi si occupa di promuovere il brand. Le opinioni espresse in certi siti possono essere fuorvianti e inesatte, manifestate in buona fede ma anche artificiosamente critiche. Diversi blog infatti raggruppano vaste comunità di utenti, e possono influenzare in maniera tangibile la percezione dell’azienda di parte dell’opinione pubblica.

Un' ulteriore opportunità che può facilmente diventare un rischio per alcuni brand deriva dalla nascita di blog monotematici dedicati specificatamente al confronto su prodotti e servizi offerti da aziende famose. Un certo numero di consumatori potrebbe infatti decidere di realizzare un blog dedicato esclusivamente alla vostra azienda, creando uno spazio all’interno del quale raccontare le proprie esperienze e riflessioni in relazione ai vostri prodotti, esprimendo allo stesso tempo giudizi più o meno puntuali su quanto sta succedendo, sul vostro brand e molto altro ancora.

Impossibile? Non direi proprio, in America infatti ne esistono già alcuni, dove si parla della Disney e più specificatamente dei suoi parchi a tema, oppure dello sport drink  Gatorade , ma anche della catena di caffetterie Starbucks.


La loro popolarità è in rapida crescita, grazie anche al fatto che, trattandosi di iniziative autonome del tutto slegate dall’azienda, sono percepite da molti come attendibili fonti dove procurarsi informazioni senza correre il rischio di essere “conquistati” da abili campagne di marketing o comunicazione.

Fino a quando i giudizi espressi sono positivi tutto bene, si può innescare un virtuoso passaparola che giova alla popolarità del brand ma cosa succede quando invece si tratta di critiche, magari ingiustificate? E che dire della possibilità che qualche dipendente scontento o qualche stizzito concorrente possa prendere la parola approfittando della situazione?

Si profila quindi uno scenario con molte incognite, dove da una parte ci sono prospettive interessanti in termini di analisi di mercato e di clima, oltre che di utile pubblicità gratuita, dall’altra però ci si potrebbe trovare costretti a difendersi su molti fronti da attacchi inaspettati, che potrebbero vanificare anni di investimenti e sforzi per consolidare la propria immagine.


Un ringraziamento a Mytech per i link ai siti presentati.