\\ : Articolo : Stampa
Brand e influencer marketing ai tempi del Covid-19
Di Max Da Via' (del 08/04/2020 @ 07:05:11, in Social Networks, linkato 1256 volte)

Continuano i nostri appuntamenti sulla comunicazione che cambia ai tempi del coronavirus. Dopo il successo del nostro vademecum con le 5 regole d'oro valide per tutti su tutti i canali, nonché un focus sul nuovo ruolo dei social media, passiamo al tema dell'influencer marketing. Abbiamo già sottolineato di recente, infatti, come nonostante le perplessità di molti creativi e pubblicitari rispetto al fenomeno, quest'ultimo continui a crescere, tra nuovi trend 2020 e incremento degli investimenti.

Ad effettuare un'indagine su influencer marketing e aziende ai tempi del Covid-19 è stato il team Pr & Influence di Ogilvy Italia, che ha coinvolto 80 influencer da tutta Italia con una fanbase compresa tra i 50mila e 1milione di follower. Vediamo quanto emerso.

Cambiano i contenuti "influenti"
Ben l’85% degli influencer intervistati afferma che la produzione dei propri contenuti sui social network è cambiata
, per il 39% sia nei formati sia nei temi trattati e moltissimi (84%) sottolineano come sia aumentata l’autenticità. A detta degli influencer i formati più rilevanti sono le IG stories, i video, le dirette Instagram. A livello di contenuti, ovviamente per molti i temi inerenti al Covid-19 e alla quarantena sono diventati centrali. Aumentati i contenuti indoor, quelli con un taglio informativo ed educativo. Infine, molti influencer si sentono investiti di un ruolo importante per le proprie community: trasmettere positività e speranza. La conferma arriva anche da un monitoraggio di Blogmeter, che tra i "top engaging content" pubblicati dalle celebrità vede in testa nuovi esperimenti culinari, allenamenti domestici, consigli per l'intrattenimento (libri, serie tv, ma anche concerti live da casa) e ironia (la #pigiamachallenge lanciata da Alessandro Borghese ha ottenuto 34K interazioni in pochi giorni).

Il marketing continua, ma con equilibri diversi
Nel 74% dei casi gli influencer affermano di essere stati contattati nelle ultime settimane da un brand, anche con cui non avevano mai lavorato prima (43%). Per la maggior parte le collaborazioni sono focalizzate sull’emergenza Covid-19 o su un breve periodo di tempo (74%), ma per 1 su 3 possono essere anche partnership di medio-lungo periodo. È anche vero, però, che assistiamo ad un diverso equilibrio tra contenuti sponsorizzati da un brand e invece contenuti personali, dove i secondi prevalgono.

Un futuro di maggior valore
La quasi totalità degli intervistati sarebbe felice di mettere a disposizione la propria esperienza per attività digital di brand, soprattutto incentrate su valori e messaggi più alti. Largo, dunque, a workshop, tutorial e format di edutainment, con argomenti di educazione e intrattenimento in linea con la loro expertise. In un momento come questo, dove molto si sposta sul digitale, tanti influencer ritengono infatti di essere un asset importante per le aziende anche per informare ed educare. Guardando al futuro, la maggior parte degli influencer crede, infatti, che la propria professione sia destinata a cambiare. E spera che il cambiamento vada nella direzione di creare collaborazioni con le aziende in modo sempre più coerente, dando spazio a messaggi e valori più che alla semplice promozione di prodotti ed iniziative.