Immagine
  mymarketing.it: l'isola nell'oceano del marketing... di Admin
 
"
Errare è umano, ma per incasinare davvero tutto è necessario un computer.

Arthur Bloch
"
 
\\ : Storico (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Max Da Via' (del 12/02/2006 @ 08:19:49, in Marketing, linkato 2402 volte)
Procter & Gamble, vera e propria scuola di marketing, è ben consapevole dell’importanza di saper prestare attenzione alla voce dei propri clienti e per questo ha saputo varare nel tempo diverse iniziative atte a promuovere al proprio interno una maggiore consapevolezza delle necessità del target di riferimento.

Vocalpoint è un brand ideato da P&G per favorire una maggiore collaborazione tra le aziende e una community di mamme “influenti”, in grado di fornire preziosi consigli su diversi settori come intrattenimento, moda, musica, alimentari e bellezza. Attraverso un’attenta analisi dei pareri espressi da queste mamme, accuratamente selezionate per rappresentare un panel significativo, Vocalpoint genera valore e una migliore conoscenza di mercato per le aziende clienti, utilizzando strumenti come sondaggi, sampling e speciali anteprime.

Ma se le mamme sono influentials i figli sono considerati opinion leaders e quindi anche loro al centro di analisi di marketing. Nel 2001 P&G ha infatti creato Tremor, una community di teenager che attualmente conta oltre 250.000 iscritti, allo scopo di sviluppare progetti di word of mouth per i settori della moda, intrattenimento, musica alimentari e bellezza. Tremor è in grado di creare nei partecipanti un senso di appartenenza, che può portare questi teenager a diventare early adopters ma anche testimonials, favorendo quindi un passaparola che può rivelarsi un efficace strumento di marketing.
E le aziende possono ottenere dati di prima mano su prodotti e servizi da sviluppare per un pubblico giovane, con evidenti vantaggi sia in termini di ideazione che di marketing e comunicazione.



Via fluido
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Eli (del 11/02/2006 @ 11:21:30, in Advertising, linkato 4466 volte)
Come rendere più piacevole l’attesa a volte interminabile del bus? Secondo Adidas la ricetta consiste nel trasformare la fermata nello spogliatoio dell’Ajax Amsterdam, seguitissima squadra locale. Grande idea di outdoor, semplice ma in grado di attirare l’attenzione.




Via Advertising/Design Goodness
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Max Da Via' (del 11/02/2006 @ 07:31:25, in Marketing, linkato 3265 volte)
Un audiobook è un libro in formato audio. Con la crescente di diffusione di lettori digitali (iPod in testa a tutti) non solo è facile trovare la propria canzone disponibile per il download direttamente in formato MP3, ma c’è anche una crescente offerta di libri letti spesso da attori famosi, che possono essere comodamente ascoltati dovunque ci si trovi.

Basta dare un’occhiata all’ormai famoso iTunes per vedere l’ampia gamma di titoli tra i quali scegliere: novità ma anche classici sono proposti a poche decine di dollari, nella maggior parte dei casi però in inglese.

BMW, che non è nuova a iniziative originali legate al web, ha deciso di promuovere il proprio brand utilizzando la crescente popolarità di questi audiobook. Per questo motivo ha commissionato ai principali autori della casa editrice Random House una serie di romanzi, ciascuno della durata di 45 minuti, dedicati ognuno ad un modello diverso di auto, che ha poi reso disponibili gratuitamente per il download a questo indirizzo: www.bmwaudiobooks.com. Tra i vari titoli uno per tutti: The Beautiful Ride, di Don Winslow.

Funzionerà questo inedito binomio letterario-automobilistico? La promozione del brand può essere fatta in molti modi e spesso i canali alternativi possono dare ottimi risultati. In questo caso il progetto è particolarmente interessante anche perché come descritto non si tratta di un libro tradizionale, ma della sua versione elettronica.

Il target ideale di un’iniziativa di questo tipo è giovane, tecnologicamente savio, colto (in fondo ama la lettura, anche se fatta da altri) e sufficientemente danaroso da poter dedicare qualche decina di migliaia di Euro all’acquisto di una BMW nuova fiammante. Potrà il fascino della narrazione convincerlo a recarsi dal concessionario più vicino?



Via Adverblog
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Danilo Arlenghi (del 10/02/2006 @ 05:34:24, in Marketing non convenzionale, linkato 1825 volte)
Ma è dannosa la pubblicità che non c'è? L'orientamento degli studiosi, oggi, è che i messaggi occulti non hanno alcun effetto sull'uomo. Eppure qualche perplessità rimane, se non altro per i tanti buchi neri che ancora abbiamo sulla conoscenza della mente umana.

Alcuni psichiatri però sostengono che il nostro cervello, essendo in grado di percepire ed elaborare questo tipo di sollecitazione, rischia addirittura di rimanerne danneggiato. Stanchezza, immaturità, traumi o abuso di alcol e droghe ci renderebbero più vulnerabili e talvolta capaci di interpretare a livello inconscio messaggi rovesciati o bifronte.

Diversi specialisti americani, poi, hanno registrato gravi disturbi psichici in persone che ascoltano a lungo musica rock: si va dalle crisi di violenza alla perdita improvvisa di concentrazione, dal rallentamento dei riflessi agli stati allucinatori, dalle difficoltà di memoria alla volontà di uccidersi.

Tali problemi sarebbero provocati sia dalle vibrazioni a bassa frequenza delle chitarre e sia, appunto, dai messaggi celati nei testi. Malgrado ciò, di messaggi subliminali si continuò a discutere negli anni.

Nel ‘73 la Federal CommunicationCommission denunciò tali tecniche pubblicitarie come ingannevoli - al di là della loro reale efficacia. A detta di un giornalista radiofonico canadese sia l'emittente Voice of America che Radio Mosca trasmisero nel corso dei loro programmi messaggi subliminali. Il loro utilizzo fu bandito in Belgio e Gran Bretagna. Nel ‘74 anche una commissione per i diritti umani dell’ONU raccomandò un'analoga proibizione, denunciando l'indottrinazione subliminale.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Matteo B. (del 09/02/2006 @ 06:32:27, in Internet, linkato 3008 volte)
Google prosegue la propria corsa per integrare in una singola interfaccia il maggiore numero di servizi, in modo da offrire un unico punto di accesso ai navigatori, con evidenti benefici in termini di fidelizzazione.

Se Google Talk, il messanger di Mountain View, vi è piaciuto allora dovrete assolutamente provare Gmail Chat, un servizio di instant messaging che sarà accessibile direttamente dalla pagina principale del sito, insieme al servizio di posta Gmail.

Uno degli aspetti più interessanti legati a questo progetto è che non è prevista l’installazione di software addizionali per poterne utilizzare le funzionalità, con indubbi vantaggi sia per l’utente che per Google. In questo modo, infatti, il motore di ricerca non corre il rischio di perdere potenziali navigatori perché non possono o semplicemente non vogliono installare software addizionale sulla propria macchina.

Se l’instant messaging non può essere definito una novità (si tratta di funzionalità che sono offerte da oltre una decina d’anni) l’integrazione di un efficace sistema di messaggistica all’interno di una pagina web rappresenta una piccola rivoluzione.

Oltre a questo indubbio vantaggio sui software concorrenti Gmail Chat sembra promettere interessanti sviluppi anche grazie all’integrazione con Gmail: l’ampia base utenti del servizio di posta elettronica potrebbe infatti essere interessata ad un messaging integrato con la casella postale, in modo da poter gestire tutte le comunicazioni via web tramite un unico punti di accesso.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Matteo B. (del 08/02/2006 @ 13:56:50, in Prodotti, linkato 2359 volte)

La Apple, vera e propria regina nel settore dei lettori MP3 con una quota pari al 70% del mercato USA, ha annunciato un imminente taglio di prezzi per alcuni modelli di fascia bassa della gamma iPod.

L’iPod Shuffle, il lettore entry level da 120 canzoni, con i suoi 512 Mb e l’assenza dello schermo, passerà dagli attuali 99 dollari a 69, con una riduzione di prezzo pari a ben il 30%, mentre la più capiente versione da 1 Gb scende di quasi il 24%, con il nuovo prezzo fissato a 99 dollari.

Ma le novità non si fermano qui: la Apple propone ora una versione “economica” anche dell’ultimo dato in casa iPod, il discusso Nano. In questo caso è in fase di lancio il nuovo modello da 1 Gb, che affiancherà gli altri da 2 (199 dollari per circa 500 canzoni)e da 4 Gb (249 dollari), con un costo di 149 dollari.

A cosa è dovuto questa decisione improvvisa? Un primo fattore da considerare è la diminuzione, in alcuni casi fino al 70%, dei costi di alcuni dei componenti utilizzati, in particolare per quanto riguarda lo Shuffle. Un secondo motivo, legato al lancio di un nuovo modello di Nano meno capiente e quindi più economico, può essere legato ad una strategia di pricing per conquistare nuove quote di mercato, in particolare nel mercato europeo, dove la market share della Apple non supera il 40%.

Del resto l’iPod comincia ad essere per certi aspetti datato: il nucleo originario del progetto risale ormai ad alcuni anni fa, che equivalgono a secoli nell’elettronica di consumo. I numerosi restyling, con il progressivo assottigliamento potrebbero non essere più sufficienti per giustificare un premium prize decisamente più alto della media di mercato, soprattutto quando la concorrenza comincia a proporre lettori altrettanto leggeri con funzionalità simili e in alcuni casi superiori ad un prezzo sempre più competitivo.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Matteo B. (del 08/02/2006 @ 06:20:37, in Media, linkato 3585 volte)
Ansa pubblica la notizia che, ottenuto il via libera dall'Antitrust, l’operatore di telefonia UMTS H3G, acquisterà la tv Canale 7 con un’operazione da 220 milioni di Euro.

Grazie a questa manovra si consolida dunque la posizione di 3 nel settore dei media: l’azienda sarà la prima mobile media company italiana a portare la tv sul cellulare sfruttando le sinergie che derivano dal possesso di una rete televisiva tradizionale.

Questo investimento testimonia come, nonostante la guerra degli standard e i dubbi più che legittimi sulle potenzialità del mercato, alcuni operatori credano realmente nella fruizione di programmi televisivi via cellulare, e si stiano organizzando per arricchire la propria offerta.


Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Max Da Via' (del 07/02/2006 @ 06:47:52, in Internet, linkato 2780 volte)
Chi frequenta abitualmente le pagine di eBay avrà probabilmente avuto occasione di notare la crescente presenza di prodotti griffati di dubbia origine. A partire dagli orologi di marche prestigiose venduti a poche decine di Euro fino ad arrivare all’abbigliamento e alla gioielleria, c’è un proliferare di repliche più o meno fedeli che animano un mercato parallelo.

Molte aziende già da tempo lamentao questa situazione, ma Tiffany & Co, è andata oltre, accusando formalmente il popolare sito di aste di agevolare il commercio di prodotti Tiffany contraffatti.

Secondo la testimonianza del New York Times l’iniziativa potrebbe avere un effetto dirompente sulle future attività di eBay, incentivando simili azioni legali da partesi altre griffe, con conseguenze molto pesanti per il sito d’aste che potrebbe essere costretto a rivedere profondamente le proprie procedure di sicurezza e policy di controllo, finora abbastanza permissive.

Le difficoltà appaiono ancora più evidenti se si considera che la base utenti sfiora ormai i 180 milioni di persone, con un numero elevatissimo di transazioni quotidiane e quindi con volumi tali da rendere oggettivamente difficoltosa un’efficace procedura di controllo. Ma al buon successo di questa iniziativa potrebbe essere legata la stessa sopravvivenza di eBay, che nei prossimi mesi si troverà ad affrontare importanti decisioni.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Gianluigi Zarantonello (del 06/02/2006 @ 19:57:07, in Media, linkato 2731 volte)

Fondamentalmente con giornalismo sociale o di servizio s'intende tutto quel settore dell'informazione che si occupa delle problematiche sociali denunciando al contempo disservizi e abusi, un campo che spazia dalle dipendenze da droghe alla disabilità, dall'emarginazione ai grandi problemi socioeconomici dei paesi in via di sviluppo passando per tutte le iniziative di volontariato e del mondo del “no-profit” e delle ONG.Il raggio d'azione, qui delineato in modo assolutamente incompleto, è dunque vasto e diversificato ma incontra problemi e opportunità comuni.

Questo tipo di giornalismo vive sulla rete una particolare vivacità, sia grazie a operatori professionisti sia tramite una molteplicità di altri soggetti di varia estrazione e collocazione.Alla figura tradizionale del giornalista professionista, infatti, si affiancano quella del bloggers, quella del volontario di vario orientamento e formazione, quella dell'utente che si attiva dando luogo ad un'interazione dialogica con il media e tante altre ancora.

Sicuramente nel momento in cui si viene a parlare dei professionisti del giornalismo sociale in rete non si può prescindere da quella che è la principale e più innovativa realtà italiana: l'agenzia Redattore Sociale.Si tratta di un'agenzia di stampa quotidiana nata tre anni fa e dedicata al disagio e all'impegno sociale in Italia e nel mondo, nata dalle sollecitazioni delle centinaia di giornalisti che dal 1994 partecipano a Capodarco al seminario di formazione "a partire dai temi del disagio e delle marginalità". L'agenzia dunque integra attualità e documentazione, notizie e banche dati, dando la possibilità di seguire gli avvenimenti del giorno e nel contempo di svolgere ricerche. È consultabile in abbonamento all'indirizzo internet http://www.redattoresociale.it/, la scelta di essere solo sul web deriva da motivi di costo ma anche da alcuni vantaggi del mezzo, come l'ipertestualità che consente di collegare alle notizie diversi tipi d'approfondimenti o anche solo altre news presenti sul tema, favorendo quel lavoro d'indagine giornalistica che troppo spesso è omesso per scarsità di tempo.

Esistono poi molte altre realtà professionali che si dedicano ai temi del sociale, tra queste possono citare:
Aggiornamenti sociali - Mensile di ricerca sociale, d'ispirazione cristiana.
Carta - Settimanale dei cantieri sociali
Città Nuova - Quindicinale del Movimento dei Focolari
Fuoriluogo, mensile di Forum Droghe (esce come supplemento del Manifesto)
Il Giornale di San Patrignano - Mensile della Comunità di recupero per tossicodipendenti di San Patrignano (Rimini)
Italia Caritas - Mensile della Caritas Italiana
Narcomafie - (Legalità, diritti, cittadinanza) Mensile del "Gruppo Abele"
Rivista del volontariato - Mensile della Fondazione Italiana per il Volontariato
Vita - Non profit magazine settimanale
Social News - Giornale d'informazione sociale dell'Associazione @auxilia
Piazza Grande - Giornale di Strada di Bologna
Terre di Mezzo - Giornale di Strada di Milano
Socialinfo – Orientarsi nel mondo del sociale

Nel panorama giornalistico sociale on line s'inseriscono poi a pieno titolo anche bollettini di enti pubblici e organi ufficiali d'informazione di movimenti ed associazioni. In Rete infine trovano spazio piccoli siti di denuncia d'abusi o disservizi, sulla scia di Striscia la notizia o di Mi manda Raitre, gestiti da giornalisti indipendenti e che diventano autentici amplificatori di problemi che poi possono essere ripresi da realtà più grandi.

Tuttavia per apprezzare a pieno le potenzialità di Internet applicate al composito mondo dell'informazione sociale e di servizio bisogna spostarsi nell'ambito degli operatori non professionisti e per capire molto della loro logica si può citare l'home page di Indymedia, network di media collegato al “popolo di Seattle”. Il sito infatti consiglia ‘'Don't hate the media – Become the media'': non odiare i media, diventa tu stesso media.

Internet dunque permette di saltare la tradizionale mediazione degli organi di stampa (e dei relativi siti) e così piccole realtà si affacciano su scenari internazionali enormi in modo autonomo creando fittissimi network. Oltre al superamento del problema dei costi e dell'annullamento del nodo della distribuzione un altro vantaggio delle rete si lega all'innovazione tecnologica, che permette di affrontare la rete senza dover conoscere neppure un “tag” html, tutti possono aprire un blog (grazie a Splinder o Wikipedia) e pubblicare notizie.

Per tutti questi motivi dunque la grande rete ormai è sicuramente il canale numero uno per tutti coloro che si occupano di giornalismo sociale e di denuncia. Una voce che è sempre più difficile non ascoltare.

Per saperne di più Penne digitali. Dalle agenzie ai weblog: fare informazione nell'era di Internet, Centro di Documentazione Giornalistica, 2005.

Gianluigi Zarantonello

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Max Da Via' (del 06/02/2006 @ 06:36:38, in Media, linkato 3388 volte)
Sky Italia dal 1° febbraio ha lanciato una nuova offerta, ideata specificatamente per il mondo del business. Sky Ufficio è la prima serie di canali tematici all news che si propone come strumento di informazione per tutti quei settori all’interno dei quali la possibilità di ricevere in tempo reale notizie e informazioni mirate è fondamentale per lo svolgimento dell’attività.

Composta da 12 reti, di cui due interattive, consente di avere una panoramica sempre aggiornata di quanto succede nel mondo, avvalendosi dei contributi di canali come Sky Tg24, Sky Meteo24, Sky News, Fox News Channel, Bloomberg Television e Cnbc Europe. Questi canali tematici, da tempo utilizzati nei paesi anglosassoni, rappresentano invece una novità in Italia, dove solo recentemente molte aziende hanno cominciato a manifestare interesse per i servizi al news.

Il pricing, anche grazie alla fase di lancio, è molto aggressivo: un singolo ufficio che voglia utilizzare il servizio scegliendo almeno 9 pacchetti spende 14 Euro al mese, mentre l’estensione da 10 a 99 prevede un costo aggiuntivo di 12 Euro. Anche la possibilità di allargare l’accesso alle informazioni a 100 e più uffici è decisamente economica, con un’ulteriore spesa di 10 Euro, mentre i decoder necessari per la ricezione sono offerti in comodato d’uso gratuito.

Mentre prosegue inesorabile la sfida tra i vari operatori per l’affermazione della TV digitale Sky, impegnata su più fronti, ha individuato un nuovo e interessante segmento di mercato, al quale proporre servizi informativi di carattere professionale. L’offerta è decisamente competitiva, ma è prevedibile a breve una contromossa dei competitor, interessati a non farsi sfuggire un settore che, se opportunamente seguito, potrebbe rivelarsi ricco di nuovi e interessanti sviluppi.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Ci sono 4026 persone collegate

< luglio 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
  
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
   
             

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Advertising (108)
Aziende (142)
Blog (11)
Brand (38)
Comarketing (2)
Comunicazione (9)
dBlog (1)
Digitale (34)
eCommerce (41)
Grande Distribuzione (7)
Internet (546)
Marketing (290)
Marketing Ambientale (3)
Marketing non convenzionale (62)
Media (102)
Mercati (82)
Mobile (210)
Permission Marketing (1)
Prodotti (95)
Pubblicità (32)
Pubblicità (88)
Retail (12)
Segnalazioni (45)
Social Networks (358)
Startup (1)
Strategie (59)
Tecnologie (75)
Trade Marketing (1)
Viral Marketing (40)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020

Gli interventi più cliccati

Titolo
Automobili (2)
Bianco e nero (1)
Comarketing (1)
Home (4)
Internet (4)
Prodotti (5)
Pubblicità (5)

Le fotografie più cliccate


Titolo

< /p>


Subscribe to my feed


Google
Reader or Homepage

Add to netvibes



Creative Commons License




07/07/2020 @ 09:01:31
script eseguito in 516 ms