Immagine
  mymarketing.it: l'isola nell'oceano del marketing... di Admin
 
"
Errare è umano, ma per incasinare davvero tutto è necessario un computer.

Arthur Bloch
"
 
\\ : Storico (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Altri Autori (del 02/07/2008 @ 07:46:22, in Pubblicità, linkato 1469 volte)

Le previsioni elaborate dall’istituto ZenithOptimedia preannunciano un aumento globale delle spese legate al settore dell’advertising pari al 6% entro l’anno: gli investimenti pubblicitari, secondo i dati pubblicati, raggiungeranno i 517,5 miliardi di dollari. Asia Pacifico, Europa Centrale e Orientale e America Latina saranno i mercati che porteranno maggiori guadagni.
 
Per l’anno 2008 Nord America ed Europa Occidentale guadagneranno rispettivamente 3,5 e 3,7 punti percentuali, mentre le proiezioni per gli altri Paesi attestano una crescita media che oscilla tra l’11,1% e l’11,8%. Per l’Asia Pacifico è previsto un tasso di crescita dell’8,5%; per l’Europa Centro-orientale la crescita sarà del 17,4 %; l’America Latina guadagnerà il 17,5%, mentre l’Africa, il Medio Oriente e i restanti Paesi il 12,8%. Il valore del mercato pubblicitario del Nord America raggiungerà entro la fine dell’anno i 195 miliardi, seguito dall’Europa Occidentale (124,4 miliardi).
 
I ricavi pubblicitari nelle aree dell’Asia Pacifico toccheranno, a detta delle stime, i 111,5 miliardi, mentre nell’Europa Centro-orientale saranno di circa 37 miliardi; in coda l’America Latina, che registrerà invece i 30,9 miliardi e Medio Oriente e resto del mondo con 18,6 miliardi.
 
Decisivo sarà il traino dei mercati in via di sviluppo che, tra il 2007 e il 2010, eserciteranno un’incisività del 62% sulla crescita globale. Nonostante le future tendenze diano voce agli altri mercati, gli Usa rimangono comunque l’attore principale del panorama pubblicitario mondiale, registrando 17,7 miliardi (con un tasso di crescita del 9,9%); seconda la Cina con 10,2 miliardi (e con un tasso del 63,5%); segue la Russia con 8,2 miliardi (in crescita però del 92,1%). A ridosso della top 5 troviamo il Brasile che nel settore dell’ad accumula 7,7 miliardi (crescendo del 79,6%) e il Regno Unito che, con 5,8 miliardi, cresce del 22,8%. Sempre nella top 10: India, Giappone, Corea del sud, Sud Africa e Filippine.
 
Per quanto riguarda gli investimenti pubblicitari in ambito televisivo, si prevede un aumento fino a 192 miliardi entro l’anno, che nel 2009 dovrebbero diventare 201,9 per poi passare, nel 2010, a 213,2. Anche le spese dell’online aumenteranno dal 10,2% di quest’anno al 13,6% nel 2010.

Via Quo Media

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Altri Autori (del 01/07/2008 @ 07:41:55, in Media, linkato 1555 volte)

Anche la Tv italiana sta iniziando a cambiare pelle, diventando lentamente ma progressivamente meno generalista - e cioè accessibile a tutti ma preconfezionata in palinsesti decisi dalle reti televisive - e più aperta a contenuti on demand. Alcuni dei quali gratuiti e la maggior parte a pagamento. Con la televisione digitale i limiti di tempo e di luogo del modello lineare broadcast vengono annullati; l'autorità di trasmettere come e quando il broadcaster voleva si trasferisce sempre più verso l'utente, che decide quali contenuti vedere a determinati orari, in diretta o in differita. Il modello multicanale americano, quello in cui convivono le grandi emittenti e gli operatori via cavo, sta quindi mettendo radici anche da noi seppur con tutte le differenze del caso e fra le modalità di fruizione dei canali "premium" la tecnologia streaming su protocollo Ip è quella che offre le maggiori opportunità. L'IpTV comunemente detta è quindi il media per eccellenza della nuova frontiera digitale, in quanto abilita come nessun altro la ricezione dei canali della Pay per view e i contenuti (anche generati dagli stessi utenti) disponibili nella categoria video on demand. Quelli sopra esposti sono i messaggi sostanziali contenuti in uno studio compiuto per conto di Tiscali dall'Isimm (istituto fra i più autorevoli in materia di media e multimedialità) in collaborazione con l'Università Roma Tre.

La televisione generalista rimane al palo, i giovani adulti spingono sul digitale
L'ascesa della televisione digitale in Italia nelle sue diverse forme (satellite, digitale terrestre, Tv mobile a tecnologia Dvb-H e IpTv) sarà secondo lo studio in questione sempre più marcata anche in termini di market share e fra i diversi modelli l'Internet television è quello che oggi vanta le maggiori possibilità di crescita in futuro. Perché rispetto alle altre piattaforme può mettere in campo a parità di numero di programmi disponibili un superiore livello di interattività dei contenuti proposti e perché incarna (in quanto media Internet) più delle altre il processo di "indipendenza" degli utenti, sempre più propensi cioè a personalizzare tempi e modi di accesso ai contenuti in formato digitale preferiti. La visione lineare della Tv, dicono ancora i ricercatori di Isimm, sta infatti perdendo il suo ruolo predominante a favore di quella digitale (meno vincolata a limiti di tempo e di luogo) e di pari passo sta cambiando anche il significato di audience: un canale digitale non si distinguerà mai per i picchi di ascolto ma per la qualità del suo pubblico profilato e fidelizzato. E quest'ultimo è un parametro che agli occhi degli inserzionisti pubblicitari non passa certo inosservato.
Il media che più ha condizionato lo sviluppo economico e sociale del Paese si appresta quindi a registrare un passaggio "epocale". La Tv generalista, pur essendo ancora centrale nel sistema dei media, difficilmente potrà competere adeguatamente sul mercato (su scala nazionale e tanto più a livello internazionale) dei prodotti audiovisivi. E fra i tanti, stando allo studio Isimm, per un motivo molto chiaro: non esprime più lo spirito del tempo e non interpreta in modo significativo le istanze innovative e giovanili del mezzo, le diverse modalità di fruizione dei contenuti da essa proponibili. Il pubblico pagante chiede oggi maggiore segmentazione dei palinsesti e la possibilità di accedervi secondo criteri del tutto personalizzati. E le piattaforme digitali sono nate cavalcando questa logica, che ispira una nuova filosofia di consumo, ormai radicata nel pubblico giovane adulto (dai 25 ai 40 anni) e in quello della fascia di età compresa fra i 18-25 anni. Questi ultimi, in particolare, sono i principali destinatari della rivoluzione televisiva all'insegna del digitale, perché abituati a relazionarsi all'insegna di media interattivi, a comunicare via Internet, a intrattenersi con videogiochi e a utilizzare in modo massivo dispositivi multimediali portatili.

IpTV: 3,5 milioni di utenti in Europa, 300mila in Italia
Sebbene la banda larga sia tutt'altro che diffusa ovunque (e ancor meno offerta in modo omogeneo nelle aree non metropolitane dai principali Internet provider) il fatto che raggiunga milioni di famiglie con una capacità di trasporto dati ormai mediamente superiore ai 4 Mbit al secondo è un volano non indifferente (per lo meno sulla carta) formidabile per i servizi di IpTV. Lo studio Isimm conferma come vi sia un'elevata correlazione tra la domanda di televisione avanzata e la diffusione di Internet e dei collegamenti veloci e il fatto che il Bel Paese non brilli per penetrazione delle reti broadband lascia intuire quali siano ancora i limiti allo sviluppo del fenomeno. La fotografia d'insieme della penetrazione dell'Internet television in Europa presenta in comunque sostanziali diversità e non solo imputabili alla presenza o meno delle linee Internet ad alta velocità. A fine 2007 in Francia erano oltre 2,6 milioni di famiglie abbonate a questi servizi; be altre cifre descrivono la portata del fenomeno in Spagna (500.000 utenti), Italia (300.000), Regno Unito (160.000) e Germania (120.000). Negli Stati Uniti i due maggiori operatori telco del Paese, AT&T e Verizon, hanno lanciato i rispettivi servizi di Iptv nel 2006 e dopo un lento avvio stanno ora riscuotendo un successo notevole con tassi di crescita che, nei primi mesi del 2008, raggiungono rispettivamente il 240% e il 113%.

di Gianni Rusconi su Il Sole 24 ORE.com

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Altri Autori (del 30/06/2008 @ 07:07:40, in Internet, linkato 2253 volte)

Sony, dopo aver vinto la guerra dell'alta definizione incoronando il Blu-ray come formato vincitore in Hd, vuole sfruttare questa supremazia sui concorrenti, per lanciare la sfida a itunes di Apple. Apple ha reso l'iPod il player digitale ubiquo, usurpando il dominio di Sony nel mercato dei walkman. Ora Sony sfida iTunes nella distribuzione digitale: il CEO Howard Stringer ha spiegato che Sony rilascerà prima i film in formato digitale e poi in Dvd. Una rivoluzione per il mercato dei contenuti digitali.
 
Il servizio anti iTunes è previsto entro l'estate. PlayStation 3 e le Tv Bravia si collegheranno via Internet per vedere i nuovi film per l'home video in streaming, senza passare prima dal Dvd. Meno Blu-ray, ma più Ps3 e Tv digitali: questa sembra la nuova strategia Sony.

Via Quo Media

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Altri Autori (del 27/06/2008 @ 07:19:20, in Media, linkato 1894 volte)

Risultati di una ricerca EIAA (European Interactive Advertising Association): i media digitali stanno rapidamente diventando il media preferito dagli appassionati di sport; più di un terzo degli utenti europei ha l'abitudine di visitare siti sportivi .

Gli "sportivi" hanno inoltre una maggiore propensione ad usare contemporaneamente TV e online per godersi meglio l'evento sportivo, esattamente il doppio rispetto alla media (32% contro il 16%). Stesso raddoppio per quello che riguarda la fruizione di video dal cellulare (12%)

Il 36% degli utenti Internet europei visita regolarmente siti sportivi - passandoci anche più di 10 ore la settimana.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Altri Autori (del 25/06/2008 @ 07:02:52, in Prodotti, linkato 2042 volte)

Il modello RAZR V3 di Motorola è stato a lungo uno dei cellulari più gettonati sul mercato, un oggetto del desiderio per gli appassionati e un obiettivo per le aziende del settore; la casa produttrice sembra essersi però adagiata sul successo del suo prodotto di punta senza innovare la gamma delle sue offerte. Il cellulare del momento, che ha preso il posto del V3 nelle ambizioni di consumatori, è ora iPhone di Apple.
 
In un recente studio effettuato dalla società JD Power, emerge che il 24% dei consumatori che aveva acquistato un Motorola RAZR è passata negli ultimi mesi all’iPhone provocando la perdita di ben 1,3 milioni di clienti. L'ultima proposta della casa statunitense, presentata ufficialmente, è il ZINE ZN5. Dotato di fotocamera da 5.0 megapixel difficilmente questo telefonino, che per il momento sarà lanciato solo sul mercato asiatico, riuscirà a riconquistare la clientela persa in questi ultimi anni, non solo a causa dell' iPhone ma anche per la concorrenza di Nokia, Samsung, LG Electronics e Sony Ericsson.

Via Quo Media

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Altri Autori (del 24/06/2008 @ 07:22:15, in Marketing, linkato 2061 volte)

Arriva l’estate e tra viaggi, vacanze, weekend al mare e gite fuori porta, è difficile incontrare gli amici di tutti i giorni, i compagni di scuola e i colleghi. Ci sono tanti modi però per restare in contatto e farsi sentire. Proprio per questo motivo, Disney Mobile 3 ha creato gli Scambiabili.

Con gli Scambiabili sarà possibile recapitare qualsiasi tipo di messaggio contenente animazioni che vedono come protagonisti i personaggi Disney classici e anche quelli più moderni, inviando un mms o utilizzando il Bluetooth.
Ogni settimana, sul portale Disney accessibile tramite il videofonino, Disney Mobile 3, saranno disponibili gratuitamente nuovi ed esclusivi messaggi e ci sarà solo l’imbarazzo della scelta.
Gli Scambiabili sono tutti disponibili sul sito http://www.disney.it/mobile/tre/scambiabili.html. Allo stesso indirizzo internet sarà possibile scaricarne 5 gratuitamente per provare subito a utilizzarli.

Via Pubblicità Italia

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Altri Autori (del 23/06/2008 @ 07:51:19, in Mobile, linkato 2096 volte)

L’istituto americano BigResearch ha effettuato un sondaggio per analizzare gli effetti che la pubblicità su piattaforma mobile esercita sui suoi utenti (15.727 gli intervistati): a livello generale, la fruizione di foto e video su telefoni cellulari sarebbe aumentata del 17%. L’alto grado di utilizzo di telefoni cellulari (il 90% degli adulti ha dichiarato di usarli regolarmente oppure occasionalmente), li rende un canale pubblicitario molto appetibile per gli inserzionisti.

Tuttavia i telefonini occupano gli ultimi posti della classifica dei media che influenzano maggiormente l’atteggiamento del consumatore: solo il 6,9% degli adulti intervistati sostiene di valutare i video trasmessi su telefoni per l’acquisto di dispositivi elettronici, mentre il 6,4% ha lo stesso tipo di rapporto con i messaggi di testo. Paradossalmente la fascia, più sfuggente per definizione, di giovani di età compresa tra i 18 e 24 anni risulta essere la più ‘influenzabile’ da questo punto di vista.

In proporzione sono più del doppio rispetto al totale, gli intervistati appartenenti a questa categoria e soggetti alle pubblicità trasmesse su telefoni cellulari (14,2% per i video e 15,9% per i messaggi di testo). Questo segmento preferisce utilizzare il cellulare piuttosto che altri mezzi per scaricare contenuti (rispettivamente il 31,6% contro il 15,9%); più della metà di essi esprime opinioni su marche e prodotti con questo mezzo.

“Visto lo stato di salute della nostra economia, gli inserzionisti hanno attraverso il cellulare la grande possibilità di indurre i consumatori agli acquisti, specialmente se l’utente ha tra i 18 e i 24 anni. La tecnologia mobile permette al consumatore di ricevere offerte promozionali e di connettersi a siti per lo shopping, in pochi minuti e da qualsiasi posto” ha spiegato Gary Drenik, presidente di BigResearch. Capire le modalità di fruizione di questo mezzo da parte dell’utente è quindi fondamentale per elaborare progetti di marketing efficaci.

Via Quo Media

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Altri Autori (del 20/06/2008 @ 07:14:16, in Marketing non convenzionale, linkato 2141 volte)

E' quello che ha cercato di fare, anche solo per un numero, la nota rivista americana This Old House Magazine, del gruppo Time Inc. dedicata ai progetti di ristrutturazione, bricolage etc.

Il numero di Giugno è stato infatto realizzato usando esclusivamente materiale fornito dai lettori.

Il problema di essere "relevant" per il proprio mercato e la tendenza (la moda?) di pensare user-generated hanno portato la rivista a fare questo esperimento, non privo di rischi.

Perchè infatti, spendere dei soldi per leggere sulla carta cose che in fondo posso allora leggere gratis in rete? La rivista è solo un aggregatore di contenuti prodotti dalla gente? O il suo ruolo è quello di portarmi dei contributi professionali che in rete non posso trovare?

Bel casino...

Sicuramente ( e con Fiat 500 lo abbiamo visto chiarissimamente) lasciare che le persone parlino con noi, del nostro prodotto, ci permette un insight nelle loro vite, nei loro desideri, nella loro relazione con il nostro prodotto che sarebbe difficilissimo ottenere in altri modi...

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Altri Autori (del 19/06/2008 @ 07:12:19, in Internet, linkato 2724 volte)

Il sito di video sharing YouTube, solito ospitare dalle clip autoprodotte dagli utenti a frammenti di film memorabili, registra un’insolita e stupefacente presenza, quella di video distribuiti niente popò di meno che dalla camera alta del Parlamento di Sua Maestà britannica. La camera dei Lord ha diffuso su YouTube alcuni filmati per spiegare il suo funzionamento e svecchiare la propria immagine.
 
“I video che abbiamo caricato sul canale di YouTube riflettono la varietà e l'esperienza della House of Lords e la sua importanza per i cittadini più giovani. Speriamo che ci possano aiutare nello sfatare gli stereotipi che definiscono i membri della camera alta come fuori dal tempo” ha dichiarato Helene Hayman, primo speaker dell'istituzione britannica.
 
La scelta di utilizzare YouTube e non i tradizionali canali televisivi è stata dettata dalla volontà di raggiungere le generazioni più giovani, che preferiscono i filmati online al tradizionale mezzo televisivo.
 
Guardando i filmati, gli utenti potranno compiere dei veri e propri tour virtuali attraverso le antiche sale del Parlamento britannico. I video, prodotti da Agile Films con la cifra di 10.000 dollari, sono ospitati sul canale UKParliament di YouTube, sezione finora utilizzata scarsamente e senza un progetto coerente e organizzato.

Via Quo Media

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Altri Autori (del 17/06/2008 @ 07:19:45, in Internet, linkato 2205 volte)

l social networking è un fenomeno molto attuale ed in continuo sviluppo. Ne abbiamo sentito parlare, continuiamo a seguirne il suo progresso e ne sentiremo parlare ancora perché trattasi di un'evoluzione nel modo di interagire delle persone che, aggregandosi in gruppi, vanno a costituire una comunità. In fondo, tornando alle origini dell'uomo, questo bisogno di relazionarsi con gli altri è sempre esistito... quello che cambia oggi è il modo di farlo, più veloce, reattivo e soprattutto senza 'confini'.

Ma cos'è il Social Networking?
Esso è un nuovo modo di relazionarsi, in cui diverse persone - di qualsiasi parte del mondo - con gli stessi interessi nella vita interagiscono 'aggregandosi' in una comunità che ha la sua 'sede' in pagine web.
La rete internet, luogo di aggregazione di questa comunità, continua a stupirci con le sue ampie possibilità di creazione di fenomeni diffusi, offrendo di conseguenza molte opportunità.
Si inizia in genere con la creazione di un sito web personale aperto agli amici per condividere notizie della vita di tutti i giorni, opinioni, foto, filmati ecc. per poi ampliarlo per incontrare nuove persone o per conoscere la vita degli altri. Questo nuovo fenomeno offre una vetrina dinamica che dà visibilità alla creatività dell'utente, in quanto consente di esprimere il proprio 'io' e allo stesso tempo soddisfa il desiderio di essere parte di una comunità.

I siti di social networking sono oggi molto diffusi, soprattutto fra i più giovani, i quali sono membri di uno o più siti in cui operano attivamente. Le tipologie degli utenti sono differenti, così come sono diversi gli interessi condivisi dalle tante comunità interattive esistenti.

La forte crescita del social networking trae origine dagli spazi personali: un modo semplice e molto coinvolgente per la condivisione di contenuti fra amici, conoscenti, colleghi ecc.

Perché ha successo?
Il motivo principale è perché i frequentatori di social network hanno fiducia nella loro comunità ed in questo modo essa tende a rafforzarsi e ad ampliarsi.

Secondo una ricerca Forrester, l'80% dei consumatori si fida dei consigli degli amici online.

Gli italiani utilizzano gli spazi personali per presentare se stessi, diffondere le proprie opinioni personali, facilitare i rapporti con nuove conoscenze e mantenere i contatti con amici e familiari, oltre alla possibilità di entrare in contatto con vecchi amici persi di vista da tempo.
Attualmente, si stima che vi sono migliaia di siti di social networking che operano in tutto il mondo. Si va dalle piccole reti sociali che soddisfano settori piccoli o emarginati della società, a quelli che si rivolgono ad una singola comunità geografica.

Vantaggi
Sicuramente il vantaggio principale per l'utente è estendere la propria rete di amicizie, ma è anche usato da giovani influenzatori allo scopo di 'scatenare tendenze sociali', questi attraverso la condivisione di foto/video rivivono le proprie esperienze e vogliono trasferirle agli altri.

Le reti di condivisione possono essere di 2 tipi:

Reti aperte, dove i contenuti condivisi tendono ad essere superficiali con un coinvolgimento emotivo basso; essendo reti aperte al mondo, gli utenti tenderanno a proteggersi e a non esprimere del tutto la propria individualità.

Reti chiuse, in cui avendo l'autore un maggior controllo sulle visite, i contenuti condivisi sono in genere più personali rispetto a quelli sulle reti aperte.

Il profitto indotto per la pubblicità online
Questo fenomeno crea anche un vantaggio per tutte quelle attività indotte che possono approfittare dell'opportunità di raggiungere in maniera diretta il potenziale consumatore. La pubblicità online può avvalersi di interlocutori del sito di social networking che, avendo instaurato un buon rapporto di fiducia con la comunità, 'raccomandano' un determinato brand attraverso un 'passaparola interattivo'.

Fra le tendenze più recenti... da uno studio condotto da Nielsen Mobile è emerso che un numero crescente di utenti di telefonia mobile utilizza gli apparecchi cellulari per accedere ai social networks.

Il social networking, già fenomeno globale e in continua ascesa in tutto il mondo, delinea la nascita di un nuovo consumatore: 'sveglio', curioso ed esperto nei contenuti.

Se la maggior parte di questi siti di social networking sono aperti a tutti, sarà importante però non dimenticare le basilari norme di etica on-line per farlo crescere in maniera positiva e soprattutto 'produttiva'. 

di Lisa Nanu
 

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Ci sono 2163 persone collegate

< gennaio 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
  
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
   
             

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Advertising (108)
Aziende (142)
Blog (11)
Brand (37)
Comarketing (2)
Comunicazione (9)
dBlog (1)
Digitale (33)
eCommerce (40)
Grande Distribuzione (7)
Internet (544)
Marketing (288)
Marketing Ambientale (3)
Marketing non convenzionale (62)
Media (102)
Mercati (79)
Mobile (210)
Permission Marketing (1)
Prodotti (95)
Pubblicità (32)
Pubblicità (88)
Retail (11)
Segnalazioni (45)
Social Networks (349)
Startup (1)
Strategie (59)
Tecnologie (73)
Trade Marketing (1)
Viral Marketing (40)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020

Gli interventi più cliccati

Titolo
Automobili (2)
Bianco e nero (1)
Comarketing (1)
Home (4)
Internet (4)
Prodotti (5)
Pubblicità (5)

Le fotografie più cliccate


Titolo

< /p>


Subscribe to my feed


Google
Reader or Homepage

Add to netvibes



Creative Commons License




18/01/2020 @ 07:40:24
script eseguito in 534 ms