Immagine
  mymarketing.it: l'isola nell'oceano del marketing... di Admin
 
"
Errare è umano, ma per incasinare davvero tutto è necessario un computer.

Arthur Bloch
"
 
\\ : Storico (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Andrea Grilli (del 17/11/2005 @ 20:20:11, in Internet, linkato 1737 volte)
E' uscito il rapporto di Eurostat sui navigatori europei. Diciamolo subito che l'Europa appare come un simpatico patchwork, dove però alcuni colori cominciano a essere ripetituti.

Intanto l'Italia rappresenta uno dei paesi più arretrati. Direi che è un dato poco incredibile (mi sarei stupito del contrario). La cultura italiana possiede una delle più basse propensioni all'Innovazione.
In realtà il cellullare soddisfa l'esigenza di comunicare che abbiamo, sostituisce il bar o la piazza. Il suo uso diffuso su tutta la popolazione non è certamente un dato di propensione all'innovazione.

Preoccupa che la fascia giovane sia indietro e superi solo l'Irlanda o la Grecia, mentre tutti gli altri stati europei vanno con numeri da capogiro.
Per fare qualche esempio: in Italia navigano il 74% degli studenti, una miseria rispetto al 97% della Finlandia o diciamolo, Cipro ci batte con l'81%... dico Cipro.

Naviga il 31% degli italiani. Sicuramente esistono dei dati che ci mettono sotto una luce più bella. Ma di quanto possono alzare il dato così scadente?

E se calcoliamo che navigano soprattutto coloro che hanno i soldi, quindi lavorano. Cosa faremo?

Il rapporto Eurostat è qui
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Max Da Via' (del 17/11/2005 @ 07:32:07, in Viral Marketing, linkato 2532 volte)
Vi segnalo un’altra iniziativa interessante di Heineken, che ultimamente si distingue, a mio parere, sia per la dinamicità in termini di promozione del brand che per il buon livello delle campagne intraprese.

Questa volta si tratta del sito olandese dell'azienda, che per promuovere un prodotto denominato Tapvat, una sorta di fusto di birra portatile, ha deciso di sfruttare le potenzialità di Google Image Search.

All’interno delle pagine web Heineken ha quindi inserito un generatore di cartoline personalizzabile e un concorso grazie al quale è possibile vincere un viaggio per la destinazione indicata nella cartolina.

Per realizzare tutto questo è sufficiente indicare il nome della città prescelta, dopo di che il sistema si connette in automatico con Google Image Search, che propone una serie di immagini della località. Una volta scelta la preferita il sito crea la cartolina personalizzata, che può essere inviata ad amici e parenti semplicemente inserendo il loro indirizzo email.

Nel mio caso non sono stato molto originale nella destinazione,come potete vedere dalla figura, ma pensandoci un pò è possibile individuare località più esotiche.



Technocrati Tag: Heineken, Google Image Search, Tapvat
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Alessandro Figus (del 16/11/2005 @ 22:13:16, in Marketing, linkato 1585 volte)

Il 22 novembre verrà lanciata sul mercato americano la nuova Xbox 360 della Microsoft mentre dal 2 dicembre sarà disponibile anche in Italia.

Obiettivo primario sarà quello di strappare fette di mercato alla più affermata PlayStation2 di Sony che a breve, oltretutto, cederà il passo alla Ps3. Tralasciando i dettagli tecnici vi presento invece la strategia che almeno fino ad ora è stata intrapresa da Microsoft.

Quando entrò nel mercato delle console la Xbox puntò decisamente su giovani molto esperti e competenti nel mondo dei videogames, i cosiddetti hard-core players, molto esigenti per tutte quelle caratteristiche riguardanti la qualità, e si distaccò nettamente dalle politiche di Sony e Nintendo che da sempre invece si rivolsero alla massa. La Xbox è oggi sinonimo di alte performance ma evidentemente Microsoft non volendosi negare un’espansione a 360 gradi e quindi non volendo circoscrivere il proprio target solo a quella cerchia di giovani appassionati ha cambiato chiaramente politica, puntando ad un nuovo posizionamento. Già durante questi ultimi mesi volti alla presentazione del nuovo prodotto si è tentato di far percepire la nuova Xbox come un apparecchio utile per più motivi e rivolto a diversi generi di persone; il videogioco è presentato solo come una delle diverse funzioni che la console è in grado di offrire, visto che è possibile anche memorizzare e visualizzare foto ed immagini, ascoltare mp3 e vedere dvd. Un prodotto insomma che può e deve raccogliere intorno a sé tutta la famiglia. Ed il punto è proprio questo: si punta per la prima volta sulla donna, su un target che fino ad oggi per poco non veniva neanche calcolato tra i clienti potenziali e che in casi più drastici rappresentava addirittura un nemico (pensiamo a molte mamme e fidanzate).

Ma in che modo? Bill Nielsen, responsabile del marketing per la Xbox , spiega che la nuova consolle è stata creata anche pensando alle donne ed infatti la promozione via radio in collaborazione con Pepsi prevista per il Labour Day ha regalato 9,000 Xbox, non solo a 9.000 fanatici dei videogiochi, bensì a 9.000 tra ragazzi, ragazze e famiglie, ovvero a tutti gli utilizzatori della nota bibita gassata. Oltre ad iniziative rivolte ad un pubblico eterogeneo anche le dichiarazioni del top management che evidenziano il giusto ruolo decisionale delle madri anche riguardo l’acquisto di una console, le informazioni presenti sugli opuscoli descrittivi e l’introduzione di giochi meno violenti e rivolti quindi anche alle ragazze, fanno intendere che parte della strategia sarà orientata in modo deciso alle famiglie ed alle mamme in generale.

A conferma di come si stiano pubblicizzando le diverse utilità della Xbox, la collaborazione con Paramount per la sponsorizzazione de “ La Guerra dei Mondi” recita:Guardalo su Xbox 360.

Non è comunque questo l’unico obiettivo pianificato in casa Microsoft. Informazioni provenienti dalla Scandinavia testimoniano la volontà di creare già dal primo giorno di vendita una situazione di sold-out, fornendo i rivenditori di quantità ridotte rispetto alle ordinazioni inoltrate. I media dipingeranno così il primo giorno di vendita come una corsa all’acquisto, un inaspettato tutto esaurito che dovrebbe contribuire a rendere ancora più esclusivo il prodotto, a farlo desiderare a chi non è riuscito ad acquistarlo e ad invidiare chi invece lo possiede.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Eli (del 16/11/2005 @ 13:16:30, in Viral Marketing, linkato 1515 volte)
Campagna virale anche per Adobe, software house produttrice di alcuni dei software più copiati in assoluto. Per difendersi dalle copie non autorizzate ha lanciato copydetected.com, un sito dedicato alle disavventure di Kevin, un creativo alle prese con un software Adobe piratato.

Le pagine sono disponibili in 5 diverse lingue tra le quali, ovviamente, l’italiano.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di M. Ferrero (del 16/11/2005 @ 07:41:03, in Internet, linkato 1627 volte)
Ennesima sorpresa da parte di Google, che inaspettatamente ha deciso di proporre un nuovo servizio per lo studio del traffico dei siti internet, denominato fantasiosamente Google Analytics. Grazie all’acquisto della software house specializzata nell’analisi statistica Urchin il nostro motore di ricerca preferito offre gratuitamente l’accesso ai statistiche on-line, disponibile per chiunque disponga di un account Google.

Oltre all’agevole integrazione con AdWords il programma consente efficaci analisi di marketing, garantendo a sviluppatori, amministratori e inserzionisti una serie di strumenti di analisi per mettere a punto i propri siti.
L’offerta di questo nuovo servizio rientra nella strategia di Google di favorire l’utilizzo dei suoi strumenti per il marketing, a tutto vantaggio delle promozione delle correlate attività pubblicitarie.

Non è un mistero infatti che le entrate di Google dello scorso trimestre, pari alla considerevole cifra di 1,58 miliardi di dollari, siano derivate quasi unicamente dalla pubblicità on-line, che è un business fondamentale per i ragazzi di Mountain View.

Il software Web Analytics di Urchin, dal quale Google Analytics trae origine, è utilizzato da numerose compagnie presenti nella lista di Fortune 500, e viene attualmente offerto alla modica cifra di 199 dollari al mese.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 

Segnalo a tutti i lettori del blog questa fiera a Vicenza, COM 2005 (www.com2005.it), vedendo il programma credo sia interessante ma per ora, per quanto mi risulta, non è stata molto pubblicizzata.

In particolare la parte dei convegni è piuttosto ricca, qui c'è un elenco degli appuntamenti http://www.com2005.it/it/ba.php.

La fiera si terrà dal 24 al 26 novembre ed è ad ingresso libero, ai seminari è necessaria la registrazione.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Eli (del 15/11/2005 @ 12:40:52, in Pubblicità, linkato 2391 volte)
Tra le varie campagne di advertising finaliste presentate ai London International Advertising Awards vi segnalo questa cartellonistica, realizzata da Mead Vickers BBDO per The Economist: semplicemente geniale.



Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Matteo B. (del 15/11/2005 @ 07:30:28, in Viral Marketing, linkato 1613 volte)
Polartec, azienda specializzata nell’abbigliamento tecnicoper sport e lavoro, ha lanciato un divertente sito virale, all’interno del quale è possibile, utilizzando un apposito rasoio elettrico, cambiare il look di uno yeti ormai fuori moda. Una volta depilato però ricordatevi di regalargli qualche capo nuovo di abbigliamento,ovviamente della Polartec.

L'idea in sè è abbastanza spiritosa, ma la realizzazione del sito non è molto accurata, e questo probablmente limita l'effetto viral.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Alessandro Figus (del 14/11/2005 @ 12:24:31, in Advertising, linkato 1692 volte)

Si è da poco conclusa la ventesima edizione dei "liaawards", concorso che premia le migliori campagne e i singoli migliori progetti in ambito di advertising, design e creative media. L'indicatore competitivo per ambire alla prima posizione è la naturalmente la creatività espressa nella performance.

Vi propongo alcune idee vincenti che mi hanno colpito in modo particolare:

On-line Campaign: www.itsrainingagain.com/english/01

Poster and outdoor: Billboards (Nike Speed)

Poster and outdoor: Spectacular Campaign (Lego)

Poster and outdoor: Event Posters (Zinema Zombie)

                           

                   

Come suggerito da Max nei commenti questo è il link: http://www.liaawards.com/2005finalists/winners/2005winners.shtml

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 

All'epoca del boom della New Economy la pubblicità online sembrava non avere limiti di crescita, più del 10% degli utenti ciccavano sui banner ed i ricavi erano altissimi ed in continuo aumento.

Lo scoppio della bolla speculativa nel 2000, unito ad una maggiore maturazione degli utenti che ha ridotto di quasi cento volte il tasso di click, ha ridimensionato moltissimo le aspettative degli investitori e segnato un periodo di scetticismo sull'advertising online.

Oggi però, grazie alle nuove creatività con i rich media e, soprattutto, alla pubblicità legata ai motori di ricerca la pubblicità sul web segna nuovi segnali di ripresa e di fiducia.

I motori di ricerca, in effetti, sono la seconda applicazione per utilizzo su Internet dopo la posta elettronica e sicuramente rappresentano uno dei business più importanti del settore, con grandi margini di crescita. I navigatori del pianeta, infatti, svolgono mediamente 550 milioni d'interrogazioni al giorno ed il mercato delle ricerche sponsorizzate si aggira oggi sui 2 miliardi di dollari, con un tasso di crescita annuo del 35% che consente di prevedere un valore di 5,6 miliardi nel 2007 (fonti: Time, ComScore Networks, First Albany Capital).

Il loro valore come mezzi di promozione del proprio sito e della propria attività è stato sottovalutato a lungo, a favore delle forme classiche di pubblicità on-line, come i banner e l'e-mailing, oggi invece gli investimenti nel settore cominciano a farsi considerevoli ed il Wall Street Journal prevede che nel 2007 gli attuali 1,9 miliardi di dollari del mercato Usa diventeranno 5 miliardi.

Facciamo però un passo indietro per spiegare cosa si intende per keywords advertising: la forma tradizionale è quella di un'inclusione a pagamento nei risultati di ricerca dei motori, sulla base di un'asta per le singole parole chiave, in questo modo se l'inserzionista compra la parola “auto” in cima alle risposte alla query dell'utente comparirà un link sponsorizzato che porta al sito dell'azienda sponsor.

L'evoluzione di questo tipo di strumento sono poi gli annunci semantici, come gli ad sense di google o i content match di overture, tramite un semplice script, infatti, il titolare di un sito può far comparire (gratuitamente, incassando poi una cifra proporzionale ai click) nelle proprie pagine, con formati diversi, dei box pubblicitari con contenuti che automaticamente si aggiornano per essere coerenti con le pagine in cui si trovano.

In effetti il cambiamento di prospettiva è forte, si passa da una logica push (messaggio ‘spinto' verso il target) ad una pull (target ‘attirato' verso la fonte), cosa che, oltre che efficace, è anche molto meno fastidiosa da vivere per il possibile cliente. Infatti i collegamenti sponsorizzati e gli annunci semantici portano il navigatore al sito basandosi sui suoi interessi, espressi tramite le parole immesse per la richiesta, in modo tale che mediamente le persone attirate sono motivate alla visione.

Per lungo tempo, in effetti, il limite attribuito al keywords advertising era la possibilità di compromettere l'efficacia delle ricerche dei motori, danneggiando l'efficacia dello strumento. I risultati però hanno smentito questo rischio, anche perché le società che li gestiscono lo sanno e sanzionano duramente i ‘furbi', che peraltro rischiano anche un effetto boomerang per l'irritazione degli utenti ‘sviati'.

Inoltre gli annunci semantici hanno potenziato ulteriormente questo mercato, “esportando” il meccanismo del keywords advertising anche su siti diversi dai motori di ricerca. Al momento questo tipo d annunci prevedono quasi unicamente la formula del pay-per-click ma è presumibile che l'evoluzione della tecnologia porterà presto ad altre tipologie d'inserzione.

Come si diceva all'inizio dunque questo mercato sta veramente decollando, su molte riviste specializzate in questi giorni tutti gli operatori del settore concordano sul tale successo e gli analisti prevedono una grande crescita, con piena maturità per il biennio 2007-2008.

Questa situazione sta trainando la ripresa di tutto il comparto pubblicitario web, in Inghilterra ad esempio il mercato delle inserzioni online si avvia a superare la somma della raccolta radiofonica e delle affissioni, negli Usa invece l'investimento 2004 ha raggiunto i 9,62 miliardi di euro, con un + 33% sull'anno precedente.

E in Italia? Una ricerca di Nielsen Media Research in collaborazione con un gruppo di 17 concessionarie (che raccolgono il 75% del mercato nazionale) dice che gli investimenti reali, al netto della scontistica, nei primi sette mesi del 2005 corrispondono a 71,5 milioni d'euro, con un + 13,1% rispetto all'anno precedente, una crescita superiore a quella di tutti gli altri mezzi.

Ci sembra buon segnale …

 

LINKS UTILI

Mini book 'Come fare business su Internet e vivere felici (con il proprio budget)'

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Ci sono 3575 persone collegate

< novembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
    
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
 
             

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Advertising (108)
Aziende (142)
Blog (11)
Brand (37)
Comarketing (2)
Comunicazione (9)
dBlog (1)
Digitale (33)
eCommerce (39)
Grande Distribuzione (7)
Internet (542)
Marketing (288)
Marketing Ambientale (3)
Marketing non convenzionale (62)
Media (102)
Mercati (79)
Mobile (210)
Permission Marketing (1)
Prodotti (95)
Pubblicità (32)
Pubblicità (88)
Retail (11)
Segnalazioni (44)
Social Networks (347)
Startup (1)
Strategie (59)
Tecnologie (73)
Trade Marketing (1)
Viral Marketing (40)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019

Gli interventi più cliccati

Titolo
Automobili (2)
Bianco e nero (1)
Comarketing (1)
Home (4)
Internet (4)
Prodotti (5)
Pubblicità (5)

Le fotografie più cliccate


Titolo

< /p>


Subscribe to my feed


Google
Reader or Homepage

Add to netvibes



Creative Commons License




12/11/2019 @ 23:06:07
script eseguito in 484 ms