Immagine
  mymarketing.it: il marketing fresco di giornata... di Admin
 
"
Errare è umano, ma per incasinare davvero tutto è necessario un computer.

Arthur Bloch
"
 
\\ : Storico (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Matteo B. (del 09/09/2005 @ 14:29:26, in Marketing, linkato 1750 volte)
Motorola e Apple: una mezza delusione? Finalmente si è visto il tanto anticipato Motorola targato Apple. La prima impressione è che non sia diverso dai modelli già esistenti con le stesse funzionalità offerti dai vari Nokia, e Samsung. Il nuovo Motorola si chiama Rokr E1, e la novità è rappresentata dal fatto che grazie a iTunes potrà scaricare scaricare file musicali in formato Aac direttamente dal negozio Apple iTunes (oltre che i classici mp3 dal pc). Un grosso vincolo è rappresentato dal fatto che il limite di 100 brani non può essere superato, neanche utizzando schede di memoria esterne. Le canzoni devono essere acquistate via computer dal negozio Apple iTunes, oppure compresse dai propri Cd e trasferite via Usb, mentre non è possibile comprarle direttamente tramite il telefono, forse per non pestare i piedi alle varie compagnie telefoniche che stanno facendo affari d’oro vendendo a caro prezzo questo servizio. C’era bisogno di tutto questo clamore? Meno male che la Apple quasi in contemporanea ha sfoderato la versione nana dell’iPod.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Jacopo Gonzales (del 09/09/2005 @ 09:53:00, in Internet, linkato 1585 volte)

Complimenti Google. E' di un'ora fa la notizia che Vinton Cerf, uno dei padri fondatori di Internet, oltrechè sviluppatore (unitamente a Robert Kahn) del protocollo di comunicazione TCP/IP, è diventato un nuovo dipendente di Google. Sembra che avrà il compito chiave di sviluppare nuove applicazioni internet oriented per il Googleplex.

Ricordo ai lettori di Mymarketing.it che recentemente Vinton Cerf si stava occupando dello sviluppo di un nuovo protocollo interplanetario come standard di  comunicazione fra pianeti, che si baserà sulla comunicazione radio/laser, fortemente tollerante al degrado del segnale.

Vediamo se ci sarà ancora qualcuno che sostiene che Google si occupa solo di "ricerca" in senso stretto.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Max Da Via' (del 08/09/2005 @ 20:15:52, in Marketing, linkato 1617 volte)

Con grande risonanza mediatica in questi giorni è stata presentata la Grande Punto, di fronte una selezionata platea di 1.000 ospiti giunti a Torino per l’occasione.

Questo nuovo modello deve affrontare sfide impegnative, in quanto si confronta con un auto che da 12 anni è leader nel suo segmento, e avrà un ruolo fondamentale per il rilancio del marchio FIAT. Luca De Meo, responsabile Brand & Commercial Fiat, ha affermato che l’ambizioso obiettivo è quello di raggiungere un milione di nuovi clienti, senza trascurare però i 6 milioni di automobilisti che hanno acquistato i modelli precedenti. Le stime minime di vendita della nuova vettura si attestano sulle 360.000 vetture l'anno secondo l'A.d. Marchionne, ,di cui almeno la metà all’estero.

Nella fase di lancio si punterà molto sul fattore emozionale, e a questo scopo è stato scomodato Vasco Rossi con la sua “Senza parole”, che farà da colonna sonora alla la campagna di lancio televisiva che partirà in Italia dal 10 settembre.

La mancanza di parole sarà appunto il tema dominante attraverso tutti i supporti pubblicitari: dalla televisione alla stampa, dal web al cinema, con la regia dell’agenzia SaffirioTortelliVigoriti.

Dietro questa operazione c’è un attento rilancio del brand della casa torinese,ultimamente un po’ appannatosi a causa di modelli poco convincenti e di una concorrenza sempre più spietata.

Riuscirà questo modello a riportare in salute la divisione auto? Alcuni concorrenti storici (la Peugeot con la Peugeot 205 e la Renault con la Renault 5) hanno dimostrato che è possibile.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Jacopo Gonzales (del 08/09/2005 @ 16:12:34, in Internet, linkato 1604 volte)
Vi segnalo una notizia interessante riportata proprio in queste ore da alcune fonti come Businessweek e CNN, secondo cui Ebay starebbe per acquistare la nota società Skype, leader nel settore del VoIP, per una cifra che si aggirerebbe tra i 2 ed i 3 miliardi di dollari. Non stupisce poi troppo a pensarci, dal momento che già altri big player hanno rivolto la loro attenzione al settore della telefonia via internet protocol, basti pensare al nuovo Google Talk, a Yahoo che ha acquisito Dialpad o a Microsoft con Teleo, giusto per citarne alcuni. C'e' da rilevare che comunque Ebay tramite quest'acquisizione andrebbe di fatto a ricoprire un ruolo di primissimo piano nel panorama del VoIP, dato che attualmente gli utilizzatori di Skype nel mondo ammontano ad oltre 50 milioni. Non ci rimane che aspettare e vedere l'evolversi di queste voci, che, come è ovvio, attualmente non vengono commentate dalle 2 parti interessate.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Matteo B. (del 08/09/2005 @ 07:16:35, in Internet, linkato 1590 volte)

Navigando un pò su internet mi sono imbattuto in questo articolo. Google alla lunga con la sua iperattività e onnipresenza rischia di diventare antipatico???

http://www.repubblica.it/2005/g/sezioni/scienza_e_tecnologia/affin3/google/google.html

Tutti a caccia di Google. Dopo un agosto a dir poco movimentato, ora è lui il ricercato numero uno, un paradosso per il motore di ricerca più usato del Web. E digitandovi la stessa parola "google", in una frazione di secondo compaiono 244 milioni di risultati. Ma non basta per rispondere alla domanda su cui tutti gli analisti si arrovellano da settimane: quali sono i piani dell'imprevedibile società di Mountain View, California?
L'estate non sembrava iniziata bene. Giungeva prima di Ferragosto l'annuncio della sospensione di Google Print, la progettata biblioteca universale on line, che tanto aveva fatto parlare di sé nei mesi passati, rivelando la megalomania della società californiana. Troppe diffidenze da parte dell'industria editoriale. Poi arriva d'un baleno il 18 agosto: Google mette in vendita un'altra mole di azioni, per un totale di 14.159.265, al prezzo di chiusura del giorno prima, 285,10 dollari ciascuna. Calcolatrice alla mano, significa un incasso di oltre 4 miliardi di dollari, da sommare ai 3 miliardi cash già disponibili alla fine di giugno. Non male: certo, Microsoft di dollari cash ne ha 37,7 miliardi, ma Yahoo 3,4. Intanto il valore di mercato di Google arriva a più del doppio di quello di General Motors.

È lunedì 22 agosto quando viene presentato Google Desktop 2, la versione aggiornata dell'applicazione che personalizza la fruizione dei dati immagazzinati nel computer, rendendoli meglio accessibili e aprendo una serie di finestre che permettono l'aggiornamento in tempo reale delle informazioni desiderate (come news, meteo o nuovi messaggi di posta). Ma è il 24 agosto che Google sembra dare credito alle illazioni più allettanti: viene infatti lanciato il prodotto Google Talk che segna l'ingresso della società nel mondo dello instant-messaging, o IM, cioè il sistema di comunicazione integrata, sempre più diffuso tra i giovani, che fonde le caratteristiche della e-mail con quelle della chat, forte pure di una prerogativa fondamentale: la viva voce attraverso il VoIP, ovvero il Voice over Internet Protocol (basta avere un microfono con altoparlante collegato al computer).
La torta di questo enorme business è già saldamente spartita tra America On Line, Microsoft e Yahoo.
Per il momento Google Talk è il vaso di coccio tra vasi di ferro. Ma quel che conta in prospettiva è il senso dell'operazione: Google si configura sempre più come un sistema operativo ombra, genio totalizzante del nostro monitor, che plasma e coordina tanto le funzioni di archiviazione e ricerca delle informazioni quanto quelle di comunicazione col mondo esterno, via voce o via testo. Non è poco: la "svolta telefonica" ne sarebbe la chiave di volta. La telefonia posiziona Google anche lungo la scia di società leader nell'ambito Voice over Internet, come Vonage o Skype. Ma non riesce difficile, a questo punto, dare credito ai rumors sull'acquisto di miglia e miglia di fibra ottica, in vista di una propria rete wi-fi, che alcuni hanno già battezzato "the GoogleNet".

 

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Jacopo Gonzales (del 07/09/2005 @ 18:53:52, in Internet, linkato 1533 volte)
Oggi si festeggia il 7° compleanno di Google, ma, come ho scritto nel mio blog, sembra che Larry e Sergey se ne siano totalmente dimenticati. Aspettiamo le prossime ore per vedere se magari un logo ad hoc lo realizzano. Sveglia! E nel frattempo...AUGURI Google!
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Max Da Via' (del 07/09/2005 @ 06:28:25, in Brand, linkato 2674 volte)

In questi giorni sto leggendo Cogito Ergo Brand, di Thomas Braun, che recita in copertina “Da Eraclito a Popper: breve storia filosofica del branding”.
Si tratta di un agile volumetto (meno di 200 pagine) dove le tematiche di brand management sono accostate in modo inedito alla filosofia occidentale.
Nel tempo libero mi piace leggere libri che affrontino tematiche di marketing, sia che lo facciano in maniera tradizionale sia che, come questo, approccino gli argomenti da un punto di vista meno convenzionale. A dire il vero mi aspettavo una lettura meno impegnativa, ma tra una pagina e l’altra si nascondono piacevoli sorprese.
Nelle ultima parte trova spazio un breve indice dei filosofi in pillole, dove aspetti legato al branding sono interpretati alla luce del pensiero filosofico di grandi pensatori del passato. Mi piaciuto in particolare quanto scritto in relazione a Kant, che cito testualmente (nome me ne voglia la Etas, sono solo poche righe e si tratta di pubblicità gratuita):

“Non impazzite pensando di dover conoscere tutto dei vostri consumatori, mercati e brand. Vedrete, ascolterete e odorerete soltanto ciò che la vostra attrezzatura vi consentirà. State piuttosto sistemando le cose in modo che vi comunichino che cosa volete conoscere?
Ricordate che le “categorie” attraverso le quali percepite il mondo hanno più a che fare con i modelli mentali che non con la realtà in se stessa. Spesso i più straordinari cambiamenti avvengono dopo una modifica della percezione delle “categorie” (ad esempio segmentare un mercato)

L’idea di sistemare le cose in modo che siano queste ultime a comunicare con noi ha un suo fascino, specialmente quando, come a volte capita, sembra facile perdersi una marea di dati su mercati, prodotti, abitudini di consumo e quant’altro nel tentativo di raggiungere un’onniscenza che, nonostante tutto, continua a sfuggirci. Ma forse se la raggiungessimo davvero non sarebbe più divertente fare questo lavoro, o no?

Sempre in tema di pubblicità gratuita tra i tanti posti dove comprare questo libro vi segnalo questo.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Jacopo Gonzales (del 06/09/2005 @ 20:55:11, in Internet, linkato 1638 volte)
E’ un po’ che non se ne sentiva piu’ parlare, ma sembrerebbe che il progetto Google Wallet, il sistema di pagamenti che il colosso di Mountan View sta sviluppando, si trovi in una piuttosto avanzata, a giudicare almeno dall’annuncio apparso su Yahoo Hotjobs, secondo il quale Google sta cercando un Fraud Operations Director. Chissà che qualche novità non sia dietro l’angolo…
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Matteo B. (del 06/09/2005 @ 13:46:37, in Internet, linkato 2047 volte)
Voci di corridoio (tutte da verificare) parlano di un ennesimo colpo di scena da parte di Google: un nuovo sistema operativo, che si avvia tramite memoria USB. Il sito dove è apparsa la notizia è digi.it.sohu.com (http://digi.it.sohu.com/20050904/n240337911.shtml). Come riportato anche da un quotidiano inglese il nuovo sistema operativo sarebbe basato su Linux. Il tutto funziona tramite chiavetta USB, e una volta avviato il sistema è possibile collegarsi ai server di Google, dove sono installate le applicazioni messe a disposizione dell’utente.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Max Da Via' (del 06/09/2005 @ 12:39:18, in Pubblicità, linkato 1807 volte)
Sulla scia del fruttuoso tentativo fatto nel 2004 dalla Seagram, che ha pagato artisti di fama internazionale per citare il proprio gin in alcune delle loro canzoni, anche il colosso dei fast food McDonald’s scalpita per scalare le classifiche d’oltreoceano.

Alla base di questa strategia c’è ovviamente un’attenta valutazione dell’influenza esercitata da un certo tipo di musica sui teenager americani, da sempre cari al marketing dell’azienda.

Con l’aiuto dell’agenzia pubblicitaria Maven Strategies , la stessa che ha supportato anche la Seagram, McDonald’s selezionerà un certo numero di artisti rap ai quali verrà proposto di inserire le parole “Big Mac” nei loro testi. Nel caso in cui il pezzo diventi una hit e passi per radio ciascun artista riceverà un “bonus” che oscilla da 1 e 5 dollari per ogni volta che la canzone viene trasmessa.

Ovviamente, per evitare pericolosi boomerang, il testo nel quale sarà citato il famoso panino deve preventivamente essere approvato dal marketing di McDonald’s, che verificherà la congruenza dei messaggi in esso contenuti.

Da un certo punto di vista questa strada, già collaudata, è creativa e con rischi limitati, in quanto l’artista è pagato in funzione del livello di promozione che riesce concretamente ad effettuare. D’altro canto però cosa potrebbe succedere se uno degli artisti supportati (come talvolta succede nel mondo del rap ma non solo) dovesse avere problemi di immagine e/o con la giustizia?

Il passaggio del pezzo in radio in questo caso non sarebbe più molto gradito al re degli hamburger, che potrebbe vedere la propria immagine, già ciclicamente messa in discussione per aspetti legati alla saltuarietà dei cibo offerti, associata a personaggi diventati nel frattempo scomodi o poco edificanti.

A prescindere però dai rischi evidenziati mi sembra che si tratti di un tentativo per certi versi coraggioso di battere nuove strade, per raggiungere il consumatore utilizzando uno strumento di forte impatto come la musica in un modo sicuramente nuovo e direi in questo caso “subliminale”.

A mio parere infatti è ora che le strategie di marketing, specialmente quando portate avanti da grandi player, provino nuove strade, integrando tra loro i diversi media e proponendo alle stanche orecchie del consumatore una “musica” nuova.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Ci sono 155 persone collegate

< novembre 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
           

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Advertising (108)
Aziende (142)
Blog (11)
Brand (38)
Comarketing (2)
Comunicazione (9)
dBlog (1)
Digitale (34)
eCommerce (42)
Grande Distribuzione (7)
Internet (546)
Marketing (295)
Marketing Ambientale (3)
Marketing non convenzionale (62)
Media (102)
Mercati (84)
Mobile (210)
Permission Marketing (1)
Prodotti (95)
Pubblicità (32)
Pubblicità (88)
Retail (12)
Segnalazioni (45)
Social Networks (362)
Startup (1)
Strategie (59)
Tecnologie (75)
Trade Marketing (1)
Viral Marketing (40)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020
Ottobre 2020
Novembre 2020

Gli interventi più cliccati

Titolo
Automobili (2)
Bianco e nero (1)
Comarketing (1)
Home (4)
Internet (4)
Prodotti (5)
Pubblicità (5)

Le fotografie più cliccate


Titolo

< /p>


Subscribe to my feed


Google
Reader or Homepage

Add to netvibes



Creative Commons License




30/11/2020 @ 11:06:18
script eseguito in 509 ms