Immagine
  mymarketing.it: perchè interagire è meglio!... di Admin
 
"
Errare è umano, ma per incasinare davvero tutto è necessario un computer.

Arthur Bloch
"
 
\\ : Storico (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Matteo B. (del 11/10/2005 @ 16:38:37, in Internet, linkato 1643 volte)
eBay, dopo la recente acquisizione di Skype ha annunciato di voler investire nel settore dei servizi di sicurezza per siti, acquistando VeriSign.
VeriSign, che nel 2004 ha gestito transazioni per oltre circa 40 miliardi di dollari, sarà acquisita entro la fine del 2005 e costerà ad eBay circa 370 milioni di dollari, tra contanti e azioni.

eBay, che con PayPal è l’attuale attuale leader mondiale dei servizi per i pagamenti on line, grazie a questa integrazione potrà procedere con lo sviluppo di soluzioni integrate per pagamenti e operazioni di ecommerce.
Vista la tipologia di acquisizione probabile che PayPal voglia estendere la propria sfera di influenza anche ai servizi di pagamento dedicati alle aziende, rendendo la sua piattaforma disponibile a decine di migliaia di nuove società medio-piccole che operano online.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Matteo B. (del 11/10/2005 @ 08:05:34, in Internet, linkato 2091 volte)
Ennesimo annuncio clamoroso di Google in questi giorni: l'azienda di Mountain View si impegnerà a promuovere e distribuire Java e OpenOffice. Molti prodotti Sun, dal canto loro, offriranno la possibilità di scaricare anche la Toolbar di Google. Scopo di quest’intesa sembrerebbe essere combattere ad armi pari lo strapotere di Microsoft, che nel 2004 ha guadagnato oltre 11 miliardi di dollari grazie alle sole vendite di Office.
L’alleanza consentirà di opporre Java a .Net, OpenOffice a Microsoft Office e i servizi Google a quelli proposti attraverso Msn. Le due società infatti collaboreranno n termini di ricerca e marketing, allo scopo di sviluppare OpenSolaris e il formato OpenDocument.

Ma il grosso cambiamento che potrebbe derivare da questa intesa è legato agli sviluppi futuri, con lo scopo di spostare le applicazioni dai pc desktop ai server centrali affidando a internet il ruolo di piattaforma base per la distribuzione del software.

Continua quindi la politica delle alleanze di Google, che non rinuncia ad intraprendere una nuova avventura i cui sviluppi potrebbero essere davvero interessanti.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Max Da Via' (del 10/10/2005 @ 07:27:43, in Internet, linkato 1527 volte)
Un articolo apparso in questi giorni su MediaGuardian evidenza come oltre i 2/3 delle aziende non percepiscano chiaramente il pericolo rappresentato per l’immagine del brand dalle dichiarazioni e recensioni che appaiono nei forum e nei blog sul web.

La recente Blog Relations PR Survey ha messo in evidenza innanzitutto che più di 1 su 4, tra i manager che hanno risposto al sondaggio, ritiene che i blog con una grande popolarità siano in grado di influenzare l’immagine percepita dell’azienda (soprattutto in America, esistono blog specifici e molto frequentati, che prendono spesso di mira grossi player come Ryanair, Dell e BT).

Oltre il 60% dei responsabili comunicazione intervistati è inoltre convinto che i blog frequentati da impiegati scontenti o clienti esasperati possano danneggiare la reputazione dell’azienda.

Non tutti però sono dello stesso avviso e alcuni manager intervistati hanno dichiarato di considerare i blog come una delle tante realtà esterne che possono esercitare pressioni sull’azienda, ma che non per questo si debba “perdere tempo” cercando di comunicare con gli utenti.

Un aspetto sottolineato da molti è la consapevolezza che per molte aziende spesso sia difficile relazionarsi con questi blog in maniera efficace. La natura stessa della comunicazione, e le modalità di funzionamento dei blog sono infatti molto diverse dai tradizionali canali di comunicazione, e richiedono un approccio specifico. Ciò non toglie che siano però fonti inesauribili di informazioni del valore del proprio brand: in America l’80% dei manager che si occupano di comunicazione frequentano alcuni di questi blog almeno 5 volte a settimana, mentre se ci spostiamo in Europa la percentuale scende a meno del 36%.

Nonostante queste difficoltà, proprio a seguito del riconoscimento dell’importanza di questi strumenti, alcune aziende, anche in Europa, si stanno organizzando per monitorare le comunità on-line, identificando le modalità più efficaci per entrare in relazione con loro.

Se da un lato in questo modo le aziende potranno continuare nella ricerca di informazioni utili attraverso un media diretto e reale come internet, dall’altro c’è di sicuro alla base del tutto la speranza non tanto recondita di gestire e manipolare le informazioni che circolano sul blog.

È la speranza che internet sta dando alle aziende da quando è nato, prima con i forum, poi con le community e ora con i blog. Gli interrogativi sono sempre gli stessi: come convincere gli utenti che gli sto offrendo uno spazio gratuito e “libero”? E se li convincessi, come monitorare l’informazione ed essere proattivi rispetto al mercato? Ma più di tutto, ciò che ancora non è chiaro è quanto l’investimento in un blog “aziendale” (che presupporrebbe come minimo un team di gestione tecnica, una redazione e un reparto marketing) possa essere redditizio in termini di costo contatto e risultato.

In attesa quindi di poter giudicare dati alla mano l’eventuale strategicità di promuovere un blog o un forum all’interno del proprio sito, ritengo sia comunque utile essere consapevoli dell’importanza che queste nuove forme di comunicazione attualmente rivestono sia per capire meglio il reale punto di vista degli utenti che la percezione che questi ultimi hanno dell’immagine della nostra azienda.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Jacopo Gonzales (del 09/10/2005 @ 21:10:36, in Strategie, linkato 1389 volte)

Via Reuters la notizia che Time Warner e Microsoft hanno ripreso i colloqui relativi a una alleanza tra le loro unità Internet, America Online e MSN.

Le due società sono interessate a combinare i contenuti Web di Aol con la tecnologia relativa ai motori di ricerca di Microsoft.

I colloqui sono iniziati quest'anno, ma si sono bloccati alla fine dell'estate su diversi punti, compresi problemi tecnici e questioni relative al controllo. Molti ostacoli restano ancora da superare prima di un accordo, scrive il giornale, citando persone vicine alla trattativa.

Una fonte ha detto che se un accordo non sarà raggiunto entro l'anno, probabilmente salterà del tutto.

Time Warner sta discutendo anche con altre società interessate ad una partnership con Aol, scrive ancora il quotidiano.

Né Microsoft né Time Warner hanno commentato per il momento.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Eli (del 09/10/2005 @ 09:29:42, in Pubblicità, linkato 2017 volte)
I designer della Citroen sono convinti che il nuovo il restyling della Citroen C3 la renda perfetta per passare giornate felici. A testimoniare questo concetto è stato chiamato il 59enne Henry Winkler (Fonzie) che ha diretto il nuovo spot della casa francese, utilizzando come testimonial i protagonisti della celebre serie televisiva “Happy Days”. Le immagini di Fonzie, dei coniugi Cunningham, di Joanie, Poesie, Ralph e Al e sono state scelte utilizzando le pellicole originali di "Happy Days" per poi essere combinate con il nuovo filmato realizzato con la C3.

Continua quindi la strategia della Citroen di fare leva su un pubblico di 30enni, richiamando alla mente ricordi sopiti. Vi ricordate la C4 Transformer che ballava citata in qualche vecchio commento? Adesso tocca a Fonzie e compagni. Che stia per tornare anche l’A-Team?
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Jacopo Gonzales (del 08/10/2005 @ 09:20:09, in Advertising, linkato 6079 volte)

Vi propongo un esempio di advertising della Smart (Sud Africa), realizzato da The Jupiter Drawing Room che mi ha molto colpito per la sua immediatezza e per il fatto che ha la capacità di integrarsi con i tempi che corrono.

Dovrebbero mandarla probabilmente anche in Italia, visto il caro benzina.

So che molti (tipo Federico) ritengono sbagliato il concept per due ordini di motivi:

1) siamo in un periodo di crisi

2)visto che non hai soldi per comprarti una macchina vera, allora comprati una smart

A me è piaciuta che vi devo dire...giudicate un po' voi...

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Eli (del 07/10/2005 @ 20:14:00, in Pubblicità, linkato 1589 volte)
Sul sito di Cartoon Network, in occasione del lancio del film “La Fabbrica di Cioccolato”, è stato lanciato un concorso a premi. Nei panni di Charlie, il bambino protagonista del film, occorre raccogliere i dolci buoni, evitando quelli cattivi. Se si riesce a finire nel tempo prestabilito, lasciando il proprio indirizzo email, è possibile partecipare all’estrazione di premi sponsorizzati dal film, come cappellini e magliette.

Dal sito è inoltre possibile scaricare gli sfondi per il desktop, screensaver animati e e-card, tutti a tema.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Max Da Via' (del 07/10/2005 @ 07:53:05, in Pubblicità, linkato 2051 volte)
In queste pagine qualche tempo fa abbiamo parlato della campagna di Toscani per Ra-re. La ditta di abbigliamento maschile aveva commissionato a Toscani una campagna pubblicitaria, che sin dalla sua prima uscita ha creato non poco scalpore alimentando un articolato dibattito sia tra gli addetti ai lavori che tra il pubblico.
In seguito alle numerose proteste da parte dei cittadini è intervenuto il Comitato di controllo dell'Istituto dell'autodisciplina pubblicitaria (Iap) ha bloccato l’affissione di nuovi manifesti, scatenando le ire di Oliviero Toscani. I cartelloni già esposti ai primi di settembre possono quindi restare, ma la Ra-re non ne potrà esporre di nuovi.
“L'ostentazione volgare e provocatoria di situazioni legate all'intimità sessuale – è stato scritto - porta la comunicazione a scadere in una inaccettabile lesione della sensibilità del pubblico”. (…)
“Lungi dal volere stimolare un serio e corretto approccio al tema della parità i messaggi mirano unicamente a colpire l'attenzione del pubblico ad ogni costo, turbandone la sensibilità attraverso rappresentazioni volgari tout court”.
In un’intervista rilasciata al Corriere Toscani esprime il suo punto di vista sulla faccenda: “Sa perché ce l'hanno con me? I clienti delle agenzie di pubblicità si lamentano: come mai Toscani fa una foto e ne parlano tutti e voi ci fate spendere miliardi? E poi le agenzie si vendicano con me”.

Non mi ritengo un amante della censura, e anzi sostengo la libertà di manifestazione artistica, purché non risulti offensiva o lesiva per gli altri. D’altro canto non apprezzo nemmeno la provocazione fine a se stessa o come “scorciatoia” per ottenere clamore e attenzione senza doversi spremere troppo le meningi nell’inventare qualcosa che colpisca per l’originalità o la fantasia.
In questi giorni oltre alla pubblicità Ra-re anche quella della Playstation ha fatto moto discutere. Ambedue a mio modo di vedere erano finalizzate, attraverso sentieri diversi, a dare “un pugno” nello stomaco a chi le vedeva, facendo leva una sul pudore e l’altra sul sentimento religioso.
Ma conviene a un’azienda committente sollevare clamore con questi mezzi? Sicuramente si ottiene un grande (e fugace) riscontro in termini di visibilità, ma con quale percezione? L’immagine ne guadagna? Secondo me no.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Jacopo Gonzales (del 06/10/2005 @ 16:39:43, in Internet, linkato 1564 volte)
L’informazione online deve essere gratuita. Probabilmente questo è un pensiero che non appartiene piu’ a molti navigatori internet, dal momento che sempre più persone pagano per i contenuti online, come dimostrato da uno studio condotto da Jupiter Research dal nome: "Paid Content and Services Forecast 2005-2010".

Questo studio ha evidenziato come 2/3 degli utenti internet adulti siano ancora restii a pagare il content per evitare la pubblicità online. Vero anche che circa il 31% dei soggetti che hanno preso parte al sondaggio, riferisce di aver pagato per alcuni tipi di contenuti online, con una percentuale di crescita del 5% rispetto allo scorso anno.

Secondo una previsione della Jupiter Research la spesa per il paid content raggiungerà la cifra di 3.8 miliardi di dollari quest’anno, per raggiungere quota 8.9 miliardi di dollari nel 2010.

Escludendo giochi e musica però il trend di crescita non e’ così incoraggiante dal momento che la spesa per content “generico” salirà dai 2.1 miliardi di dollari a 3 miliardi di dollari nel 2010.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Matteo B. (del 06/10/2005 @ 12:48:03, in Internet, linkato 1558 volte)

Direttamente da Mytech un aggiornamento su Yahoo!, che è stata contagiata dall’iperattività di Google.
(…) Di oggi è la notizia dell'acquisizione di Upcoming.org, un sito di "social calendaring".
Sono gli utenti a inserire e condividere le date e i luoghi di eventi in aree geografiche specifiche (soprattutto, almeno per ora, negli Usa).
Il calendario personalizzato può essere anche inserito nel proprio sito/blog. Naturalmente, Upcoming.org usa i tag per classificare gli eventi.
Dopo Flickr e dopo l'iniziativa di Yahoo 360°, Yahoo estende la sua rete di iniziative di social network; contemporaneamente rafforza l'impegno nel local search e nell'offerta di contenuti Internet localizzati. Ambito nel quale anche Google e Msn sono lanciatissime. (…)

Il mondo dei motori di ricerca è quindi in continuo fermento, e marcia al ritmo di un’acquisizione al giorno o quasi. Yahoo! arricchisce la propria offerta di contenuti, ma sarà sufficiente a contrastare i ragazzacci di Mountain View?
Qui potete trovare l’acquisizione come è stata motivata nel blog di Yahoo!

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Ci sono 1997 persone collegate

< novembre 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
           

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Advertising (108)
Aziende (142)
Blog (11)
Brand (38)
Comarketing (2)
Comunicazione (9)
dBlog (1)
Digitale (34)
eCommerce (42)
Grande Distribuzione (7)
Internet (546)
Marketing (295)
Marketing Ambientale (3)
Marketing non convenzionale (62)
Media (102)
Mercati (84)
Mobile (210)
Permission Marketing (1)
Prodotti (95)
Pubblicità (32)
Pubblicità (88)
Retail (12)
Segnalazioni (45)
Social Networks (362)
Startup (1)
Strategie (59)
Tecnologie (75)
Trade Marketing (1)
Viral Marketing (40)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020
Ottobre 2020
Novembre 2020

Gli interventi più cliccati

Titolo
Automobili (2)
Bianco e nero (1)
Comarketing (1)
Home (4)
Internet (4)
Prodotti (5)
Pubblicità (5)

Le fotografie più cliccate


Titolo

< /p>


Subscribe to my feed


Google
Reader or Homepage

Add to netvibes



Creative Commons License




24/11/2020 @ 18:09:54
script eseguito in 529 ms