\\ : Articolo : Stampa
Influencer marketing? Giovane e confuso
Di Max Da Via' (del 19/05/2017 @ 07:46:24, in Social Networks, linkato 1113 volte)

Sempre più intrigati dagli influencer, ma ancora lontani dal saperli gestire con sicurezza. Queste, in breve, le conclusioni del report ‘The new face of luxury’ redatto da Econsultancy, società di ricerca e consulenza americana, dopo aver raccolto 300 pareri provenienti da professionisti ed esperti del settore lusso sul rapporto che lega gli influencer a vendite e brand awareness.

Il cosiddetto ‘influencer marketing’ sembra destinato a crescere (la piattaforma MuseFind calcola che il 92% dei consumatori dà maggior fiducia alll’endorsment di un influencer piuttosto che a quello di una celebrity), nonostante sia una strategia adottata da meno di due anni da circa metà dei rispondenti.
In termini di budget, il 59% dei luxury brand ha stanziato una quota del 10% da allocare a questo tipo di promozione, anche se il 66% è pronto ad aumentare questa percentuale entro il prossimo anno incrementando gli impieghi connessi, ad esempio l’influencer relations manager. Il 65% dei brand ritiene efficaci gli approcci sperimentati finora citando con entusiasmo le collaborazioni legate al lancio di nuovi prodotti. Si legge che il filmato Snapchat realizzato da una blogger abbia contribuito alla vendita di 422 mascara Yves Saint Laurent in 24 ore per un totale di 13.500 dollari. Al contrario le campagne adv tradizionali non stanno procurando gli effetti sperati, almeno secondo il 26% del campione.
Il 62% dei rispondenti guarda ai risultati di vendita ottenuti dalle operazioni di influencer marketing, ma oltre il 70% si focalizza sull’ammontare di traffico online generato.
“Cruciale” o “molto importante”, questi i pareri del 77% dei luxury brand in relazione al numero di follower degli influencer che potrebbero essere scelti per una collaborazione.

Non solo top-influencer. A quanto risulta dal report, il 40% del campione è interessato a intrecciare rapporti con personaggi meno popolari rispetto a quelli che vantano milioni di follower (opzionati dal 17% dei marchi). Il 20% conferma che in futuro i luxury brand saranno sempre più interessati a collaborare con personalità relativamente “di nicchia”. Infine, oltre alle immagini, le griffe puntano sempre di più su contenuti video: nei prossimi 12 mesi l’11% dice di voler incrementare questo tipo di comunicazione.

Via PambiancoNews