Immagine
 mymarketing.it: e tu cosa ne pensi?... di Admin
 
"
Errare è umano, ma per incasinare davvero tutto è necessario un computer.

Arthur Bloch
"
 
\\ : Storico : Viral Marketing (inverti l'ordine)
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
á
á
Di Eli (del 06/11/2005 @ 12:42:13, in Viral Marketing, linkato 3095 volte)
Kenwood Italia, la filiale italiana del gruppo multinazionale giapponese specialista nei sistemi audio, ha deciso, grazie alla collaborazione dell'agenzia Veryweb, di lanciare una nuova campagna di comunicazione basata sul tema del divertimento utilizzando anche alcune tecniche di viral marketing.

Nella sezione Fun sono quindi disponibili, anche per il download, tre divertenti video, che vedono come protagonisti gatti, becchini e improbabili Babbi Natali.

All'interno del sito, inoltre, grazie ad una partnership con Buongiorno Vitaminic è possibile scaricare legalmente centinaia di MP3, scegliendo tra numerosi generi e autori. Per rendere il tutto più semplice dopo aver creato la propria compilation non rimane che selezionare la copertina preferita!


 
Di Jacopo Gonzales (del 05/11/2005 @ 20:22:05, in Viral Marketing, linkato 2018 volte)

L'agenzia di comunicazione belga These Days ha realizzato una campagna di viral video per la promozione dei registratori DVD Pioneer che possono contenere video fino ad un massimo di 455 ore.

Pioneer Viral Marketing

A mio avviso è molto carina anche se in effetti il video avrebbe potuto essere un pochino più lungo, ma come sempre l'effetto viral e' garantito dal classico "Invia ad un amico". Giudicate voi stessi : www.455hours.com

 
Di Eli (del 02/11/2005 @ 07:32:13, in Viral Marketing, linkato 4336 volte)
In prossimità dell’uscita nelle sale dell’attesissimo King Kong di Peter Jakson le patatine Pringles lanciano una nuova campagna virale. Richiamandosi al videogioco cult anni ’80 Donkey Kong sfidano il giocatore, nei panni di un moderno Indiana Jones, a liberare la bella di turno affrontando un percorso irto di ostacoli. I classici barili del videogioco però sono stati sostituiti da altrettanti pericolosi barattoli di Pringles.

L’effetto viral è garantito dalla possibilità di segnalare il gioco ad amici inserendo il loro indirizzo email, ma anche dall’opzione di creare con loro un vero e proprio torneo. Visitando il sito è possibile anche vedere il trailer del film.

 
Di Matteo B. (del 21/10/2005 @ 14:30:49, in Viral Marketing, linkato 1451 volte)
Se le giornate in ufficio sembrano interminabili e il vostro capo non vi apprezza come meritereste forse è il caso di guardarsi attorno.

Orientarsi nel mondo del lavoro però non è sempre facile. In vostro aiuto per fortuna corre Buddy Lee, un amico inviato dalla LeeJeans che vi saprà dare le dritte giuste per cominciare una nuova carriera o affrontare al meglio un colloquio.


 
Di Matteo B. (del 19/10/2005 @ 18:55:45, in Viral Marketing, linkato 1460 volte)
Una segnalazione molto carina e adatta all'ora da aperitivo. La marca di birra australiana Carlton Draught ha realizzato un gran video, che a breve comincerà a girare come link nei vari siti. Stupite i vostri amici e anticipateli segnalandolo per primi.



 
Di Eli (del 19/10/2005 @ 08:04:23, in Viral Marketing, linkato 1243 volte)
Sempre a proposito di Viral Marketing, al quale abbiamo finalmente dedicato una sezione, vi segnalo lĺiniziativa varata in occasione del restyling del sito studentesco matura.it. Il concetto alla base dellĺiniziativa è che chi non usufruisce dei servizi del sito prova un evidente piacere nel farsi maltrattare da professori sadici e perversi.

A questi studenti non rimane quindi che recarsi su sadomasoprof.com e trovare il tipo di maltrattamento più adatto ai loro gusti. Dal sito è possibile scaricare contenuti vari come suonerie e wallpaper, oltre che, come nella migliore tradizione viral, invitare amici e conoscenti a provare la stessa esperienzaů Mal comune mezzo gaudio?

 
Di Tiziana P. (del 15/10/2005 @ 16:28:26, in Viral Marketing, linkato 1406 volte)
A proposito di Viral Marketing anche se è già in giro da un pò vi segnalo la campagna pubblicitaria di parla.it, ideata da Effects.

L'idea è molto semplice ma ben congeniata. Un paio di labbra femminili, dopo il primo trillo, cominciano a parlare rimproverandovi, ed è praticamente impossibile farle smettere, in quanto la protagonista è ben consapevole che tanto le telefonate non le paga, grazie all'offerta VoIP dell'azienda.

In attesa di una versione "politically correct" che ci consentirà di far tacere anche un uomo eccessivamente logorroico qui potete godervi questa simpatica animazione. Ovviamente, come ogni iniziativa viral che si rispetti, è anche possibile inviarla ad un amico.
 
Di Max Da Via' (del 12/10/2005 @ 07:23:43, in Viral Marketing, linkato 1524 volte)

Ma chi l´┐Żha detto che il pesce ├Ę dietetico? Secondo l´┐ŻAmericana Chicken of the Sea, nel caso del tonno in scatola, la soluzione migliore per mantenere la linea consiste comprare un prodotto a basso contenuto di grassi.

E per far capire o rischi legati ad una cattiva alimentazione non c´┐Ż├Ę niente di meglio di un bel video in stile viral marketing , che mostri chiaramente le conseguenze nefaste che una dieta poco equilibrata possono portare.

Il video originale, tailandese, ├Ę targato 2001 e ha fatto il giro della rete riscuotendo un successo tale da essere riproposto in chiave aggiornata anche in America. Per chi non lo avesse ancora visto ├Ę possibile trovarlo ancora online qui, mentre a questo indirizzo ├Ę disponibile la versione americana, sostanzialmente simile.

Entrambi gli spot hanno procurato un´┐Żottima visibilit├á all´┐Żazienda senza particolari costi salvo quelli di realizzazione, grazie al meccanismo del viral marketing. Che abbia anche redento qualche golosone?
 
Di Jacopo Gonzales (del 03/10/2005 @ 20:45:46, in Viral Marketing, linkato 1516 volte)
Vi ripropongo un post interessante di Seth Godin in merito al marketing virale (probabilmente la piu' difficile da applicare tra le tecniche marketing), e più nello specifico, cosa rende virale un'idea:

No one "sends" an idea unless:
a. they understand it
b. they want it to spread
c. they believe that spreading it will enhance their power (reputation, income, friendships) or their peace of mind
d. the effort necessary to send the idea is less than the benefits


No one "gets" an idea unless:
a. the first impression demands further investigation
b. they already understand the foundation ideas necessary to get the new idea
c. they trust or respect the sender enough to invest the time

This explains why online ideas spread so fast but why they're often shallow. Nietzsche is hard to understand and risky to spread, so it moves slowly among people willing to invest the time. Numa Numa, on the other hand, spread like a toxic waste spill because it was so transparent, reasonably funny and easy to share.

Notice that ideas never spread because they are important to the originator.

Notice too that a key dynamic in the spread of the idea is the capsule that contains it. If it's easy to swallow, tempting and complete, it's a lot more likely to get a good start.

But that doesn't mean that there's no role for mystery or ideas that unfold over time. In fact, the unmeasurable variable here is style. Howard Dean's ideas spread at the beginning--not because of the economic ramifications of his immigration policy, but because of the factors above. The way they were presented fit into the worldview of those that spread them.

A key element in the spread of ideas is their visual element. iPods and visual styles spread faster in the real world than ephemeral concepts. Pictures and short jokes spread faster online because the investment necessary to figure out if they're worth spreading is so tiny.

And of course, plenty of bad ideas spread. Panic, for instance, is a superbad idea at all times, but it spreads faster than most. That's because spreading an idea is rarely a thoughtful, voluntary act. Instead, it is near the core of who we are, and we often do it without thinking much about the implications.
 
Di Eli (del 02/10/2005 @ 12:48:51, in Viral Marketing, linkato 1814 volte)
Sono rimasta positivamente stupidita dal nuovo sito dell'Ikea, che presenta una serie di nuovi prodotti di design in maniera non convenzionale, puntando sull'elemento del gioco.
Anche in questo caso si tratta di una sperimentazione: 28 designer hanno studiato nuovi materiali e i loro possibili utilizzi non convenzionali, proponendo una serie di soluzioni originali e innovative.

Questa domanda è l'elemento ricorrente del nuovo stile di comunicazione Ikea: E se le idee più audaci portassero alle soluzioni migliori? Per rispondere a questa domanda non resta che dare un'occhiata di persona alle proposte presentate.
 
Pagine: 1 2 3 4
Ci sono 1045 persone collegate

< novembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
    
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
 
             

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Advertising (108)
Aziende (142)
Blog (11)
Brand (37)
Comarketing (2)
Comunicazione (9)
dBlog (1)
Digitale (33)
eCommerce (39)
Grande Distribuzione (7)
Internet (542)
Marketing (288)
Marketing Ambientale (3)
Marketing non convenzionale (62)
Media (102)
Mercati (79)
Mobile (210)
Permission Marketing (1)
Prodotti (95)
Pubblicità (32)
PubblicitÓ (88)
Retail (11)
Segnalazioni (44)
Social Networks (347)
Startup (1)
Strategie (59)
Tecnologie (73)
Trade Marketing (1)
Viral Marketing (40)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019

Gli interventi pi¨ cliccati

Titolo
Automobili (2)
Bianco e nero (1)
Comarketing (1)
Home (4)
Internet (4)
Prodotti (5)
Pubblicità (5)

Le fotografie pi¨ cliccate


Titolo

< /p>


Subscribe to my feed


Google
Reader or Homepage

Add to netvibes



Creative Commons License




13/11/2019 @ 13:36:10
script eseguito in 364 ms