\\ : Articolo : Stampa
Il cloud cresce ma non conquista l'Italia
Di Altri Autori (del 30/11/2011 @ 07:49:43, in Internet, linkato 1625 volte)

Dopo tanto parlare di servizi cloud, finalmente qualcuno ha cominciato a dargli sostanza e perfino un nome. Si chiama Cisco Global Cloud Index e, per la prima volta, ha misurato la quantità di dati generati dal traffico legato a questo mondo. Anzi, Cisco si è spinta a fare previsioni fino al 2015.

Il cloud, che nel 2010 valeva appena 130 exabyte, nel 2015 arriverà a quota 1,6 zettabyte (mille miliardi di giga). Lo scorso anno valeva l'11% del traffico globale, ma nel 2015 la sua fetta avrà raggiunto il 34%. E poi, già nel 2014, avverrà il sorpasso dei servizi cloud su quelli tradizionali in termini di tempo macchina speso. I server saranno impegnati per il 51% del tempo a elaborare dati legati alla nuvola. "La domanda di mobilità sempre crescente è uno dei motori principali della mutazione nello scambio di dati, e lo sarà anche in futuro", spiega David Bevilacqua, amministratore delegato di Cisco Italia.

Attualmente lo scambio più intenso avviene negli Stati Uniti, che rappresentano il 27% del traffico, seguito dall'Europa con il 26%. L'Italia? "Siamo in leggero ritardo rispetto agli altri Paesi dell'Europa occidentale", continua Bevilacqua. "Ci sono i primi importanti segnali di adozione di modelli cloud. Ma il mercato esploderà letteralmente non appena avremo affrontato e risolto la questione del digital divide".

Via Quo Media