Immagine
  mymarketing.it: l'isola nell'oceano del marketing... di Admin
 
"
Errare è umano, ma per incasinare davvero tutto è necessario un computer.

Arthur Bloch
"
 
\\ : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Altri Autori (del 29/11/2012 @ 07:35:13, in Social Networks, linkato 2183 volte)

Meno anarchia e più precisione, così comincia la nuova stagione di Twitter, che per aggiornarsi e proporsi come social network sempre più professionale ha deciso di riscrivere alcuni passaggi del proprio regolamento. Tra questi, quello che definisce la ‘proprietà’ dei messaggi. Il micro-blog, al punto 5 dei termini del servizio, ribadisce la propria libertà di utilizzo dei tweet scritti dagli utenti.

La questione è delicata e la prolissità con cui il fondatore Jack Dorsey spiega le nuove norme è eloquente: serve più ordine per rendere Twitter profittevole: “Twitter dispone di un insieme di regole in continuo aggiornamento che definiscono il modo in cui l'ecosistema dei propri partner possa interagire con i contenuti dell'utente. Ciò che è dell'utente resta dell'utente”, dicono dalla compagnia, ma in sostanza nessun ‘proprietario’ può bloccare l’uso dei tweet da parte del social network, anche per scopi commerciali.

I messaggi diventano sempre più crogiolo di informazioni (ri)vendibili, tanto che Twitter sta progettando un archivio storico ti tutto il twittato, così da definire meglio trend e argomenti più dibattuti (e, ancora, monetizzare queste ricerche). Il problema della proprietà e del riutilizzo dei contenuti è già stato affrontato da Facebook e YouTube: la net economy nasce come divertimento, cresce diventando un fenomeno e finisce per divenire un’impresa adulta. Poi, o arrivano introiti veri, oppure ci si spegne. E’ il mercato (web), bellezza.

Via Quo Media

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Altri Autori (del 26/11/2012 @ 07:22:59, in Social Networks, linkato 2011 volte)

Da due settimane è online il sito di PitstopAdvisor che permette di trovare officine di auto e moto sull’intero territorio nazionale, e dove gli utenti sono parte attiva del sistema analizzando o redigendo recensioni sui singoli punti vendita.

La piattaforma di PitstopAdvisor presenta dinamiche nei servizi e nella partecipazione degli utenti, che ricalcano per certi versi quelli di TripAdvisor, il più noto dei portali “social” per il turismo; ma nel caso di PitstopAdvisor l’idea è tutta italiana. Il progetto è nato dall’idea di Elena Giaveri, laureata in moda all’Istituto Europeo di Design, assieme all’amica Graziella Carta, laureata in economia all’Università di Milano-Bicocca; arrivando a realizzare un sito web ispirato proprio alle bacheche dove vengono pubblicate le recensioni degli alberghi.

In cinque mesi il progetto è arrivato in Rete affidando l’idea originaria e la struttura di base del sito a una agenzia di comunicazione che ne ha curato il lancio. Il costo finora del progetto è stato di solo 10mila euro, come per ogni startup che si rispetti, ma le due fondatrici puntano già al lancio di un’applicazione software per sistema iOS, per arrivare ad una community simile alla straniera Repair Pal.

Tra le caratteristiche principali del sito, c’è la possibilità di ricercare l’officina o il rivenditore più vicino (inserendo cap o nome di una città) con la relativa valutazione, e la ricerca può avvenire sia per marca dei prodotti che per area geografica (Regioni, Provincie e Comuni). In alternativa si può utilizzare la mappa per zoom successivi, e gli utenti possono poi aggiungere recensioni, commenti e assegnare un voto (da una a cinque “chiavi inglesi”); contribuendo così a stilare una serie di classifiche costruite su differenti criteri come: qualità, risparmio, efficienza e competenza. In fne, si sta puntando a sviluppare una intera community che supporti con costanza i trend di crescita del sito.

Via Tech Economy

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Altri Autori (del 23/11/2012 @ 07:53:03, in Aziende, linkato 1839 volte)

Amazon lancia un nuovo servizio per brand e aziende. La compagnia, sulla scia del successo di simili iniziative nei social media, ha introdotto le Amazon Pages, un servizio molto simile alle brand page di Facebook ma con la marcia in più dell’integrazione completa nei servizi della popolare piattaforma di e-commerce.

Le pagine dovrebbero servire come strumento di marketing e relazione con i consumatori, “una destinazione personalizzata”  all’interno del sito di e-commerce (www.amazon.com/brandname).

La possibilità di inserire post e integrarli facilmente in Facebook fa leva, inoltre, sulla tendenza emergente del social commerce. La forte focalizzazione sull’immagini sembra tentare di replicare il successo di social visivi come Pinterest, legandolo strettamente ad obiettivi di vendita grazie all’“Add to Cart” integrato nelle rappresentazioni dei prodotti delle aziende. Gli strumenti analitici permettono poi di misurare i risultati raggiunti.

Amazon permetteva già ad alcuni brand come Levi’s e Sony di gestire un proprio Brand Stores all’interno del proprio sito. Le pagine, quindi, a maggior ragione sembrano aver maggiormente come scopo la comunicazione, per quanto strettamente connessa alla distribuzione-vendita, e l’interazione con i consumatori. E, probabilmente, tentano di impedire l’emersione di forti concorrenti nel mercato dell’e-commerce, provenienti dal campo variegato dei social media. L’emersione del social commerce potrebbe, infatti, creare grosse opportunità per servizi come Pinterest, The Fancy, o addirittura Facebook. Amazon tenta di restringere, probabilmente, queste possibilità offrendo ai brand la possibilità di inserire contenuti e di stimolare dinamiche social.

Via Tech Economy

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 

Mi occupo di strategia e marketing digitale ormai da 12 anni e spesso mi trovo a riflettere sull’evoluzione tumultuosa e complessa del settore avvenuta in questo  tutto sommato breve periodo.
Nel dire questo mi riferisco indubbiamente al progresso della tecnologia (social, mobile, di publishing e via elencando) ma ancora di più al modo in cui si stanno modificando ruoli organizzativi e professioni.

12 anni fa quasi nessuna azienda italiana avrebbe pensato di annoverare fra le sue fila un responsabile del marketing digitale, 6 anni fa il dipartimento it non si sarebbe trovato spesso in concorrenza con lui  e ancora 3-4 anni fa nessuno avrebbe strutturato dei team (interni o in outsourcing) per il presidio dei social media.
E sono solo alcuni dei possibili esempi.

Immagine tratta da http://www.eysinksmeets.com

Il mondo infatti si è profondamente digitalizzato con un processo graduale di cui l’enfasi mediatica degli ultimi anni evidenzia solo la punta dell’icerberg, fatta di social media e telefonini.

Il vero cambio di direzione però sta avvenendo nel modo in cui le persone usano le tecnologie, anche presistenti, e sull’impatto sociale, organizzativo e di competenze che tutto questo comporta.

Come ho già scritto tante volte infatti la differenza fra tangibile e virtuale ormai sta perdendo sempre più di significato, e anche se le persone non ne hanno ancora piena consapevolezza già oggi il passare da un ambiente fisico a uno o più device e viceversa è un processo naturale e senza soluzione di continuità.

Immagine tratta da http://blog.inner-active.com/

Di conseguenza anche la netta separazione di conoscenze fra chi si occupa più prettamente di tecnologia e chi invece in azienda si interessa di marketing, commerciale, strategia etc. sembra un retaggio poco credibile, perché a entrambe le parti sono richieste sempre più ibridazioni.

Se ci mettiamo in questa prospettiva allora diventa davvero chiaro come il mezzo tecnologico scelto sia solo un di cui della strategia che abbiamo in mente e venga scelto come conseguenza e non premessa.
Molti editori ad esempio stanno capendo che il loro business è il contenuto che producono, non la carta che stampano, mentre altri grandi, come Blockbuster, non hanno saputo vedere questo aspetto e per questo hanno patito dei colpi tremendi e spesso mortali.

Ancora, grandissimi player dell’online, come Google, scrivono nei loro report che il grande goal del digitale è l’influenza sui comportamenti e sulle vendite offline, mentre la guerra per lo sviluppo di ecosistemi fatti di hardware, software e app store è il centro della competizione fra Apple, la stessa Google, Amazon, Microsoft e molti altri.

Si potrebbe obiettare che si tratta di pure player tecnologici che si stanno allargando, ma allora che dire di casi come Walmart Lab, in cui Il più grande retailer del mondo sta costruendo un laboratorio su questi temi, o degli investimenti in multichannel retail di altri colossi come Tesco o Mark & Spencer?

A mio avviso dunque gli strumenti digitali sono già oggi una leva cruciale per qualsiasi tipo di azienda ma non possono essere più visti come un’entità separata e figure come i chief marketing tecnology officer, in crescita ovunque seppure con job description variegate, potrebbero essere un esempio dei ruoli chiave del futuro, perché non sono al servizio della tecnologia ma del business, che aiutano anche con i nuovi media.

Se l’obiettivo non è chiaro invece non si possono porre le corrette fondamenta e qualsiasi investimento, quale che sia la sua portata, è destinato al fallimento.

Certo che oggi, con la persistente difficoltà di incontro e dialogo fra le diverse figure, tutto sembra lontano.
Ma io lo trovo inevitabile. E voi?

Gianluigi Zarantonello via Internet Manager Blog

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Altri Autori (del 20/11/2012 @ 07:07:33, in Mobile, linkato 1959 volte)

Smartphone e tablet sono le nuove vie di rifornimento per l’e-commerce mondiale. Lo dice una ricerca di Monetate svolta nel corso del trimestre estivo, secondo cui il traffico dai dispositivi di ultima generazione verso i negozi online è aumentato dell’11% tra luglio e settembre.

Nel complesso, l’accoppiata smartphone-tablet porta ora il 18,4% degli utenti ai siti come Amzon e eBay. La connettività perenne di questi dispositivi agevola certamente gli acquisti via web, in mobilità e senza ostacoli di sorta.

Gli utenti sono sempre più attenti alle offerte (ricevute via e-mail o attraverso siti visitati in rete) e con cellulari e tablet di ultima generazione possono trovare in diretta i prezzi migliori e completare lo shopping velocemente, ovunque si trovino.

Via Quo Media

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Altri Autori (del 14/11/2012 @ 07:06:55, in Social Networks, linkato 1947 volte)

Facebook conta circa 1 miliardo di utenti, 80 milioni di questi fasulli. Molti di questi sfruttano dati di profili ‘veri’, rubando in sostanza l’identità digitale di persone reali: data di nascita, hobby, lavoro, luoghi visitati, fotografie.

I furti d’identità online sono sempre più frequenti, i vertici del social network lo sanno, ma le misure restrittive e i controlli sono sporadici. Spesso lo scopo finale è quello di catturare informazioni e contatti a fini pubblicitari, qualche volta si tratta di semplice hackeraggio dilettante, altre ancora c’è una vera e propria attività di stalking.

Facebook ammette il problema ma fa poco o nulla per arginarlo. Intanto, i doppi profili e i falsi account proliferano, rendendo il mondo virtuale ancora più confusionario di quello reale.

Via Quo Media

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Gianluigi Zarantonello (del 13/11/2012 @ 08:00:00, in Internet, linkato 2482 volte)

Ci sono temi nell’ambito del digitale che dovrebbero essere ormai assodati e invece restano sempre di attualità, uno di questi è il fatto che a ogni mezzo corrispondono contenuti, fini e strategie diverse. O meglio, corrisponderebbero.

Ne ho già scritto in passato: oggi ormai abbiamo sempre più strumenti a disposizione, sempre più potenti, sempre più complessi ma ci sfugge spesso il modo corretto di utilizzarli e, soprattutto, quali siano i contenuti più idonei, non in assoluto ma rispetto all’obiettivo che ci prefiggiamo.

Questo problema deriva a mio avviso da divesi aspetti, primo fra tutti la scarsa conoscenza delle tecnologie e delle loro potenzialità, dato che un mezzo piuttosto che un altro viene scelto per moda e perché “non si può fare a meno di esserci”, invece di esere valutato secondo l’approccio POST di cui tante volte ho parlato.

In secondo luogo poi concepiamo spesso degli aspetti grafici ed estetici come unico e solo metro di giudizio, mentre nell’ambito digitale la “bellezza” è tale e apprezzabile se funzionale e inserita in contesto per cui dà un’esperienza gratificante e soddisfa i bisogni di chi la utilizza.

Banalmente, e solo per fare un esempio, una splendida foto con una modella che indossa un capo è perfetta per trasmettere emozione e posizionamento ma lo è molto meno se lo scopo per cui la uso è quello di far comprare un capo che in quello scatto si intravede appena, in tal caso la soluzione probabilmente è un’immagine più semplice ma più chiara ed esplicativa.
Inoltre, il sempre più massiccio utilizzo di immagini generate dagli utenti fa sì che prima della qualità intrinseca venga il coinvolgimento dato dalla rete sociale entro cui il contenuto viene vissuto.

Ancora, oggi più che mai un’esperienza digitale di un brand non può essere più concepita come separata da quella nel mondo fisico e, cosa ancora peggiore, non può non essere fluida e coerente attraverso diversi dispositivi come pc, tablet e smartphone, tanto per citare i più comuni.

Una coerenza che richiede di mettere al centro la progettazione del contenuto liberandolo dai vincoli imposti da altri media per pensarlo invece con una logica ad hoc che diventa “bella” e realmente entusiamante per il cliente solo quando ciò che proponiamo viene visto nel tipo di schermo e per il tipo di scopo per cui è stato progettato.

Content Marketing Maturity Model.
Fonte:
http://www.briansolis.com/2012/02/report-content-and-the-new-marketing-equation/

Molto importante diventa dunque anche la gestione strutturata dei nostri asset digitali, il cui ciclo di vita deve essere governato e la cui reperibilità deve poter essere immediata e completa, per dare la possibilità di accedere per ogni contenuto a tutto il materiale disponibile, sia esso di grande livello emotivo oppure estremamente funzionale.

Infine, social network come Pinterest o applicazioni come Flipboard, che utilizzano i contenuti già esistenti in altre forme ma con una modalità di fruizione che li rende completamente diversi in termini di esperienza, rafforzano affermazioni come quella che ogni azienda è una media company ed evidenziano come sia l’uso e il contesto a dare valore a un’immagine o a un testo, anche al di là del nostro diretto controllo.

Come vedete il tema va oltre una valutazione estetica fine a se stessa. Ma quanti lo hanno già capito?

Gianluigi Zarantonello via Internet Manager Blog

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Altri Autori (del 13/11/2012 @ 07:24:28, in Social Networks, linkato 2815 volte)

Nielsen, la nota società di ricerca e misurazione delle audience, scommette sulla SocialTv, uno dei settori più promettenti del momento.

NM Incite, una joint venture tra Nielsen e McKinsey pensata per l’analisi e la ricerca nel campo dei social media, ha infatti annunciato l’acquisizione di SocialGuide, una startup newyorkese attiva nel settore della social tv. La startup, almeno stando alle dichiarazioni, analizzerebbe i dati provenienti dai social media per più di 30mila programmi TV trasmessi su 232 canali TV USA.

L’acquisizione di Social Guide non sorprende, visto che proprio Nielsen sostiene che il 50% delle audience televisive Nord Americane interagisce online tramite social media mentre guarda la TV.

Nielsen sembra intenzionata ad utilizzare i dati della startup velocemente per misurare il valore economico della social TV e per “quantificare la relazione tra social TV e Tv rating al fine di permettere agli inserzionisti pubblicitari di massimizzare l’impatto dei propri investimenti, e fornire nuove metriche in grado di illustrare l’impatto della social TV sui comportamenti dei consumatori e sull’abitudini di visione”.

Steve Hasker, responsabile globale media product e advertising solution di Nielsen, spiega: “La rapida adozione e l’uso dei social media da parte dei consumatori sta trasformando l’esperienza di visione televisiva in qualcosa di più immediato e condiviso.” I canali televisivi, difronte a queste trasformazioni, hanno bisogno di strumenti per comprendere “l’impatto dei social TV sulla loro programmazione, rating e sull’efficacia della pubblicità.”

Via Tech Economy

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Altri Autori (del 08/11/2012 @ 07:36:24, in Mercati, linkato 1954 volte)

La penetrazione dei televisori connessi alla rete è cresciuta notevolmente negli ultimi anni e le Connected Tv rappresentano una quota sempre più consistente del totale dei televisori in uso.Nel 2010 le TV connesse ad Internet erano ‘soltanto’ 105 milioni, ma già alla fine di quest’anno dovrebbero raggiungere i 212 milioni di unità, per poi toccare i 596 milioni nel 2017, stando alle stime di Digital TV Research (40 paesi).

Il forte incremento dovrebbe portare la quota di televisori connessi alla rete al 21.4% del totale nel 2017, a partire da una quota attuale molto minore di penetrazione (4.75 nel 2010, 8.9% nel 2012).

Le Connected TV si diffonderanno, senza sorprese, più rapidamente negli USA, dove rappresenteranno il 38.1% del totale nel 2017, seguono la Norvegia (37.7%) e la Corea del Sud (37.2%). In termini assoluti, e non di penetrazione, sarà la Cina, però, il secondo paese per numero di TV connesse (93 milioni nel 2017 contro i 147 milioni degli USA); seguita dal Giappone (43 milioni). Gli USA, inoltre, rappresenteranno nei prossimi anni una quota minore del totale di Connected Tv mondiali, scendendo dal 45% del 2010 al 25% del 2017; a testimonianza di una progressiva diffusione di questi dispositivi in tutto il mondo. L’autore del report, Simon Murray, conclude eloquentemente sostenendo che le “Connected TV stanno diventando mainstream”.ù

Via Tech Economy

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Altri Autori (del 07/11/2012 @ 07:58:45, in Mobile, linkato 1740 volte)

Il mercato delle app in Italia non è ancora totalmente sviluppato, almeno stando a quanto dichiarato dai professionisti della comunicazione interattiva e digitale intervistati dall’agenzia di comunicazione e Pubbliche Relazioni Hotwire Italia.

La quasi totalità degli intervistati (99 su 100) ritiene, infatti, che in Italia il mercato delle applicazioni non sia ancora del tutto sviluppato e la maggioranza (51%) considera il settore a livello pressoché iniziale di sviluppo.

I professionisti del settore sono più ottimisti rispetto al futuro. Il 61% degli intervistati prevede, infatti, che il mercato delle app si integrerà  sempre più con le altre forme di comunicazione e acquisirà, in questo modo, un ruolo sempre più importante nelle strategie di business. Una percentuale davvero ridotto degli intervistati (9%) ritiene, al contrario, che l’Italia non sia ancora pronta a recepire efficacemente questi nuovi strumenti di comunicazione.

Nessuna sorpresa per quanto riguarda gli ambiti in cui, secondo i professionisti del settore, esiste un margine di crescita maggiore. Il 24% degli intervistati indica i game come il sotto-settore con le maggiori possibilità di crescita, il 22% i social network e il 17% l’entertainment.

La ricerca sembra suggerire, inoltre, uno spazio maggiore di crescita per il mercato professionale; considerando che al momento prevalgono fortemente, sia a livello di offerta che di motivazioni di utilizzo, la app che appartengono alla sfera personale ed individuale.

Il nostro sondaggio mette in luce che le app restano per ora legate soprattutto alla sfera dello svago e del tempo libero” commenta, infatti, Alessia Bulani, country manager di Hotwire Italia. “Lo smartphone accorcia i tempi e gli spazi e oggi non è più pensabile non poter sfruttare le opportunità offerte dalla mobilità, sia per scopi professionali che di divertimento. Quello che va però sottolineato è che le app, presentando un potenziale ancora poco sfruttato sul fronte utenza business, possano essere un ambito in cui investire ed essere quindi viste dalle aziende come una chiave di crescita”.

Via Tech Economy

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2
Ci sono 3383 persone collegate

< ottobre 2018 >
L
M
M
G
V
S
D
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
       
             

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Advertising (105)
Aziende (142)
Blog (11)
Brand (36)
Comarketing (2)
Comunicazione (9)
dBlog (1)
Digitale (32)
eCommerce (38)
Grande Distribuzione (7)
Internet (538)
Marketing (279)
Marketing Ambientale (3)
Marketing non convenzionale (62)
Media (100)
Mercati (77)
Mobile (209)
Permission Marketing (1)
Prodotti (95)
Pubblicità (32)
Pubblicità (86)
Retail (10)
Segnalazioni (41)
Social Networks (326)
Startup (1)
Strategie (59)
Tecnologie (72)
Trade Marketing (1)
Viral Marketing (40)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018

Gli interventi più cliccati

Titolo
Automobili (2)
Bianco e nero (1)
Comarketing (1)
Home (4)
Internet (4)
Prodotti (5)
Pubblicità (5)

Le fotografie più cliccate


Titolo

< /p>


Subscribe to my feed


Google
Reader or Homepage

Add to netvibes



Creative Commons License




21/10/2018 @ 19:08:10
script eseguito in 247 ms