\\ : Articolo : Stampa
Business aperto per mercati aperti
Di Altri Autori (del 23/09/2008 @ 07:33:34, in Mercati, linkato 2050 volte)

Nel mondo è in corso una rivoluzione pacifica trainata dalle economie a più rapido sviluppo. Le barriere al commercio globale non sono mai state così basse e la comunicazione così semplice, un fenomeno che sta portando con sé riforme politiche, trasparenza culturale, progresso sociale, oltre a un'ondata di creazione di ricchezza. Cosa sta trainando questo progresso? L'internet, naturalmente. Ma se scaviamo sotto l'apparenza vediamo che è anche attribuibile a un massiccio spostamento verso la libertà tecnologica, soprattutto per quanto riguarda i mercati emergenti.
La parola "free" ha diversi significati. Nell'ambito della tecnologia rappresenta una filosofia che respinge i vincoli proprietari, di solito esportati dai colossi dei Paesi sviluppati. Il "free" comprende la collaborazione, l'apertura e gli standard, questi ultimi senza royalty o rischi di dispute sui brevetti.
Una volta dominate dai superfanatici e dagli idealisti, queste comunità tecnologiche libere e aperte hanno preso piede ovunque e oggi finiscono per avere un impatto diretto sulle tecnologie utilizzate per scrivere e archiviare leggi e regolamenti, per filmare e distribuire notizie e spettacoli e perfino per la gestione delle gare per i maggiori enti pubblici. Non si tratta più di attivisti studenti che promuovono la libertà tecnologica, ma sono i Governi in tutto il mondo che delineano il futuro dei loro sistemi politici, l'evoluzione dei mercati dei media e la loro stessa capacità nel costruire ricchezza per i loro cittadini all'interno della rete globale. Hanno compreso che il loro progresso si basa sulla loro volontà e capacità di prendere una posizione sugli standard tecnologici e sul software open source.
Gli analisti di Gartner stimano che entro il 2012 il 90% delle aziende a livello globale utilizzeranno software open source. Se si guarda al mondo in via di sviluppo, mi sembra che l'uso di questo software sia già oggi onnipresente: aziende in India, Cina, Europa dell'Est, America centrale e del sud stanno usando in misura massiccia software open source per creare enormi ricchezze.
Ma non è solo un trend a livello di aziende.
Prendiamo per esempio Luiz Ignacio da Silva. Intenzionato a colmare il presunto gap tecnologico tra il Brasile e i Paesi più ricchi, il suo Governo si è messo alla testa di un movimento nazionale per la promozione degli standard aperti, insieme al software libero e open source. Il risultato è che la grandissima maggioranza delle aziende brasiliane, oltre il 70%, usa oggi software open source, l'industria nazionale del software si è consolidata e decine di milioni di brasiliani hanno iniziato a beneficiare della rete, aprendo nuovi mercati e conti bancari online, creando business su internet ed entrando nel processo politico ed elettorale, spesso per la prima volta.
Ci sono più di un milione di sviluppatori di software solo in Cina e in India, molti dei quali non possono permettersi diritti di licenza punitivi, e che quindi si rivolgono a software open source, che vanno sotto il nome di MySQL, Ubuntu Linux, OpenSolaris, Java o OpenOffice.org. Con questi prodotti e con le loro capacità il mercato globale si apre al loro lavoro, e anche ai business che possono creare potenziando le stesse tecnologie di Sun Microsystems, Google e Amazon. Per dare un'idea delle grandezze coinvolte, OpenOffice.org è la suite per ufficio libera utilizzata da oltre cento milioni di persone in tutto il mondo, con maggior concentrazione tra i Paesi in via di sviluppo. Molti Governi in tutto il mondo, tra cui il Sudafrica, l'India e la Malaysia, oggi adottano i formati aperti alla base di OpenOffice (noti come Open Document Format od Odf) che contribuiscono a una riduzione dei costi e che garantiscono un accesso paritario a tutti i cittadini a materiali importanti per i prossimi anni.
Ma chi mai potrà basare il proprio business o la propria economia sull'open source? Con internet che arriva ovunque l'open source sta diventando il fondamento dei business model più sofisticati (e redditizi) del mondo. Dalla ricerca libera (Baidu) al free social network (Xiaonei o Minglebox), dall'informazione (Ft.com e Sina.com) al free software (Sun Microsystems), il "free and open" è una strada a doppio senso. Ci sarà pure una ragione se apprezziamo le parole libero e aperto quando le accompagniamo con la parola "mercato".
I maggiori mercati del mondo stanno emergendo davanti ai nostri occhi potenziando le tecnologie libere e aperte trainati da quelli con meno da spendere e più da guadagnare dall'espansione globale. E a questo scopo il prossimo fine settimana è l'International Software Freedom Day, che vuole rappresentare non solo gli ideali di libertà e apertura, ma anche gli obiettivi delle economie mondiali. Sia che siate manager, sviluppatori, professori, studenti, consumatori o leader politici, internet vi permette di partecipare direttamente alle crescenti opportunità economiche, rendendo più veloce il progresso sociale e migliorando l'efficienza del mercato. Le opportunità sono ovunque. Basta unirsi!

di Jonathan Schwartz su ILSOLE24ORE.COM