\\ : Articolo : Stampa
Interattiva, personale e multicanale: ecco come il Web cambia la tv che verrà
Di Altri Autori (del 12/03/2008 @ 07:48:50, in Internet, linkato 2114 volte)

La diffusione capillare degli accessi broadband – Telecom Italia vede 30 milioni di italiani attivi sulla banda larga fissa e mobile nel 2010, rispetto agli attuali 12,8 milioni - è il passaggio obbligato per lo sviluppo prossimo venturo della televisione via Internet. In un settore in cui sono ancora molte le divergenze (tecnologiche e commerciali) fra i vari attori in gioco, almeno su un punto tutti sono sostanzialmente d'accordo. Al Cebit di Iptv s'è parlato molto e qualcosa di nuovo si è pure anche visto, per lo meno in fatto di set top box digitali: quelli delle tedesche Arcor e Avm sono oggi dotati di estesa capacità di archiviazione di contenuti video (fino a 160 GByte) e di strumenti avanzati (connettività Wi-Fi e interfaccia Hdmi) per portare la Tv on demand in alta definizione sugli schermi di casa.

Ad Hannover hanno presenziato attivamente molti dei principali operatori dell'universo Iptv e fra questi Deutsche Telekom e Alcatel-Lucent. La compagnia tedesca, che di recente ha superato il tetto dei 100mila abbonati al proprio servizio di Tv digitale, ha fatto capire a chiare lettere che il futuro di questo media si chiama interattività: gli utenti, in pratica, diventano soggetti attivi nella fruizione dei programmi in palinsesto e vengono invitati a interagire con contenuti locali, a condividerli con gli altri utenti della community, a partecipare a giochi on line e ricevere informazioni pubblicitarie on line. La società francese, proprio al CeBit, ha mostrato in anteprima la tecnologia (che sfrutta la piattaforma Mediaroom di Microsoft) che anima l'idea di televisione interattiva di cui sopra, che Deutsche Telekom vede come una componente essenziale di T-City, l'innovativo progetto di città digitale a cui il gigante delle telco sta lavorando da anni.

Personalizzare l'esperienza televisiva - intesa come modalità di fruizione dei contenuti video che non visualizzeremo più solo sullo schermo del televisore ma anche su quelli del personal computer e del telefonino – è invece la ricetta di Ericsson. La visione strategica della casa scandinava è quindi in sostanza la seguente: film, video e notiziari ci seguiranno ovunque, su qualsiasi dispositivo e in modo del tutto personalizzato. E quindi infrastrutture, tecnologie, terminali e servizi dovranno andare in questa direzione, a supportare cioè una modalità di utilizzo del media diverso, ispirato ai principi dell'interattività, della comunicazione, dell'alta definizione e della facilità di produzione e consumo di contenuti auto-generati. L'Iptv di domani, in definitiva, deve essere facile da usare e da connettere con altri media, economicamente accessibile e ricca di contenuti rilevanti, esportabile su diversi schermi e personalizzabile secondo gusti ed esigenze.

Per soddisfare e fidelizzare i consumatori da una parte e offrire agli operatori (carrier telco, produttori di contenuti digitali e media company) dall'altra l'opportunità di cavalcare nuovi orizzonti di business, che abbracciano ovviamente anche la pubblicità, che a sua volta dovrà essere sempre più mirata, interattiva e misurabile.

di Gianni Rusconi