Immagine
  mymarketing.it: il marketing fresco di giornata... di Admin
 
"
Errare è umano, ma per incasinare davvero tutto è necessario un computer.

Arthur Bloch
"
 
\\ : Storico (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Jacopo Gonzales (del 05/11/2005 @ 10:13:52, in Internet, linkato 1555 volte)

Amanti della musica online accorrete. Dopo Musicnet (che comprende un archivio di circa 600.000 canzoni), il gruppo Time Warner fa un ulteriore passo in avanti nel modo della music on demand.

Si e' infatti appena conclusa l'acquisizione di Musicnow.com da parte del motore di ricerca AOL. I termini economici dell'accordo non sono stati ancora rivelati dalle parti. Quello che è certo è che ora i patiti della online music potranno scaricare oltre un milione di canzoni tramite il portale aol.musicnow.com ad un costo piuttosto contenuto: si parte infatti da una cifra di 0.99$ a canzone, ma sono disponibili anche piani di abbonamento mensile che partono da 9.95$.

Buon download a tutti!

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Jacopo Gonzales (del 05/11/2005 @ 08:34:49, in Internet, linkato 1433 volte)

La lunga fase di trasformazione di Internet si concretizza in una domanda chiave per il futuro della Rete: gli utenti sono disposti a pagare per i contenuti?

Dalla prima Internet volontaria e gratuita alla crescita sostenuta da motivazioni finanziarie e nebulosi progetti, dallo scoppio della bolla alla maturità dei servizi a pagamento. Per capire se veramente la Rete è entrata a pieno titolo in una nuova fase di sviluppo e crescita, l’interrogativo principale riguarda la sua capacità di veicolare, insieme ai servizi e ai contenuti, anche gli investimenti e i ritorni. Capire se gli utenti sono disposti a pagare per quello che trovano in Rete è lo snodo fondamentale per il futuro di Internet.

Le famiglie e i contenuti

Il rapporto 2005 dell’Osservatorio AIE, Associazione Italiana Editori, è stato condotto dalla società di ricerca ISPO ed ha un significativo titolo: “Le famiglie italiane e i contenuti digitali: modalità di accesso e di consumo”. Il quadro che emerge da questa ricerca indica chiaramente che la mentalità degli utenti Web è cambiata: l’idea di accedere a contenuti a pagamento è ormai radicata, il consumo di contenuti digitali non va a scapito degli strumenti tradizionali, come i libri, l’argomento di maggior richiamo per i navigatori restano le notizie, d’approfondimento o sotto forma di corsi, news veloci o articoli specialistici.

Crescita Web

La premessa al nucleo centrale della ricerca, condotta su un campione di 4.336 persone rappresentative della popolazione italiana, è la crescita costante dell’uso di Internet in Italia. La penetrazione della Rete nella popolazione si attesta al 46%, circa 23 milioni. Lo scorso anno si attestava al 43%, con una continua crescita anche in questi ultimi anni. Tra chi possiede un Pc, l’83% è un navigatore. Il primo dato significativo quindi riguarda non tanto le ulteriori possibilità di espansione di Internet in sé, ma della crescita della cultura informatica nel suo insieme. Circa il 45% degli italiani ancora non utilizza un personal computer. La base su cui lavorare per il futuro è rappresentata da questa metà degli italiani, ancora fuori dalla società dell’informazione. Tra i navigatori, la maggioranza assoluta è catalogata come “forti utilizzatori”, ossia persone che hanno notevole dimestichezza con le tecnologie e con Internet. La prima nota importante è che tra questo gruppo è molto forte anche la lettura di libri e quotidiani (il 61% dei forti utilizzatori legge libri con regolarità, il 57% legge quotidiani). Il web quindi non sostituisce, ma si affianca ai media e agli strumenti tradizionali per la ricerca di notizie e approfondimenti.

Pagare, perché no?

L’elemento di maggior interesse della ricerca, tuttavia, riguarda la propensione al pagamento dei contenuti. Il campione intervistato, infatti, non ha sollevato dubbi rispetto all’opportunità di pagare i contenuti da fruire in Rete. Ma per quale tipo di contenuti sarebbero disposti a pagare gli utenti? Prima di tutto per lo studio e la professione: i corsi di formazione (il 67% del campione pagherebbe) e materiali a vario titolo utili per la propria attività (45% del campione) riscuotono grande comprensione. Sullo stesso livello sono da porre le informazioni specialistiche (55%) e la ricezione di attività di consulenza (48%) evidenti compendi alle due categorie di cui sopra. La fruizione di musica a pagamento è normale per il 41% del campione. Anche solo la lettura di giornali e riviste online, però, riscuote un significativo 29%, che equivale a un pubblico potenziale di oltre 3 milioni e mezzo di italiani. Rispetto alla sicurezza delle transazioni, i dubbi sono pochi: pur con notevoli sfumature, la fiducia nella sicurezza del mezzo è appurata. Per quanto riguarda il metodo di pagamento, invece, l’abbonamento sembra il preferito.

Modalità di fruizione

L’ultimo elemento degno di nota riguarda invece la modalità d’approccio alle informazioni online. La parte più numerosa (il 37%) può essere catalogato come “mordi e fuggi”. Sono curiosi che utilizzano Internet senza uno scopo preciso, cercando di tutto un po’. Senza particolari esigenze d’archiviazione delle informazioni raccolte, si muovono un po’ per curiosità e un po’ per esigenze professionali o di studio. C’è quindi un corposo gruppo (24%) rappresentativo di persone non molto giovani (comunque sotto i 50 anni) che usano Internet a pillole, senza fidarsi eccessivamente delle nuove tecnologie. Per questo stesso motivo, sono i meno propensi a compiere transazioni online. Il gruppo più interessante è rappresentato invece dal 22% del campione: un blocco di persone che usa Internet per quello che serve e che mantiene il materiale fino a quando serve. Sono soprattutto i più giovani, tra i 14 e i 17 anni, hanno molta confidenza con le tecnologie, sono disposti a pagare. Usano il Web soprattutto per le proprie attività di studio o professionali. Infine, l’ultimo gruppo (17%) è composto dagli ultimi arrivati, per forza di cose molto prudenti e con poca propensione agli scatti in avanti. Sono disposti a pagare, ma soltanto per arrivare a corsi di formazione o informazioni specialistiche. [fonte Shinynews]

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Max Da Via' (del 05/11/2005 @ 08:13:59, in Internet, linkato 1551 volte)
Non c’è pace nel mondo dei media, e tutti i contenuti devono necessariamente essere digitalizzati. Google tra mille difficoltà si sta organizzando per dare accesso a numerosi libri in formato digitale, battendosi contro concorrenti del calibro di Yahoo e Microsoft, ed ecco che un’altra minaccia si profila all’orizzonte.

Amazon, la famosissima libreria (e non solo) on line, ha recentemente annunciato che darà la possibilità ai propri utenti di acquistare libri digitalizzati, sia interi che a singole pagine.

Questa iniziativa, denominata Amazon Pages, consentirà di accedere a parte dei contenuti dei libri (previa consenso degli editori), a pagamento. Tramite il programma Amazon Upgrade gli utenti interessati ad acquistare il libro in formato cartaceo avranno la possibilità, pagando un minimo sovrapprezzo, vederselo recapitato a casa.

Il pricing non è ancora definito, ma dovrebbe essere piuttosto economico. Da sottolineare che l’accesso a pagamento consente il regolare pagamento dei diritti d’autore, tanto che l'Associazione degli Editori Americani ha supportato apertamente l’iniziativa.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di M. Ferrero (del 04/11/2005 @ 17:56:13, in Internet, linkato 1495 volte)
Finalmente è uscita la versione 2.0 di Google Desktop. La principale novità è la presenza di una sidebar per utilizzare una barra degli strumenti personalizzata, che consente l’accesso a news, meteo e posta elettronica.

Inoltre, tramite il supporto a JavaScript sarà possibile scaricare nuovi
plug in in base alle proprie preferenze.

In inglese è disponibile la versione 2.0, mentre chi preferisce l’italiano deve accontentarsi della versione 2.0 Beta.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Eli (del 04/11/2005 @ 14:55:26, in Pubblicità, linkato 1645 volte)
Anche Volkswagen si lancia nella pubblicità non convenzionale, e per questo motivo ha deciso di presentare le 120 funzionalità della nuova Passat ricorrendo ad una campagna di comunicazione on-line sicuramente originale.

Navigando sul sito americano della Passat è infatti possibile visionarle una a una, attraverso una serie di clip che presentano in maniera (generalmente) spiritosa ciascuna caratteristica.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Matteo B. (del 04/11/2005 @ 07:29:46, in Internet, linkato 2114 volte)
Come molti si aspettavano il download di video musicali dall’Apple store iTunes è stato un successo, con oltre un milione di video legalmente scaricati in meno di venti giorni. Un traguardo importante per un’iniziativa seguita con molto interesse da addetti ai lavori ma anche da semplici appassionati.

Questo risultato, a detta della Apple, testimonia come esista un mercato per queste applicazioni, e funge da stimolo per l'aggiunta di ulteriori servizi e l’ampliamento del materiale messo messi a disposizione, che attualmente comprende 2000 video musicali, filmati targati Pixar e serie di successo, tutti acquistabili a $1.99.

In qualche post precedente è stato descritto l’accordo tra iTunes e Disney per la distribuzione online di alcune serie di successo. Il coinvolgimento del colosso americano testimonia l'interesse di molti fornitori di contenuti per questa nuova forma di distribuzione, che si sta rapidamente affermando, grazie anche al successo e alla crescente diffusione di molti video player portatili, tra i quali il Video iPod, e ai prezzi relativamente contenuti di accesso ai servizi.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Alessandro Figus (del 03/11/2005 @ 14:05:13, in Marketing, linkato 2513 volte)

Stando alle ultime dichiarazioni dell'amministratore delegato di Ryanair Micheal O'Learly ( nella foto visibilmente contento dell'andamento del suo operato), nel giro di pochi anni la società potrebbe far viaggiare gratis tutti i suoi clienti grazie agli introiti provenienti dalla imminente introduzione del casinò di bordo. Visti i guadagni provenienti da alcuni servizi secondari come  il nolo auto o la prenotazione di alberghi, nel 2004 la società irlandese ha già potuto regalare un quarto dei suoi posti; ma per gli addetti ai lavori  la trovata del gioco d'azzardo sembra essere quella della svolta. A breve quindi verrà presentato il partner che conferirà il proprio servizio a pagamento di scommesse sui voli Ryanair. E' evidente che se si riuscisse a sostituire il prezzo del biglietto con un'altra fonte di finanziamento sarebbe un ennesimo duro colpo per tutte le altre compagnie, low cost comprese. Si azzererebbe così il costo di un servizio che tradizionalmente non è sempre stato accessibile a tutti, con conseguenze potenzialmente sorprendenti sul mercato intero.

Intanto però per far capire ai propri clienti quanto sarà piacevole volare gratis e forse anche per ribadire che al contrario delle compagnie trdizionali il settore del low-cost sta in ottima forma(cresce del 40%), è in atto una promozione che regala 500.000 posti anche dall'Italia se si prenota entro il 09.11.2005 e per un periodo(non festivo) che arriva fino al 02.02.2006.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Max Da Via' (del 03/11/2005 @ 07:33:46, in Blog, linkato 2626 volte)
Il rapporto di amore-odio tra blog e aziende tiene spesso banco su internet in questi ultimi giorni.

Da un certo punto di vista i blog possono essere visti come possibile fonte di informazioni su abitudini, pensieri e opinioni per quanto riguarda un’azienda, il suo brand e i suoi prodotti. Si tratta, come già detto in altre occasioni, di pareri “di prima mano”, che come tali dovrebbero essere tenuti in adeguata considerazione dai responsabili marketing che aspirano ad una migliore conoscenza del proprio target.

D’altro canto, come emerge chiaramente dalla presa di posizione di Forbes ma anche di altre testate, la natura “anarchica” e potenzialmente distruttiva per l’azienda di alcuni di questi blog rischia invece di creare non pochi grattacapi a chi si occupa di promuovere il brand. Le opinioni espresse in certi siti possono essere fuorvianti e inesatte, manifestate in buona fede ma anche artificiosamente critiche. Diversi blog infatti raggruppano vaste comunità di utenti, e possono influenzare in maniera tangibile la percezione dell’azienda di parte dell’opinione pubblica.

Un' ulteriore opportunità che può facilmente diventare un rischio per alcuni brand deriva dalla nascita di blog monotematici dedicati specificatamente al confronto su prodotti e servizi offerti da aziende famose. Un certo numero di consumatori potrebbe infatti decidere di realizzare un blog dedicato esclusivamente alla vostra azienda, creando uno spazio all’interno del quale raccontare le proprie esperienze e riflessioni in relazione ai vostri prodotti, esprimendo allo stesso tempo giudizi più o meno puntuali su quanto sta succedendo, sul vostro brand e molto altro ancora.

Impossibile? Non direi proprio, in America infatti ne esistono già alcuni, dove si parla della Disney e più specificatamente dei suoi parchi a tema, oppure dello sport drink  Gatorade , ma anche della catena di caffetterie Starbucks.


La loro popolarità è in rapida crescita, grazie anche al fatto che, trattandosi di iniziative autonome del tutto slegate dall’azienda, sono percepite da molti come attendibili fonti dove procurarsi informazioni senza correre il rischio di essere “conquistati” da abili campagne di marketing o comunicazione.

Fino a quando i giudizi espressi sono positivi tutto bene, si può innescare un virtuoso passaparola che giova alla popolarità del brand ma cosa succede quando invece si tratta di critiche, magari ingiustificate? E che dire della possibilità che qualche dipendente scontento o qualche stizzito concorrente possa prendere la parola approfittando della situazione?

Si profila quindi uno scenario con molte incognite, dove da una parte ci sono prospettive interessanti in termini di analisi di mercato e di clima, oltre che di utile pubblicità gratuita, dall’altra però ci si potrebbe trovare costretti a difendersi su molti fronti da attacchi inaspettati, che potrebbero vanificare anni di investimenti e sforzi per consolidare la propria immagine.


Un ringraziamento a Mytech per i link ai siti presentati.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Gianluigi Zarantonello (del 02/11/2005 @ 19:54:30, in Internet, linkato 1562 volte)

Il mondo delle applicazioni software, incluse quelle dedicate al business, ha visto negli ultimi anni una timida ma costante avanzata delle tecnologie di tipo open source

Semplificando i software open source sono programmi che vengono distribuiti con vari tipi di licenza che hanno in comune una caratteristica fondamentale: i codici sorgenti con cui sono scritti sono visibili e modificabili.

Dunque rispetto ai normali programmi commerciali l'acquirente, se ne ha la capacità, può modificare il programma originario e adattarlo alle proprie esigenze.

Naturalmente per queste modifiche sono necessarie delle competenze specifiche non facilmente disponibili in azienda, per questo alcune società informatiche si stanno oggi dedicando alla fornitura e alla configurazione di prodotti open source personalizzati su misura per le singole imprese.

 In sostanza l'azienda cliente non paga l'acquisto del software (gratuito nella sua versione base) ma invece corrisponde denaro alla società specializzata la consulenza, l'installazione e, soprattutto, le eventuali modifiche volte a creare la personalizzazione del prodotto.

Poter personalizzare il software non è certo un fatto da poco: come tutti i prodotti pensati in modo tradizionale anche i programmi commerciali sono progettati per le esigenze di uno specifico segmento di mercato che corrisponde, grossomodo, alle esigenze del cliente.

“Corrisponde grossomodo”: questo punto è importante perché nessuna azienda è realmente uguale ad un'altra e dunque disporre di un prodotto standard comporta quello che per i privati viene definito il “sacrificio del consumatore”. L'impresa si deve adattare alo standard, con dei compromessi e dei limiti alla propria attività.

Le più recenti teorie di marketing invece parlano di miniaturizzazione dei segmenti e di servizio one-to-one per il cliente, individuato come persona singola con le proprie caratteristiche e necessità.

Ecco che il software open source rientra perfettamente in questo tipo di casistica, con una modalità di fare business davvero all'avanguardia.

L'impresa cliente infatti non paga più per il prodotto standard (che può avere gratuitamente) ma rivolge i suoi costi al servizio ed alla customizzazione, con esborsi economici che in termini quantitativi possono essere simili ad un prodotto standard (o anche superiori) ma con vantaggi difficilmente paragonabili. 

In più la competizione per gli operatori diventa più forte in quanto tutti partono da una base comune (i software distribuiti con libera licenza) ma poi devono distinguersi per la capacità di consigliare il cliente e per la competenza nello sviluppo e nel perfezionamento dei programmi.

Una bella differenza rispetto ai tipici software commerciali, dove in molti segmenti il monopolio e l'oligopolio sono la norma.

Insomma con i software open source il programma evolve da prodotto a servizio e da merce standardizzata a bene assolutamente personalizzabile e customizzabile.

GIANLUIGI ZARANTONELLO

LINKS UTILI

Sull'Open Source in genere http://www.opensource.org/

Articoli sull'Open Source per aziende

 http://www.eprometeus.it/?Magazine
http://www.connecting-managers.com/
http://www.webmasterpoint.org
http://www.businessonline.it

Esempi di azienda che sviluppano software su misura http://www.eprometeus.it

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Eli (del 02/11/2005 @ 07:32:13, in Viral Marketing, linkato 4376 volte)
In prossimità dell’uscita nelle sale dell’attesissimo King Kong di Peter Jakson le patatine Pringles lanciano una nuova campagna virale. Richiamandosi al videogioco cult anni ’80 Donkey Kong sfidano il giocatore, nei panni di un moderno Indiana Jones, a liberare la bella di turno affrontando un percorso irto di ostacoli. I classici barili del videogioco però sono stati sostituiti da altrettanti pericolosi barattoli di Pringles.

L’effetto viral è garantito dalla possibilità di segnalare il gioco ad amici inserendo il loro indirizzo email, ma anche dall’opzione di creare con loro un vero e proprio torneo. Visitando il sito è possibile anche vedere il trailer del film.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Ci sono 865 persone collegate

< gennaio 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
  
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
   
             

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Advertising (108)
Aziende (142)
Blog (11)
Brand (37)
Comarketing (2)
Comunicazione (9)
dBlog (1)
Digitale (33)
eCommerce (40)
Grande Distribuzione (7)
Internet (544)
Marketing (288)
Marketing Ambientale (3)
Marketing non convenzionale (62)
Media (102)
Mercati (79)
Mobile (210)
Permission Marketing (1)
Prodotti (95)
Pubblicità (32)
Pubblicità (88)
Retail (11)
Segnalazioni (45)
Social Networks (349)
Startup (1)
Strategie (59)
Tecnologie (73)
Trade Marketing (1)
Viral Marketing (40)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020

Gli interventi più cliccati

Titolo
Automobili (2)
Bianco e nero (1)
Comarketing (1)
Home (4)
Internet (4)
Prodotti (5)
Pubblicità (5)

Le fotografie più cliccate


Titolo

< /p>


Subscribe to my feed


Google
Reader or Homepage

Add to netvibes



Creative Commons License




20/01/2020 @ 12:06:20
script eseguito in 469 ms