\\ : Articolo : Stampa
MySpace venduta per 35 milioni di dollari. Murdoch la comprņ per 580 milioni
Di Altri Autori (del 01/07/2011 @ 07:09:17, in Social Networks, linkato 1424 volte)

C'è chi l'ha definito, e come dargli torto, uno dei peggiori investimenti del magnate dei media australiano. MySpace, la notizia è ufficiale ed ufficiose sono solamente le cifre dell'operazione, è stata venduta dalla News Corp. a Specific Media (azienda che opera nel mondo dei media digitali e della pubblicità online) e stando alle indiscrezioni di AllThingsD il prezzo pagato da quest'ultima è di 35 milioni di dollari. Per il social network un tempo più popolare di Facebook, Rupert Murdoch sborsò nel 2005 la bellezza di 580 milioni di dollari con l'intento di aumentare esponenzialmente l'audience della sua Fox Tv.

L'agonia di MySpace è quindi finita e l'epilogo non è stato certo quello prospettato da Murdoch quando, a febbraio di quest'anno, comunicò pubblicamente di mettere in vendita la compagnia ipotizzando di incassare non meno di 100 milioni di dollari. La penuria di acquirenti ha però indotto News Corp. ad abbassare drasticamente le pretese ed ecco arrivata la necessità di chiudere la trattativa con Specific Media, di cui il colosso dei media acquisirà una quota di minoranza (fra il 5 e il 10%) del capitale.

Cosa succederà ora a MySpace? Lo statement del Ceo di Specific Media, Tim Vanderhook, parla chiaro: «Combineremo le due piattaforme perché ci sono molte sinergie e perché sono entrambe focalizzate ad innovare continuamente l'esperienza digitale degli utenti». Sta di fatto che il 50% dei 400 dipendenti del social network verrà licenziato ed ulteriori misure di riorganizzazione della struttura del personale sono tutt'altro che remote. La crisi in cui versava la compagnia, del resto, sono ben riassunte dai numeri. Quelli che, stando alle rilevazioni di ComScore aggiornate a fine maggio, attestano il calo drammatico degli utenti unici mensili, scesi a 34,8 milioni contro i 75,9 milioni dei momenti d'oro, e quelli che evidenziano la voragine alla voce ricavi: 470 i milioni di dollari incassati dalla pubblicità nel 2009 (dati eMarketer) e circa 190 milioni gli introiti previsti per quest'anno.


Nei giorni scorsi, quando le voci dell'imminenta vendita si erano fatte insistenti, su Bloomberg era apparsa un'approfondita analisi della storia di MySpace che metteva in luce soprattutto gli errori di gestione che hanno costellato l'evoluzione del sito in questi anni. Errori riscontrabili sia sotto il profilo dei contenuti che da quello squisitamente tecnologico, e in tal senso si criticava la scelta di aver utilizzato un linguaggio di programmazione (ColdFusion) non adeguato. La ragione principale del crack di MySpace è comunque forse un'altra e cioè la perdita progressiva di reputazione presso l'utenza al cospetto dell'ascesa inarrestabile di Facebook e Twitter, più reattivi nel mettere a disposizione di milioni di internauti servizi e strumenti di tipo social. Murdoch deve quindi recitare il classico "mea culpa" senza pensare al fatto che Microsoft investì nel 2007 poco più di 240 milioni di dollari per l'1,6% del capitale di Facebook, che oggi è accreditata di un valore di mercato di oltre 70 miliardi di dollari.

di Gianni Rusconi su  IlSole24ORE.com