Immagine
  mymarketing.it: il marketing fresco di giornata... di Admin
 
"
Errare è umano, ma per incasinare davvero tutto è necessario un computer.

Arthur Bloch
"
 
\\ : Storico (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Eli (del 12/11/2005 @ 15:37:47, in Marketing, linkato 1942 volte)
Visto che siamo in tema di marketing non convenzionale questa è una campagna di advertising della IAMS, nota marca di cibo per animali.



Fonte: Advertising/Design Goodness
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Alessandro Figus (del 12/11/2005 @ 14:05:14, in Marketing non convenzionale, linkato 2549 volte)

DEFINIZIONE: è un insieme di tecniche non convenzionali che permettono di ottenere la massima visibilità con il minimo sforzo economico.

SIGNIFICATO: La parola “guerrilla” ha un’origine ben precisa che in qualche modo spiega le radici, i mezzi e forse anche i limiti di questo modo di fare marketing. Per guerilla si fa riferimento alla resistenza dei gruppi militanti spagnoli durante l’occupazione napoleonica. I guerriglieri, inferiori per armi, mezzi e numero di uomini, combatterono sfruttando e massimizzando le risorse di cui disponevano: una migliore conoscenza del territorio, un radicato legame con la popolazione e la possibilità di contare su individui mediamente più motivati. Con tutte le metafore del caso, traslando questa situazione di guerra in un ambiente socio-economico contemporaneo è possibile intuire quali possano essere le leve del Guerrilla Marketing.

CARATTERISTICHE: le strategie prevedono costi relativamente bassi da compensare però con un’attenta analisi dei fattori sociali, suburbani e culturali riguardo target, concorrenza e mercato in generale. L’effetto sorpresa, la novità e la creatività sono spesso segni distintivi di queste campagne.

TECNICHE: la più famosa, forse perché difficile, rischiosa e di forte impatto è l’ideazione di un evento fittizio che crei stupore ed attiri l’attenzione dell’opinione pubblica, media inclusi. L’effetto sarà quello di ottenere gratuitamente spazi su giornali, televisioni, radio o siti internet nei quali si parlerà della notizia. Un’altra conseguenza dalla quale non si può prescindere è la diffusione virale che l’informazione deve avere. Se l’esca è realmente in grado di generare interesse nella mente del target, questa si propagherà a macchia d’olio anche attraverso il passaparola, leva importantissima per quasi tutte le azioni di Guerrilla. La vera natura dell’evento potrà essere svelata solo dopo che la notizia abbia raggiunto la visibilità necessaria ed abbia stupito un po’ tutti. Naturalmente la pianificazione di un evento ad hoc, composta da numerose fasi, costituisce un momento decisivo per il posizionamento del prodotto, per l’immagine che proporrà di sè e per il risalto che troverà sui media, ovvero determinerà il successo dell’intera strategia.

Questa tecnica viene paragonata ad un “cavallo di Troia”, alludendo alla capacità di entrare nel mercato grazie alla messa in scena di una finzione che stupirà tutti nel momento in cui si deciderà di uscire allo scoperto.

Ecco altre tecniche meno rischiose, di minor impatto ma che, non richiedendo ingenti costi, possono essere subordinate ad altre azioni principali: le campagne di stickering( tappezzare punti strategici delle città con adesivi), il posizionamento in determinati luoghi di oggetti inusuali che possano suscitare l’attenzione, l’invenzione di urban legends nelle quali deve assumere un certo rilievo l’oggetto della promozione, le clean-tags (pubblicità disegnate sui marciapiedi) o ancora azioni di experience marketing e streetmarketing. Le tecniche comunque sono tante quanto lo può essere la fantasia dell’ingegno umano e sarebbe riduttivo schematizzarle eccessivamente.

PERCHE’ FARE GUERRILLA: inizialmente erano piccole società, start-up o singoli individui che volendo lanciare un prodotto sfruttavano la possibilità di pubblicizzarsi con bassi costi ottenendo una visibilità forte ma circoscritta; questo perché il target era un pubblico giovane, in grado di recepire con simpatia azioni di questo genere. Visto poi che alcune operazioni sfiorano i confini della legalità è evidente come la maggior parte dei marchi ,che negli anni si è costruita una reputazione, preferisca non rischiare spiacevoli evoluzioni negative di una campagna molto rischiosa. Anche se queste operazioni di solito non nascono per brand affermati, ultimamente anche grandi multinazionali come Nike o Ericsson hanno adottato strategie di Guerrilla Marketing (non eccessivamente radicali), che peraltro hanno avuto un buon successo.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Matteo B. (del 12/11/2005 @ 10:16:33, in Internet, linkato 1935 volte)
Partecipare alle aste su eBay è sempre più facile. Come se non bastassero le svariate email di avvertimento che il sito manda in automatico a chi lo desidera in questi giorni i primi negozi on-line cominciano ad offrire i loro RSS.

Per chi non lo sapesse gli RSS, sono della sorta di “messaggi” che consentono di visualizzare comodamente i contenuti di un certo sito, mediante programmi denominati news aggregator. Questi ultimi, tramite un’interfaccia simile a molti programmi di posta, consentono di leggere appunto questi contenuti, garantendo un unico punto di accesso alle informazioni contenute in molti siti, senza quindi la necessità di visitarli tutti.

PetriFinds un negozio di minerali che vende tramite eBay, è uno dei primi a garantire questo tipo di servizio, offrendo ai propri visitatori la possibilità di essere sempre aggiornati, grazie a questi RSS, sugli oggetti messi in vendita.

Si tratta di uno dei primi esperimenti di utilizzo dei feed nell’ambito di eBay, ma c’è da scommettere che la moda prenderà piede. Molti altri negozi infatti vorranno assicurare ai propri clienti la possibilità di essere aggiornati quotidianamente su tutti i prodotti messi all’asta.

Ma la moda dei feed potrebbe anche non fermarsi ad eBay, e quindi anche altri siti di commercio on-line potrebbero sfruttare questa nuova moda fornendo i loro feed.

Il dubbio semmai è se effettivamente possa essere utile ricevere i feed di un negozio, a meno che non si sia davvero molto interessati alla merce offerta. Si tratta comunque di un nuovo modo di comunicare con i clienti promuovendo i propri prodotti, che in futuro, magari in altre forme, potrebbe essere molto utilizzato.

Per ulteriori informazioni sull’argomento provate a dare un’occhiata a questo blog.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di M. Ferrero (del 11/11/2005 @ 19:19:48, in Prodotti, linkato 2094 volte)
Come molti di voi avranno letto la Sony è al centro di mille polemiche per un nuovo sistema di protezione dei cd. Questo è un breve estratto dal Corriere della Sera:

Sony in croce per i cd anticopia. Oltre a far infuriare le associazioni di consumatori - secondo cui la protezione vìola il diritto alla copia personale -, ora anche le società di sicurezza informatica hanno individuato gravi problemi nel software utilizzato per bloccare la duplicazione. (...)

Senza entrare nel vivo della discussione, già affrontata in decine di blog, vi segnalo la nascita in questi ultimi giorni di un blog dedicato specificatamente al boicottaggio della multinazionale giapponese: The Sony Boycott Blog.

A quanto sembra qualcuno non ha perso tempo. Utenti sinceramente delusi o qualcuno che ha preso la palla al balzo?

Una volta risolto lo scandalo che ne sarà di questo blog? Rimarrà una spina nel fianco della Sony?





Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Eli (del 11/11/2005 @ 12:48:56, in Viral Marketing, linkato 1759 volte)
I cereali, tra i vari benefici, aiutano la regolarità dell'intestino.

Questo aspetto deve essere molto caro alla Kellogg's, che in alcune toilet di Sydney ha affisso il questo cartello.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Max Da Via' (del 11/11/2005 @ 07:10:56, in Viral Marketing, linkato 3307 volte)
Sprite ha recentemente lanciato un nuovo sito internet per rafforzare il proprio brand. Con questo canale di comunicazione si rivolge prevalentemente ad un pubblico molto giovane amante dei graffiti e della street art, e sfida il visitatore a creare la propria opera su un muro virtuale, utilizzando una serie di strumenti messi a disposizione, tra i quali immagini da colorare, sfondi e scritte.

Ciascun graffito può essere disegnato su una serie di sfondi diversi e votato dagli altri visitatori. Il sito, denominato opportunamente “Refreshing Wall” (occhio alle casse, suona!), offre inoltre la possibilità di scaricare screensaver che in tempo reale mostra i nuovi graffiti che altri visitatori stanno creando.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Max Da Via' (del 10/11/2005 @ 07:30:22, in Internet, linkato 2182 volte)
La guerra tra i motori di ricerca (anche se è sempre più restrittivo chiamarli in questo modo) si sposta anche nella telefonia mobile, con i principali operatori impegnati a fornire nuovi servizi in concorrenza tra di loro. Non stupisce quindi che Yahoo e Google stiano lanciando quasi in contemporanea applicazioni per telefoni cellulari sfruttando le potenzialità degli apparecchi di ultima generazione.

Tramiate un accordo con la SNB Yahoo proporrà sul mercato un nuovo apparecchio in grado di sincronizzarsi con gli account registrati sul portale, integrando foto, musica e gestione delle email.

Google dal canto suo sta preparando il lancio della versione mobil e di Google Local, in grado di garantire ai telefoni che supportano Java mappe satellitari così come avviene sul web, ma anche offrendo all’utente una rapida localizzazione dei servizi di proprio interesse.

Si rafforza ulteriormente quindi il legame tra telefonia mobile e web, consolidando un trend che appare sempre più evidente e che sposterà parte della sfida da internet ai cellulari, con da una lato fornitori di servizi sempre più integrati e dall’altra utenti in grado ricevere informazioni dalla rete in ogni momento e luogo.


Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Eli (del 09/11/2005 @ 20:41:15, in Pubblicità, linkato 2033 volte)

L’attesissimo King Kong di Peter Jackson continua a far parlare di sé, e dopo averci fatto saltare innumerevoli barattoli di Pringles adesso cerca di entrare nel nostro iPod.

Tramite un accordo con la Apple,infatti, il trailer del film può essere scaricato sul nuovissimo iPod Video, in differenti formati e definizioni.

Grande pubblicità quindi per il film che si preannuncia un blockbuster dei prossimi mesi, ma soprattutto ottima copertura mediatica, con giochi e anteprime molto originali.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di M. Ferrero (del 09/11/2005 @ 09:31:26, in Marketing, linkato 3067 volte)
Nuova e interessante campagna multimediale di marketing per la Nike. La promozione delle nuove Tempo Legend, che hanno come testimonial Ronaldinho, prevede l’integrazione tra internet e il podcasting video. Si tratta infatti della prima campagna di marketing che consentirà ai consumatori di scaricare un video del famoso giocatore direttamente sul proprio iPod.

Un ulteriore motivo d’interesse deriva dal fatto che per promuovere l’operazione la Nike non ha previsto alcuna copertura mediatica, decidendo i di affidarsi al solo passaparola (e per questo noi stiamo già facendo la nostra parte).
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Gianluigi Zarantonello (del 08/11/2005 @ 19:48:39, in Marketing, linkato 2071 volte)

Nella vita di tutti i giorni sappiamo bene quanto è importante fare una buona impressione al primo incontro, anche perché in caso contrario poi sarà difficile risalire la china.
Di questo semplice principio invece molto spesso si dimenticano le azienda quando danno i nomi ai loro prodotti, e fanno molto male.

Il nome di un prodotto infatti dovrebbe essere qualcosa di più di un semplice modo per distinguerlo dagli altri, ed invece è un biglietto da visita del marchio nei confronti del consumatore.
La marca moderna è un asset molto più complesso di un semplice logo, è una rete d'associazioni mentali e d'atteggiamenti, che si viene a costruire nel consumatore a partire dagli stimoli che gli giungono nelle interazioni con il prodotto e con il brand.
E uno dei primi stimoli è proprio il nome del prodotto, che deve essere dunque coerente con l'immaginario complessivo di marca.

Questo porta a dire subito una cosa: il naming non è solamente un esercizio creativo.
Nel naming devono entrare valutazioni strategiche sia sul breve sia sul medio-lungo periodo, in grado di gestire allargamenti della gamma, evoluzione del marcato e fenomeni d'obsolescenza del nome.
A livello d'immagine poi bisogna considerare i possibili significati che il nome scelto assume in altre lingue, per evitare effetti cross-cultural che possono essere assolutamente comici (tranne che per chi commercializza quel prodotto).
Inoltre i rischi connessi ad una cattiva gestione del naming non sono esenti da implicazioni legali: si può incappare in cause anche significative con altri marchi, specie esteri, che utilizzano gli stessi nomi e, viste le carenze della legislazione vigente, gli esiti sono piuttosto difficili da prevedere.

A livello gestionale poi non bisogna dimenticarsi che i prodotti e le attività aziendali non possono essere scollegati tra loro se sono raccolte sotto un unico brand e dunque è bene trovare un'architettura efficace per gestire il naming, per evitare poi di dover rimediare a lancio avvenuto, con tutti i problemi del caso.

Un aspetto poi di sicuro interesse è anche dato dai costi, che non sono poi particolarmente elevati, soprattutto a fronte dei benefici e del ritorno sul piano complessivo di comunicazione.
Di conseguenza quello del naming può essere un ottimo modo di costruire l'immaginario di marca per le piccole aziende.

Per concludere uno spunto di riflessione: in Italia abbiamo una lunga serie di tradizioni manifatturiere, soprattutto in settori d'alta gamma, se queste aziende riusciranno a crearsi un posizionamento fondato sulla loro storia e sul background del territorio questa potrà essere una risorsa difficilmente attaccabile dagli imitatori.
E per riuscire in quest'operazione un ottimo punto di partenza è proprio un'intelligente politica di naming.

Gianluigi Zarantonello

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Ci sono 3407 persone collegate

< luglio 2024 >
L
M
M
G
V
S
D
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
       
             

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Advertising (109)
Aziende (142)
Blog (11)
Brand (39)
Comarketing (2)
Comunicazione (9)
dBlog (1)
Digitale (36)
eCommerce (45)
Grande Distribuzione (7)
Internet (550)
Marketing (305)
Marketing Ambientale (3)
Marketing non convenzionale (62)
Media (102)
Mercati (84)
Mobile (210)
Permission Marketing (1)
Prodotti (95)
Pubblicità (32)
Pubblicità (88)
Retail (12)
Segnalazioni (45)
Social Networks (379)
Startup (1)
Strategie (59)
Tecnologie (77)
Trade Marketing (1)
Viral Marketing (40)
Web 3.0 (5)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020
Ottobre 2020
Novembre 2020
Dicembre 2020
Gennaio 2021
Febbraio 2021
Marzo 2021
Aprile 2021
Maggio 2021
Giugno 2021
Luglio 2021
Agosto 2021
Settembre 2021
Ottobre 2021
Novembre 2021
Dicembre 2021
Gennaio 2022
Febbraio 2022
Marzo 2022
Aprile 2022
Maggio 2022
Giugno 2022
Luglio 2022
Agosto 2022
Settembre 2022
Ottobre 2022
Novembre 2022
Dicembre 2022
Gennaio 2023
Febbraio 2023
Marzo 2023
Aprile 2023
Maggio 2023
Giugno 2023
Luglio 2023
Agosto 2023
Settembre 2023
Ottobre 2023
Novembre 2023
Dicembre 2023
Gennaio 2024
Febbraio 2024
Marzo 2024
Aprile 2024
Maggio 2024
Giugno 2024
Luglio 2024

Gli interventi più cliccati

Titolo
Automobili (2)
Bianco e nero (1)
Comarketing (1)
Home (4)
Internet (4)
Prodotti (5)
Pubblicità (5)

Le fotografie più cliccate


Titolo

< /p>


Subscribe to my feed


Google
Reader or Homepage

Add to netvibes



Creative Commons License




16/07/2024 @ 18:42:44
script eseguito in 225 ms