Immagine
 mymarketing.it: e tu cosa ne pensi?... di Admin
 
"
Errare è umano, ma per incasinare davvero tutto è necessario un computer.

Arthur Bloch
"
 
\\ : Storico (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Altri Autori (del 23/04/2014 @ 07:51:07, in Aziende, linkato 1282 volte)

La messaggistica istantanea su piattaforma mobile è il vero cruccio dei padroni del web. Il core business su cui puntare senza esitazioni. Chiedere a Mark Zuckerberg, che per accaparrarsi WhatsApp ha staccato un assegno da 19 miliardi di dollari, e non contento sta facendo di tutto per trasformare la chat di Facebook in una App con chissà quali intenzioni.
Cosa fanno, dunque, le altre big del Web per contrastare l'ascesa indisturbata del social network di Palo Alto? Mentre Microsoft annuncia che i telefonini Nokia d'ora in poi porteranno il suo marchio, la mossa più a sorpresa la cala Google che con un aggiornamento di Hangouts mira a prendersi gli Sms dei dispositivi basati su Android.

Per adesso l'aggiornamento in questione riguarda solo i possessori dei device più evoluti, cioè quelli su cui gira Android 4.4 KitKat. Ma nel giro di qualche settimana sarà disponibile per tutte le versioni. Proprio stamattina Google ha rilasciato la nuova release della celebre App che in principio era nata per portare sul mobile la chat di Google Talk. Oggi, scaricando l'aggiornamento, Hangouts chiede all'utente se voglia inglobare gli Sms o meno. Inglobare gli Sms in Hangouts significa dare l'ok a Google per la gestione dei tuoi messaggi di testo. In caso affermativo, Hangouts diventa immediatamente la App unica dalla quale gestire Sms e chat di Google. E se l'esperienza non sarà così esaltante, all'utente viene concessa la possibilità di tornare indietro.

Ad annunciare l'aggiornamento di Hangouts era stato qualche ora fa, sul suo profilo Google+, uno degli sviluppatori di Mountain View, Mike Dodd. Proprio dalle parole di Dodd si capisce chiaramente cosa cambia per gli androidiani:
«Gli Sms e gli hangout con lo stesso destinatario vengono uniti in una sola conversazione. – ha scritto Dodd - Potete scegliere se inviare un messaggio tramite Hangouts oppure via Sms, semplicemente agendo su un pulsante. Inoltre, è facile separare in ogni momento i diversi tipi di messaggi all'interno delle conversazioni. In altre parole, potete unirle o dividerle quando volete». Un aggiornamento che riguarda anche l'area contatti: «D'ora in poi i contatti saranno divisi in due sezioni principali, quelli con i quali si è comunicato via Hangouts e quelli telefonici, rendendo più semplice la navigazione nell'elenco e l'invio degli Sms».

L'aggiornamento riguarderà tutti i dispositivi Android nel giro di qualche giorno. E l'obiettivo di Big G pare abbastanza chiaro: mettere le mani sugli Sms e cercare di contrastare l'ascesa mobile di Facebook. Anche perché per ora gli Sms, seppur inviati tramite la App di Hangouts, resteranno a pagamento. Ogni utente continuerà a pagarli in base al suo piano telefonico. Google offrirà soltanto la piattaforma. Ma si fa largo un'ipotesi molto affascinante. Pare che da Mountain View vogliano lanciare la sfida al titano WhatsApp, rendendo gratuiti gli Sms. Zuckerberg è avvisato.

Via IlSole24Ore.com

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Altri Autori (del 24/04/2014 @ 07:50:46, in Aziende, linkato 1008 volte)

Non un paywall, ma un abbonamento low cost che mette a disposizione contenuti extra e chat con i giornalisti della testata, oltre alla partecipazione a eventi speciali organizzati dalla rivista: questa l’idea di Slate, celebre magazine online che ha lanciato Plus, servizio che, con 5 dollari al mese o 50 l’anno, amplia l’esperienza dei lettori.

“Non è un paywall - spiega il direttore, David Plotz -. Il nostro modello è Amazon Prime, che continua ad aggiungere benefit agli iscritti”. E così farà Slate Plus, offrendo ingressi gratuiti a eventi riservati, incontri speciali con il pubblico e approfondimenti ad hoc. La struttura del magazine, invece, rimarrà invariata e ad accesso libero.

“La pubblicità rimane centrale per il nostro successo”, ha proseguito Plotz, ribadendo la scelta di non far pagare le pagine del sito principale. Per tutto il resto, invece, c’è l’abbonamento.

Via Quo Media

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Altri Autori (del 28/04/2014 @ 07:58:11, in Mobile, linkato 1660 volte)

Il sistema operativo mobile di Google controlla il 33,5 per cento delle entrate pubblicitarie a livello mondiale, in crescita del 6 per cento rispetto lo scorso anno.

Gli ultimi dati Mediaworks rivelano che la piattaforma Android ha per la prima volta ha superato iOS nel numero di impressioni pubblicitarie sui dispositivi mobili.

IPhone e iPad di Apple ancora generano più entrate pubblicitarie, però, ricevendo il 52 per cento di tutte le entrate pubblicitarie, malgrado rappresentino solo il 38,2 per cento di tutte le impressioni.

Android è stata una delle piattaforme da cui le entrate pubblicitarie ed il traffico sono aumentate gradualmente negli ultimi anni, in gran parte a scapito di BlackBerry e Symbian. Il sistema operativo mobile di Google è salito di oltre sei punti percentuali rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso, e ora controlla il 33,5 per cento delle entrate pubblicitarie a livello mondiale. Ciò è in gran parte grazie al gran numero di dispositivi con sistema operativo Android venduti, che ora rappresentano quasi l'80 per cento di tutti gli smartphone, secondo gli ultimi dati IDC.

Samsung continua a consolidare la sua posizione come fornitore principale di dispositivi Android, che rappresentano circa il 60 per cento di tutte le impressioni pubblicitarie sui dispositivi mobili nel primo trimestre di quest'anno (Q1 2014).

Gli annunci per cellulari sono guidati principalmente dal mercato statunitense, che rappresenta oltre il 50 per cento di tutto il traffico di annunci. La regione Asia-Pacifico arriva al secondo posto con quasi il 23 per cento grazie ai mercati emergenti come la Cina, mentre l'Europa rappresenta solo il 13 per cento.

Via PianetaCellulare.it

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Altri Autori (del 30/04/2014 @ 07:33:49, in Aziende, linkato 1169 volte)

Ancora novità in casa Amazon, dopo le recenti acquisizioni che hanno allargato l’offerta della piattaforma di ecommerce. La compagnia di Jeff Bezos lancia oggi il nuovo store dedicato ai wearable device. Il sito si concentrerà su dispositivi come Shine Misfit, Jawbone UP24 e Narrativa clip, per citarne solo alcuni.

Il portale offre una serie di sezioni, tra cui quella per i dispositivi sanitari, i device per il fitness e il wellness, le telecamere indossabili e gli smart watch. In catalogo molti dispositivi conosciuti come il monitor Lumoback per il controllo della postura, la linea Fitbit, il Pebble smart watch e la gamma di telecamere GoPro. Lo spazio include anche un angolo sponsorizzato da Gizmodo con contenuti presentati dalla editor Sarah Zang.

Nel “microsito” saranno presenti guide e consigli per aiutare i clienti a scegliere il dispositivo indossabile giusto per il loro stile di vita e le proprie esigenze: tutto questo sarà possibile anche grazie all’aiuto di demo che illustreranno i prodotti in vendita e di clip che illustreranno le tecnologia alla base dei device. Recenti studi hanno dimostrato che, nonostante la familiarità con la tecnologia indossabile sia alta, sono ancora poche le persone che in realtà possiedono uno di questi gadget.

Amazon aveva davvero bisogno di lanciare uno store dedicato a questo tipo di device? Solo il tempo ce lo potrà dire. Intanto sarà interessante osservare le mosse di Amazon per la promozione e la vendita di questi particolari dispositivi che saranno parte integrante dell’Internet of Things.

Via Tech Economy

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Altri Autori (del 05/05/2014 @ 07:59:00, in Mobile, linkato 1220 volte)

Quando Dennis Crowley e Naveen Selvadurai annunciarono Foursquare nel 2009, gli smartphone non avevano il “potere” di individuare in modo affidabile la posizione dell’utente. Per questo motivo la funzionalità principale del servizio erano i check-in. Dopo 5 anni e l’arrivo di altre app che integrano simili feature, l’azienda ha deciso di cambiare approccio. I check-in esisteranno ancora, ma verranno spostati in una seconda app, denominata Swarm, che permetterà di trovare gli amici nelle vicinanze, utilizzando una “social heat map”. Foursquare invece diventerà una discovery app e fornirà suggerimenti basati sulle preferenze personali degli utenti.
In tutto il mondo, milioni di persone usano Foursquare per incontrare i loro amici e per scoprire nuovi luoghi. Ma la maggior parte delle persone esegue solo un’operazione alla volta. L’azienda di New York ha notato che solo 1 sessione su 20 viene aperta per entrambe le funzioni (social e discovery). Ciò significa che solo il 5% degli utenti utilizza l’app per trovare gli amici e trovare un ristorante. Per questo motivo, Foursquare ha deciso di separare le due “esperienze” in due app, sviluppando Swarm. Un simile approccio è stato seguito anche da Facebook, che presto rilascerà anche la funzionalità Nearby Friends.

Negli ultimi mesi sono stati eseguiti diversi test. In base ai risultati, l’azienda ha notato che, per entrambe le app, la durata delle sessioni era minore, ma il loro numero era maggiore. Swarm sfrutterà una tecnologia di location sharing passiva, per cui non visualizzerà l’esatta posizione, indicando solo gli amici che si trovano nelle vicinanze. Come detto, i check-in manuali saranno ancora presenti nell’app, ma la registrazione della posizione verrà effettuata automaticamente, anche quando l’app è chiusa. Swarm sarà disponibile per iOS e Android nelle prossime settimane e successivamente per Windows Phone.

Via Webnews.it

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Altri Autori (del 06/05/2014 @ 07:25:44, in Aziende, linkato 1085 volte)

Amazon ha presentato una partnership con Twitter che ci avverte che il futuro dello shopping si trova nel anche nel feed dei social media: nasce il servizio #AmazonCart per inserire in Carrello articoli del catalogo Amazon con un Tweet.

A partire da oggi, gli utenti (alcuni, solo nel Regno Unito per adesso) di Twitter possono collegare i propri account ad un account di Amazon e aggiungere automaticamente elementi al carrello twittando con un collegamento del prodotto Amazon con l'hashtag #AmazonCart. In questo modo, i clienti possono non lasciare il feed Twitter e il prodotto viene inserito in automatico nel carrello del proprio profilo di Amazon in attesa di essere acquistato.

E' potenzialmente un nuovo modello di business per Twitter, che finora ha fatto affidamento ai tweet sponsorizzati per monetizzare, ma da mesi è in cerca di nuovi modi per fare soldi con i suoi 255 milioni di utenti attivi mensili. Per Amazon, si aggiunge un altro modo semplice per i suoi consumatori di acquistare i propri prodotti del suo store.

Un portavoce di Amazon ha detto che Twitter non ottiene ricavi dagli elementi aggiunti ai carrelli attraverso #AmazonCart, ma ha rifiutato di discutere ulteriormente il suo rapporto con Twitter e quanti soldi la partnership porta nelle rispettive casse (difficile che l'accordo non valga un euro). "Siamo certamente aperti a lavorare con altre reti sociali", ha detto il portavoce di Amazon. "Twitter, in particolare, offre un ambiente ideale per i nostri clienti per scoprire consigli sui prodotti da artisti, esperti, grandi marchi e gli amici".

Quando si risponde con un tweet contenente un link ad un prodotto di Amazon aggiungendo l'hashtag #AmazonCartv i clienti che hanno già collegato il loro account Twitter con quello di Amazon saranno avvisati con un tweet di risposta da @MyAmazon e otterranno una mail da Amazon quando un elemento viene aggiunto al carrello. Al contrario, i clienti che non hanno ancora collegato i loro account riceveranno un tweet di risposta in cui viene chiesto di collegare gli account.

Non è chiaro, tuttavia, se i tweet che contengono questo hashtag saranno pubblici o privati. Se i tweet fossero pubblici, le persone rischierebbero di pubblicizzare le loro decisioni di acquisto rispondendo ad un tweet, e non ci sarebbe alcun livello di privacy.

Amazon ha chiarito sul suo sito che il tweet collegato al prodotto aggiunge soltanto l'articolo al carrello, e non è una conferma per l'acquisto. Per completare l'acquisto, bisognerà andare sul sito di Amazon, quindi andare nel carrello e procedere al check out come qualsiasi altro acquisto effettuato su Amazon.

I clienti di Amazon nel Regno Unito possono usare #AmazonBasket per aggiungere elementi ai loro carrelli a partire da oggi, mentre non sappiamo quando il servizio verrà esteso agli altri territori.

Via PianetaCellulare

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Altri Autori (del 07/05/2014 @ 07:41:57, in Mercati, linkato 1150 volte)

L’utilizzo di strumenti di comunicazione a distanza nella fornitura di servizi medici sta diventando sempre più diffuso con il mercato del c.d. eHealth, e in particolare della telemedicina, che promette un fatturato a livello mondiale di oltre 60 miliardi di euro, ma che nasconde problematiche di carattere legale che potrebbero rallentare la sua crescita.
Le linee di indirizzo nazionali recentemente approvate dalla Conferenza Stato-Regioni in materia di telemedicina sono un passo in avanti verso l’introduzione della telemedicina in Italia che è già molto diffusa in altri Paesi europei come la Danimarca, la Svezia, la Norvegia ma anche la Gran Bretagna e la Spagna.

ehealthLa telemedicina si caratterizza per la fornitura di servizi medici tramite mezzi di comunicazione a distanza. E si distingue in tre sottocategorie quali la televisita che prevede una comunicazione a distanza tra medico e  paziente, la teleassistenza che è invece un sistema di assistenza a distanza per esempio a beneficio di persone anziane o che stanno seguendo un processo di riabilitazione e il teleconsulto che prevede un confronto a distanza tra medici ad esempio tra un medico generalista ed uno specialista durante il trattamento di un paziente quando in una situazione di emergenza lo specialista non può raggiungere il paziente.

Le linee di indirizzo identificano i criteri di accreditamento da parte delle strutture sanitarie per l’erogazione di prestazioni in telemedicina e soprattutto per il loro rimborso da parte del servizio sanitario nazionale fornendo delle indicazioni – che dovranno essere testate nella loro implementazione pratica – circa la valorizzazione dei servizi in telemedicina che forniscano un valore aggiunto rispetto ai servizi tradizionali.

Ma le formalità burocratiche da adattare ai fini del riconoscimento di servizi forniti a distanza non rappresenta l’unico ostacolo normativo alla crescita della telemedicina. Infatti i sistemi di telemedicina non solo comportano la possibilità per il paziente (un altro medico/paramedico) di effettuare delle comunicazioni vocali con il proprio dottore, ma anche di trasmettere dati relativi alle rilevazioni che il paziente effettua a distanza tramite strumenti di autoanalisi al fine di consentire al medico di prescrivere il trattamento da eseguire. Ciò comporta quindi la raccolta a distanza di dati sensibili relativi ai pazienti che sono poi conservati in una banca dati in cloud a cui il medico può accedere in remoto.

Tale raccolta e trattamento di dati personali quindi pone problematiche legali rilevanti con riferimento, tra gli altri, ai soggetti che operano come titolari del trattamento dei dati raccolti che a giudizio del Garante dovranno essere gli ospedali in cui il paziente è in cura piuttosto che gli sponsor del progetto,
alle misure di sicurezza da adottare per proteggere dall’accesso ai dati raccolti nella banca dati sulle quale il Garante si è pronunciato con riferimento al c.d. fascicolo sanitario elettronico e il dossier sanitario elettronico,
alle finalità per i quali i dati raccolti possono essere utilizzati che dovranno essere accettate espressamente dal paziente per iscritto e non potranno essere meramente generiche e
alle misure da adottare in caso di trasferimento dei dati raccolti al di fuori dello Spazio economico europeo per esempio nel caso di utilizzo di server cloud situati negli Stati Uniti o in India che richiedono, tra gli altri, o l’espresso consenso al trasferimento da parte del paziente, o l’adozione delle c.d. clausole contrattuali standard o nel caso di trasferimento a società americane l’adesione delle stesse al c.d. programma Safe Harbor.
Ehealth2Le limitazioni sopra indicate possono essere evitate in caso di trattamento di dati anonimi, ma come ha di recente chiarito il c.d. Article 29 Working Party che è un organo consultivo della Commissione europea in materia di privacy, i requisiti da soddisfare ai fini della qualificazione dei dati come “anonimi” sono molto stringenti. Quindi non solo la mera sostituzione del nome della persona a cui i dati si riferiscono con uno pseudonimo non basterebbe se qualcuno ha accesso all’elenco dei nomi che collega l’individuo al suo pseudonimo, ma ogni modalità di anonimizzazione che rende l’individuo a cui i dati si riferiscono identificabile tramite gli strumenti “che possono essere ragionevolmente utilizzati” anche indirettamente non potrebbero bastare.

E la rilevanza di quanto indicato in precedenza è stata confermata dai Garanti europei che di recente hanno deciso di avviare un’indagine circa le applicazioni mediche scaricabili su smartphone  e tablet per verificare la loro conformità alla normativa applicabile in materia di trattamento dei dati personali.

Infine, la telemedicina crea rilevanti problemi anche in materia di responsabilità da prodotto che ai sensi della normativa dettata dal Codice del Consumo è c.d. “oggettiva”. Ciò vuole dire che in caso di danno, il consumatore non dovrà provare la colpa del produttore, ma unicamente la presenza del difetto al fine di poter richiedere il risarcimento dei danni subiti. Con riferimento alla telemedicina se il dispositivo tramite il quale i dati raccolti dal paziente e poi comunicati al medico è difettoso e quale conseguenza di ciò il medico fornisce una diagnosi errata, il produttore del dispositivo potrebbe essere tenuto al risarcimento dei danni subiti dal paziente con l’ulteriore punto interrogativo derivante dal fatto che la comunicazione dei dati errati potrebbe nella particolare circostanza dipendere dal difetti del sistema di comunicazione utilizzato.

Questo argomento è di enorme attualità al momento e le questioni sopra indicate saranno da me affrontate in una presentazione che si terrà oggi 7 maggio ad un workshop in materia di telemedicina organizzato dall’ETSI, l’European Technical Standard Institute.

Via Tech Economy

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Altri Autori (del 08/05/2014 @ 07:33:00, in Aziende, linkato 1062 volte)

Rinascere ancora una volta, come già fatto in passato: dopo aver ceduto i cellulari e gli smartphone a Microsoft, Nokia ora prova a farsi strada (è il caso di dirlo) nel settore delle cosiddette "auto intelligenti". La sua divisione che si occupa di investimenti, Nokia Growth Partners, ha annunciato la creazione di un fondo da 100 milioni di dollari proprio per contribuire allo sviluppo di tecnologia legata all'automotive: un settore scelto non a caso, visto che tra i gioielli della corona rimasti nel forziere ci sono le mappe di HERE.

Liberatasi di quello che era diventato a tutti gli effetti un business ingombrante, schiacciato dalla concorrenza senza esclusione di colpi di nuovi giganti del settore come Apple e Samsung, Nokia è libera di tentare nuove avventure: la relativa salute di cui gode il suo sistema di mappe deve aver convinto il management che si trattasse di un argomento interessante da esplorare, e la scelta di investire in iniziative legate alla "connected car" è un chiaro tentativo di sviluppare un nuovo ramo di business parallelo all'attuale.

L'idea che dopo i cellulari, le automobili possano diventare intelligenti non è d'altronde campata in aria: sono anni che i grandi marchi del settore propongono sistemi di bordo sempre più sofisticati, capaci di leggere i segnali, parcheggiare l'auto, avvisare in caso di cali di attenzione o colpi di sonno. Poi c'è anche Google che sta sperimentando automobili in grado di guidarsi da sole, e ancora Google e pure Apple stanno lavorando alla creazione di sistemi di intrattenimento di bordo basati su Android e iOS. Nokia ha già in casa un'enorme mole di informazioni ottenuta tramite le mappe HERE, ha la competenza per valutare e collaborare allo sviluppo di hardware e software: dunque, perché non provarci?

"I veicoli diverranno la prossima piattaforma ad alto tasso tecnologico, analogamente a quanto successo ai telefoni e ai tablet" ha spiegato Paul Asel, uno dei dirigenti di Nokia Growth Partners. Ora la consociata di Espoo inizierà a distribuire assegni da 5 a 15 milioni di dollari ciascuno, per aiutare aziende che hanno già sviluppato soluzioni interessanti ad espandere il proprio giro d'affari e garantire un adeguato ritorno dell'investimento al finanziatore. Nel prossimo futuro, in ogni caso, potrebbe capitare di acquistare un'automobile con a bordo un sistema di infotainment marchiato Nokia.

Via Punto Informatico

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Altri Autori (del 09/05/2014 @ 07:24:50, in Tecnologie, linkato 1266 volte)

Surfing the web: questa è la promessa che ha fatto vincere a Vurb la competizione TechCrunch Disrupt New York. Tra le 26 startup che si sono date battaglia ne sono state individuate 6 papabili: Boomerang Commerce, ISI Technology, Mimi, Mink, ShowKit e Vurb ed è proprio quest'ultima che ha convinto la giuria composta da personaggi di spicco dell'industria digitale e del mondo del finanziamento, tra questi Roelof Botha (Sequoia Capital), Marissa Mayer (Yahoo!) e Fred Wilson (Union Square Ventures). Il palco newyorkese è talmente prestigioso che il premio di 50mila dollari (35mila euro circa) passa in secondo piano rispetto all'essersi qualificati al primo posto.

Cosa fa Vurb
Si tratta di un motore di ricerca "decisionale" web e mobile. In un'unica pagina, cercando ad esempio un film, si otterranno i nomi delle sale cinematografiche in cui viene proiettato, le recensioni, spoiler e anticipazioni multimediali (per il momento su Netflix). Oltre a ciò sarà possibile acquistare i biglietti online e, per concludere la serata, si potrà scegliere un ristornate limitrofo in cui mangiare le specialità desiderate. Informazioni che potranno essere condivise sulle reti sociali classiche.

Perché ha vinto
L'obiettivo di Vurb è sfruttare i legami tra le informazioni fruibili e presentarle in un'unica pagina, cosa comoda per chi naviga da postazione fissa e quasi imprescindibile per chi fa uso di dispositivi mobili. Il modello su cui si basa tende a ridisegnare la ricerca, eliminando i link a cui siamo abituati e restituendo immagini o "mattonelle" più pratiche per chi naviga da mobile e più simili a quanto offre l'interfaccia grafica dei più comuni sistemi operativi.
L'idea non è riuscita a convincere la giuria all'unisono: Fred Wilson si è mostrato reticente ma i suoi dubbi sono stati controbilanciati da Michael Arrington il quale, oltre ad essere uno dei fondatori di TechCrunch, ha anche finanziato Vurb.

Via IlSole24Ore.com

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 

Grazie a un accordo tra la piattaforma Vevo* e Mirriad technologies, i video musicali potranno ora ospitare product placement, da parte di inserzionisti, "a posteriori".

In estrema sintesi, l'idea è di prendere un video musicale esistente (possibilmente che faccia traffico) e - anche a distanza di tempo, piazzarci un bel product placement (ad esempio un bel posterone di prodotto sullo sfondo, mentre il cantante cammina per la città).

Il concetto è simile, per certi versi, a quello storico del placement nei videogames, concetto vecchio di anni.

Ma è un'idea che potrebbe avere delle implicazioni non banali.

Intanto, significa trasformare il video musicale in un "media" digitale - esattamente come un sito o un blog; dove cioè metto a disposizione uno spazio pubblicitario a favore degli inserzionisti. E così, mi immagino, su un qualche video famosissimo potrei vendere per un mese lo spazio a un'automobile, poi tirare giù il product placement e sostituirlo con quello di un soft drinks...

Ovviamente qui parliamo di coda lunga dei contenuti. La manipolazione ex post, su quei contenuti che non muoiono subito ma che permangono nel tempo in rete. Anzi, il fatto che certi content (io penso sempre a "Thriller", vedi mio post di un po' di tempo fa) più che dei pezzi di contenuto ospitati dentro un media sono in fondo diventati dei media essi stessi.

E anche la pianificazione ex post e non ex ante. In Advertising cerco di indovinare chi vedrà il mio programma e se il target coincide con il mio, ci piazzo la mia pubblicità.

Qui invece posso, come inserzionista, analizzare chi abitualmente guarda proprio quel video, quel contenuto (e non quel canale) e decidere che mi interessa piazzare il mio prodotto dentro il videoclip "Mission Impossible (Piano/Cello/Violin)" ma non dentro "Elektronik Supersonik" o viceversa, basandomi su dei dati fattuali e non predittivi.

Tenendo conto che una faccenda è avere i break pubblicitari all'inizio, un'altra è avere il placement dentro il video, inevitabile e non skippabile.

In realtà, nel caso specifico, le case discografiche e gli artisti avranno diritto di parola, esprimendo il proprio parere sull'adeguatezza o meno dell'inserimento di un certo brand nel proprio video.

Ed infine, ecco il primo video modificato a posteriori - con l'inserimento di un poster Levi's che nel filmato non c'era...

di Roberto Venturini

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Ci sono 432 persone collegate

< dicembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
         

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Advertising (108)
Aziende (142)
Blog (11)
Brand (37)
Comarketing (2)
Comunicazione (9)
dBlog (1)
Digitale (33)
eCommerce (39)
Grande Distribuzione (7)
Internet (543)
Marketing (288)
Marketing Ambientale (3)
Marketing non convenzionale (62)
Media (102)
Mercati (79)
Mobile (210)
Permission Marketing (1)
Prodotti (95)
Pubblicità (32)
Pubblicità (88)
Retail (11)
Segnalazioni (45)
Social Networks (349)
Startup (1)
Strategie (59)
Tecnologie (73)
Trade Marketing (1)
Viral Marketing (40)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019

Gli interventi più cliccati

Titolo
Automobili (2)
Bianco e nero (1)
Comarketing (1)
Home (4)
Internet (4)
Prodotti (5)
Pubblicità (5)

Le fotografie più cliccate


Titolo

< /p>


Subscribe to my feed


Google
Reader or Homepage

Add to netvibes



Creative Commons License




12/12/2019 @ 15:14:30
script eseguito in 467 ms