Immagine
 mymarketing.it: e tu cosa ne pensi?... di Admin
 
"
Errare è umano, ma per incasinare davvero tutto è necessario un computer.

Arthur Bloch
"
 
\\ : Storico (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Eli (del 03/02/2006 @ 06:29:10, in Internet, linkato 2470 volte)
Secondo il Financial Times la World Association of Newspapers starebbe organizzando una campagna per chiedere a Google e altri motori di ricerca una sorta di indennizzo per aver utilizzato e proposto i contenuti di libri e riviste coperti da diritti d’autore, senza lavere ottenuto le necessarie autorizzazioni.

Il gruppi di editori coinvolti in questa protesta comprende International Publishers Association, European Federation of Magazine Publishers e Agence France Presse, uniti dalla comune intenzione di fissare un incontro con Charlie McCreevy (il commissario europeo per il mercato interno) e Viviane Reding (la responsabile per i media), in modo da definire nuovi standard e politiche per la difesa dei diritti d’autore.

Tra i servizi discussi c’è anche Google News, in quanto la preview degli articoli indicizzati, secondo alcuni di loro, dissuade i navigatori dal visitare la corrispondente pagina. L’anticipazione proposta in molti casi sarebbe infatti giudicata sufficiente senza bisogno quindi di approfondire la notizia.

Il motore di ricerca più famoso nel mondo, inoltre, è criticato per un atteggiamento giudicato di chiusura e per portare avanti il principio secondo il quale tutte le informazioni dovrebbero essere rese disponibili gratuitamente, come dichiarato da Gavin O'Reilly, presidente della World Association of Newspapers.

Non è la prima volta che Google si trova messo in discussione per aspetti legati al copyright. Le 5 più grandi biblioteche del mondo, lo scorso ottobre, avevano presentato un esposto presso un tribunale americano per ostacolare l’avanzata di Google Print, timorose che i propri libri venissero scansionati e messi a disposizione gratuitamente su internet.

Continua quindi la battaglia tra editori e motori di ricerca, per la regolamentazione dell’accesso alle informazioni nel rispetto dei diritti d’autore. Il navigatore avrebbe solo da guadagnare dalla possibilità di consultare libri da casa tramite il proprio pc, ma questo progetto potrebbe funzionare anche pagando in qualche modo i diritti ai legittimi proprietari?
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Max Da Via' (del 02/02/2006 @ 06:32:40, in Prodotti, linkato 2292 volte)
Ron Garriques, Presidente della divisione portatili di Motorola, l’aveva detto a chiare lettere: i tempi non sono ancora maturi per l’affermazione dell’UMTS. Il tema viene affrontato anche da Il Sole 24 ORE.

La tecnologia 3G si imporrà sul mercato europeo dei telefoni cellulari, ma non subito: ci vorrà ancora qualche anno.
La stima proviene dalla società di ricerca Forrester Research, secondo la quale il 3G non sarà la tecnologia dominante nell'ambito della telefonia mobile almeno fino al 2010. Il decennio in corso rimarrà predominio dei sistemi Gprs, mentre i telefonini Gsm dovrebbero essere superati tempo due anni. L'uso di telefonini 3G appare effettivamente in crescita, tuttavia il ritmo di penetrazione di questa tecnologia in Europa risulta più lento di quanto preventivato.

La ricerca di Forrester analizza i principali passaggi del mercato dei cellulari da qui al 2010. Si parte dal tramonto dei Gsm, che entro il 2008 saranno ridotti al 3% del totale, e nel 2010 non supereranno l'1% del totale. Il Gprs inizierà a perdere terreno rispetto alla tecnologia 3G solamente a partire dal 2007, mentre alla fine del 2010 gli utenti di telefonini Gprs non oltrepasseranno la quota del 38% (oggi sono utilizzati al 70%). La penetrazione dei sistemi 3G aumenterà, invece, progressivamente già dalla fine dell'anno in corso, fino al raddoppio dell'attuale quota di mercato. La riduzione dei prezzi e dei modelli (oggi ancora piuttosto ingombranti) oltre al miglioramento delle prestazioni faranno sì che, secondo Forrester, tre utenti su cinque avranno nel 2010 un cellualre a tecnologia 3G.

Sono l'Italia e il Regno Unito i Paesi maggiormente indiziati per una crescita di questi modelli di telefonia mobile. Il grande interesse dei consumatori di queste nazioni per i telefoni cellulari, oltre all'accesa competizione tra gli operatori del settore (che si concretizza anche in martellanti campagne pubblicitarie) farà registrare un incremento della penetrazione di queste tecnologie (sempre nel 2010) pari, rispettivamente, al 72% e al 68%: molto più della media europea del 61 per cento. Abbastanza moderato l'interesse per i telefonini 3G in Germania e in Francia: la prospettiva per l'ingresso in questi mercati va dal 55% al 65%, in linea, quindi, con la media europea. In Belgio, Finlandia, Grecia e Lussemburgo, la crescita sarà più lenta, intorno al 50% entro la fine del decennio. In Irlanda, Spagna e Norvegia, invece, la copertura Umts risulta ancora irregolare e le attività promozionali degli operatori su 3G sono limitate. (...)


Anche secondo Forrester quindi l’attesa esplosione della telefonia di terza generazione sarà decisamente più lenta e graduale rispetto alle ottimistiche previsioni di molti operatori. Terminali relativamente ingombranti e poco funzionali, limitata offerta di contenuti realmente a valore aggiunto e costi di accesso tutt’altro che convenienti sembrano essere tre delle cause principali destinate a creare qualche grattacapo a produttori di cellulari e operatori di telefonia mobile.

Nonostante i massicci investimenti di marketing di molte aziende che esaltano le infinite possibilità offerte dai nuovi telefonini dovremo quindi aspettare ancora qualche anno a mettere in un armadio pc e collegamenti tradizionali. Sarà la mobile tv questa volta a farci cambiare il cellulare?
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Max Da Via' (del 01/02/2006 @ 07:26:50, in Strategie, linkato 2386 volte)
Se la battaglia per informatizzare i Paesi poveri vale miliardi di dollari non deve stupire che si creino dissapori tra gli attori coinvolti nelle operazioni.

Nicholas Negroponte, fondatore del Massachusetts Institute of Technology, già da tempo ha proposto un progetto di pc low cost, alimentato a manovella, che potrebbe costare un centinaio di dollari. Questo rivoluzionario dispositivo, caratterizzato da uno speciale schermo visibile chiaramente anche alla luce del sole, sarebbe in grado di collegarsi a internet senza linea telefonica e avrebbe in dotazione il sistema operativo Linux, gratuito ed open source. L’assemblaggio dell’innovativo computer low cost, secondo il New York Times, potrebbe essere commissionato alla taiwanese Qanta, che già produce quasi un terzo di tutti i portatili in circolazione.

Nelle intenzioni di Negroponte questo pc dovrebbe essere distribuito gratuitamente ai bambini dei Paesi poveri, perchè possano accedere alla rete senza essere tagliati fuori dalla moderna rivoluzione tecnologica. Il progetto ha già riscosso molto interesse ed è stato apertamente supportato dall’Onu e da sette nazioni (Argentina, Brasile, Cina, India, Nigeria e Thailandia) che hanno dichiarato di essere disposte ad ordinare 7 milioni di macchine per un controvalore di 700 milioni di dollari.

L’avversario diretto di Negroponte si chiama Bill Gates il quale, dopo aver bocciato questo pc, ha presentato la propria ricetta per colmare il divario tecnologico con i Paesi poveri. La soluzione del fondatore della Microsoft consiste in uno speciale telefono cellulare che, collegato ad una tastiera ed ad un televisore, diventerebbe una sorta di computer. Le motivazioni addotte per sostenere questa controproposta si fondano sulla presunta insostenibilità nel lungo termine del progetto di Negroponte. A detta di Gates la sua sarebbe invece una soluzione di più facile attuazione, visto che prima o poi tutti avranno un cellulare, anche nei Paesi emergenti. L’accoppiata del telefono, il cui costo non è però stato finora reso noto, con le reti mobili sempre più diffuse rappresenterebbero quindi il migliore strumento di alfabetizzazione informatica per le popolazioni più povere.

La sfida per l'informatizzazione del Terzo Mondo può dirsi ufficialmente iniziata. Una sfida giocata a colpi di soluzioni high tech che secondo gli analisti vale diversi miliardi di dollari e che non piace a tanti esponenti dell’industria, timorosi delle implicazioni derivanti dalla distribuzione a prezzo stracciato di prodotti che potrebbero invece essere forniti, creando enormi opportunità di business, a valori “di mercato.

Negroponte intanto ha già raccolto 20 milioni di dollari per il suo progetto e sostiene che non trarrà alcun utile da tutte le operazioni legate alla produzione e distribuzione del pc.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Jacopo Gonzales (del 31/01/2006 @ 12:20:56, in Segnalazioni, linkato 2632 volte)

Roma si accinge a diventare per alcuni giorni la 'capitale' mondiale dell'economia e dei contenuti digitali. Su iniziativa dell'Ocse e del ministro Lucio Stanca, infatti, lunedi' e martedi' prossimi, nel complesso monumentale del San Michele, si daranno appuntamento alla Conferenza 'Il futuro dell'economia digitale: creazione, distribuzione e accesso ai contenuti digitali' i principali protagonisti del mondo di questa nuova frontiera, non solo culturale ma anche industriale. I contenuti digitali rivestono infatti un ruolo sempre maggiore nelle economie dei Paesi Ocse, la cui produzione e' sempre piu' focalizzata su beni intangibili piuttosto che fisici.

I contenuti digitali, pertanto, sono destinati a diventare sempre piu' un'infrastruttura creativa di fondamentale importanza, alla base dell'economia della conoscenza e al centro di settori quali la salute, l'istruzione e la cultura.

 Sono oltre 350 i delegati dei 30 Paesi Ocse che prenderanno parte al confronto-analisi e i lavori della conferen-za saranno seguiti da un centinaio di giornalisti, di cui molti provenienti dall'estero. I lavori della Conferenza saranno aperti dal Ministro Lucio Stanca e da Donald Johnston, Segretario Generale dell'Ocse; e tra i tanti interventi quelli di Chin Dae-Je, Ministro per l'Informatica e le Comunicazioni della Corea del Sud (paese all'avanguardia per le politiche a sostegno dell'economia digitale); Michael J. Copps, Commissario della Federal Communications Commission degli USA, e Fabio Colasanti, Direttore Generale Societa' dell'Informazione e Media della Commissione Europea.

A spiegare l'importanza della conferenza e' il Ministro Lucio Stanca: 'Siamo alla fine della legislatura e vogliamo terminare aprendo sul futuro: nei prossimi anni i contenuti digitali diventeranno un fattore strategico a sostegno dell'economia, a partire da quella digitale. L'Italia ha da tempo avviato il circolo virtuoso dei contenuti digitali: infrastruttura-contenuti-competenze. Le opportunita' tecnologiche oggi disponibili cambiano il modo tradizionale della produzione, della distribuzione, della commercializzazione dei contenuti digitali', ha detto il Ministro ricordando, a titolo di esempio, che 'i nuovi contenuti vengono sempre piu' prodotti anche al di fuori delle tradizionali industrie dell'intrattenimento o dell'editoria, coinvolgendo settori quali il turismo, la Pubblica amministrazione, i servizi finanziari ed altro, fino a giungere agli stessi utilizzatori del Web, che divengono contemporaneamente produttori e consumatori di contenuti in Rete', ha concluso Stanca.

Tra i temi sul tappeto anche il 'dilemma digitale', ossia il conflitto tra l'esigenza di non limitare la diffusione dei contenuti digitali e quella di tutelare i diritti della proprieta' intellettuale. Alla Conferenza saranno presenti rappresentanti istituzionali, del mondo accademico e delle imprese (editoria, informazione, cinema, musica, arte, cultura, intrattenimento, etc.), del World Economic Forum, delle organizzazioni internazionali dei sindacati e dei consumatori. [via Agi]

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Max Da Via' (del 31/01/2006 @ 07:34:08, in Media, linkato 7207 volte)
L'erotismo da sempre desta molto interesse in un’ampia fascia della popolazione, al punto da far ritenere ad alcuni che il boom dell’home video prima e di internet poi siano in buona parte dovuti, almeno nelle fasi iniziali di affermazione, all’ampia disponibilità di contenuti a luci rosse.

Il binomio sesso-cellulari, tema che appassiona numerosi utenti ma anche e soprattutto fornitori di contenuti e compagnie telefoniche, è diventato di stretta attualità ultimamente come conseguenza del crescente interesse verso la produzione e la distribuzione di contenuti per la telefonia mobile.

In questi giorni si è appena concluso a Miami il congresso "Contenuti per adulti della telefonia mobile", al quale hanno partecipato le principali compagnie telefoniche europee e americane, molto interessate ad un settore che le stime ipotizzano potrebbe valere ben 2 miliardi di dollari su base globale nel 2009.

Dai lavori sono emerse sostanziali differenze tra l’atteggiamento americano, più prudente nel proporre questo tipo di contenuti per motivi di regolamentazione all’accesso e quello europeo, decisamente più spregiudicato, visto che in Europa già lo scorso anno sono stati messi a disposizione contenuti hard per oltre 10 milioni di Euro.

Le riserve americane derivano principalmente dalla difficoltà di applicare filtri adeguati per evitare che questi servizi siano utilizzati da minorenni, accompagnate dal timore di reazioni negative da parte delle aree più conservatrici dell’opinione pubblica.

Questo orientamento è però messo a dura prova dalle previsioni tutte al rialzo per il settore, che in America nel 2005 è stato stimato valere 30 milioni di dollari. I manager di Waat Media, azienda californiana di intrattenimento, sono convinti che opportunamente promossi questi servizi potrebbero valere oltre 500 milioni di dollari l’anno, a patto di riuscire ad utilizzare una tecnologia adeguata per regolamentarne l’accesso.

La situazione europea, come accennato precedentemente, è profondamente diversa, al punti che Tina Southall, manager della Vodafone, ha illustrato come i contenuti hard sul cellulare siano una importante fonte di reddito dell’azienda, al punto da avere un’importanza strategica nell’offerta di servizi per i prossimi anni.

Stiamo quindi per assistere quindi al boom del settore? I tassi di diffusione dei cellulari sono tali, specie in Europa, da spiegare l’interesse generale per la fornitura di questi contenuti. Se loghi, giochi e suonerie non bastano più ad assicurare volumi di traffico soddisfacenti un po’ di eros sicuramente darà il suo contributo al fatturato, in attesa dell’arrivo della mobile tv.


Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Eli (del 30/01/2006 @ 19:01:24, in Segnalazioni, linkato 2821 volte)
I veri amanti delle aste on-line non si devono fare sfuggire i festeggiamenti per il compleanno di eBay Italia. Il prossimo 5 febbraio a Milano, dalle 10.30 alle 20, nello spazio espositivo di via Savona 56, la filiale italiana del sito di aste più famoso al mondo festeggia i 5 anni.

Una festa aperta a tutti sarà l’occasione per conoscere la storia dell’azienda ma anche per partecipare sul posto a nuove e curiose aste e vedere alcuni degli oggetti più bizzarri messi all’asta. Musica, talk show, mostre e spettacolo accompagneranno i partecipanti per tutta la giornata, fino al taglio della torta.

Per partecipare è sufficiente registrarsi sul sito.


Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Performance ed efficienza/efficacia sono due concetti correlati ma distinguibili nell’ambito della gestione della forza vendita. Parliamo di performance quando intendiamo valutare il “comportamento” di un venditore in considerazione del contributo da lui apportato nel raggiungimento degli obiettivi generali dell’impresa.

Parliamo, di efficienza/efficacia quando ci riferiamo ai risultati di tutta l’attività, misurabili attraverso l’utilizzo di indicatori ben precisi. (e.g.: fatturato, quota di mercato, indice di mantenimento dei clienti e così via )
L’efficienza/efficacia non dipende in toto dal comportamento del venditore ma è piuttosto una funzione di diversi fattori non necessariamente sotto il diretto controllo del venditore.

La forza vendita può essere valutata sia secondo parametri oggettivi che in riferimento a criteri soggettivi.
In genere, gli indicatori oggettivi ovvero gli indici, prendono a riferimento i dati statistici e le informazioni che il management può ottenere attraverso il sistema informativo aziendale.

Tali indici tendono a fornire valutazioni quantitative, numericamente confrontabili in modo da favorire la valutazione comparativa e il controllo. Essi mirano anche a fornire una misura dell’impegno del venditore nel compiere il proprio lavoro e nel raggiungere gli obiettivi.

Le valutazioni soggettive riguardano invece l’osservazione qualitativa dei supervisori, e quindi del management, circa i comportamenti lavorativi, in altre parole di come il venditore si organizza, di come si muove. Non è facile fare una buona valutazione dell’attività della forza vendita.

Le diverse variabili in causa potrebbero indurre il management in errore soprattutto quando ci si trova nelle situazioni intermedie: ad esempio risultati di vendita al di sotto delle previsioni ma ottima performance delle attività di vendita in termini di contatti effettuati, presentazioni presso nuovi clienti e così via. Come giudicare in questo caso? In genere prevale la tendenza alla valutazione dei risultati misurabili –“outcome bias”, (Marshall, G., W., Mowen, J., C., “An Experimental Investigation of the Outcome Bias in Salesperson Performance”, Journal of Personal Selling & Sales Management, Volume 13, summer, 1993, pp. 31-47), sebbene questo sia molto controproducente per il morale, la soddisfazione e la motivazione della forza vendita.

L’orientamento alla valutazione dei soli risultati di vendita e il sistema di controllo basato su di essi è poco utile alla luce dell’evoluzione della funzione di vendita all’interno di un moderno sistema aziendale. I venditori sanno perfettamente che in sistemi di quel tipo l’importante è mantenere dei risultati apprezzabili in termini numerici. Questo funziona in organizzazioni di vendita fortemente orientate ai volumi con trattamento economico esclusivamente basato sulle commissioni di vendita. In un sistema di vendita basato sulla gestione delle relazioni con il mercato non è pensabile di applicare tale sistema di valutazione e controllo in via esclusiva. Ad esso vanno aggiunti meccanismi valutativi “behavior-based” che tengano cioè conto anche dei comportamenti.

Antonia Santopietro
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Max Da Via' (del 29/01/2006 @ 07:52:22, in Pubblicità, linkato 4877 volte)
Secondo un’indagine condotta da StageUp, azienda specializzata in “sport business” il 2006 sarà un annata d’oro per gli investimenti in sponsorizzazioni sportive, che cresceranno sensibilmente rispetto all’anno precedente, grazie anche alle Olimpiadi di Torino e ai Mondiali di calcio in Germania. In previsione di questi eventi è previsto infatti un boom di investimenti, che in Italia toccheranno quota 1,1 miliardi di Euro, segnando un +4,1% sul 2005.

Ma per le Olimpiadi Invernali la strada è stata almeno in parte in salita. Il timore di una deludente copertura mediatica della manifestazione ha frenato molte aziende medio-grandi dal partecipare in maniera consistente alla sponsorizzazione degli eventi. Tra le tante assenze si contano anche numerose multinazionali piemontesi, Lavazza e Ferrero in testa, mentre ha approfittato della partita giocata in casa la Fiat. La campagna di marketing del Lingotto non riguarderà più, come in passato, solo la simpatica nazionale giamaicana di bob (presente comunque negli spot), ma molti marchi e “stelle” dei giochi, per un budget complessivo di 60 milioni di Euro.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Jacopo Gonzales (del 28/01/2006 @ 20:31:34, in Internet, linkato 2812 volte)

Apprendo via Jensense che Google sta testando una nuova dimensione per il suo Adsense: quella del Rich Media Advertising.

I principali formati presi in considerazione sono: interstitials, expanding ads e floating ads.

Comprendo che nuovi orizzonti vadano scoperti e sviluppati, e benvenga anche l’innovazione lungimirante, sebbene, a mio avviso, il rich media advertising non sia nemmeno così innovativo.

Avrei preferito però qualche passo in avanti relativamente a qualche servizio effettivamente più utile per i publisher, ma ancor prima per gli advertiser, come ad esempio il servizio di Click-To-Call.

Tutto sommato non vorrei che Google diventasse l'ennesimo Tradedoubler o Zanox della situazione. [via Internet Marketing Blog]

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Matteo B. (del 28/01/2006 @ 07:42:22, in Pubblicità, linkato 12542 volte)
“Fastweb, con la sua storia giovane ma già costellata di primati, ha individuato in Valentino Rossi la sintesi dei valori del proprio successo e cioè l’attitudine alla sfida e al cambiamento.”

Inizia così il comunicato stampa di Fastweb che annuncia l’ingaggio del campione pescarese come testimonial per tutto il 2006 con un’opzione anche per il 2007.

I risultati di Fastweb in effetti sono di tutto rispetto: a cinque anni dal lancio dell’attività, l’azienda si è affermata come il secondo operatore di rete fissa in Italia per estensione della propria infrastruttura, per numero di clienti diretti e per accessi broadband, e ha chiuso il 2005 con ricavi per 967 milioni di euro, con una crescita del 34% rispetto al 2004.

Valentino Rossi dal canto suo, giovane campione mondiale di motociclismo e personaggio pubblico particolarmente amato in Italia, rappresenta una vera e propria icona per gli sportivi e richiama un’immagine vincente che bene si abbina, come dimostrato dal successo di Alice, a connessioni ad alta velocità.

Tutto perfetto quindi? Non proprio, visto che il testimonial fino a ieri scarrozzava sulla propria motocicletta la bella Fernanda Lessa negli spot televisivi della Telecom e da lungo tempo legava la sua immagine all’azienda, che ha utilizzato estensivamente il suo volto su tutti i media a disposizione.

La domanda sorge spontanea: ha senso strappare a suon di milioni (due, secondo i bene informati) il testimonial simbolo di un’azienda concorrente e utilizzarlo di punto in bianco per la propria? Può rivelarsi una scelta realmente efficace e premiante?

Se da un lato non ci sono infatti dubbi sull’ascendente che Valentino può esercitare sul target, in particolar modo su quello più giovane, dall'altro si potrebbe anche osservare che il passaggio di testimone, anzi testimonial, tra aziende ormai concorrenti possa togliere rilevanza all’impatto complessivo della campagna. Sarebbe stato diverso se il cambiamento fosse stato intercalato, almeno per qualche mese, da una forte campagna in cui il nostro protagonista promuove prodotti completamente diversi? Sarebbe stato sufficiente a “stemperare” il legame Rossi-Lessa-Alice? Valentino ha forse stavolta fatto un salto troppo brusco e rischioso?

Riuscendo a strappare il prezioso testimonial al temuto concorrente e può sperare che il telespettatore-utente possa essere facilmente confuso e cedere alla tentazione di comparare gli spot attuali e precedenti, o ancora peggio a continuare ad associare il pilota al rosso di Telecom.

Vedremo nei prossimi mesi se la scelta darà i risultati sperati. La nuova campagna comunque è articolata su soggetti specifici per i diversi mezzi e prevede l’utilizzo di stampa e internet, mentre dalla seconda metà di febbraio gli spot sbarcheranno anche in televisione.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Ci sono 6403 persone collegate

< dicembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
         

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Advertising (108)
Aziende (142)
Blog (11)
Brand (37)
Comarketing (2)
Comunicazione (9)
dBlog (1)
Digitale (33)
eCommerce (39)
Grande Distribuzione (7)
Internet (543)
Marketing (288)
Marketing Ambientale (3)
Marketing non convenzionale (62)
Media (102)
Mercati (79)
Mobile (210)
Permission Marketing (1)
Prodotti (95)
Pubblicità (32)
Pubblicità (88)
Retail (11)
Segnalazioni (45)
Social Networks (349)
Startup (1)
Strategie (59)
Tecnologie (73)
Trade Marketing (1)
Viral Marketing (40)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019

Gli interventi più cliccati

Titolo
Automobili (2)
Bianco e nero (1)
Comarketing (1)
Home (4)
Internet (4)
Prodotti (5)
Pubblicità (5)

Le fotografie più cliccate


Titolo

< /p>


Subscribe to my feed


Google
Reader or Homepage

Add to netvibes



Creative Commons License




10/12/2019 @ 23:23:56
script eseguito in 505 ms