\\ : Articolo : Stampa
La guerra delle apps: Android potrebbe superare l'Apple Store a luglio
Di Altri Autori (del 02/05/2011 @ 07:59:41, in Mobile, linkato 1307 volte)

Per la casa di Cupertino e per Steve Jobs è uno dei punti di forza dell'ecosistema che al momento rende l'accoppiata iPhone-iPad un binomio vincente, oltre che due prodotti "best seller". L'Apple Store, il negozio virtuale dove poter scaricare, gratuitamente o a pagamento, le applicazioni per i prodotti a piattaforma iOs è un fiore all'occhiello per la società della Mela. Di più, un vanto da esibire in faccia alla concorrenza, dall'alto delle circa 380mila apps complessivamente disponibili al download a tutto marzo. Di queste quelle per iPad erano circa 80mila 16mila dedicate ai libri e 13mila ai giochi - con un'incidenza di quelle "free" pari al 30 per cento. Presto, però, questo primato potrebbe venire meno e a scardinare il dominio di Apple c'è ovviamente la sua attuale grande rivale nel mondo mobile, Google.

Stando infatti a uno studio recente della società di ricerca specializzata Distimo fra i tanti negozi che propongono software e servizi per smarthone e tablet e quindi l'Android Market, il BlackBerry App World, l'Ovi Store di Nokia, l'App Catalog di Palm e il Windows Marketplace di Microsoft quelli che hanno conosciuto di recente una crescita più veloce sono il primo e l'ultimo della lista. Notizia non certo trascendentale, ma ciò che ha messo in evidenza il rapporto è di ben altro peso: se le dinamiche di sviluppo di tutti gli application store (compreso quello di Apple) dovessero rimanere tali per i prossimi cinque mesi e considerando nel conteggio le sole apps per iPhone, il negozio di Google diventerebbe quello più grande in assoluto per numero di apps disponibili.

A fine giugno, infatti, si materializzerebbe questo scenario: App Store davanti a tutti con oltre 370mila apps per l'iPhone (cui si aggiungono le circa 100mila per l'iPad), Android Market a quota 330mila e poi il solco fino alle 40mila apps per i BlackBerry. Con il mese successivo, e quindi a luglio, le prime due posizioni potrebbero invertirsi e quale terza forza di questo segmento ecco spuntare il Marketplace dedicato ai Windows Phone 7. Android segnerebbe dunque un altro punto a proprio favore dopo quello relativo al numero di apps gratuite oggi offerte, che secondo Distimo sono già in numero superiore (134mila contro 121mila) rispetto a quelle che Apple mette a disposizione per gli utenti di iPhone e iPod Touch.

Applicazioni a parte, c'è anche un'altra tendenza che forse "preoccupa" i vertici di Apple. Ed è quella che riguarda le vendite di nuovi smartphone negli Stati Uniti. Stando infatti agli ultimi dati elaborati da Nielsen, Android era a bordo del 50% dei telefonini acquistati nel periodo settembre 2010/febbraio 2011 e tale percentuale è risultata essere doppia di quella attribuita all'iPhone. Per i BlackBerry di Research In Motion, solo tre anni fa gli smartphone per eccellenza negli Usa, una fetta del 15% mentre le richieste per i terminali Windows si sono fermate al 7% del totale e quelle per apparecchi Symbian all'1%.

Il dato non fa che confermare ancora una volta come Android sia diventato, di fatto, il sistema operativo di riferimento nei telefonini e questo grazie all'azione sul mercato di produttori come Samsung, Htc, Lg e Motorola Mobility ed è quello entrato ormai nelle preferenze di acquisto dei consumatori. Secondo le rilevazioni di Nielsen, in tal senso, il 31% dei consumatori (erano il 26% nel 2010) pensa alla piattaforma di Google per ciò che concerne l'acquisto di un nuovo smartphone androide. Per contro, chi rimane affascinato dall'iPhone è il 30% dell'utenza (in discesa di tre punti).

Un ultimo dato, altrettanto interessante, gioca invece a sfavore della casa di Mountain View e riguarda l'interesse degli sviluppatori. Vuoi per i noti problemi di eccessiva frammentazione della piattaforma, vuoi per gli ancora scarsi risultati di vendita in campo tablet, l'appeal del software per chi scrive applicazioni è in lieve flessione in quanto la quota di coloro dichiaratisi, in un sondaggio di Idc, "molto interessati" ad Android è scesa nell'ultimo mese all'85% rispetto all'87% registrato a gennaio. In calo (e sempre di due punti percentuali) anche le attenzioni verso l'Os di Apple, che però rimane un riferimento irrinunciabile per il 91% degli sviluppatori.

di Gianni Rusconi su IlSole24ORE.com