\\ : Articolo : Stampa
Stringer: «Così Sony supererà i coreani»
Di Altri Autori (del 03/09/2008 @ 07:49:04, in Aziende, linkato 1735 volte)

«Torneremo a dominare il mercato dell'intrattenimento domestico digitale, mettendo al centro televisori ad alta definizione abilitati a internet e contenuti digitali online ed offline». Sir Howard Stringer, il 64enne manager scozzese, baronetto di Sua maestà, che dal 2005 è al vertice della giapponese Sony non ha dubbi sul futuro della sua azienda. Ed è dunque una Sony tonica e agguerrita, quella che si presenta all'edizione 2008 dell'Ifa, il salone dell'elettronica di consumo in corso a Berlino dove ha esposto il televisore ad alta definizione Lcd più sottile del mondo e ha rinnovato il proprio impegno sul fronte dei contenuti interattivi online. Proprio in occasione di Ifa, «Il Sole-24 Ore» ha incontrato l'uomo che creato la Sony 2.0, il top manager ha ribaltato l'ingessato zaibastsu dell'elettronica, l'ha reso più veloce e ha detto basta alle guerre intestine fra le tante anime della corporation: hardware, software, audio video, film e computer.

E così, forte del suo successo, l'affermazione del Blu-Ray come disco video ottico ad alta definizione, Stringer si è presentato all'appuntamento berlinese con molte novità e una strategia chiara: riconquistare entro il 2010 il primo posto nei televisori, antico core business dove Sony è ripartita praticamente da zero a causa della rivoluzione Lcd che pose fine all'era dei fasti cadotici di Trinitron. L'obiettivo è affermarsi come fornitore globale di sistemi di intrattenimento connessi in rete e di contenuti digitali. E che film, musica, giochi e interattività online siano la chiave della nuova Sony è nel Dna dello stesso chairman e chief executive office. Stringer, istrionico ex giornalista, con esperienza nel mondo della tv e della musica è, infatti, tutto l'opposto del classico manager-ingegnere, tutto bit e silicio, di una multinazionale del Sol Levante giapponese.

Sir Stringer, la pressione competitiva dei rivali coreani e di Samsung, in particolare, è indubbiamente forte, come intendete reagire per fronteggiare i competitor?
Indubbiamente sentiamo la competizione, e non solo quella coreana e asiatica in generale. La avvertiamo forte, ma questo ci stimola e fare meglio, ci dà la forza di creare prodotti più innovativi. Abbiamo rivisto la nostra struttura dei costi e investiamo nell'innovazione. Va detto però che non abbiamo un solo grande competitor come Samsung ma ci confrontiamo con tante realtà globali in numerosi business dell'era digitale.

Può fare un esempio?
Samsung è un competitor in alcune aree, come quella dei televisori, ma ci confrontiamo con Canon nelle macchine fotografiche, con Microsoft nei videogame e con Apple nei player mp3.

Certo, la rivale Apple, la casa della mela che con l'iPod vi ha tolto l'antico scettro in formato Walkman della musica da passeggio. Quale è la situazione nel segmento dei player Mp3, anzi dei digital media player?
Noi continuiamo e continueremo a proporre i nostri walkman digitali, ci siamo aperti agli standard globali come l'Mp3 e abbiamo lanciati nuovi modelli ultrasottili. Non temiamo raffronti in questo settore, per resa sonora e praticità d'uso. Walkman è ancora un nostro brand chiave.

Sony è dunque attaccata su molti fronti, non vi sentiti un po' assediati? Non le pare che Sony sia come una sorta di impero romano della tecnologia aggredito dai barbari?
No, l'impero romano è stato sconfitto, mentre noi siamo solidi. Adesso Sony è finalmente unita: è una sola ed è capace di agire sinergicamente per contrattaccare su più fronti. Noi disponiamo non solo di grandi risorse tecnologiche, costruiamo hardware e progettiamo software, ora siamo in grado di esprimere una notevole capacità di fuoco. E abbiamo un'arma in più: i contenuti e la capacità e volontà di usare la Rete. Samsung si allea con Yahoo!? Bene, ci stanno solo inseguendo.

Con l'affermazione del Blu-ray, Sony ha incassato un successo di capitale importanza, quali i motivi alla base?
Sì, con la vittoria del Blu-ray sull'Hd Dvd abbiamo evitato una "Betamax 2". Tra le ragioni del successo vi è certamente la Ps3, la nostra console per videogiochi che legge i film ad alta definizione. Il Blu-ray sta avendo grande successo, l'adozione è più rapida di quando non fosse stata quella del dvd nei primi mesi. La gente ha capito che la qualità di immagine è un valore.

Ne è sicuro? Non crede che gran parte del pubblico sia indifferente all'alta definizione? Non ritiene che magari i giovani che vivono di cellulari e internet alla qualità possano preferire la portabilità e la condivisione via internet? In fondo a molti basta youtube...

Guardi, il mondo digitale è ampio e ci sono tante alternative, ma l'intrattenimento domestico presuppone la qualità dell'audio e del video. Una volta provata l'esperienza dell'alta definizione, mi creda, nessuno torna più indietro.

A proposito di frontiere del cinema, cosa pensa dei film digitali 3D, in tre dimensioni, di nuova generazione?
Si tratta certamente di una grande innovazione, capace di portare in sala e casa un coinvolgimento senza precedenti, ma è adatta solo per alcuni tipi di pellicole: ideali in tal senso sono i film di animazione.

Quando alla portabilità dei contenuti quale è la vostra strategia?
Si basa proprio sui network enabled device, sui dispositivi interconnessi in rete. Entro il 2011 praticamente tutti i nostri dispositivi dovranno essere abilitati alla reti e dotati di funzioni wireless. Stiamo puntando infatti sui servizi online, sul nuovo Bd Live per l'alta definizione interattiva e sul network per la Playstation.

A proposito di videogame, come sta andando la Ps3?
La console sta ora vendendo bene, dopo le difficoltà iniziali. Ora è un business profittevole e questo è estremamente positivo perché ci stavamo rimettendo un sacco di soldi. Adesso Ps3 è al centro delle nostre strategie per l'home entertainment: non è solo una console, è un lettore di Blu-ray ma anche un server multimediale da salotto, che porta il web a portata di telecomando. Ed ancora il televisore al centro del salotto e non il pc come avrebbe voluto Microsoft. Quello della Ps3 è un business diverso da quello di Ps1 e Ps3, una rivoluzione di vasta portata nel mondo dell'entertainment digitale che adesso sta dando i suoi frutti.

Sony è, con Vaio, anche un produttore di personal computer, vi lancerete nel segmento dei netbook, cioè dei piccoli e ultra economici pc portatili ora così di moda?
Diremo la nostra anche in questo settore, ma non intendiamo proporre prodotti ultra economici. Il low cost non ci interessa soprattutto se comprime i nostri margini di guadagno. E noi siamo molto adesso molto attenti alla profittabilità.

di Mario Cianflone su ILSOLE24ORE.COM