Immagine
  mymarketing.it: l'isola nell'oceano del marketing... di Admin
 
"
Errare è umano, ma per incasinare davvero tutto è necessario un computer.

Arthur Bloch
"
 
\\ : Storico : Aziende (inverti l'ordine)
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di Altri Autori (del 21/05/2014 @ 07:46:11, in Aziende, linkato 1409 volte)

Facebook sta lavorando per ampliare il suo servizio di video advertising che permette alle imprese di mostrare sul social spot simili a quelli televisivi: secondo quanto riporta in esclusiva Reuters, la novità riguarderà gli utenti del social network in Gran Bretagna, Brasile e altri cinque paesi. L’operazione rinnova l’interesse della compagnia verso lo sviluppo di nuove features per la promozione pubblicitaria che, secondo gli analisti, potrebbero essere in grado di aiutare la società a catturare un’ulteriore fetta di mercato dedicata al brand advertising.

Facebook ha iniziato a vendere questo tipo di annunci negli Usa a marzo di quest’anno solo per un ristretto gruppo di aziende, tra cui la società di assicurazione Progressive Corp e l’emittente televisiva NBC, un’unità della Comcast Corp. Il test ha avuto un riscontro positivo e sarà esteso anche in altri paesi, anche se la cautela nell’estensione dei video promozionali in auto-play è d’obbligo, considerato l’impatto sul pubblico e il giro d’affari.

Facebook, a partire dal prossimo mese, lavorerà con un gruppo limitato di inserzionisti in Francia, Germania , Brasile, Giappone, Canada, Australia e Gran Bretagna. Ogni annuncio dovrà superare un test di controllo di qualità in collaborazione con la società impegna in video analytics Ace Metrix. Da una dichiarazione di un portavoce Facebook a Reuters, la maggior parte degli spot non apparirà sui mercati internazionali fino a settembre, visto che la società sarà impegnata con la sezione marketing al fine di garantire gli standard di qualità richiesti da questo tipo di attività. Le aziende, i cui spot sono ritenuti accettabili, potrebbero però cominciare a vedere in onda su Facebook i video già nel mese di giugno, in tempo per i Mondiali di Calcio.

Le inserzioni pubblicitarie su Facebook sono cresciute dell’82%  fino a raggiungere i 2,27 miliardi dollari nel primo trimestre di quest’anno. Il prezzo che le aziende pagano per pubblicare un annuncio video su Facebook è determinato dalla dimensione del pubblico così come viene analizzato dalla società di misurazione Nielsen. I clienti possono scegliere orari specifici della giornata per i loro spot e possono indirizzare gli annunci a seconda dell’età e del sesso del proprio target di riferimento.

Gli annunci video online, che in genere portano ricavi più alti rispetto ad altre forme di annunci online, potrebbero aiutare Facebook a rafforzare le sue entrate sul fronte della pubblicità, soprattutto nei mercati internazionali dove il ricavo medio della società per utente è inferiore rispetto agli Stati Uniti e Canada.

Infatti circa l’84% dei 1,28 miliardi di utenti mensili di Facebook sono al di fuori degli Stati Uniti e del Canada, con 87 milioni di utenti mensili in Brasile e 34 milioni di utenti mensili nel Regno Unito. Gli utenti brasiliani che ogni giorno usano uno smartphone per connettersi a Facebook sono aumentati del 75% arrivando a 35 milioni.

Via Tech Economy

 

Che il settore mobile sia diventato il chiodo fisso di Mark Zuckerberg è ormai chiarissimo. Gli assegni miliardari staccati dal Ceo di Facebook per acquistare prima Instagram e poi WhatsApp ne sono la prova più evidente. Come la recente trovata di costringere gli utenti Android a installare Messenger per poter utilizzare i messaggi di Facebook dal proprio smartphone. Immagini, fotoritocco, testo.

Zuckerberg vuole coprire ogni possibilità, senza lasciare spazio a eventuali competitor, in un mercato sempre più esasperato. E in questa sorta di monopolizzazione del settore mobile, c'è ancora un pezzetto del mosaico facebookiano fuori posto: quello dei messaggi che si autodistruggono. Chiariamolo subito: Zuckerberg ci aveva provato con Snapchat, la celebre App che di fatto ha lanciato la moda del messaggio «usa e getta». Ma Evan Spiegel, il ragazzino di Los Angeles che ha inventato Snapchat, rifiutò un assegno da tre miliardi di dollari, balzando agli onori delle cronache (non si sa se per follia o per coraggio...). Tutto ciò accadeva qualche mese fa. Ora Zuckerberg ci riprova, ma stavolta ha deciso di abbandonare la strada del corteggiamento a Snapchat per passare al piano B: attaccare Snapchat e magari sottrargli il mercato. Per farlo, Facebook avrebbe confezionato in casa una App concorrenziale a Snapchat.
A riferire l'indiscrezione è il Financial Times. Secondo il quotidiano finanziario l'App studiata dai programmatori di Palo Alto si chiama Slingshot (che in italiano significa "fionda"). Un'applicazione alla quale l'azienda di Zuckerberg starebbe lavorando da ormai qualche mese, e che potrebbe comparire nei vari store già in questo mese di maggio.
Non sarebbe casuale, infatti, la rimozione dagli store di due App di casa Facebook, ovvero "Poke" e "Facebook Camera", due applicazioni concorrenti a Snapchat e Instagram. Con la seconda già in mano, e con Slingshot in arrivo, Zuckerberg avrebbe deciso di rimuoverle per rinfrescare il pacchetto App.
Slingshot, secondo i primi rumors, dovrebbe permettere di inviare brevi messaggi, foto e video che scompaiono poco dopo essere stati visualizzati dal destinatario. Perché pare essere proprio questa la nuova esigenza dei chattatori da smartphone. E dopo che anche Yahoo! ha virato in questa direzione, con l'acquisto di Blink, Zuckerberg cala l'ennesimo asso. Se Slingshot farà tremare Snapchat, però, è tutto da vedere.

Via IlSole24Ore.com

 
Di Altri Autori (del 14/05/2014 @ 07:28:15, in Aziende, linkato 1347 volte)

Amazon annuncia oggi che gli Amazon Coins sono ora disponibili anche per i clienti in Italia. Dopo l’annuncio dello “sbarco” della moneta virtuale sui dispositivi Android, riservata agli utenti di Stati Uniti, Germania e Gran Bretagna, è di oggi l’annuncio che sarà possibile acquistare Amazon Coins nel nostro paese con uno sconto fino al 10%. Sarà possibile utilizzarle per acquistare applicazioni, giochi e un’ampia gamma di contenuti in-app dall’App-Shop Amazon su Amazon.it, Kindle Fire e dispositivi Android.

Per “festeggiare” il lancio di Amazon Coins, i possessori di un Kindle Fire registrato su un account Amazon.it alla data di lancio, riceveranno in omaggio, direttamente sul loro account Amazon, 500 Amazon Coins per un valore di 5 euro. “Oggi tutti i possessori di Kindle Fire e tutti i clienti di App-Shop Amazon che scaricheranno l’app gratuita del giorno con l’ultima versione Android di App-Shop, riceveranno Amazon Coins per un valore di 5 euro utilizzabili per l’acquisto di nuove applicazioni e giochi come Cut the Rope 2, Minecraft o QuizDuello.” ha spiegato Mike George, Vice President di App-Shop Amazon and Games. “Continueremo ad aumentare le possibilità di ricevere e utilizzare Amazon Coins su una gamma di contenuti e attività sempre più ampia”.

Le Amazon Coins possono essere utilizzate come opzione di pagamento aggiuntiva per gli acquisti nell’App-Shop Amazon e non sostituiscono i “tradizionali” metodi di pagamento nè le forme di guadagno per gli sviluppatori che utilizzano App-Shop Amazon: essi, si legge in una nota, continueranno a ricevere il 70% dei ricavi sulle vendite, anche in caso di acquisti effettuati con le Amazon Coins.

Al contrario dei bitcoin, moneta digitale crittografata che può essere acquistata con valuta tradizionale sul web ed essere usata per pagare beni di ogni tipo nelle strutture che l’accettano, le Amazon Coins sono regolatie dall’azienda di Seattle, non hanno un sistema di cambio in dollari o euro e non possono essere impiegati in altri esercizi commerciali ma solo all’interno del negozio digitale di Amazon.

Via Tech Economy

 
Di Altri Autori (del 08/05/2014 @ 07:33:00, in Aziende, linkato 1051 volte)

Rinascere ancora una volta, come già fatto in passato: dopo aver ceduto i cellulari e gli smartphone a Microsoft, Nokia ora prova a farsi strada (è il caso di dirlo) nel settore delle cosiddette "auto intelligenti". La sua divisione che si occupa di investimenti, Nokia Growth Partners, ha annunciato la creazione di un fondo da 100 milioni di dollari proprio per contribuire allo sviluppo di tecnologia legata all'automotive: un settore scelto non a caso, visto che tra i gioielli della corona rimasti nel forziere ci sono le mappe di HERE.

Liberatasi di quello che era diventato a tutti gli effetti un business ingombrante, schiacciato dalla concorrenza senza esclusione di colpi di nuovi giganti del settore come Apple e Samsung, Nokia è libera di tentare nuove avventure: la relativa salute di cui gode il suo sistema di mappe deve aver convinto il management che si trattasse di un argomento interessante da esplorare, e la scelta di investire in iniziative legate alla "connected car" è un chiaro tentativo di sviluppare un nuovo ramo di business parallelo all'attuale.

L'idea che dopo i cellulari, le automobili possano diventare intelligenti non è d'altronde campata in aria: sono anni che i grandi marchi del settore propongono sistemi di bordo sempre più sofisticati, capaci di leggere i segnali, parcheggiare l'auto, avvisare in caso di cali di attenzione o colpi di sonno. Poi c'è anche Google che sta sperimentando automobili in grado di guidarsi da sole, e ancora Google e pure Apple stanno lavorando alla creazione di sistemi di intrattenimento di bordo basati su Android e iOS. Nokia ha già in casa un'enorme mole di informazioni ottenuta tramite le mappe HERE, ha la competenza per valutare e collaborare allo sviluppo di hardware e software: dunque, perché non provarci?

"I veicoli diverranno la prossima piattaforma ad alto tasso tecnologico, analogamente a quanto successo ai telefoni e ai tablet" ha spiegato Paul Asel, uno dei dirigenti di Nokia Growth Partners. Ora la consociata di Espoo inizierà a distribuire assegni da 5 a 15 milioni di dollari ciascuno, per aiutare aziende che hanno già sviluppato soluzioni interessanti ad espandere il proprio giro d'affari e garantire un adeguato ritorno dell'investimento al finanziatore. Nel prossimo futuro, in ogni caso, potrebbe capitare di acquistare un'automobile con a bordo un sistema di infotainment marchiato Nokia.

Via Punto Informatico

 
Di Altri Autori (del 06/05/2014 @ 07:25:44, in Aziende, linkato 1072 volte)

Amazon ha presentato una partnership con Twitter che ci avverte che il futuro dello shopping si trova nel anche nel feed dei social media: nasce il servizio #AmazonCart per inserire in Carrello articoli del catalogo Amazon con un Tweet.

A partire da oggi, gli utenti (alcuni, solo nel Regno Unito per adesso) di Twitter possono collegare i propri account ad un account di Amazon e aggiungere automaticamente elementi al carrello twittando con un collegamento del prodotto Amazon con l'hashtag #AmazonCart. In questo modo, i clienti possono non lasciare il feed Twitter e il prodotto viene inserito in automatico nel carrello del proprio profilo di Amazon in attesa di essere acquistato.

E' potenzialmente un nuovo modello di business per Twitter, che finora ha fatto affidamento ai tweet sponsorizzati per monetizzare, ma da mesi è in cerca di nuovi modi per fare soldi con i suoi 255 milioni di utenti attivi mensili. Per Amazon, si aggiunge un altro modo semplice per i suoi consumatori di acquistare i propri prodotti del suo store.

Un portavoce di Amazon ha detto che Twitter non ottiene ricavi dagli elementi aggiunti ai carrelli attraverso #AmazonCart, ma ha rifiutato di discutere ulteriormente il suo rapporto con Twitter e quanti soldi la partnership porta nelle rispettive casse (difficile che l'accordo non valga un euro). "Siamo certamente aperti a lavorare con altre reti sociali", ha detto il portavoce di Amazon. "Twitter, in particolare, offre un ambiente ideale per i nostri clienti per scoprire consigli sui prodotti da artisti, esperti, grandi marchi e gli amici".

Quando si risponde con un tweet contenente un link ad un prodotto di Amazon aggiungendo l'hashtag #AmazonCartv i clienti che hanno già collegato il loro account Twitter con quello di Amazon saranno avvisati con un tweet di risposta da @MyAmazon e otterranno una mail da Amazon quando un elemento viene aggiunto al carrello. Al contrario, i clienti che non hanno ancora collegato i loro account riceveranno un tweet di risposta in cui viene chiesto di collegare gli account.

Non è chiaro, tuttavia, se i tweet che contengono questo hashtag saranno pubblici o privati. Se i tweet fossero pubblici, le persone rischierebbero di pubblicizzare le loro decisioni di acquisto rispondendo ad un tweet, e non ci sarebbe alcun livello di privacy.

Amazon ha chiarito sul suo sito che il tweet collegato al prodotto aggiunge soltanto l'articolo al carrello, e non è una conferma per l'acquisto. Per completare l'acquisto, bisognerà andare sul sito di Amazon, quindi andare nel carrello e procedere al check out come qualsiasi altro acquisto effettuato su Amazon.

I clienti di Amazon nel Regno Unito possono usare #AmazonBasket per aggiungere elementi ai loro carrelli a partire da oggi, mentre non sappiamo quando il servizio verrà esteso agli altri territori.

Via PianetaCellulare

 
Di Altri Autori (del 30/04/2014 @ 07:33:49, in Aziende, linkato 1153 volte)

Ancora novità in casa Amazon, dopo le recenti acquisizioni che hanno allargato l’offerta della piattaforma di ecommerce. La compagnia di Jeff Bezos lancia oggi il nuovo store dedicato ai wearable device. Il sito si concentrerà su dispositivi come Shine Misfit, Jawbone UP24 e Narrativa clip, per citarne solo alcuni.

Il portale offre una serie di sezioni, tra cui quella per i dispositivi sanitari, i device per il fitness e il wellness, le telecamere indossabili e gli smart watch. In catalogo molti dispositivi conosciuti come il monitor Lumoback per il controllo della postura, la linea Fitbit, il Pebble smart watch e la gamma di telecamere GoPro. Lo spazio include anche un angolo sponsorizzato da Gizmodo con contenuti presentati dalla editor Sarah Zang.

Nel “microsito” saranno presenti guide e consigli per aiutare i clienti a scegliere il dispositivo indossabile giusto per il loro stile di vita e le proprie esigenze: tutto questo sarà possibile anche grazie all’aiuto di demo che illustreranno i prodotti in vendita e di clip che illustreranno le tecnologia alla base dei device. Recenti studi hanno dimostrato che, nonostante la familiarità con la tecnologia indossabile sia alta, sono ancora poche le persone che in realtà possiedono uno di questi gadget.

Amazon aveva davvero bisogno di lanciare uno store dedicato a questo tipo di device? Solo il tempo ce lo potrà dire. Intanto sarà interessante osservare le mosse di Amazon per la promozione e la vendita di questi particolari dispositivi che saranno parte integrante dell’Internet of Things.

Via Tech Economy

 
Di Altri Autori (del 24/04/2014 @ 07:50:46, in Aziende, linkato 1001 volte)

Non un paywall, ma un abbonamento low cost che mette a disposizione contenuti extra e chat con i giornalisti della testata, oltre alla partecipazione a eventi speciali organizzati dalla rivista: questa l’idea di Slate, celebre magazine online che ha lanciato Plus, servizio che, con 5 dollari al mese o 50 l’anno, amplia l’esperienza dei lettori.

“Non è un paywall - spiega il direttore, David Plotz -. Il nostro modello è Amazon Prime, che continua ad aggiungere benefit agli iscritti”. E così farà Slate Plus, offrendo ingressi gratuiti a eventi riservati, incontri speciali con il pubblico e approfondimenti ad hoc. La struttura del magazine, invece, rimarrà invariata e ad accesso libero.

“La pubblicità rimane centrale per il nostro successo”, ha proseguito Plotz, ribadendo la scelta di non far pagare le pagine del sito principale. Per tutto il resto, invece, c’è l’abbonamento.

Via Quo Media

 
Di Altri Autori (del 23/04/2014 @ 07:51:07, in Aziende, linkato 1273 volte)

La messaggistica istantanea su piattaforma mobile è il vero cruccio dei padroni del web. Il core business su cui puntare senza esitazioni. Chiedere a Mark Zuckerberg, che per accaparrarsi WhatsApp ha staccato un assegno da 19 miliardi di dollari, e non contento sta facendo di tutto per trasformare la chat di Facebook in una App con chissà quali intenzioni.
Cosa fanno, dunque, le altre big del Web per contrastare l'ascesa indisturbata del social network di Palo Alto? Mentre Microsoft annuncia che i telefonini Nokia d'ora in poi porteranno il suo marchio, la mossa più a sorpresa la cala Google che con un aggiornamento di Hangouts mira a prendersi gli Sms dei dispositivi basati su Android.

Per adesso l'aggiornamento in questione riguarda solo i possessori dei device più evoluti, cioè quelli su cui gira Android 4.4 KitKat. Ma nel giro di qualche settimana sarà disponibile per tutte le versioni. Proprio stamattina Google ha rilasciato la nuova release della celebre App che in principio era nata per portare sul mobile la chat di Google Talk. Oggi, scaricando l'aggiornamento, Hangouts chiede all'utente se voglia inglobare gli Sms o meno. Inglobare gli Sms in Hangouts significa dare l'ok a Google per la gestione dei tuoi messaggi di testo. In caso affermativo, Hangouts diventa immediatamente la App unica dalla quale gestire Sms e chat di Google. E se l'esperienza non sarà così esaltante, all'utente viene concessa la possibilità di tornare indietro.

Ad annunciare l'aggiornamento di Hangouts era stato qualche ora fa, sul suo profilo Google+, uno degli sviluppatori di Mountain View, Mike Dodd. Proprio dalle parole di Dodd si capisce chiaramente cosa cambia per gli androidiani:
«Gli Sms e gli hangout con lo stesso destinatario vengono uniti in una sola conversazione. – ha scritto Dodd - Potete scegliere se inviare un messaggio tramite Hangouts oppure via Sms, semplicemente agendo su un pulsante. Inoltre, è facile separare in ogni momento i diversi tipi di messaggi all'interno delle conversazioni. In altre parole, potete unirle o dividerle quando volete». Un aggiornamento che riguarda anche l'area contatti: «D'ora in poi i contatti saranno divisi in due sezioni principali, quelli con i quali si è comunicato via Hangouts e quelli telefonici, rendendo più semplice la navigazione nell'elenco e l'invio degli Sms».

L'aggiornamento riguarderà tutti i dispositivi Android nel giro di qualche giorno. E l'obiettivo di Big G pare abbastanza chiaro: mettere le mani sugli Sms e cercare di contrastare l'ascesa mobile di Facebook. Anche perché per ora gli Sms, seppur inviati tramite la App di Hangouts, resteranno a pagamento. Ogni utente continuerà a pagarli in base al suo piano telefonico. Google offrirà soltanto la piattaforma. Ma si fa largo un'ipotesi molto affascinante. Pare che da Mountain View vogliano lanciare la sfida al titano WhatsApp, rendendo gratuiti gli Sms. Zuckerberg è avvisato.

Via IlSole24Ore.com

 
Di Altri Autori (del 22/04/2014 @ 07:00:20, in Aziende, linkato 1093 volte)

L’annuncio sarebbe alle porte, precisamente il 30 aprile in occasione di una conferenza dedicata agli sviluppatori prevista a San Francisco: in questa occasione, secondo indiscrezioni da Recode, Facebook annuncerà il piano per la realizzazione di una sua piattaforma pubblicitaria per mobile, che vada al di là del social network, da proporre agli investitori come un modo per trarre vantaggio dal suo enorme database di informazione sugli utenti.

Non si tratta di una notizia completamente nuova, se è vero, spiega Recode, che già a gennaio il colosso aveva annunciato la sperimentazione di nuovi modi per vendere pubblicità su app di terzi, definendo il test “come una rete di pubblicità mobile”. In passato Facebook si era tenuta alla larga dal costruire una rete di pubblicità esterna al social network perchè impegnata a venderla sul suo sito. E non era possibile, secondo Recode, contemplare una rete di advertising mobile fino ad oggi che lo scenario è completamente cambiato. Negli ultimi tre mesi del 2013, infatti, la pubblicità da mobile ha generato 1,24 miliardi per Facebook, una cifra record anche per i numeri a cui è abituata la creatura di Mark Zuckerberg. Di cui una buona fetta, forse il 50%, sarebbe arrivata da quegli annunci pubblicitari che suggeriscono agli utenti applicazioni da scaricare. Al momento Facebook non commenta l’indiscrezione.

Via Tech Economy

 
Di Altri Autori (del 16/04/2014 @ 07:43:51, in Aziende, linkato 1246 volte)

Più volte, nel corso di una giornata, ci colleghiamo a Facebook per leggere gli aggiornamenti di stato, guardare le foto o cliccare sui link pubblicati dagli amici. Oppure chattiamo senza sosta su WhatsApp, fresco acquisto miliardario del sempre più ambizioso Mark Zuckerberg. Bene: in futuro potremo andare molto oltre, sarà possibile usare il social network più affollato del mondo come una banca. La notizia è che il social network avrebbe chiesto in Irlanda, Paese delle sua sede europea, l’autorizzazione per trasformarsi in un’enorme cassaforte virtuale di denaro dei suoi utenti. Che potranno custodirlo o indirizzarlo verso vari scopi. Proviamo a capire cosa significa questa mossa e quali implicazioni, prospettive e rischi porterà con sé.   

COSA SI POTRÀ FARE
L’uso più immediato e scontato sarà la possibilità di trasferire denaro a un altro iscritto. Svolgere tutte quelle operazioni che oggi sono possibili con servizi come Paypal o, in punti vendita fisici, su Western Union e affini verso un bacino di 1,2 miliardi di persone. Acquirenti di oggetti di seconda mano, amici, congiunti, società. La sensazione, per una pure questione di logica, è che Zuckerberg vorrà offrire il servizio a commissioni molto più basse rispetto a quelle attuali e, soprattutto, integrare il tutto in modo armonico nella sua piattaforma. Per esempio, una madre indiana che lavora in Italia potrà mandare una somma ai figli a Nuova Delhi dal suo conto Facebook come allegato di un messaggio privato del social network. L’esempio non è casuale, perché le rimesse, i soldi inviati dall’Occidente verso i Paesi in via di sviluppo, sono una costante e un’opportunità di business gigantesca. Naturalmente il proprio conto potrà essere utilizzato per tutti i fini tipici della valuta virtuale: dal più classico e-commerce all’acquisto di applicazioni, contenuti multimediali (film, musica) o per pagare abbonamenti a piattaforme streaming, giornali e affini. Il tutto, è qui la differenza, con sconti o pacchetti pensati ad hoc per chi usa questo strumento anziché le classiche carte di credito. I fornitori di servizi faranno la fila.

QUANDO SI COMINCIA
In verità è opportuno chiedersi se si comincia, poiché si tratta pur sempre di un’indiscrezione rivelata dal quotidiano Financial Times e che l’azienda californiana si è rifiutata di commentare. Comunque, ottenuto il via libera delle autorità, tra test e partnership, potrebbero volerci come minimo alcuni mesi. Sebbene una fase beta per un numero ristretto di persone, come da tradizione per le nuove iniziative targate Menlo Park, potrebbe partire quasi subito.

COSA CI GUADAGNIAMO NOI
In verità, parecchio. Chi è abituato a spedire soldi all’estero sa benissimo quanto fastidiose e spesso poco giustificabili siano certe commissioni. Ma anche pagare con un bonifico oppure usare strumenti virtuali di trasferimento fondi, specie se le cifre si alzano, è un piccolo salasso. Facebook potrebbe rinunciare a fare margini sulle transizioni, secondo le ipotesi più ardite azzerando del tutto le commissioni, per fare denaro in altro modo.

COSA CI GUADAGNA FACEBOOK
E qui è il vero nodo. La piattaforma di Mark Zuckerberg fa cassa soprattutto vendendo pubblicità. Com’è noto, non indifferenziata ma cucita su misura sui gusti, le preferenze, le fasce d’età e altre caratteristiche precise dei suoi utenti. Avere a disposizione uno storico dei loro pagamenti – per gli articoli di un sito di e-commerce ma anche per quel film, quel particolare disco, quel libro – significherebbe profilarli ancora meglio. Perché riflettiamoci: un conto è un generico "mi piace" lasciato sulla pagina di un cantante o un brand, un altro è la prova che sono disposto a spendere per un suo prodotto. Il coinvolgimento è maggiore, quasi totale. Ed è oro per i pubblicitari. Come gli inserzionisti sono oro per Facebook: che pur sì ha guadagnato 900 milioni di dollari nel 2013 dalle transazioni svolte all’interno del social network, per esempio per gli acquisti di vite extra e armi speciali per i popolari videogame che ospita, ma smartphone e tablet con i loro negozi digitali sono concorrenti sempre più spietati. Questo tipo di articoli digitali pesava per il 18 per cento sul totale dei ricavi a inizio 2012; si è dimezzato, scendendo al 9 per cento alla fine del 2013. 

QUALI RISCHI CI SONO
Il più evidente è che Mark Zuckerberg sappia davvero tutto di noi, senza eccezioni e più zone franche. Il punto, inutile girarci intorno, è sempre lo stesso: capire a quanta privacy siamo disposti a rinunciare per avere servizi che già oggi ci sono familiari ma a tariffe più convenienti. Di sicuro Facebook non è un ente senza fine di lucro o con velleità di beneficenza, non raccontiamoci storie diverse. In questo caso farà soldi facendoci lo sconto. In passato è andata anche peggio.

Via Panorama.it

 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15
Ci sono 746 persone collegate

< ottobre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
 
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
     
             

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Advertising (108)
Aziende (142)
Blog (11)
Brand (37)
Comarketing (2)
Comunicazione (9)
dBlog (1)
Digitale (33)
eCommerce (39)
Grande Distribuzione (7)
Internet (540)
Marketing (288)
Marketing Ambientale (3)
Marketing non convenzionale (62)
Media (102)
Mercati (79)
Mobile (210)
Permission Marketing (1)
Prodotti (95)
Pubblicità (32)
Pubblicità (88)
Retail (11)
Segnalazioni (43)
Social Networks (345)
Startup (1)
Strategie (59)
Tecnologie (73)
Trade Marketing (1)
Viral Marketing (40)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019

Gli interventi più cliccati

Titolo
Automobili (2)
Bianco e nero (1)
Comarketing (1)
Home (4)
Internet (4)
Prodotti (5)
Pubblicità (5)

Le fotografie più cliccate


Titolo

< /p>


Subscribe to my feed


Google
Reader or Homepage

Add to netvibes



Creative Commons License




14/10/2019 @ 06:06:17
script eseguito in 325 ms