Immagine
 mymarketing.it: e tu cosa ne pensi?... di Admin
 
"
Errare è umano, ma per incasinare davvero tutto è necessario un computer.

Arthur Bloch
"
 
\\ : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Altri Autori (del 30/06/2009 @ 07:03:30, in Media, linkato 1617 volte)

Microsoft ha annunciato un accordo con il gruppo di pay-tv francese Canal Plus, che consentirà di guardare film e partite di calcio attraverso la console Xbox 360 prodotta dalla compagnia americana.
 
Oltre un milione di utenti francesi di Xbox potranno accedere ai servizi di video on demand, scegliendo tra film, soap opera, serial e lungometraggi, oltre al campionato di calcio nazionale, alla Champions League e alla Europe League. L’accordo con Canal Plus, fa seguito a quello siglato il mese scorso tra Microsoft e l’emittente inglese a pagamento BskyB.

Via Quo Media

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Altri Autori (del 29/06/2009 @ 07:07:25, in Mobile, linkato 1532 volte)

La pubblicità sui cellulari, entro cinque anni, costituirà il 5-10% della spesa pubblicitaria globale sui media, grazie anche alla domanda dei paesi in via di sviluppo.
 
A sostenerlo è Microsoft, per voce dell’alto dirigente Scott Howe. La casa di Redmond ha lanciato di recente Bing, motore di ricerca all’avanguardia nello sfruttamento della pubblicità su internet.

Via Quo Media

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 

Ben 32 nuovi testimonial per Pepsi: niente vip, sportivi, attori o veline, però, bensì 32 consumatori che mettono la loro faccia su oltre 60 milioni di lattine Pepsi Classica e Pepsi Light.

Nell’epoca della “celebrità per tutti”, moltissimi consumatori sono stati infatti attratti dalla prospettiva di vedere il proprio volto stampato su milioni di lattine per tutto il 2009. La dinamica del concorso era molto semplice: bastava inviare la propria foto al sito Pepsi e sottoporsi alle votazioni. Gli utenti stessi del sito, con oltre 430mila voti e dopo più di 9mila messaggi e appelli al voto scambiati sul sito Pepsi, hanno decretato con i loro voti i vincitori scegliendo tra più di 2100 foto.

Campania, Lombardia, Sardegna e Sicilia le regioni con il maggior numero di vincitori. In generale, gli uomini si sono dimostrati più vanitosi delle donne con una partecipazione massiccia al concorso.

“Siamo decisamente soddisfatti di questa operazione”, commenta Rafael Narvaez, Marketing Director PepsiCo Beverages Italia; “Il concorso Be The Face è stata un’operazione di marketing innovativa e unica, perfettamente in linea con la filosofia Pepsi che cerca di stabilire legami durevoli con i propri consumatori rendendoli partecipi del Marchio in maniera attiva ed interattiva”.
Gli oltre 60 milioni di lattine Pepsi personalizzate con i volti dei consumatori sono presenti sugli scaffali da aprile.

Via Marketing Journal

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Altri Autori (del 25/06/2009 @ 07:52:36, in Pubblicità, linkato 1597 volte)

Nielsen ha reso pubblici i dati sulla raccolta pubblicitaria nel primo quadrimestre 2009. Gli investimenti nel settore si confermano in calo, facendo registrare una contrazione del 18%.
 
L’unico media che sembra riuscire a evitare la recessione è internet, che ha chiuso l’inizio dell’anno con numeri positivi (+6,7% per 188 milioni di euro), grazie anche alla crescita del gioco d’azzardo online.  N
Nel primo quadrimestre, gli introiti media derivati dalla pubblicità ammontano a 2.860 milioni di euro. Nel confronto diretto tra aprile 2009 e aprile 2008, grossi nomi come Wind, Vodafone, Ferrero, Volkswagen, Unilever, Barilla, Procter&Gamble, Danone, Fiat e L’Oreal, i così detti top spender, hanno mediamente ridotto la spesa pubblicitaria del 13,4%.
 
L’analisi dei mezzi mostra per la televisione, canali generalisti e satellite, una flessione del 15,3%, mentre il complesso della stampa ha fatto segnare un calo pesante del 25,6%. La radio diminuisce del 19,2%, le affissioni addirittura del 33,4%.

Via Quo Media

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Altri Autori (del 24/06/2009 @ 07:12:36, in Mobile, linkato 1784 volte)

L’uso del telefonino per navigare online è in crescita anche in Italia, anche se a tassi inferiori rispetto a quelli europei. Oltre sette milioni di utenti italiani hanno utilizzato i cellulari per accedere ad internet. L’alto livello di penetrazione in Italia, della navigazione internet tramite cellulare, è stata sicuramente favorita dalla diffusione dell’ i-Phone e in generale dei 3G.

Secondo la ricerca-presentata al Convegno “Mobile Content & Internet: niente è più come prima!”- l’accesso a notizie e informazioni via browsing guadagna il 12% di reach a gennaio, una penetrazione leggermente inferiore alla media europea, il 14%.

La crescita del mobile internet in Italia è tuttora penalizzata dalla preponderanza delle prepagate e delle tariffe a consumo, a scapito di piani tariffari a traffico illimitato il cui utilizzo si diffonde lentamente a differenza del resto d’Europa.

Dal punto di vista socio-demografico, gli utilizzatori di Internet su mobile si rivelano più adulti rispetto alla media europea, tra i 37 e 38 anni in media in Italia, tra i 33-34 della media europea, e evidenziano una marcata componente maschile.

I principali consumi dei navigatori, ad eccezione di e-mail e social networking, riguardano motori di ricerca (43% di chi naviga news ed info), informazioni meteo (30%), news in generale (29%), dice lo studio. Bene anche i contenuti/servizi a carattere meno informativo e più ludico come lo sport (24%) e l’entertainment (19%).

 Tra le prime posizioni si collocano anche le mappe (26%) e i contenuti/servizi a carattere tecnologico (23%) e finanziario (financial news 20%, accessed financial account 19%).

 Dalla ricerca, basata sull’analisi di un campione di 3.200 individui rappresentativo della popolazione italiana, spiega in una nota l’Osservatorio Mobile Content & Internet della School of Management del Politecnico di Milano - che ha organizzato l’incontro - è emerso anche l’elevato livello di conoscenza dei Mobile Content nella popolazione italiana. Il 94% ha dichiarato di essere a conoscenza della possibilità di fruire di almeno una tipologia di Mobile Content tramite il proprio telefono cellulare.

 Per alcune tipologie di contenuti, come, ad esempio, suonerie, giochi, informazioni via sms, televoto, sfondi - tale percentuale è superiore all’80%.

Oltre il 25% della popolazione italiana, pari a oltre 13 milioni di individui, dichiara di aver acquistato almeno un Mobile Content nell’ultimo anno. Poco più del 14% (circa 7,7 milioni di persone) dichiara di aver acquistato più di una tipologia di contenuto.

 Quasi il 6% (3,1 milioni di individui) dice di aver comprato Mobile Content almeno una volta al mese.

 “Il telefonino rappresenta il social media per eccellenza; basti pensare a quanti sms vengono scambiati tra utenti tutti i giorni”, dice in una dichiarazione Filippo Renga, responsabile della Ricerca dell’Osservatorio Mobile & Internet.

“Il Mobile Internet oggi abilita nuove forme di relazione tra utenti, come l’accesso ai servizi di instant messaging e di social networking. Indubbiamente una sempre maggiore penetrazione dei telefonini di nuova generazione darà ulteriore stimolo alla diffusione della fruizione del mondo Internet tramite cellulare, rendendo sempre più semplice e naturale navigare il Web”.

Via Marketing Journal

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 

Secondo una ricerca di GfK, una stragrande maggioranza dei consumatori americani dichiara che, una volta passata la recessione, continuerà a comprare le private label della grande distribuzione.

(si veda questo pdf scaricabile)

A quanto pare, la qualità di questi prodotti è considerata più che soddisfacente - uguale o migliore di quella dei prodotti a marchio (definizione, btw, abbastanza superata - ormai anche molti prodotti delle catene sono delle vere e proprie marche...).

Anzi, emerge una domanda di avere ancora più varietà e numerosità dei prodotti a marchio privato, quasi una richiesta di copiare e migliorare i prodotti esistenti...ad un prezzo migliore.

Sicuramente la recessione con le sue pressioni economiche è un fattore molto motivante nel cambiare abitudini d'acquisto, e questo ha portato ad un incremento nell'acquisto delle marche commerciali - acquisto che si sta trasformando in una abitudine.

Questo fenomeno sicuramente pone interessanti sfide per le marche, he devono obbligatoriamente lavorare, sia in termini di marketing che di comunicazione, per riguadagnere la percezione di un superiore valore, di una giustificazione di un prezzo più elevato o premium agli occhi dei loro consumatori...

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Gianluigi Zarantonello (del 22/06/2009 @ 08:00:00, in Internet, linkato 1507 volte)

Beh, probabilmente per ora questo titolo vi parrà oscuro ma a breve quella descritta non sarà un’esperienza così surreale, visto che il cinguettio sarà su Twitter.

Twitter è un servizio di microblogging che consente agli utenti di mandare aggiornamenti al proprio status con brevi messaggi di testo (140 caratteri).

Da molti è individuato come la prossima applicazione di massa per il web 2.0 e, stando a  quanto riportato da ComScore Media Matrix, il sito ha raggiunto ad aprile 17 milioni di visitatori statunitensi, l’83% in più rispetto a marzo e il 3000% in più dello scorso anno.

Sicuramente dunque si presta ad essere un canale di marketing, a patto che sia usato bene.

Per chi è dunque Twitter?

1) Per chi ha tanti contenuti freschi e frequentemente aggiornati, nessuno si interesserebbe di un aggiornamento fatto una tantum ogni mese.

2) Per chi ha già altre iniziative sul web in pista: Twitter si integra ottimamente con siti e blog grazie ai servizi aggiuntivi e alle API. Un canale di twits senza legami e fine a se stesso mi sembra poco utile per noi e per i navigatori, mentre Twitter ci aiuta ad aggiornarci real time su blog, eventi e quant’altro ci interessi.

3) Per chi sa parlare ai clienti in modo non solo promozionale: come recita una delle tesi del ClueTrain Manifesto “le conversazioni tra esseri umani suonano umane. E si svolgono con voce umana”.  Potete parlare di promozioni e offerte ma non focalizzatevi solo su questo e scegliete bene il linguggio e i temi.

4) Per chi lavora sui social media con un approccio strategico: anche per Twitter occorre avere fatto un ragionamento strategico sulla base degli strumenti teorici e pratici di cui ho più volte parlato recentemente.

5) Per chi sa misurare i risultati in modo nuovo: ho già avuto modo di dire che la misurazione del ROI dei social media è possibile a patto di non rimanere prigionieri dei vecchi schemi. In questo bel post Leonardo Bellini spiega molto la logica e gli strumenti per misurare Twitter.

E voi, adesso che ne sapete qualcosa di più, siete pronti a far cinguettare il vostro marketing?

Gianluigi Zarantonello
via http://webspecialist.wordpress.com

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Altri Autori (del 18/06/2009 @ 07:47:30, in Comunicazione, linkato 2114 volte)

Da una recente ricerca svolta dal Chartered Institute of Public Relations emerge che tra i comunicatori inglesi sono diffuse ben otto definizioni di ROI della comunicazione e altrettante modalità per calcolarlo.

La maggior parte dei professionisti sostiene che il ROI deve essere espresso in termini economici perché solo mutuando il linguaggio e gli indicatori dal business language (pensiamo per esempio bottom line, return, accountability, results, turn-around) è possibile aumentare la credibilità delle RP agli occhi
degli interlocutori aziendali.

Secondo questa posizione il ROI si ottiene dividendo i benefici ottenuti da un’attività
di comunicazione, per ogni risorsa economica investita nella medesima attività.

E i benefici ottenuti possono essere espressi in tre diversi modi: a) la generazione di
entrate economiche (p.e. % incremento nel valore delle azioni, % incremento nelle vendite); b) la riduzione dei costi (p.e. la riduzione di costi amministrativi o di produzione avvenuta a seguito di cambiamenti nei comportamenti dei dipendenti) e c) i risparmi di costo dovuti alla riduzione
dei rischi (p.e. grazie al miglioramento delle relazioni con alcuni stakeholder vengono abbattuti i rischi di azioni legali contro l’organizzazione e quindi i costi connessi).

E’ importante rilevare tuttavia che sono sempre più numerosi gli esperti di misurazione delle RP (del calibro di Tom Watson e di Jim Macnamara) che non condividono questa posizione. Essi sostengono al
contrario che esprimere il ROI delle RP in termini economico- finanziari è inadeguato per almeno due ragioni. Primo, perchè la maggior parte delle attività di RP non sono direttamente collegabili a risultati
economici, pur contribuendovi senza dubbio nel lungo periodo. Secondo, perché leattività di RP sono sempre svolte in modo integrato con altre forme di comunicazione, così che risulta difficile isolare
con precisione il ritorno economico di ciascuna di esse.
Ma allora, in cosa consiste il ROI della comunicazione secondo
questi studiosi? Esso consiste nel grado di raggiungimento degli obiettivi di comunicazionepredefiniti.

Secondo questa definizione, il ROI di una campagna di comunicazione può essere espresso per esempio nell’aumentopercentuale di conoscenza dei messaggi chiave da parte dei destinatari.

Adottare questa posizione attribuisce alla fase di definizione degli obiettivi dell’attività di comunicazione un ruolo cruciale, a differenza di quanto sia avvenuto e continui ad accadere, nell’attività quotidiana dei professionisti.

Ma se le RP non parlano il linguaggio del business, riprendendo le perplessità della maggior parte dei professionisti, non corrono il rischio di essere sottovalutate? Secondo quegli esperti che definiscono
il ROI in termini di obiettivi di comunicazione avviene esattamente il contrario.

E’ infatti proprio grazie alla ricerca e alla definizione di un linguaggio specifico, e quindi di indicatori e di tecniche di misurazione ad hoc, che le RP potrebbero assumere il ruolo di disciplina manageriale
a tutto tondo, come è avvenuto per le discipline di più recente sviluppo come il marketing e la gestione delle risorse umane.

Il dibattito è dunque aperto e le diverse soluzioni proposte sembrano tutte molto interessanti!

di Stefania Romenti

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Altri Autori (del 17/06/2009 @ 07:03:37, in Mobile, linkato 1479 volte)
SingTel, principale compagnia di telecomunicazioni del sudest asiatico, ha lanciato a Singapore un servizio di music-mobile che permette agli utenti di scaricare file musicali e video sui propri cellulari.
 
Sviluppata con Universal Music, la funzione dovrebbe attirare nuovi clienti. Oltre il 50% degli utenti telefonici di Singapore, infatti, ascoltano musica sui loro apparecchi. SingTel spera di estendere prossimamente il servizio ad altri paesi asiatici.
 
Via Quo Media
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Altri Autori (del 16/06/2009 @ 07:43:29, in Internet, linkato 1646 volte)

Virgin Media, attraverso una partnership commerciale con la discografica Universal, sta per lanciare un servizio di abbonamento per scaricare musica senza limiti.

L’operatore di tv via cavo permetterà a tutti i suoi clienti di banda larga di ascoltare in streaming e scaricare tutti gli album e i brani musicali che vorranno dal catalogo di Universal, dietro pagamento di una quota. La musica sarà in formato mp3.

Virgin pensa che questo genere di collaborazioni con l'industria discografica aiuterà a contrastare la pirateria sul proprio network, ma ha aggiunto che nessun utente sarà disconnesso in modo permanente nel caso vengano riscontrate delle infrazioni al copyright o operazioni di scambio illegale di file.

Via Quo Media

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2
Ci sono 2443 persone collegate

< giugno 2018 >
L
M
M
G
V
S
D
    
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
12
13
14
16
17
18
19
21
23
24
25
26
27
28
29
30
 
             

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Advertising (104)
Aziende (142)
Blog (11)
Brand (36)
Comarketing (2)
Comunicazione (9)
dBlog (1)
Digitale (32)
eCommerce (36)
Grande Distribuzione (7)
Internet (536)
Marketing (279)
Marketing Ambientale (3)
Marketing non convenzionale (62)
Media (100)
Mercati (76)
Mobile (209)
Permission Marketing (1)
Prodotti (95)
Pubblicità (32)
Pubblicità (86)
Retail (10)
Segnalazioni (41)
Social Networks (312)
Startup (1)
Strategie (59)
Tecnologie (72)
Trade Marketing (1)
Viral Marketing (40)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018

Gli interventi più cliccati

Titolo
Automobili (2)
Bianco e nero (1)
Comarketing (1)
Home (4)
Internet (4)
Prodotti (5)
Pubblicità (5)

Le fotografie più cliccate


Titolo

< /p>


Subscribe to my feed


Google
Reader or Homepage

Add to netvibes



Creative Commons License




23/06/2018 @ 12:03:51
script eseguito in 297 ms