Immagine
  mymarketing.it: perchè interagire è meglio!... di Admin
 
"
Errare è umano, ma per incasinare davvero tutto è necessario un computer.

Arthur Bloch
"
 
\\ : Storico (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Matteo B. (del 18/01/2006 @ 06:24:54, in Marketing, linkato 1523 volte)
In questi giorni si è parlato molto dell’utilizzo dell’email in ambito professionale: una ricerca realizzata da Dynamic Market mostra come la posta elettronica incida pesantemente sulla psicologia di molti utenti, creando una sorta di dipendenza.

Oltre la metà del 1.700 utenti intervistati ha dichiarato di essere, in maniera più o meno frenetica, dipendente dalla lettura delle proprie email, con un quinto del campione che confessa di farne un utilizzo quasi maniacale. Il 6% delle persone coinvolte nel sondaggio ha dichiarato invece di sentirsi sopraffatto dal bombardamento quotidiano di messaggi, al punto da fare fatica a gestire la mole di informazioni ricevute.

Alla base di questo studio c’è un aspetto molto interessante: nell’ultimo anno quasi la totalità delle imprese coinvolte nel sondaggio ha rilevato un aumento del 47% il numero di email gestite. Questo determina un assorbimento di almeno due ore lavorative al giorno per il 52% dei dipendenti tra lettura e invio di messaggi, che arriva a sfiorare le quattro ore per il 15% del campione.

L'invio di email è tradizionalmente considerato un importante strumento di marketing da molte aziende, che lo utilizzano, oltre che per presentare i propri prodotti e servizi, per mantenere i contatti con clienti e prospect.

L’overdose di messaggi che ci si vede giornalmente recapitati, come dimostrato da questi dati, mette però seriamente a rischio una campagna di marketing basata sulla posta elettronica, che rischia di venire cancellata o semplicemente ignorata per mancanza di tempo del destinatario

Occorre quindi riuscire a creare una vera e propria strategia di email marketing, evitando attentamente di tempestare il destinatario di messaggi non richiesti stabilendo invece una comunicazione interattiva e bidirezionale.

L’email è un potente strumento di marketing, ma richiede una metodologia e un approccio dedicati, senza cadere nella tentazione di trasferire su questo mezzo le stesse tecniche e regole utilizzate per altri canali.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di M. Ferrero (del 17/01/2006 @ 07:09:25, in Marketing, linkato 2516 volte)
Una delle prossime sfide che attendono la telefonia potrebbe essere la convergenza fisso-mobile. Se Telecom e TIM, come recentemente presentato anche attraverso gli spot, intendono sfruttare questa sinergia i loro concorrenti non hanno intenzione di rimanere alla finestra a guardare.

Vodafone e Fastweb, secondo alcune attendibili indiscrezioni, starebbero esaminando la possibilità di stipulare un accordo commerciale per offrire tariffe particolarmente concorrenziali per abbassare il costo delle chiamate fisso-mobile. Inizialmente questo accordo sarebbe limitato all’utenza professionale, ma è prevedibile, nel caso si riveli un scelta azzeccata, la sua estensione anche al mercato consumer.

Fastweb però, sempre secondo questi rumors, avrebbe intenzione di non limitarsi solo a Vodafone per stringere alleanze, ma starebbe valutando la possibilità di coinvolgere anche gli altri operatori mobili, in modo da rendere la propria offerta più competitiva. L’azienda è anche interessata a diventare operatore mobile virtuale, così come già dichiarato da Tele2 ed Albacom, cosa che però non potrà avvenire prima del 2007 a causa di un vincolo legato alla concessione delle licenze UMTS.

Il problema della convergenza tra fisso e mobile sembra quindi interessare progressivamente tutti i principali operatori di mercato, a riprova del fatto che c’è una forte tendenza al consolidamento in atto. Se da un alto i cellulari diventano sempre più versatili, ricchi di funzioni e multimediali dall’altro il traffico voce, soprattutto business, spinge per un abbassamento delle tariffe spingendo quindi i vari player a cercare di essere maggiormente competitivi stringendo nuove e importanti alleanze.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Max Da Via' (del 16/01/2006 @ 06:36:13, in Marketing, linkato 2426 volte)
L’Islanda vanta il primato europeo nell’uso delle carte di credito: bel il 70% delle spese sono fatte tramite moneta elettronica. Questi numeri sono però molto diversi dal resto d’Europa, dove l’utilizzo del contante è ancora molto diffuso, in particolar modo per le spese più piccole. Tra i dove le banconote sono maggiormente utilizzate spiccano Italia e Spagna (80% dei pagamenti effettuati) e Germania (73%).

L’ambizioso obiettivo di Visa Europe per il prossimo futuro è quello convincere i consumatori europei ad un maggiore utilizzo della carta di credito, anche per le somme al di sotto dei 15 Euro, dove, salvo rare eccezioni, è il contante lo strumento di pagamento di gran lunga più utilizzato.

Le basse percentuali di utilizzo mostrano infatti notevoli spazi di crescita, a patto di riuscire a cambiare le radicate abitudini di spesa di moti consumatori. Proprio per vincere questa scarsa propensione all’utilizzo degli strumenti di pagamento elettronici Visa ha varato lo scorso 8 gennaio una massiccia campagna pubblicitaria, caratterizzata dal claim “Love Every Day”.

Rivolta prevalentemente alla clientela consumer è portata avanti contemporaneamente in 21 Paesi e prevede un utilizzo coordinato di diversi media (tv, stampa, web e punti vendita), con una particolare attenzione alla cartellonistica nelle aree di maggiore affluenza come metropolitane, piazze e ipermercati.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Max Da Via' (del 15/01/2006 @ 09:19:49, in Brand, linkato 3360 volte)
Alcune aziende hanno un marchio così forte da essere entrate nella vita di molte persone, che diventano testimonial più o meno consapevoli del loro brand.

Non è una fortuna che capiti a molte, ma se vi chiamate Coca Cola, Nike, Marlboro, Harley Davidson o BMW, ad esempio, molti consumatori saranno entusiasti di possedere gadget con il vostro brand, al punto da esibirli con orgoglio a parenti e amici.

Questa influenza del marketing riguarda un po’ tutti: anch’io qualche tempo fa, mentre stavo entrando in sala a vedere un film, mi sono fatto convincere a prendere la confezione maxi di popcorn (che ho strapagato e non sono riuscito a finire) solo per avere in regalo una maglietta rossa con la scritta Coca Cola. Del resto la multinazionale di Atlanta l’anno scorso è stata premiata da Interbrand come il marchio più importante del 2005 e per questo mi sento in parte giustificato.

Evidentemente non sono l’unico ad apprezzare gadget di questo tipo perché ho recentemente scoperto, non senza un certo stupore, che esiste un sito dedicato esclusivamente alla compravendita di prodotto marchiati Coca Cola.

Il sito si chiama Coca Cola Corner e non è legato in alcun modo all’azienda, ma nelle sue pagine sono offerti, spesso a prezzi sorprendenti, oggetti brandizzati: dall’arredo alle stoviglie, è possibile trovare praticamente di tutto.

La cosa interessante è relativa a quanto molti siano disposti a spendere per aggiudicarsi oggetti promozionali di un’azienda, dimostrando un notevole attaccamento al marchio, che è riuscito ad entrare a far parte del loro stile di vita. In questo caso si può veramente parlare di fidelizzazione: clienti come questi sono entusiasti consumatori e testimonial viventi del successo di un brand.


Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Max Da Via' (del 14/01/2006 @ 08:28:45, in Strategie, linkato 1909 volte)
La gestione di un punto vendita è onerosa e sempre più aziende scelgono di affiancare al tradizionale negozio i canali elettronici, che garantiscono una buona copertura del territorio e costi decisamente inferiori.

Anche un leader di mercato come Blockbuster, che ha fatto la propria fortuna anche grazie alla capillare presenza di punti vendita accoglienti e facilmente riconoscibili, comincia a interessarsi in maniera crescente a internet come canale distributivo.

Una delle caratteristiche di molti negozi Blockbuster, che li differenzia dagli altri videonoleggi, è però la nutrita presenza di prodotti, alimentari in prima fila, che sono venduti come possibile abbinamento al film. Popcorn da microonde, pizze surgelate, ettolitri di Coca Cola e gelati Häagen-Dazs sono infatti solo la punta dell’iceberg dei prodotti che è possibile trovare, proposti a prezzo non certo da supermercato. In aggiunta ai ricavi derivanti dal noleggio la vendita di questi prodotti costituisce un utile integrazione, ma non tale evidentemente da rendere il punto vendita insostituibile.

Ad una conferenza di analisti di Citigroup a Phoenix, John Antioco, amministratore delegato della catena di videonoleggio, ha annunciato che per il mercato americano le maggiori aspettative di sviluppo sono proprio legate al canale elettronico, mentre il numero di negozi verrà progressivamente ridotto.


Il cliente che noleggia via internet è evidentemente più redditizio per l’azienda, che punta ad una forte riduzione delle spese generali e amministrative, tanto da essere al centro delle future strategie di espansione. Gli utenti di Blockbuster Online sono comunque poco più di un milione, mentre il concorrente Netflix negli ultimi diciotto mesi ha incrementato sensibilmente il numero di utenti iscritti al servizio, che adesso oscillano attorno ai 4 milioni.

Il servizio Online di Blockbuster consente di scegliere da un catalogo di oltre 40.000 titoli e spazia dalle ultime novità ai classici. Il funzionamento è piuttosto semplice e simile a quanto avviene per altri videonoleggi on-line: i film selezionati vengono inviati direttamente presso il proprio domicilio nel giro di tre giorni lavorativi al massimo. All’interno del pacco sono anche presenti buste prepagate da utilizzare per restituire i DVD, sempre tramite posta.

Ma quali possono essere, oltre ai già citati costi gestionali inferiori, i motivi determinano il successo del videonoleggio sul canale elettronico?

Da una parte probabilmente la maggiore comodità per gli utenti, che ricevono i film selezionati direttamente a casa, senza fare code e soprattutto senza la necessità di dover poi tornare in negozio per restituire il DVD.

Un secondo motivo è legato ai costi inferiori di questa soluzione: parte del risparmio del noleggiatore, che non deve più pagare tutti i costi legati del punto vendita, viene ribaltato sul prezzo del servizio, che diventa più competitivo. Del resto basta pensare a come tutti i video-noleggi stiano progressivamente diventando self-service, con tariffe sempre più economiche rispetto al negozio tradizionale.

Il terzo deriva dalla maggiore disponibilità di titoli tra i quali scegliere: difficilmente un negozio per quanto grande può vantare un catalogo di 40.000 titoli.

Vedremo quindi se questa strategia di puntare in misura crescente su internet darà i frutti sperati, e riuscirà a garantire una maggiore redditività all’azienda. Del resto questo potrebbe anche solo essere il primo passo di una strategia di più ampio respiro: con la crescente diffusione di collegamenti veloci al web e la presenza in molte case di media center e pc con monitor in grado di rivaleggiare con la televisione, un domani la fornitura di film potrebbe essere fatta addirittura in streaming, cancellando anche l’unica seccatura del noleggio on-line così come è concepito attualmente, cioè l’attesa del recapito dei film via posta.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Max Da Via' (del 13/01/2006 @ 07:18:14, in Media, linkato 1749 volte)

Molte compagnie telefoniche puntano in maniera crescente a differenziare le fonti di reddito, affiancando ai tradizionali ricavi derivanti dal traffico vocale nuovi prodotti e servizi.

Se loghi e suonerie in questo settore fanno la parte del leone cominciano ad affacciarsi sul mercato anche altre iniziative, legate all’affermarsi della telefonia di terza generazione.

Vodafone Group, la più grande compagnia di telefonia mobile al mondo in termini di fatturato, ha annunciato ieri un accordo con Sony NetServices per il lancio di un nuovo servizio di canali radio personalizzati, che potranno essere ascoltati tramite in streaming tramite i nuovi telefoni 3G.

I due metteranno a disposizione degli appassionati centinaia di migliaia di brani, provenienti sia da major che da etichette indipendenti, offrendo quindi una vasta possibilità di scelta.

Uno degli aspetti più interessanti dell’iniziativa, denominata Vodafone My Radio, è la personalizzazione che dovrebbe essere possibile: per ogni brano che si ascolta potrà essere associato un indice di gradimento tramite la semplice pressione di un tasto. Le preferenze dell’utente saranno memorizzate ed elaborate in base ad aspetti quali l’armonia e il genere, consentendo quindi di proporre in maniera proattiva canali radio che trasmettono musica con caratteristiche simili ai pezzi che l’utente ha dimostrato di gradire.

Oltre ai programmi personalizzati sarà possibile ascoltare canali predefiniti in base al genere ma anche collezioni di brani musicali appositamente realizzate e aggiornate con le ultime hit del momento.

Tutti i brani potranno ovviamente essere acquistati oltre che via telefono anche tramite PC, con la possibilità anche in questo caso di memorizzare le preferenze dell’utente.

Il binomio telefonia e musica, secondo solo a quello che vede internet del ruolo di co-protagonista, sembra quindi assumere una rilevanza sempre maggiore. Se da un lato 3 punta in maniera decisa al download di singoli brani ma anche di interi album e compilation anche il mondo della radio è in fermento, ed è ipotizzabile che questa convergenza debba ulteriormente rafforzarsi nel prossimo futuro.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Max Da Via' (del 12/01/2006 @ 07:11:59, in Internet, linkato 2178 volte)
Anche Yahoo ultimamente sembra in preda all’iperattività che da sempre caratterizza Google, e nello spazio di pochi giorni ha annunciato tre diverse e interessanti iniziative.

La prima riguarda l’accesso gratuito a internet in alcuni alberghi Sheraton, la diffusa catena di proprietà di Starwood Hotels & Resorts Worldwide. Il progetto, per ora pilota, prevede l’accesso gratuito a internet e a molti dei servizi di Yahoo, comprese la posta, il meteo e tutta una serie di indicazioni di carattere locale come negozi e ristoranti localizzati.
Sarà possibile utilizzare i servizi dalle camere, mediante tecnologia Wi-Fi, ma alcuni alberghi offriranno postazioni di lavoro collocate direttamente nella hall. I costi dell’operazione saranno equamente divisi tra Sheraton, che avrà la possibilità di offrire un servizio in più ai propri clienti, e Yahoo, che potrà dimostrare l’efficacia dei propri servizi ad un target ben identificato, in cerca di informazioni turistiche e quindi bersaglio ideale di un advertising geolocalizzato.

La seconda fatica di Yahoo è l’acquisizione di Webjay, un sito-community tramite il quale gli utenti possono creare delle playlist multimediali e condividerle tramite web con altri utenti. Anche in questo caso si aprono spazi interessanti per promozioni e pubblicità rivolte ad un pubblico giovane e appassionato di musica e video.

La terza novità riguarda lo sviluppo di una serie di servizi web dedicati a cellulari, PC e TV presentati con il marchio Yahoo Go Mobile, TV e Desktop. Scopo di questa iniziativa è quello di promuovere l’utilizzo parte dei propri classici servizi web anche su diversi media, puntando in particolare all’integrazione con la telefonia mobile, che vanta tassi di diffusione particolarmente elevati. Tramite un apposito software, scaricabile nel portale Yahoo Go, sarà possibile a detta dell’amministratore delegato Terry Semel utilizzare diversi media in maniera complementare, ad esempio scattando una foto con il cellulare per poi rivederla immediatamente sul proprio televisore. Il progetto nasce dalla constatazione che c’è un forte interesse da parte di molti consumatori, soprattutto giovani, a poter accedere ad informazioni personalizzate dovunque si trovino, con la possibilità di personalizzare i contenuti.
Sembra infatti che molti scommettano nella tendenza del prossimo futuro ad una convergenza tra i vari media, che dovranno offrire un rapido ed efficace accesso a informazioni personalizzate indipendentemente dalla localizzazione dell’utente e dallo strumento di utilizzo. Il che, come al solito, rappresenta una sfida ma anche un’opportunità per le aziende che per prime sapranno comunicare sfruttando in maniera integrata questi molteplici canali.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Jacopo Gonzales (del 11/01/2006 @ 23:22:26, in Marketing, linkato 1519 volte)

Da più parti si legge che i marketer ed i pubblicitari devono decidere le campagne di promozione non più in base al costo-contatto ma al contatto-qualità; questo perchè il costo contatto quantifica l'utente singolo che compie un'azione ma non contempla l'affiliazione dello stesso verso il prodotto.

Oggi alle aziende interessa sapere di poter contare su di un numero quasi stabile di utenti/fruitori per considerare gli stessi il fondamento del proprio market field.
Le vecchie politiche di marketing rivolte al semplice hic et nunc, qui ed ora, in base al lancio di un determinato prodotto vengono soppiantate in favore di politiche di brand awarness che consentano un'affiliazione prodotto/utente che perduri nel tempo.


Noto è l'esempio di  RedBull che legandosi a manifestazioni ed eventi concernenti gli sport estremi o i contest più particolari sparsi per il mondo ha creato un core target di consumatori che, vivendo la vita nello stile RedBull, possono considerarsi RedBull addicted.


La marca, in questo caso, ha creato uno stile di vita e non il contrario. Sulla scia di queste considerazioni, il maggiore portale statunitense dedicato agli ispanici Unvision Online ha commissionato a Revenue Science uno studio per analizzare le capacità comportamentali del proprio target.

In questo modo i pubblicitari di Univision potranno targettizzare gli utenti in base a diversi "segmenti di comportamento".
Grazie a questo studio, assicurano da Univision, le campagne pubblicitarie potranno essere maggiormente mirate verso un target altamente profilato.


Per Revenue Science questo accordo rappresenta una grande vittoria sotto più punti di vista: primo fra tutti il fatto che Univision rappresenta una realtà con 196 milioni di utenti unici nel solo 2005, inoltre è la prima volta che si compie una targettizzazione dei comportamenti degli utenti di un sito di lingua diversa dall'inglese.

di Andrea Signori

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Alessandro Figus (del 11/01/2006 @ 20:24:58, in Prodotti, linkato 3093 volte)

E' arrivato il giorno della presentazione dell'attesissima Playstation 3. Approfittando di un evento come il CES di Las Vegas, Sony ha ben pensato di mettere in mostra la sua ultima creazione solo per quel che riguarda il suo design. Nessuna dimostrazione quindi e tanta delusione per tutti coloro che si aspettavano qualcosa in più della semplice presentazione in stile "mostra di gioielli". Forse perchè la casa giapponese non vuole ancora mostrare il frutto dei lunghi sudi effettuati? Fonti giapponesi, ma vicine alla rivale Nintendo, vociferano invece che la Ps3 non sia ancora sul mercato e non sia stata ancora collaudata in pubblico per via di alcuni difetti ai quali stanno lavorando grandi esperti. Sembra comunque che il lancio definitivo sia previsto per Maggio, mentre ad Aprile verrà reso disponibile solo un quantitativo limitato di Playstation, forse per creare quell'effetto soldout che venne programmato da Microsoft anche per il lancio della Xbox 360 .

Anche se non ufficiali, le specifiche tecniche sono ormai diffuse in rete e sui migliaia di forum e blog dedicati al mondo delle console si parla, si critica ed in qualche modo si creano le prime immagini e reputazioni dei nuovi prodotti. La battaglia si disputerà su tanti fronti come quello della qualità, delle performace, del prezzo, dell'immagine e del momento del lancio.E' difficile dire chi stia lavorando meglio ma per gli analisti, la Sony potrebbe incrementare il proprio fatturato pur perdendo parte della quota di mercato che attualmente possiede(70%), visto che il mercato stesso è ancora in crescita e che verranno vendute più console rispetto agli anni precedenti. Un mercato quindi con più clienti e con alcuni soggetti che sarebbero disposti ad acquistare contemporaneamente Playstation 3, Xbox 360 e Nintendo Revolution.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Gianluigi Zarantonello (del 11/01/2006 @ 17:08:25, in Internet, linkato 3100 volte)

Un sito web, in effetti, può essere definito un grande contenitore d’informazioni di vario formato (immagine, testo, multimedia) governato da una logica detta ipertestuale, ossia quella dei link che permettono di muoversi da una pagina all’altra costruendo un proprio percorso.

In queste tre righe ci sono molti elementi che spiegano perché i contenuti sono fondamentali per rendere un sito competitivo ed efficace, anche per un’azienda, di qualunque tipo e settore.Il web è infatti un “grande contenitore d’informazioni”, dunque è impensabile che una pagina web non abbia dei contenuti validi, sarebbe come mettere in libreria un volume con tutte le pagine bianche.

Non basta però mettere dei testi generici o, peggio, presi da altri media (tipicamente le brochure cartacee): ho scritto infatti che il web segue una logica ipertestuale, dunque i testi non devono essere troppo lunghi, devono essere impaginati in un certo modo e devono sfruttare i link per collegare le pagine ed i vari contenuti. Insomma i contenuti devono essere fatti apposta per il web.

Ancora, la struttura del sito deve essere logica, semplice e chiara, lo scopo deve essere quello di favorire l’utente, non di metterlo in difficoltà, anche in questo dunque ci vuole una costruzione delle pagine e dell’insieme che rispetti le peculiarità del web.

Tutto questo che cosa vuol dire? Vuol dire semplicemente che i contenuti di un sito devono essere progettati con criterio e con l’aiuto, spesso necessario, di un professionista specializzato, il cosiddetto content manager (nome usato anche in altre sfumature in verità, ma non facciamo confusione…).

Non si tratta però solo di organizzazione delle informazioni per rendere facile da leggere il sito aziendale: i contenuti, infatti, hanno anche una funzione di fidelizzazione dell’utente e di promozione dell’impresa, insomma in una parola di marketing.

Due gli aspetti cruciali in tal senso, il primo è che la possibilità di trovare notizie sempre aggiornate, approfondimenti, link verso altre risorse utili legate all’argomento collegato all’attività dell’azienda (settore industriale, prodotto etc.) fa sì che l’utente venga spesso sulle nostre pagine a cercare informazioni. Questo genera da un lato una fidelizzazione e dall’altro una buona reputazione dell’azienda che in un secondo momento possono essere decisive nella decisione d’acquisto.

Il secondo punto è che i contenuti attinenti al nostro business contengono molte parole chiave importanti che i nostri possibili acquirenti andranno a digitare in un motore di ricerca per trovare un’azienda che faccia al caso suo per soddisfare il proprio bisogno.Ecco che il fatto di avere tanti contenuti comporta anche quello d’essere più facilmente indicizzati (ossia inclusi nell’elenco dei risultati per una determinata ricerca) e dunque di essere trovati più facilmente di un concorrente.Quest’ultimo punto è rafforzato anche dal fatto che se si hanno molti contenuti interessanti saranno anche più numerosi i siti che metteranno un link al nostro, favorendo di nuovo la nostra reperibilità nel grande mare delle rete.

Che cosa dire ancora, se non che tutto questo lavoro di studio e realizzazione descritto ha dei costi realmente irrisori in relazione ai benefici?

Gianluigi Zarantonello

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Ci sono 3881 persone collegate

< novembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
    
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
 
             

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Advertising (108)
Aziende (142)
Blog (11)
Brand (37)
Comarketing (2)
Comunicazione (9)
dBlog (1)
Digitale (33)
eCommerce (39)
Grande Distribuzione (7)
Internet (542)
Marketing (288)
Marketing Ambientale (3)
Marketing non convenzionale (62)
Media (102)
Mercati (79)
Mobile (210)
Permission Marketing (1)
Prodotti (95)
Pubblicità (32)
Pubblicità (88)
Retail (11)
Segnalazioni (44)
Social Networks (347)
Startup (1)
Strategie (59)
Tecnologie (73)
Trade Marketing (1)
Viral Marketing (40)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019

Gli interventi più cliccati

Titolo
Automobili (2)
Bianco e nero (1)
Comarketing (1)
Home (4)
Internet (4)
Prodotti (5)
Pubblicità (5)

Le fotografie più cliccate


Titolo

< /p>


Subscribe to my feed


Google
Reader or Homepage

Add to netvibes



Creative Commons License




20/11/2019 @ 08:58:01
script eseguito in 570 ms