Immagine
  mymarketing.it: l'isola nell'oceano del marketing... di Admin
 
"
Errare è umano, ma per incasinare davvero tutto è necessario un computer.

Arthur Bloch
"
 
\\ : Storico : Social Networks (inverti l'ordine)
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 

Facebook riunisce ormai 800 milioni di utenti attivi: per entrare in contatto due persone che non si conoscono nel social network hanno bisogno in media di quattro passaggi. È il risultato di una ricerca dell'università degli studi di Milano.

Dimostra, quindi, che un iscritto preso a caso nella rete sociale online può contattare qualsiasi altro utente in quattro passi. Sono "quattro gradi" di separazione.

Finora gli studi classici di Stanley Milgram negli anni Sessanta avevano rivelato che erano necessari almeno sei passaggi prima di arrivare a chiunque altro nel mondo, attraverso un esperimento che prevedeva il recapito di cartoline a mano a un destinatario sconosciuto per il mittente. Ha ispirato anche un film nel 1993, "6 gradi di separazione". In particolare, secondo lo studio, la distanza scende a "tre gradi" fra utenti della medesima nazione.

È la prima volta che una ricerca esplora in profondità il social network online: al momento dell'analisi Facebook aveva 721 milioni di iscritti, connessi da 69 miliardi di contatti. A fare la differenza è stata una formula matematica, HyperANF, progettata dal Laboratorio di Web Algorithmics (Law) dell'università degli studi di Milano: è in grado di scandagliare le relazioni su dimensioni di grande scala. Un anno fa durante una conferenza in India avviene l'incontro casuale tra i ricercatori italiani e Lars Backstrom, data scientist di Facebook, come raccontano gli autori nel loro paper pubblicato su Arxiv. Hanno scoperto anche che la metà degli utenti nel social network ha in media cento "amici": nell'insieme, però, il numero medio di contatti di ogni iscritto è di 192.

di Luca Dello Iacovo su IlSole24ORE.com

 
Di Altri Autori (del 22/11/2011 @ 07:21:33, in Social Networks, linkato 1583 volte)

«Un uomo appare nella lista delle cento donne più sexy»: è un articolo pubblicato dall'Independent sei mesi fa. Risulta in questi giorni tra i più condivisi su internet del quotidiano inglese. Ma altre notizie con titoli bizzarri sono balzate di recente in testa alle classifiche. È l'effetto Facebook, generato dal suo "grafo aperto" varato a settembre.

Semplificando, gli utenti possono vedere cosa hanno letto i loro "amici" nella rete sociale online, attraverso segnalazioni che appaiono in modo automatico nelle pagine del social network. Amplificano il "passaparola" da un iscritto all'altro. Ma generano conseguenze inattese: nei quotidiani online, ad esempio, accade che alcuni articoli con i titoli più originali diventino i più visitati, anche se risalgono a dieci anni prima.

 È un periodo di assestamento. Fino a pochi anni fa era difficile immaginare un unico spazio capace di collegare 800 milioni di utenti su internet. Che possono sollevare una sorta di tsunami improvviso attraverso la loro attività online. Anche il Guardian e il Washington Post hanno "gruppi di lettura" nel social network, accessibili mediante applicazioni: in meno di un mese hanno raggiunto un milione di iscritti.

È il "grafo aperto" ad abilitare la condivisione automatica ("frictionless sharing", secondo la definizione di Facebook): al momento viene utilizzato da siti d'informazione e aggregatori di news negli Stati Uniti e in Gran Bretagna. Ma presto arriverà altrove. L'altra conseguenza imprevista è l'"oversharing": la pagina personale può essere invasa da messaggi che rivelano cosa altri hanno letto, visto, ascoltato attraverso la connessione con la piattaforma del social network.

Come una sorta di diario dettagliato. Al momento in Italia i siti d'informazione non hanno ancora un'integrazione con il grafo aperto di Facebook. Ma gli utenti possono condividere, in modo volontario, i link degli articoli oppure "votarli" con un "mi piace": sono azioni che dopo le ultime modifiche vengono mostrate, ad esempio, sulla destra della "prima pagina" del social network.

di Luca Dello Iacovo su IlSole24ORE.com

 
Di Altri Autori (del 21/11/2011 @ 07:41:29, in Social Networks, linkato 1703 volte)

Microsoft rilancia la sfida ai colossi del web, Facebook e Google, e si prepara a lanciare il suo social network. Il motto per l’esordio di Socl.com, questo il nome presunto del nuovo sito ideato a Redmond, non lascia spazio a dubbi: “Trova quello che ti serve e condividi ciò che sai”, ovvero un efficace riassunto del web 2.0 e delle intenzioni dei seguaci di Bill Gates.

Stando alle indiscrezioni, l’intenzione di Microsoft è quella di mescolare le attività di Bing, il suo motore di ricerca, con le tipiche funzionalità da social network. Gli utenti, invece di pubblicare il proprio ‘status’, inseriranno una domanda cui i contatti personali potranno rispondere, generando discussioni e arricchendo il tutto con materiali audiovisivi. Socl.com dovrebbe avere anche una sezione dedicata ai video integrata con YouTube, Vimeo e Dailymotion.

Ancora non è stata fissata una data di presentazione, ma sembra che il periodo di test sià già terminato. La fine dell’anno potrebbe essere quindi il momento ideale per l’approdo di Microsoft nel mondo 2.0.

Via Quo Media

 
Di Altri Autori (del 15/11/2011 @ 07:27:08, in Social Networks, linkato 1490 volte)

Secondo un rapporto di Econsultancy in collaborazione con e LBi bigmouthmedia, due aziende americane su tre hanno dichiarato che l’apporto fornito dai social media alla loro performance sul mercato è molto importante. Per il 43%  i queste l’influsso è stato di media entità, e comunque tutte hanno avuto un incremento del 21% rispetto al 2010.

Sempre dal rapporto emerge però anche un dato inverso: sono diminuite, passando dal 40% del 2010 al 31% di quest’anno, quelle società che utilizzano esclusivamente i social media come canale di marketing.

Via Quo Media

 
Di Altri Autori (del 08/11/2011 @ 07:34:54, in Social Networks, linkato 1200 volte)

I social network hanno diffusione ormai capillare, ma a dominare la scena è comunque Facebook, capace di coinvolgere un’utenza molto differenziata per età e gusti. Secondo una recente indagine di Forrester sul web statunitense, il 96% degli internauti che usano i social network è iscritto a Facebook.

Una percentuale stabile tra le diverse generazioni (anche per quanto riguarda gli utenti sopra i 65 anni d’età). Alle spalle di Mark Zuckerberg & Co., il vuoto o quasi. Il secondo sito più seguito è LinkedIn, che coinvolge il 28% dell’utenza 2.0 e riscuote successo soprattutto tra i professionisti adulti (30-50 anni, target designato). In terza posizione c’è Twitter, che catalizza l’attenzione dei più giovani, teenager e universitari.

Via Quo Media

 
Di Altri Autori (del 18/10/2011 @ 07:13:02, in Social Networks, linkato 1747 volte)

Gli utenti dei social network sono attenti ai consigli e alle informazioni sui prodotti fornite dagli altri utenti della rete. E’ quando emerge da una recente ricerca condotta da NMIncite e Nielsen. Il 63% dichiara che le valutazioni e le recensioni online degli altri consumatori sono una fonte privilegiata di informazioni sui prodotti.

Circa la metà degli utenti poi dichiara che prevalentemente si affida a ciò che i social network dicono di un determinato prodotto, prendendo sempre meno in considerazione i siti web delle aziende produttrici. È interessante inoltre notare come le pagine ufficiali delle case produttrici su Facebook (15%) e l’account di Twitter (7%) sono tra le fonti ritenute meno attendibili. In particolare le notizie che provengono dal web sono considerate attendibili perchè gli utenti non esitano, in caso di esperienze negative, a criticare i prodotti senza alcun timore.

Circa il 65% degli intervistati poi dichiara di essere venuto a conoscenza di un determinato prodotto, di una marca o di un rivenditore direttamente dal tam tam della rete. Non solo i frequentatori dei social network si fidano delle recensioni online, ma tre su cinque di loro scrive recensioni e fa valutazioni. Tra questi, le donne sono più propense (81%) degli uomini (72%) a giudicare e condividere le impressioni.

Via Quo Media

 
Di Altri Autori (del 13/10/2011 @ 07:14:22, in Social Networks, linkato 1906 volte)

Chitika, società di analisi del traffico internet, punta il dito contro Google + e non esita a dichiarare il social network di Mountan View un "fallimento". Attraverso un' analisi grafica pubblicata sul proprio sito viene mostrato come si è sviluppato il traffico internet generato da Google+ dal giorno del lancio della beta pubblica(20 settembre) fino a una settimana dopo.

Il dato evidenzia che, nonostante un picco dove il traffico sarebbe aumentato del 1200% grazie alla promozione e alla curiosità degli utenti , lo stesso è rapidamente sceso a un livello simile a quello della beta privata. Secondo Chitika, il motivo per cui Google+ un "fallimento" risiede nel fatto che il social network non ha offerto alcuna vera innovazione ed è difficile da integrare con altri siti esistenti. È vero anche che Facebook, presente sul web da più a lungo e forte di una comunità molto più ricca, si è adattato rapidamente per rispondere alle nuove funzionalità offerte da Google +. Paradossalmente, si può ritenere che Facebook ha beneficiato dell'entrata in scenda di Google +, visto che i suoi utenti, hanno avuto accesso a molte nuove funzionalità che magari non avrebbero mai avuto se non fosse nato un pericoloso concorrente. In sintesi, nonostante un ottimo avvio, sembra che Google + non riesca ad ottenere il successo sperato. Se la società di Mountain View ha ancora qualche asso nella manica per rivitalizzare il proprio servizio, non dovrà aspettare molto tempo per metterli in opera, pena un distacco con la concorrenza che potrebbe diventare incolmabile.

di Danilo Loda su IlSole24ORE.com

 
Di Altri Autori (del 26/09/2011 @ 07:59:39, in Social Networks, linkato 1786 volte)

Che cosa sta diventando Facebook? Le più grandi novità del social network, che ormai conta tra i suoi iscritti quasi 800 milioni di persone, da qualche anno vengono annunciate durante l'F8 di San Francisco da Mark Zuckerberg. Studente con la felpa quando nel 2003 in una stanza di Harvard ha messo online la bozza di quello che sarebbe rapidamente diventato un fenomeno planetario; imprenditore, leader e miliardario, sempre con la felpa, oggi.

Come capacità di creare attesa e suscitare riflessioni sulle conseguenze dei suoi annunci Facebook, oggi, è seconda soltanto a Apple. Le ultime novità introdotte da Zuckerberg continuano un percorso evolutivo che in pochi anni ha avuto enorme successo, trovando la formula per aumentare oltre ogni previsione le iscrizioni.

Il social network è riuscito nell'impresa di uscire da Harvard, arrivare nelle università americane, poi europee e così via fino a diventare quasi un dato di fatto per ogni giovane in mezzo mondo. Per coinvolgere sempre più persone ha fatto in modo che le occasioni di aggiornamento sugli altri fossero sempre di più. Prima le notizie, sulla propria bacheca, poi lo status, le foto, i video. Molte di queste modifiche, una volta introdotte, hanno suscitato minacce di abbandono da parte degli utenti.

Così non è stato. L'introduzione delle foto in particolare ha fatto fare un salto di iscrizioni senza precedenti. Tutti potevano vedere dov'era l'amico in vacanza e scrivere un commento sotto la foto. Lo sviluppo della tecnologia mobile ha permesso di essere sempre connessi e una piattaforma dove aggiornare chiunque in tempo reale è una tentazione troppo forte.

Il percorso è proseguito con Open Graph ad aprile 2010. E' stata una vera svolta e ha gettato il seme delle novità introdotte da Zuckerberg giovedì. Il "grafo aperto", in parole povere, è l'estensione della piattaforma e della rete di contatti di Facebook fuori da Facebook. Ce ne siamo accorti quando milioni di pulsanti "Like" sono usciti dal social network addobbando altrettante pagine web. Per diverse settimane è montata una violenta polemica sul modo in cui venivano trattati i dati personali. Si è parlato di abbandono in massa, ma in quei giorni gli iscritti erano 400 milioni, oggi sono quasi il doppio.

Il cuore del progetto di Zuckerberg è la piattaforma. La timeline - una delle novità appena annunciate - permetterà di avere la storia della propria vita in digitale. Sostituisce l'anteprima delle foto che troviamo oggi su ogni profilo. Inserisce la memoria grazie a un software. E dai primi commenti in rete sembra piacere agli utenti. Ma soprattutto, l'arrivo di applicazioni di ogni natura (fino a oggi erano soprattutto giochi), musica, film, giornali, con la possibilità di vedere in tempo reale non solo che cosa piace, ma anche che cosa ascolta, che cosa legge, e così via, un nostro amico.

Viene spinta l'interazione in tempo reale. E fatto un passo in più verso una trasformazione della rete di cui si parla da tempo. Il web semantico. E cioè il passaggio dalle informazioni cercate con un algoritmo, sul modello di Google, a una ricerca che contempli anche il significato. Lo sviluppo del web sociale rende il concetto di semantico molto legato al significato che le informazioni hanno per la persona che "avvia" la ricerca. Il mondo di Facebook, così come annunciato da Zuckerberg, è un mondo digitale dove vedi il film perchè in quel momento lo sta guardando un tuo amico, magari uno con cui condividi la stessa passione. E' un informazione piena di valore per l'utente.

Di tanto in tanto ci si chiede se Facebook sia una moda passeggera o qualcosa di più. Nel digitale cambia tutto alla velocità della luce, ma sembra che la risposta sia la seconda. Google ha capito che l'universo esplorato da Zuckerberg non può essere trascurato e, dopo alcuni goffi tentativi, con Google Plus ha lanciato una sfida che ha tutte le caratteristiche per essere seria. Solo che trovare un motivo per uscire da Facebook sta diventando davvero difficile.

di Luca Salvioli su IlSole24ORE.com

 
Di Altri Autori (del 20/09/2011 @ 07:10:13, in Social Networks, linkato 1436 volte)

Burberry si associa con Twitter per creare la prima sfilata Tweetwalk mai realizzata, dove verrà presentata in anteprima la collezione Primavera/Estate 2012 con immagini dal backstage in diretta da Hyde Park a Londra. Ogni look sarà condiviso prima che le modelle salgano in passerella, consentendo ai follower di vedere i momenti della collezione prima di chiunque altro.

“Siamo emozionati per la creazione della prima sfilata Tweetwalk mai realizzata in partnership con Twitter” ha commentato Christopher Bailey, chief creative officer di Burberry. “Twitter è istantaneo, e a me piace l'idea che si possa trasmettere una sfilata in streaming in molti modi diversi”. Le immagini potranno essere visualizzate completamente utilizzando la nuova funzionalità media gallery photo di Twitter.

Via Quo Media

 
Di Altri Autori (del 19/09/2011 @ 07:24:50, in Social Networks, linkato 1954 volte)

Nel mese di giugno gli utenti di internet hanno visto su Facebook mille miliardi di pagine. Diventa una cifra difficile da immaginare: per esempio, avrebbero impiegato 16 miliardi di minuti se avessero dedicato soltanto un secondo per visualizzare ogni pagina. È l'equivalente della visione di circa 133 milioni di film da due ore nell'arco di un mese. E supera di dieci volte la cineteca online di YouTube dove sono accessibili video di musica, film e spettacoli televisivi. A rilevarlo è stato il network AdPlanner di Google attraverso i suoi strumenti per la gestione di campagne promozionali.

Ma tra i primi dieci in lista emergono altre piattaforme dove l'interazione tra le persone alimenta la condivisione di filmati, immagini, testi, idee. È quinta l'enciclopedia Wikipedia costruita a partire dalla collaborazione tra gli utenti che nella "top ten" risalta come l'unica a non essere associata con strumenti per generare ricavi economici, ad esempio la pubblicità: viene finanziata attraverso donazioni e supportata da volontari.

 articoli correlatiIl trading di oggi è social: si impara su Facebook, Twitter e Youtube
 
La chat Msn, invece, è al sesto posto con 18 miliardi di pagine viste in un mese, seguita da Blogspot dove gli utenti scrivono post e alimentano discussioni. Raggiunge la decima posizione la chat QQ, dedicata soprattutto a iscritti di lingua cinese: diventa un ponte digitale tra Pechino e le sue comunità nel mondo. Assente dalle rilevazioni, invece, il motore di ricerca Google.

di Luca Dello Iacovo su IlSole24ORE.com

 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35
Ci sono 2452 persone collegate

< novembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
    
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
 
             

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Advertising (108)
Aziende (142)
Blog (11)
Brand (37)
Comarketing (2)
Comunicazione (9)
dBlog (1)
Digitale (33)
eCommerce (39)
Grande Distribuzione (7)
Internet (542)
Marketing (288)
Marketing Ambientale (3)
Marketing non convenzionale (62)
Media (102)
Mercati (79)
Mobile (210)
Permission Marketing (1)
Prodotti (95)
Pubblicità (32)
Pubblicità (88)
Retail (11)
Segnalazioni (44)
Social Networks (347)
Startup (1)
Strategie (59)
Tecnologie (73)
Trade Marketing (1)
Viral Marketing (40)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019

Gli interventi più cliccati

Titolo
Automobili (2)
Bianco e nero (1)
Comarketing (1)
Home (4)
Internet (4)
Prodotti (5)
Pubblicità (5)

Le fotografie più cliccate


Titolo

< /p>


Subscribe to my feed


Google
Reader or Homepage

Add to netvibes



Creative Commons License




21/11/2019 @ 06:41:13
script eseguito in 1139 ms