Immagine
 mymarketing.it: e tu cosa ne pensi?... di Admin
 
"
Errare è umano, ma per incasinare davvero tutto è necessario un computer.

Arthur Bloch
"
 
\\ : Articolo
Facebook ha problemi di crescita (per colpa di Instagram e WhatsApp) e forse non ha una soluzione
Di Max Da Via' (del 31/07/2019 @ 07:10:29, in Social Networks, linkato 460 volte)

Il numero di utenti giornalieri del social network Facebook e dell'app Messenger è aumentato a 1,6 miliardi di persone nel secondo trimestre, ha dichiarato Facebook mercoledì, e il tasso di crescita dell'8% rispetto a un anno fa è il secondo più lento nella storia dell'azienda. In Europa, Stati Uniti e Canada - che insieme generano circa tre quarti dei ricavi trimestrali di Facebook - il numero di utenti non si è sviluppato per quasi due anni.

Facebook cresce molto in Asia (soprattutto India), ma i suoi ricavi in questa area valgono circa un decimo dei paesi sviluppati.

Mark Zuckerberg e la sua azienda si sono impegnati a fondo per fare soldi per costruire "the next big thing". Ma i costi operativi nel secondo trimestre sono aumentati più velocemente dei ricavi per il quinto trimestre consecutivo. Facebook spende molto nella programmazione e nei data center per la sezione video Watch e per le storie su Instagram, e per assumere più persone per sorvegliare quello che succede nel social network.

Ma uno degli elementi che sta bloccando l'espansione reddituale di Facebooksono le nuove regole sulla raccolta dei dati degli utenti, come il GDPR in Europa.


Il dilemma: Instagram e WhatsApp fanno concorrenza a Facebook

Tom Cunningham, Data Scientists di Facebook, ha dipinto l'immagine di un possibile futuro per l'applicazione di punta di Facebook. In pratica già ora gli utenti condividono i loro contenuti di Facebook su WhatsApp e Instagram.

Il problema sorgerebbe se gli utenti pubblicassero su questi due canali senza condividere su Facebook: in questo modo quest'ultima potrebbe entrare in crisi.

Infatti il vero motore pubblicitario e di monetizzazione rimane Facebook, che verrebbe dunque cannibalizzato dalle altre due app che però hanno una monetizzazione di gran lunga inferiore.

Ad esempio, quando la ricerca è stata compilata alla fine del 2018, almeno due terzi degli utenti attivi mensili di ciascuna applicazione erano attivi anche su un'altra applicazione della famiglia Facebook. Le app con il maggior numero di utenti che si sovrappongono sono Facebook e WhatsApp, anche se WhatsApp, con i suoi 1,5 miliardi di utenti mensili, ha avuto il maggior numero di persone che non utilizzavano un'altra proprietà di Facebook.  Attraverso tutte le sue proprietà, Facebook ha raggiunto l'85,4% della popolazione mondiale con accesso a Internet, come mostrano i dati.

Uno scenario negativo per Facebook, secondo la ricerca, è che la principale applicazione di Facebook si troverà ad affrontare un  declino man mano che WhatsApp e Instagram crescono.


La lotta tra WhatsApp e Messenger

Un discorso a parte merita la messaggistica, dove Messenger e WhatsApp appaiono come veri e propri rivali.

Ad esempio, Messenger è significativamente più dominante di WhatsApp in Nord America in termini di portata, ma il contrario è vero in Europa occidentale.

Anche le loro caratteristiche specifiche sono in competizione. Quando le persone hanno iniziato a condividere attraverso WhatsApp Status,  Facebookha osservato un notevole calo dei messaggi inviati su Messenger.

Il motivo per cui la messaggistica è vista come cruciale sta anche nel fatto che il team interno di Facebook ha valutato come il servizio di iMessage di Apple ponga un serio pericolo di competizione futura.


Il nemico numero uno: Instagram

Instagram ha mangiato direttamente nella crescita dell'app di punta di Facebook, secondo la ricerca.

Di tutte le proprietà di Facebook, Instagram è cresciuta più velocemente e non ha mostrato segni di rallentamento, mentre l'impegno complessivo per l'applicazione Facebook è rimasto invariato nel 2018 dopo il calo dell'anno precedente. I ricercatori di Facebook hanno scoperto che, mentre Instagramcontinuava a crescere, il numero di utenti solo su Facebook sarebbe diminuito, rendendo meno interessante per le persone rimanere attive su entrambe le app.

La società ha stimato che, se le tendenze dovessero continuare, il tempo speso su Instagram, che ha rivelato avere un miliardo di utenti a livello globale nel giugno 2018, potrebbe anche superare l'applicazione Facebook.

Questo è anche il motivo per cui il Chief Financial Officer David Wehner ha annunciato che, invece di rivelare il numero di utenti per l'applicazione Facebook, si sarebbe gradualmente spostato a rivelare il numero di persone che utilizzano almeno una delle sue applicazioni. Come dire guardate comestiamo crescendo ma non dove stiamo crescendo. Questo però non sembra per ora mitigare la preoccupazione degli investitori.

La metrica più importante dell'agglomerato Facebook sembra quindi essere l'engagement totale, qualsiasi siano le app di riferimento. E su questo piano il sistema regge, un minore engagement su Facebook viene per ora compenstato da WhatsApp o Instagram.

La soluzione quindi sarebbe quella di integrare la parte di messaggistica rendendo facile l'interscabmbio fra le varie applicazioni.

Via Ninja Marketing
Articolo Articolo  Storico Storico Stampa Stampa
Ci sono 3450 persone collegate

< agosto 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
   
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
 
             

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Advertising (108)
Aziende (142)
Blog (11)
Brand (37)
Comarketing (2)
Comunicazione (9)
dBlog (1)
Digitale (33)
eCommerce (39)
Grande Distribuzione (7)
Internet (539)
Marketing (286)
Marketing Ambientale (3)
Marketing non convenzionale (62)
Media (102)
Mercati (79)
Mobile (210)
Permission Marketing (1)
Prodotti (95)
Pubblicità (32)
Pubblicità (88)
Retail (11)
Segnalazioni (41)
Social Networks (342)
Startup (1)
Strategie (59)
Tecnologie (73)
Trade Marketing (1)
Viral Marketing (40)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019

Gli interventi più cliccati

Titolo
Automobili (2)
Bianco e nero (1)
Comarketing (1)
Home (4)
Internet (4)
Prodotti (5)
Pubblicità (5)

Le fotografie più cliccate


Titolo

< /p>


Subscribe to my feed


Google
Reader or Homepage

Add to netvibes



Creative Commons License




23/08/2019 @ 18:21:50
script eseguito in 326 ms