Immagine
 mymarketing.it: e tu cosa ne pensi?... di Admin
 
"
Errare è umano, ma per incasinare davvero tutto è necessario un computer.

Arthur Bloch
"
 
\\ : Storico : Social Networks (inverti l'ordine)
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di Max Da Via' (del 14/03/2017 @ 07:29:47, in Social Networks, linkato 845 volte)

La classifica dei migliori brand sui social media torna questo mese con un Focus sul mondo Sportswear. Blogmeter ha analizzato le performance di tutte le pagine Facebook e dei profili Instagram dei brand di abbigliamento e accessori sportivi che si rivolgono esclusivamente al mercato italiano, secondo la metrica del total engagement, ovvero la somma di like, reaction, mention, fan post e commenti su FB, e di like e commenti su Instagram. Nell’analisi non sono stati considerati gli account che adottano sui social una strategia globale. 

Facebook: spazio al lancio di nuovi prodotti

Con quasi 25 mila interazioni, è Diadora a detenere lo scettro dei brand più coinvolgenti su Facebook. La pagina del brand veneto, che comunica principalmente in lingua italiana sebbene pubblichi talvolta contenuti in inglese, a febbraio ha appassionato gli utenti con un post dedicato ai 50 anni di Roberto Baggio, che ha realizzato un’esplosione di interazioni, circa la metà di quelle totali della pagina. In seconda posizione troviamo New Balance con circa 21 mila interazioni. La sua campagna #lifein247 – con la quale il brand ha lanciato la nuova scarpa New Balance 247 Luxe – ha riscosso un grande successo su Facebook: non a caso il post che più ha appassionato gli utenti è proprio dedicato alla campagna. A distanza, al terzo posto, si piazza la pagina Facebook italiana di Adidas Running che a febbraio ha lanciato le nuove #UltraBOOSTX per donne, permettendo alla pagina di collezionare oltre ben 10 mila interazioni. Quarto posto per Superga, i cui post più coinvolgenti sono dedicati alle nuove collezioni primaverili e contengono l’hashtag #supergalovers. Chiude la classifica il brand di calzature sportive Saucony, che genera maggiore engagement con un post dedicato alle sneakers Saucony Jazz O’ White/Grey.

Su Instagram spopolano i contenuti con protagonisti gli influencer

Sul social delle immagini Instagram trionfa invece Superga con oltre 51 mila interazioni. Il brand, nonostante abbia un profilo interamente dedicato al mercato italiano, utilizza la lingua inglese per comunicare con i propri follower. L’hashtag #supergalovers, tra l’altro molto utilizzato su Facebook, ha ottenuto grandi successi anche su Instagram. Medaglia d’argento per il profilo di Adidas Italia con più di 19 mila interazioni per un totale di 23 post pubblicati. La maggior parte dell’engagement è dedicato alle nuove #ultraboostx e alla campagna #heretocreate, in cui 15 atlete donne del calibro di Karlie Kloss ad Hannah Bronfman, per citarne alcune, raccontano le proprie storie con grinta e passione. Il profilo Instagram di New Balance, terzo brand più engaging, punta invece sulla campagna globale ‘Letters to #MyFutureSelf’ che, attraverso il racconto delle storie di alcuni campioni come Boris Berian e Alexis Sablone, si propone di ispirare gli atleti a perseguire i propri obiettivi. Quarto posto per Reebok Italy, che grazie al grande seguito social della sua testimonial Gigi Hadid, porta a casa oltre tre mila interazioni. Chiude la classifica Asics Italia con un post di San Valentino che ha avuto come protagonisti i due atleti olimpici Eleonora Giorgi e Matteo Giupponi.

infografica

Via Spot and Web
 
Di Max Da Via' (del 09/03/2017 @ 07:38:19, in Social Networks, linkato 886 volte)

Audiweb ha rilasciato i dati di gennaio della survey sull’audience dei contenuti editoriali fruiti all’interno dell’applicazione di Facebook mediante browsing e/o Instant Articles. Nel mese di gennaio hanno partecipato alla survey i seguenti editori associati ad Audiweb: 21st Century Fox, Caltagirone Editore, Ciaopeople, Condé Nast, Editoriale il Fatto, Gruppo De Agostini, Gruppo Espresso, Il Sole 24 ore, Italiana editrice, Libero Quotidiano, Mediaset, Meteosolutions, Mondadori e RCS.

Invariata la prima posizione, occupata da Fanpage con oltre 7,2 milioni di utenti unici per poco meno di 100 milioni di pagine viste. Non cambiano nemmeno il secondo e il terzo brand, vale a dire Repubblica (6,2 milioni di utenti unici) e Corriere della Sera (4,6 milioni). Escluso dalla graduatoria è l’Huffington Post, i cui dati non sono disponibili a causa di un errore nell’inserimento degli identificativi da parte dell’editore nelle pagine soggette alla rilevazione. Da segnalare le performance di due delle testate di punta di Caltagirone Editore, Leggo e il Messaggero. Bene anche Libero.

Via DailyOnline
 
Di Max Da Via' (del 01/03/2017 @ 07:06:56, in Social Networks, linkato 1059 volte)

Con l’Instagram Fashion Index monitora le social performance delle case di moda che sfilano durante la Milano Fashion Week dal 22 al 27 febbraio 2017, secondo il calendario ufficiale di Camera Nazionale della Moda Italiana. In particolare, la società italiana ha misurato giorno dopo giorno i risultati delle sfilate, arrivando a stilare delle mini classifiche quotidiane con i migliori profili in termini di engagement, follower-base, nuovi follower, autori unici, content strategy e influencer marketing.

Instagra Fashion Index_ VersaceLo scorso venerdì 24 febbraio, hanno sfilato 13 brand: Diesel Black Gold, Emporio Armani, Lucio Vanotti, Sportmax, Krizia, Etro, Blugirl, Tod’s, Marco De Vincenzo, Versace, Aigner, Vionnet, Situationist. Armani è stato il brand leader su Instagram in termini di engagement, avendo conquistato 404 mila interazioni in un solo giorno, grazie anche alla pubblicazione di ben 20 post: il contenuto più attrattivo ha come protagonista la fashion influencer Gala Gonzalez, mentre tra gli hashtag più citati compare #armanistars. In termini di total followers e di autori unici è invece Versace il più performante, con oltre 8,4 milioni di seguaci: tra i contenuti più efficaci pubblicati durante la #MFW, spicca il video di presentazione della sfilata con le due Versace Women Bella e Gigi Hadid. Tutti i post pubblicati dal profilo Instagram di Versace durante la sfilata sono stati accompagnati dall’hashtag #VersaceLive. Tra i più performanti di venerdì è da annoverare anche Tod’s che ha collezionato 34 mila interazioni e un grande successo per il suo hashtag di punta #Todsquality.

Instagram Fashion Index_ArmaniAnche nel quarto giorno, sabato 25 febbraio, hanno sfilato 13 brand e in particolare: Bottega Veneta, Xu Zhi, Antonio Marras, Blumarine, Missoni, Ermanno Scervino, Jil Sander, Cividini, Gabriele Colangelo, Aquilano Raimondi, Philosophy di Lorenzo Serafini, Leitmotiv, Elisabetta Franchi.  Protagonista di questo quarto giorno è stata Elisabetta Franchi che ha totalizzato più di 77 mila interazioni, nuona parte dedicate al il post con protagonisti i due fashion designer Elisabetta Franchi e Filippo Zagagnoni. Il più attivo della giornata con 22 post, nonché il profilo in grado di aumentare maggiormente la propria follower-base (4,6 mila new follower) è stato Philosophy di Lorenzo Serafini. Buone performance anche per Missoni e la sua sfilata #pinkisthenewblack (20.600 interazioni), durante la quale la passerella della fashion week si è trasformata in un palcoscenico dei diritti umani, con la sfilata dei cappellini rosa con le orecchie da gatto, diventati il simbolo delle Women’s march contro Trump, che la fashion designer ha anche regalato a tutti gli ospiti della sfilata.

Nella giornata di ieri, domenica 26 febbraio, invece hanno sfilato 12 case di moda: Simonetta Ravizza, Marni, Trussardi, Laura Biagiotti, Stella Jean, Rich, MSGM, Salvatore Ferragamo, Au Jour Le Jour, Arthur Abesser, Maurizio Pecoraro, Calcaterra. Salvatore Ferragamo risulta il più coinvolgente del giorno con quasi 35 mila interazioni e più di 4 mila nuovi follower, seguito (24 mila interazioni). Segue al secondo posto per engagement Marni, avendo conquistato oltre 24 mila interazioni ieri. Il più attivo della giornata è invece Trussardi con ben 39 post e un grande successo per la sua collezione #trussarditarots.

via Spot and Web
 

I video di Facebook senza pubblicità potrebbero presto essere un lontano ricordo. Il social network sta lanciando nuovi prodotti pubblicitari per i suoi video. In un blogpost la società ha annunciato di aver ampliato i test per gli annunci in video live e di aver iniziato a testare l’erogazione di pubblicità nel mezzo di un video pre-registrato. Ad Breaks è una soluzione per garantirsi un altro flusso di entrate ed è una sfida diretta a YouTube e alla televisione.

In termini di ricavi pubblicitari, Facebook ha superato le società di media tradizionali negli Stati Uniti per la prima volta nel novembre 2016. La monetizzazione sui video potrebbe allargare ulteriormente questo divario. L’azienda di Menlo Park sta testando le interruzioni pubblicitarie nei video live da un paio di mesi. Il programma si è esteso per includere più creator di contenuti o editori che abbiano almeno 2.000 o più seguaci e abbiamo recentemente raggiunto almeno 300 spettatori in un video dal vivo.

Facebook, annunci nei video live

I creator e gli editori che partecipano al test vedranno l’icona di un dollaro apparire nella finestra del loro video live quando questo ha raggiunto almeno 300 spettatori ed è stato live per almeno 4 minuti. A questo punto i partecipanti potranno toccare l’icona ogni cinque minuti e vedere un annuncio video della durata massima di 20”. A differenza di YouTube, Facebook non mostrerà gli annunci prima dell’inizio del video. I ricavi generati da questi annunci verranno divisi tra Facebook e l’editore, che  dovrebbe ottenere il 55%, secondo Business Insider.

Annunci per i video pre-registrati

Facebook ha appena iniziato a testare anche gli annunci per il video pre-registrati con pochi selezionati partner, che potranno inserire gli annunci nei video che caricano o nei video glia esistenti nella loro library. “Nei prossimi mesi lavoreremo con questi partner per analizzare, imparare e ripetere la prima versione di questa funzionalità. Ci auguriamo di poter estendere il test ad altri partner in futuro”, dice la società. Il social network ha anche annunciato che gli editori prescelti saranno in grado di monetizzare i loro annunci video anche sulle app al di fuori di Facebook e sui siti attraverso Audience Network. Gli annunci sono disponibili solo per gli Stati Uniti, ma Facebook dice che spera “di espandersi in altri paesi in futuro”.


Via DailyOnline
 

Durante il convegno Altagamma Consumer and Retail Insight, il 16 febbraio, Altagamma presenta i risultati della quarta edizione del True-Luxury Global Consumer Insight, condotto con The Boston Consulting Group, e della quinta dell’Altagamma Retail Evolution condotto con Exane Bnp Paribans. Le evidenze degli studi sono state commentate da Raffaella Banchero, managing director Italy and Spain di Tiffany & Co., Arrigo Berni ceo di Moleskine, Armando Branchini, vice presidente Fondazione Altagamma, Simone Dominici, executive vice president global markets di Bottega Veneta, Michele Norsa, strategic advisor, Dario Rinero, ceo di Poltrona Frau Group e Riccardo Sciutto, group ceo di Sergio Rossi.

Nella nota stampa vengono riportate le sintesi delle ricerche:
l’indagine True-Luxury Global Consumer Insight, presentata da Armando Branchini, Nicola Pianon (senior partner e managing director di Bcg) e Federico Bonelli (principal di Bcg), ha aumnetato la qualità degli intervistati, analizzando più di 12.000 consumatori di 10 diverse nazionalità, con spesa media annuale intorno ai €36.000.
Nel 2016 i consumatori di alta gamma nel mondo sono stati 415 milioni e hanno speso €860 miliardi, includendo prodotti unbranded ed escludendo automobili e yachts.
Il numero di consumatori totali è previsto crescere fino a 490 milioni nel 2023, quando arriveranno a spendere €1.185 miliardi.
Focus dello studio sono i consumatori True-Luxury, 17 milioni di persone che hanno speso nel 2016 €250 miliardi: il 4% dei consumatori del lusso è responsabile del 30% dei consumi totali.

“I consumatori True-Luxury continuano ad avere un forte appetito e un trend di crescita sano e stabile, resistente nonostante lo slow down del mercato complessivo ” commenta Nicola Pianon, senior partner and managing director di Bcg, responsabile della Practice Fashion and Luxury di Bcg in Italia.
“A rallentare è la parte di consumatori aspirazionali che sta contraendo il passo, soprattutto negli acquisti di beni di lusso personale”, prosegue.

Il comunicato stampa riporta alcune evidenze dell’edizione 2017
• Se il mercato lusso in generale rallenta, la parte più alta della piramide, trainata da cinesi e americani, mostra una crescita stabile sia nei beni personali sia nel consumo esperienziale (+6-7%). Questi consumatori prevedono in futuro di incrementare la spesa in calzature, borse, profumi e Cosmetici, e di diminuirla in piccola pelletteria e in cravatte e foulard di seta.

• Crescono i consumi locali per i true-luxury consumers.
I cinesi in particolare passano dal 39% del 2014 al 65% del 2016 come percentuale di acquisti fatti nel mercato domestico.

• Il 50% dei consumatori, soprattutto millennials e americani, percepisce in misura crescente un disallineamento tra prezzo e valore del prodotto, dovuto ad aumento dei prezzi, ma anche a diminuzione della qualità e a una perdita di esclusività dei brand e dei prodotti. Una percezione che indurrà un consumatore su due a non comprare più il brand in questione. Il 50% dei consumatori True-Luxury trova che non vi sia più equilibrio tra prezzo pagato e valore del prodotto.
“Significa”, commenta Nicola Pianon, “che la qualità offerta e l’esclusività non sono più considerate adeguate ai livelli di prezzo richiesti. La reazione è la rinuncia all’acquisto, la ricerca di prodotti off-price sui canali fisici o digitali che lo consentono, o il trading down, verso i prodotti offerti da marche premium o addirittura verso fast fashion come Zara o H&M”.

• Il consumatore true luxury vira verso il casual.
Forte crescita di appeal del casualwear tra i consumatori del lusso, sempre più accettato anche in occasioni “formali”o importanti. Una crescita che non va tuttavia a detrimento del mercato del lusso. Due esempi chiari del fenomeno sono il boom delle sneaker di lusso e delle luxury down-jackets.

• La customizzazione dei prodotti, richiesta sempre più forte da parte dei consumatori del lusso, che cercano esclusività, differenziazione e un legame più personale con il prodotto.

• Made in Italy.
l’Italia è considerata in tutto il mondo il primo Paese per qualità della manifattura di beni di lusso personale.

• Canali distributivi.
Diminuiscono le vendite imputabili integralmente al negozio fisico. Il vero trend è la multicanalità (ricerca online e acquisto in negozio e inverso).
Per il consumatore, multicanalità significa coerenza nell’immagine, servizi integrati per la consegna, riconoscimento del proprio status di cliente privilegiato su tutti i canali. Il 61% degli acquisti è influenzato dal digitale, con la punta del 72% per gli Stati Uniti. Il retail monomarca registra un calo di traffico e di vendite, soprattutto a causa di una shopping experience non soddisfacente e del troppo lento rinnovamento degli assortimenti, ma resta comunque il cuore di un processo di acquisto sempre più multicanale.

• Il passaparola è il primo fattore di influenza all’acquisto, grazie soprattutto ai social media, usati dal 72% dei consumatori True-Luxury per dialogare con i brand, con una frequenza elevatissima.

• Per quanto riguarda i profili dei consumatori, il 90% della crescita è a carico dei primi 3 segmenti comportamentali: gli absolute luxurer (top spender, connoisseur raffinati ed eleganti, contano per il 27% dei consumi totali), megacitier (millenial delle grandi mega-city, trendy, contano per il 17% dei consumi totali), e i social wearer (attenti alla sostenibilità sociale ed ambientale, 7% dei consumi totali).
Le interviste svolte mostrano come un’attività mirata di marketing da parte delle aziende sui singoli segmenti ripaghi in termini di attrazione dei consumatori verso il brand e di crescita nettamente al di sopra della media del mercato.

Come ricordato dal comunicato stampa, l’Altagamma Retail Evolution, presentata da Luca Solca, managing director global luxury goods di Exane BNP Paribas, indaga l’evoluzione e le prospettive delle strategie retail delle imprese lusso considerando più di 16.000 punti vendita. I brand del lusso stanno consolidando le reti distributive, con pochissime nuove aperture e una sempre maggiore integrazione tra retail fisico e digitale: un processo che conduce a negozi più piccoli e con maggiore produttività. Rispetto al modello omologato di store monomarca finora in uso, si prefigura un trend di contro-standardizzazione dei format retail, che tenga conto della frammentarietà del profilo del consumatore e delle sue diverse esigenze e capacità di spesa.
Luca Solca, commenta: “L’era della crescita facile fatta di aperture di negozi e aumenti di prezzo é ormai dietro di noi. Le priorità nel retail di lusso oggi sono l’aumento della produttività, ottenuta con innovazione di prodotto più rapida, integrazione dell’offerta digitale al punto di vendita e negozi più compatti. Il negozio diventerà molto di più che uno sfoggio di dimensioni e materiali, ma un modo per il marchio di esprimere e confermare i propri valori e la propria unicità.”

Armando Branchini, vice presidente di Fondazione Altagamma, sottolinea che “il consumatore True-Luxury evolve sempre più senza strappi, ora che i componenti della Generazione Y, i milllenial, sono responsabili della metà dei consumi mondiali del lusso. Non significa che tutto procede as usual. Al contrario stiamo vivendo una fase di contro-standardizzazione sia relativamente alla customer experience che alla in-store experience.”

Via Primissima.it
 

Il semestre freddo non è ancora finito, ma il mondo del fashion gioca sempre d’anticipo e nella Capitale italiana della Moda sono già quasi pronte le passerelle per la Milano Fashion Week. Il 22 febbraio verrà inaugurato il periodo delle sfilate, che mostreranno ai fashion addicted e a chi lavora nel settore le nuove collezioni autunno-inverno 2017-18.

Una grande vetrina, con risonanze internazionali, per un settore che rappresenta un fiore all’occhiello del Made in Italy. Un’occasione che verrà immortalata dagli smartphone degli influencer, dei brand, delle modelle, dei modelli e degli appassionati che saranno così fortunati da riuscire a partecipare agli eventi. La moda, per sua natura, ha imponenti radici estetiche, e i social sono le destinazioni più immediate per ogni scatto o esperienza vissuta a bordo passerella. Sono anche le piattaforme su cui si diffondono le notizie, i commenti, le impressioni. Per questo motivo, Facebook ha organizzato una colazione a Milano, in cui ha mostrato alla stampa le principali attività che avvengono sulle sue property in quel periodo.


Fashion lovers e device
Stando una ricerca condotta dallo stesso social network in Italia, il 92% dei fashion lovers possiede uno smartphone. Ma questo non è il device più diffuso: il 93% infatti possiede un pc. Insegue il tablet (63%). I telefoni connessi, però, rappresentano il dispositivo più utilizzato per seguire la Fashion Week (43%), con poco scarto dal pc (42%) e molto dal tablet (15%).

I canali preferiti per seguire l’evento
I social sono i canali più ricercati per seguire gli eventi, con Facebook (61%) e Instagram (37%) separati solo dalla Tv (45%). Seguono le News Online (28%) e la Stampa (9%). Facebook è anche la piattaforma preferita dall’87% del campione, ed è utilizzato dal 76% degli appassionati per parlare e leggere di argomenti relativi alla moda. Youtube è promosso da poco meno della metà (48%), così come Instagram (41%), che però ispira l’86% degli utenti a conversare sul fashion. A fare la differenza, secondo il 44% del campione, è la possibilità di fruire di foto, video e contenuti unici. Anche i brand sono molto seguiti dagli amanti della moda: il 64% ha messo like ad almeno un marchio su Facebook e il 61% su Instagram.

I contenuti preferiti
Proprio i post dei brand e i video (live o normali) sono due dei contenuti maggiormente richiesti sui due social di Zuckerberg. Addirittura, il 52% dei fashion lovers ha interagito su Facebook guardando video e live dei brand di moda. La MFW e la sua abbondanza di contenuti, secondo la ricerca condotta dal social, ha portato il 52% del campione a seguire un brand durante il periodo della manifestazione, generando al contempo la propensione (dell’85% del totale) all’acquisto di capi proposti dagli account
seguiti.

Il target
Gli appassionati di moda che compongono il campione (tratto dagli utenti di Instagram) sono prevalentemente 25-44enni, in maggioranza donne (61%). Tra i 25 e i 34 anni si registra un picco (32%) di profili attinenti ai requisiti per la ricerca. Pochi invece gli under 24 (13%), superati perfino dai 45-54enni (15%). Gli utenti di Instagram attivi mensilmente a livello globale hanno superato i 600 milioni (di cui 9 italiani), e 400 di questi sono daily user. Tra questi, gli appassionati di moda sono un gruppo molto attivo, capace di accedere al social 23 volte al giorno. Gli europei accedono al feed 7 giorni alla settimana e hanno seguito, in media, 353 account di high street fashion (dato 2,5 volte maggiore della media degli instagrammer). Per Nicole Barclay, global head of social di Net-A-Porter, Instagram “funziona come un megafono, permettendo alla audience globale di creare e amplificare i trend del fashion”.
In questo scenario, i brand diventano un’ispirazione per gli utenti che li seguono (il 70% del totale), specialmente per il 45% dei fashionistas europei che li considerano un’ispirazione per il loro modo di vestire. Questi dati, sfruttati all’interno di una campagna come nel caso di John Lewis, hanno creato un aumento dell’intenzione d’acquisto del 14% (nelle donne 25-34), +10% di ad recall, +3% di brand favorability (tra le donne 18-24). Più in generale, invece, Instagram incide sui risultati delle campagne a performance con + 70% di azioni nel direct response, +78% di installazioni app e +58% di website conversion, con annessa crescita di vendite online.

Nuove soluzioni: le ADS IN Stories
L’implementazione della funzione Stories è stata lanciata poco tempo fa, ma sono già 150 milioni a utilizzarla. La novità, raccontata ieri nella sede milanese di Facebook, è che presto saranno disponibili ads al loro interno. «La fase beta è iniziata due settimane fa con 30 brand partner. Sono Stories full screen, che partono con l’audio attivo tra una Storia e l’altra. Stiamo facendo le ultime verifiche tecniche e lavorando al minutaggio, che sarà tra i 10 e i 15 secondi. A breve verranno rese disponibili per tutti i brand», spiega Valerio Perego, sales manager di Facebook. Le aziende potranno quindi inserire (a pagamento) brevi storie tra quelle proposte dagli utenti, rivolgendosi all’user in un momento di grande coinvolgimento.

Via DailyOnline
 
Di Max Da Via' (del 08/02/2017 @ 07:27:55, in Social Networks, linkato 1604 volte)

Highlights Tv e Social

•             Conti anche quest’anno non delude le attese ed apre il suo terzo festival abbattendo il muro del 50% di share, un risultato che non si verificava dal 2005 con Bonolis. Oltre al miglior esordio degli ultimi anni, Conti può vantarsi di essere l’unico conduttore del Festival che in tre edizioni consecutive si è sempre migliorato.

Schermata 2017-02-08 alle 15.51.54

•             La prima serata è stata seguita da 11,4 milioni di telespettatori, il 2% in più rispetto all’anno scorso, nonostante un bacino televisivo in linea con quello del 2016. Lo show, come al solito un mix di intrattenimento e musica, ha avuto tra i momenti più attesi il ritorno di Maurizio Crozza ed il duetto tra il super ospite Tiziano Ferro e Carmen Consoli, ma il picco di ascolti è stato alle 21.40, quando 16.131.865 spettatori hanno seguito Raoul Bova introdurre Elodie, che sul palco dell’Ariston ha ritrovato Maria De Filippi che l’aveva lanciata un anno fa ad Amici.

Schermata 2017-02-08 alle 15.52.21

•             Per i break la novità più importante riguarda l’aumento degli spazi, da 7 a 8 interruzioni pubblicitarie. Ben 4 break su 7 migliorano gli ascolti del 2016, in particolare Sanremo 2 alle 21.57, dopo lo spazio dedicato a forze dell’ordine e protezione civile, cresce del 10% lanciato da Carlo Conti subito dopo la frecciata verso chi ha polemizzato sul suo compenso.

Schermata 2017-02-08 alle 15.52.34

•             La prima serata del Festival di Sanremo ha raggiunto un’ottima performance sui canali social.

Schermata 2017-02-08 alle 15.52.44

•             La pagina Facebook ha registrato nella giornata di esordio della kermesse oltre 60mila nuovi fan, 20mila in più rispetto all’anno precedente (+56%). Trend positivo anche per le interazioni: oltre 274mila interazioni (like+commenti+share), 31% in più rispetto al 2016.

Schermata 2017-02-08 alle 15.52.55

•             Buone anche le performance registrate su Twitter: oltre 5.000 nuovi followers durante la prima giornata (+19% vs 2016); invariate invece le interazioni(tweet e retweet) rispetto all’anno precedente.

Schermata 2017-02-08 alle 15.53.06Schermata 2017-02-08 alle 15.53.16Schermata 2017-02-08 alle 15.53.27Schermata 2017-02-08 alle 15.53.37Schermata 2017-02-08 alle 15.53.47Schermata 2017-02-08 alle 15.53.59


Via Spot and Web
 
Di Max Da Via' (del 31/01/2017 @ 07:26:17, in Social Networks, linkato 2719 volte)

Creare una strategia di Social Media Marketing richiede impegno, conoscenze e sensibilità che è difficile improvvisare.

Per questo, qualunque sia la dimensione dell’azienda di cui gestisci i profili social, è bene porsi sempre le domande corrette prima di iniziare:

  • Quali canali utilizzare?
  • Quali sono gli obiettivi?
  • Qual è la target audience da intercettare?
  • Quale tono di voce utilizzare?
  • Con che frequenza e quali tipologie di contenuto postare?

In questo post abbiamo tracciato i 6 fondamenti che ogni social media marketer deve conoscere per saper strutturare una strategia corretta. Oggi entriamo nello specifico: quali sono le 10 regole d’oroda tenere sempre a mente?

1. Dai spazio ai live

Lo spazio dedicato ai contenuti multimediali è in costante crescita su tutti i social network, in particolar modo quando collegati a eventi live. Praticamente tutti i canali ormai li supportano: dai live di Facebook alle dirette di Periscope per Twitter, dalle Instagram Stories ai video istantanei di Snapchat.

Facebook Live

Esplorare questo nuovo territorio può sembrare impegnativo in termini di risorse ed equipaggiamento, ma non lo è. I video live si caratterizzano per naturalezza e immediatezza: bastano un buono smartphone e delle spiccate capacità di storytelling per assicurarsi un ottimo risultato.

Dopo aver guardato un video, gli utenti hanno il 64% di probabilità in più di concludere un acquisto.

Dati Hubspot

2. Sfrutta il potenziale del newsjacking

Le celebri campagne social di Ceres hanno fatto scuola. Saper cavalcare le notizie e gli avvenimenti di attualità in tempo reale costituisce oggi un’interessante modalità di utilizzo degli strumenti social.

Se il newsjacking più ‘spinto’ comporta una grande velocità esecutiva, la presenza di un eccellente copywriter e il rischio di incappare ogni tanto in un fail (come questo), è decisamente più semplicecavalcare eventi prevedibili e previsti. Pensa alle fiere di settore, alle festività, alle giornate internazionali di questo o quello, ai grandi eventi internazionali (come la consegna dei Nobel o gli Oscar).  

3. Dialoga, sii presente, sii veloce

Dato di fatto: i social network non dormono mai. L’approccio nella gestione e nel rapporto con gli utenti è quindi molto diverso rispetto alle classiche email o alle telefonate del customer care.

I canali social principali dovrebbero essere presidiati il più possibile – pur senza perderci il sonno – perché la reputazione del brand passa anche dalla rapidità e dall’efficacia con cui sa rispondere a un quesito o a una problematica via Twitter.

4. Tieni d’occhio i competitor

Sicuramente la forza commerciale della tua azienda conosce a menadito i listini, i punti di forza e le debolezze della concorrenza. Perché ciò dovrebbe essere diverso per chi si occupa di social mdia?

Tenere d’occhio i competitor, paragonando anche le performance medie e i trend di crescita, ti consentirà di avere un benchmark dei tuoi risultati e di sapere sempre come si muove la comunicazione altrui.

5. Conosci i tool giusti

Il web, oggi, è una vera miniera di tool estremamente efficaci che rispondono alle più svariate esigenze di social media management. Dalla programmazione e calendarizzazione dei post all’analisi dei KPI, dalla creazione di contenuti visivi e multimediali all’ascolto e al monitoraggio, esiste lo strumento giusto per ogni attività.

Gli essenziali, a nostro parere? Buffer per programmare i post su diverse piattaforme, SumAll per analizzare le metriche, Canva per creare i visual, Bitly per accorciare i link e tener traccia dei clic, e IFTTT per automatizzare i processi e connettere le piattaforme.

6. Sii trasparente

Evitare il confronto cancellando o tralasciando post contenenti domande o critiche non è una buona pratica. La linea guida nella moderazione delle pagine social che molti scelgono è la seguente: non tollerare linguaggio offensivo, volgarità e insulti gratuiti, ma rispondere in modo costruttivo e aperto a eventuali critiche, obiezioni e domande poste in modo circostanziato.

Si tratta sicuramente di una scelta vincente. Gli utenti si fideranno molto di più del tuo brand se lo percepiscono come aperto al confronto e trasparente nei confronti delle critiche. E soprattutto – ricordati di rispondere sempre!

7. Crea sempre contenuti originali e interessanti

Il contenuto, oggi, è la benzina che dà energia a tutte le attività di marketing. Anche sui social network, dunque, è bene avere una solida content strategy con un calendario editoriale ad hoc.

Meglio non condividere lo stesso post su più piattaforme, ma – avendo il tempo e la possibilità – creare un contenuto dedicato per ciascun canale, assecondandone le specificità. Massima attenzione anche a copy e veste grafica, per generare più engagement possibile.

8. Sperimenta nuovi canali e nuove modalità di interazione

Ogni giorno nuovi canali social nascono e altri muoiono (come, recentemente, Vine). Perché non provare a sperimentare qualcosa di diverso rispetto ai soliti Facebook, Twitter e Pinterest? Potresti scoprire scenari interessanti per il tuo brand e coprire nicchie dall’alto potenziale.

Alcune idee: prova i broadcast di Telegram e Whatsapp, posta i backstage aziendali su Snapchat, imposta un BOT su Messenger per interagire con gli utenti in modo automatizzato, oppure sfrutta il potenziale della MailUp Facebook App per raccogliere iscritti alle newsletter direttamente dalla pagina Facebook.

9. Ricorda che la costanza paga

Non importa che tu posti diverse volte al giorno oppure una volta alla settimana. Quello che paga è la costanza: crea l’aspettativa, coltiva la relazione, diventa una presenza attesa e gradita.

10. Traccia il traffico

Sapere esattamente quanto traffico portano i diversi canali social al sito web è un passo fondamentale in qualsiasi social strategy. I tuoi alleati migliori sono Bitly, Google Analytics e gli insights delle singole piattaforme.

Bitly consente di avere un’overview immediata di quanti clic ha ottenuto ciascun url accorciato, mostrandone anche la distribuzione nel tempo. Tramite Google Analytics (grazie anche alla – relativamente – nuova funzione Social) puoi avere uno spaccato preciso di metriche più approfondite. Gli insight dei singoli canali, invece, ti daranno informazioni preziose su dati demografici e di engagement, ma non solo.

Bitly




















Via MailUp
 
Di Max Da Via' (del 11/01/2017 @ 07:02:42, in Social Networks, linkato 1751 volte)

Facebook Dynamic Ads si aggiorna con un’inedita funzionalità che consente a retailer ed ecommerce di profilare potenziali consumatori non solo in base ai prodotti cercati precedentemente online, ma a partire da interessi e propensione all’acquisto ricavati anche dalla navigazione su altri siti.

Dynamic Ads è uno strumento di retargeting per distribuire annunci sul news feed di consumatori che hanno effettuato una determinata ricerca di prodotto su un qualsiasi sito o app.

L’update consiste nell’inserimento di informazioni demografiche, sui click e i like, ai criteri già disponibili, con l’obiettivo di trovare una nuova fascia di pubblico dalle caratteristiche simili. Seppur non sarà possibile effettuare pianificazioni su target relazionati a siti e rivenditori concorrenti, il targeting di Dynamic Ads beneficerà di un più ampio ventaglio di informazioni relative al percorso di navigazione del consumatore.

In concreto un brand di scarpe potrà usare Dynamic Ads per pubblicizzare il suo prodotto a un utente che ha visitato il sito di un concorrente. O che magari segue su Facebook una pagina dedicata a un certo tipo di sneaker. Non ci sarà comunque nessuna opzione per targettizzare direttamente l’audience di siti concorrenti.

Con questa novità potrebbe essere eliminato il bombardamento tipico del retargeting e i primi test sembrerebbero confermarne l’efficacia. Per Marketing Land l’aggiornamento permetterà di intercettare il consumatore nel momento clou del funnel, vale a dire prima di finalizzare una qualsiasi transazione.

Secondo il director of product marketing Maz Sharafi, infatti, la novità è una risposta alle esigenze dei marketer, impegnati nella ricerca di un pubblico realmente intenzionato a concludere acquisti e non pienamente soddisfatti degli attuali metodi per scovarlo come il remarketing e il tracciamento delle visite in app.

L’annuncio avviene in concomitanza ad alcune indiscrezioni che danno pronti Facebook e Instagram ad aggiungere il formato mid roll. Se da una parte queste soluzioni premiano gli investimenti degli editori e dei creators, dall’altra evidenziano la necessità di Facebook di allargare la propria offerta commerciale sia in modo trasversale alle sue applicazioni sia con inediti strumenti tecnologici in grado di creare nuovi spazi da monetizzare.

Sharafi, tuttavia, sostiene che l’innovazione di prodotto è un tema separato e indipendente dall’affollamento pubblicitario del news feed. “Siamo più o meno sempre stati concentrati su una strategia costruita sul news feed e non solo nel direct response”, anche per rispondere ai feedback ricevuti” attraverso aggiornamenti e innovazioni”.

Oggi Facebook sta testando questo tipo di targeting solo nel Nord America con un gruppo selezionato di inserzionisti dell’ecommerce e del retail, tra cui Wayfair. Nei prossimi mesi la soluzione verrà estesa a nuovi mercati e clienti.

Via DailyOnline
 
Di Altri Autori (del 28/12/2016 @ 07:14:10, in Social Networks, linkato 1584 volte)

La maggior parte dei contenuti che tutti noi visualizziamo nel News Feed di  è rappresentata da contenuti che rimandano a siti esterni alla piattaforma. Le tipologie di contenuto variano, naturalmente, da persona a persona, mentre le ragioni per cui si condivide qualcosa non sono poi così diverse.

È quanto emerso dal sondaggio condotto da Fractl su 2.000 persone, alle quali è stato chiesto cosa condividono su Facebook e perché. In relazione al sondaggio, per condivisione si intende il clic fatto sul pulsante di share posto sui siti web esterni.

Il motivo più popolare per il quale gli utenti condividono contenuti su Facebook è intrattenere gli amici (48%). Il 17% condivide questioni che gli interessano particolarmente, mentre il 13% vuole stimolare risposte emotive da parte degli amici. L’11%, infine, vuole fornire informazioni utili.

mfsof-asset1_2

Dati interessanti sono quelli relativi alla differenza uomo-donna. Le donne sono più propense a condividere contenuti su Facebook per suscitare una risposta emotiva dei loro amici (53%). Ciò si riscontra maggiormente nelle donne over 50, il 60% delle quali sostiene di “condividere le cose per far provare qualcosa agli amici (felicità, tristezza, rabbia, ecc.)” Gli uomini, invece, sono più propensi a condividere qualcosa per persuadere i loro amici sui loro punti di vista.

mfsof-asset4_1

Riguardo al tipo di contenuti pubblicati, il 52% degli intervistati rifugge dal condividere contenuti controversi che potrebbero dare adito a discussioni. Altro profilo importante è quello dell’immagine: il 31% degli intervistati ha dichiarato di pubblicare contenuti su Facebook per rappresentare una certa immagine di sé. In particolare, sono gli utenti con più amici (più di 500) a fare più attenzione alla propria immagine quando decidono di pubblicare dei contenuti.

5tfs-asset3

via Tech Economy
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35
Ci sono 4304 persone collegate

< settembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
           

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Advertising (108)
Aziende (142)
Blog (11)
Brand (37)
Comarketing (2)
Comunicazione (9)
dBlog (1)
Digitale (33)
eCommerce (39)
Grande Distribuzione (7)
Internet (540)
Marketing (286)
Marketing Ambientale (3)
Marketing non convenzionale (62)
Media (102)
Mercati (79)
Mobile (210)
Permission Marketing (1)
Prodotti (95)
Pubblicità (32)
Pubblicità (88)
Retail (11)
Segnalazioni (42)
Social Networks (344)
Startup (1)
Strategie (59)
Tecnologie (73)
Trade Marketing (1)
Viral Marketing (40)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019

Gli interventi più cliccati

Titolo
Automobili (2)
Bianco e nero (1)
Comarketing (1)
Home (4)
Internet (4)
Prodotti (5)
Pubblicità (5)

Le fotografie più cliccate


Titolo

< /p>


Subscribe to my feed


Google
Reader or Homepage

Add to netvibes



Creative Commons License




16/09/2019 @ 02:19:26
script eseguito in 332 ms