\\ : Articolo : Stampa
Vestito social per i brand
Di Altri Autori (del 14/07/2011 @ 07:22:14, in Social Networks, linkato 875 volte)

Una ricerca rivela il posizionamento dei marchi tecnologici sui social network nazionali. Nokia il più noto, nonostante la crisi di vendite.

La rete e i social network possono essere mezzi ideali per rafforzare l’immagine di un prodotto. Una ricerca condotta dal Centro di ricerca sui media dell’Università Cattolica ha monitorato venti compagnie del settore Consumer Electronics e la loro presenza su blog, Facebook, Twitter e YouTube, evidenziando comportamenti comuni e peculiarità dell’uso del web 2.0. Lo studio ha permesso di stilare una classifica che tiene conto degli investimenti in termini di comunicazione e dell’interazione con gli utenti da parte di ciascun marchio.

L’Osservatorio incorona Facebook come luogo privilegiato per la comunicazione aziendale. Sedici delle venti compagnie analizzate hanno una propria pagina ufficiale in lingua italiana e ne fanno un uso assiduo. L’aggiornamento delle bacheche è un’attività entrata nella routine quotidiana di molte società. Le aziende non si limitano ad aggiornare i profili, ma aizzano discussioni sui loro prodotti, con picchi di settanta commenti per alcuni post di Blackberry e Playstation. Il trend più interessante è però l’affermazione della strategia multicanale favorita dall’integrazione di YouTube con gli altri network. Il portale di Google anima le pagine delle compagnie su Twitter e affini con video sempre più allettanti. Va diminuendo invece l’importanza del blog, che fino a pochi anni or sono sembrava un elemento cardine della comunicazione aziendale su internet.

A dominare la graduatoria approntata dallo studio è Nokia, che fa registrare un’elevata frequenza di aggiornamento dei profili e un gran numero di adepti su Facebook e Twitter (oltre 20mila persone). La compagnia finlandese ha un rapporto propositivo con i social media: pubblica due post su Facebook e dieci tweet al giorno, mentre aggiorna il proprio account YouTube con due video al mese. L’assenza dal mondo dei blog non penalizza la sua visibilità. La comunicazione è incentrata sui prodotti, che diventano fulcro del dialogo con gli utenti. A una elevata brand awareness non corrisponde però un successo sul mercato: Nokia sta infatti attraversando un periodo di crisi, culminato nella recente revisione al ribasso dell’outlook per il 2011 e con il crollo del titolo sui mercati azionari. La casa di Helsinki, Samsung, Lg, Playstation, Xbox e Blackberry, fa parte del primo gruppo di aziende evidenziato dall’Osservatorio, quelle che attuano una strategia diffusiva e proattiva poiché sono presenti su un numero di social media che varia da due a quattro e su ciascuno registrano una frequenza d’aggiornamento elevata, con buoni riscontri da parte dei fan. Il secondo gruppo, che comprende Hp, Jvc ed Epson, punta sul presidio dei network stabile e costante, senza picchi di performance particolari. Proprio il colosso dei computer Hp offre un buon esempio di questa strategia dell’equilibrio, con post e video informativi focalizzati sui prodotti che hanno per scopo l’affermazione della presenza dell’azienda piuttosto che il coinvolgimento dell’utenza. Vi sono infine i marchi che hanno scelto una strategia monocanale, con buoni risultati nel mantenimento del profilo e del rapporto con la potenziale clientela. Tra queste compagnie spicca Apple, che concentra la propria comunicazione social su iTunes, con Facebook come canale privilegiato. Gli addetti marketing della Mela sono stati capaci di creare una vera e propria comunità online, che si riconosce nei prodotti proposti senza il bisogno di commentare e dimostrare pubblico apprezzamento per gli interventi sui social network.

Scorrendo i marchi presenti in classifica ci si accorge di come non esista una strategia ideale per conquistare popolarità sui social media. Ciascuna compagnia sceglie un approccio differente che va a rafforzare l’idea e i valori del proprio brand: Nokia offre da sempre prodotti di massa e propone quindi una comunicazione imponente, che punta sui grandi numeri. Viceversa, Apple è storicamente elitaria e radical(chic) e può per questo permettersi di scegliere un solo canale e di utilizzarlo in modo univoco, facendo a meno di una vera e propria interazione con i suoi fan. I social media non determinano, o forse non dovrebbero determinare, le strategie di comunicazione, ma dovrebbero arricchirle rafforzando la presenza e la consapevolezza di sé da parte delle aziende. Anche perché su Facebook non si vende (quasi) niente, nè si fanno grandi conquiste. Al massimo ci si esibisce e si seduce un potenziale acquirente.

Via Quo Media