\\ : Articolo : Stampa
Warner Bros debutta con il peer to peer
Di Max Da Via' (del 05/02/2006 @ 07:12:45, in Internet, linkato 3259 volte)
Se il mondo della musica grazie a internet sta vivendo una profonda rivoluzione dei canali distributivi anche nel settore della cinematografia qualcosa sta cambiando.

Warner Bros, colosso americano dell'entertainment ha recentemente annunciato l'intenzione di voler vendere film e programmi utilizzando la tecnologia peer to peer, a partire dal prossimo marzo. Inizialmente questo esperimento è limitato a Germania, Austria e Svizzera, ma potrebbe allargarsi ad altri Paesi se darà i risultati sperati.

Il servizio si chiamerà "In2Movies", e darà la possibilità di scaricare film e serie televisive dell'azienda, compresi molti prodotti di successo, come Batman Begins e Harry Potter e il calice di fuoco, oltre a programmi realizzati per la televisione tedesca.

Il meccanismo di funzionamento di In2Movies dovrebbe essere molto simile a software peer-to-peer come BitTorrent, che tanti dispiaceri hanno causato alle case discografiche, per cui lo scambio di contenuti non avverrà passando attraverso un server centrale, ma utilizzando direttamente iil materiale presente nei computer collegati al network. Basato su una piattaforma sviluppata da Arvata nelle intezioni degli ideatori dovrebbe essere "blindato", per evitare che possa favorire lòa circolazione non autorizzata dei contenuti.

La maggiore disponibilità di connessioni veloci senza dubbio contribuisce all'affermazione di queste nuovi canali distributivi, specie per i contenuti multimediali. Finora però questa maggiore rapidità nel downnload ha giocato soprattutto a favore della pirateria e dello scambio illegale di materiale. Secondo le stime di alcuni analisti infatti oltre il 60% del traffico su banda larga è legato allo scarico illegale di film e musica.

L'utilizzo di questa tecnologia potrebbe quindi rappresentare, se opportunamente implementato, uno strumento per sconfiggere o quantomeno limitare la pirateria on-line, soprattutto se abbinato a modelli di pricing competitivi.

Il prezzo per ora è uno dei principali punti deboli della soluzione, in quanto secondo le prime indiscrezioni film e telefilm così distribuiti avranno un costo vicino a quello dei normali DVD. Considerando che non ci sono più da affrontare i costi relativi al packaging e alle attività sul punto vendita, oltre ad una notevole riduzione di costi di distribuzione, stupisce che tutti questi risparmi non si traducano almeno in parte in benefici per gli acquirenti.

Proprio la limitata convenienza dell'iniziativa potrebbe quindi rivelarsi come uno dei principali ostacoli delprogetto, che però sembra evidenziare come anche secondo le aziende la maggiore disponibilità di banda possa portare ad una crescente importanza del canale elettronico come alternativa alla distribuzione tradizionale, in maniera in parte analoga a quanto già avviene per la musica.