Immagine
  mymarketing.it: perchè interagire è meglio!... di Admin
 
"
Errare è umano, ma per incasinare davvero tutto è necessario un computer.

Arthur Bloch
"
 
\\ : Storico (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Altri Autori (del 27/06/2011 @ 07:26:27, in Internet, linkato 1584 volte)

Il complesso e variegato mondo dell’informazione via internet potrebbe presto avere un nuovo re: The Daily Mail. L’edizione web del popolare quotidiano britannico si appresta a divenire il sito di news più frequentato della rete, con circa 80 milioni di utenti unici mensili.

Secondo i dati pubblicati nei giorni scorsi da Audit Bureau of Circulations Electronic, il portale britannico sta per scavalcare The New York Times, le cui notizie sono al momento le più lette su internet. La strategia multipiattaforma di MailOnline.co.uk sembra dunque funzionare. La testata d’Oltremanica ha deciso da tempo di puntare sulla diversificazione degli accessi al proprio sito: non solo approdo alla homepage da browser o agli articoli linkati da Google News, man anche una grande attenzione all’applicazione già scaricata 315mila volte e presto disponibile anche negli Stati Uniti. Altrettanti utenti mobili arricchiscono quindi il traffico sul portale principale, con oltre 62mila contatti quotidiani. Ancor più nel dettaglio: ciascun lettore che accede alle news via app sfoglia in media 62 pagine al giorno, con un tasso di crescita delle notizie lette in crescita del 10% di mese in mese.

Tutto questo per la gioia dei pubblicitari e degli editor del Mail, che aumentano la popolarità e gli investimenti sulla testata web. In attesa dell’apertura ai tablet. Non male per un giornale celebre ma non rinomato a livello globale, almeno fino all’esplosione del giornalismo in rete.

Via Quo Media

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 

C'è chi l'ha definito, e come dargli torto, uno dei peggiori investimenti del magnate dei media australiano. MySpace, la notizia è ufficiale ed ufficiose sono solamente le cifre dell'operazione, è stata venduta dalla News Corp. a Specific Media (azienda che opera nel mondo dei media digitali e della pubblicità online) e stando alle indiscrezioni di AllThingsD il prezzo pagato da quest'ultima è di 35 milioni di dollari. Per il social network un tempo più popolare di Facebook, Rupert Murdoch sborsò nel 2005 la bellezza di 580 milioni di dollari con l'intento di aumentare esponenzialmente l'audience della sua Fox Tv.

L'agonia di MySpace è quindi finita e l'epilogo non è stato certo quello prospettato da Murdoch quando, a febbraio di quest'anno, comunicò pubblicamente di mettere in vendita la compagnia ipotizzando di incassare non meno di 100 milioni di dollari. La penuria di acquirenti ha però indotto News Corp. ad abbassare drasticamente le pretese ed ecco arrivata la necessità di chiudere la trattativa con Specific Media, di cui il colosso dei media acquisirà una quota di minoranza (fra il 5 e il 10%) del capitale.

Cosa succederà ora a MySpace? Lo statement del Ceo di Specific Media, Tim Vanderhook, parla chiaro: «Combineremo le due piattaforme perché ci sono molte sinergie e perché sono entrambe focalizzate ad innovare continuamente l'esperienza digitale degli utenti». Sta di fatto che il 50% dei 400 dipendenti del social network verrà licenziato ed ulteriori misure di riorganizzazione della struttura del personale sono tutt'altro che remote. La crisi in cui versava la compagnia, del resto, sono ben riassunte dai numeri. Quelli che, stando alle rilevazioni di ComScore aggiornate a fine maggio, attestano il calo drammatico degli utenti unici mensili, scesi a 34,8 milioni contro i 75,9 milioni dei momenti d'oro, e quelli che evidenziano la voragine alla voce ricavi: 470 i milioni di dollari incassati dalla pubblicità nel 2009 (dati eMarketer) e circa 190 milioni gli introiti previsti per quest'anno.


Nei giorni scorsi, quando le voci dell'imminenta vendita si erano fatte insistenti, su Bloomberg era apparsa un'approfondita analisi della storia di MySpace che metteva in luce soprattutto gli errori di gestione che hanno costellato l'evoluzione del sito in questi anni. Errori riscontrabili sia sotto il profilo dei contenuti che da quello squisitamente tecnologico, e in tal senso si criticava la scelta di aver utilizzato un linguaggio di programmazione (ColdFusion) non adeguato. La ragione principale del crack di MySpace è comunque forse un'altra e cioè la perdita progressiva di reputazione presso l'utenza al cospetto dell'ascesa inarrestabile di Facebook e Twitter, più reattivi nel mettere a disposizione di milioni di internauti servizi e strumenti di tipo social. Murdoch deve quindi recitare il classico "mea culpa" senza pensare al fatto che Microsoft investì nel 2007 poco più di 240 milioni di dollari per l'1,6% del capitale di Facebook, che oggi è accreditata di un valore di mercato di oltre 70 miliardi di dollari.

di Gianni Rusconi su  IlSole24ORE.com

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Altri Autori (del 04/07/2011 @ 07:11:07, in Social Networks, linkato 1179 volte)

La spesa pubblicitaria su Facebook è incrementata di più del doppio in un anno. Dal Rapporto sulla pubblicità online condotto in America da IgnitionOne si evince che tra il secondo trimestre 2010 e il corrispondente di quest’anno la spesa per far pubblicità sul social network è aumentata del 281%. Anche il costo delle impressions ha registrato un aumento del 200%.

Osservando più da vicino i dato dell’indagine, si nota che i clienti tendo a spendere maggiormente nei primi due mesi della loro campagna marketing. In media, la spesa aumenta sensibilmente nel secondo mese, prima di scendere leggermente nel terzo mese e poi crescere nuovamente in modo significativo durante il quarto e quinto mese. Nella restante metà dell’anno, gli investimenti pubblicitari continuano a crescere e decrescere in modo fluttuante.

Per IgnitionOne questi modelli di spesa mostrano l’immaturità commerciale nell’utilizzare questa nuovo strumento di marketing; l’investitore fatica a capire come gestire al meglio il budget da dedicare al social netwotk.

Via Quo Media

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Altri Autori (del 05/07/2011 @ 07:30:23, in Social Networks, linkato 1036 volte)

Per confrontarsi ad armi pari con il sito di Mark Zuckerberg, Google aprirà presto le porte agli sviluppatori, rilasciando le Api necessarie per la realizzazione delle applicazioni. Secondo Mountain View potrebbe essere la marcia che garantirebbe un’ulteriore e decisiva accelerazione nell’offerta agli iscritti.

In particolare molte di queste potranno essere sviluppate all’esterno. Gli sviluppatori che potranno mettersi subito al lavoro per produrre software in grado di integrarsi perfettamente con il social network di BigG. Vic Gundrota, responsabile del team di Google+, sta raccogliendo tutti i feedback degli utenti per creare una sorta di grande libro dei commenti, dove pescare utili suggerimenti per migliorare e costruire una piattaforma solida.
 
Ovviamente su un social network non possono mancare i giochi, come rivela il codice di Google+, in cui si può chiaramente leggere un riferimento a Google+ Games. Molto presto quindi potrebbe arriverà anche Zynga che ha sicuramente contribuito al successo di Facebook con i suoi numerosi social games, FarmVille e CityVille su tutti.

Via Quo Media

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Altri Autori (del 06/07/2011 @ 07:04:01, in Mercati, linkato 1198 volte)

Nel 2011 i consumatori spenderanno 74 miliardi di dollari per i videogiochi, ovvero il 10,4% in più rispetto alla spesa del 2010 (67 miliardi).

Lo rivela un report della società di ricerche Gartner, secondo cui il trend positivo non si fermerà: entro il 2015 la spesa mondiale per il gaming raggiungerà i 112 miliardi di dollari.

Trainati dal software. Il segmento che incide di più è quello del software, che da solo ha generato un fatturato di 44,7 miliardi di dollari nel 2011 e che, secondo Gartner, continuerà a dominare il mercato del gioco anche nei prossimi cinque anni (con 51 miliardi nel 2013, 56,5 miliardi nel 2015).
La seconda voce di spesa del 2011 è stata quella per le console (hardware), pari a 17,8 miliardi. Secondo le stime arriverà a 27 miliardi nel 2015.

Ma il vero boom del prossimo triennio si registrerà per il settore dell'online gaming, che passerà dagli 11 miliardi del 2011 ai 28 miliardi del 2105, quando si compirà il sorpasso sull'hardware.

Oltre all'online crescerà anche il mobile gaming: i giochi in mobilità rappresentavano nel 2010 il 15% della spesa in software, ma saliranno al 20% del totale nel 2015, grazie alla diffusione di smartphone e tablet.

«Questo trend – spiega Brian Blau, research director di Gartner - è legato all'ascesa del social gaming, in cui il gioco online è connesso ai siti e alle piattaforme di social networking».

Via IlSole24ORE.com

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Altri Autori (del 07/07/2011 @ 07:16:08, in Internet, linkato 1223 volte)

Che il rapporto tra il nostro Paese e la banda larga non sia dei migliori non è una novità. A certificare la lentezza dello sviluppo italiano arrivano i dati dell’Ocse. Nella classifica dei Paesi con la connessione più veloce, l'Italia non compare, mentre in testa c'è il Portogallo.

A dicembre 2010, gli abbonati al web rapido costituivano il 22% della popolazione. Per fare un paragone, un paese popolato quasi quanto il nostro, ovvero la Francia, è riuscito a connettere il 33% degli abitanti. Dal 2009 al 2010 il tasso di penetrazione della banda larga è aumentato di quasi 9 punti percentuali, comunque non abbastanza per tenere il passo dell'Europa. Nello stesso arco di tempo, la Polonia ha avuto una prestazione tre volte superiore. E persino la Grecia, pur in un periodo drammatico, ha viaggiato a velocità doppia rispetto a noi.

I numeri più sconfortanti sono quelli sullo stato delle infrastrutture di rete. Per banda larga in Italia si intende, ad oggi, una velocità massima  di 20 Mb per secondo. Venti paesi europei fanno meglio di noi. In Portogallo e in Finlandia gli operatori possono vendere pacchetti di abbonamento a velocità dieci volte superiori. Anche la fibra ottica arranca, con abbonamenti fermi al 2% della popolazione. Il dato di più facile comprensione, forse è quello delle connessioni per famiglia: in Italia solo nel 61% delle case si trova almeno uno strumento per navigare su internet. In Islanda e Olanda la percentuale è molto vicina la 100%. La strada da percorrere è ancora parecchia.

Via Quo Media

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Altri Autori (del 11/07/2011 @ 07:17:53, in Social Networks, linkato 1066 volte)

A cosa si riferiva Mark Zuckerberg, parlando di “una stagione d’annunci” iniziata con Skype? Durante la presentazione di mercoledì della videochat, il fondatore del social network ha espressamente definito la conferenza come la prima di una più ampia stagione di novità per il 2011.

Ora si apprende che forse Facebook è in procinto di presentare il proprio canale musicale: si tratterebbe di Vibes, il progetto per il download dei brani musicali con Spotify e altri partner. Le indiscrezioni parlano di un Facebook Music e l’annuncio dovrebbe arrivare entro la fine dell’estate.

Via Quo Media

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Roberto Venturini (del 12/07/2011 @ 07:27:53, in Social Networks, linkato 1481 volte)

Una esplorazione ed una valutazione di chi e come comunica sui Social Media in Italia: in sintesi è il senso della ricerca “ Brands & Social Media.Osservatorio su 100 aziende e la comunicazione sui social media in Italia”, prodotta da Università Cattolica e Digital PR.

"Per capire meglio l’utilizzo di tali strumenti da parte delle aziende sul mercato italiano è stato costituito l’Osservatorio Brands & Social Media su 100 aziende operanti sui social media in Italia. Sono stati considerati nell’analisi corporate blog , pagine Facebook aziendali, account Twitter e canali Youtube.

Le 100 aziende sono state selezionate fra le più rilevanti per il mercato italiano in cinque settori : Consumer Electronics , Automobili , Banche/Assicurazioni , Retail/Grande Distribuzione e Servizi ."

Il primo report è relativo al settore Consumer Electronics che comprende 20 aziende attive nella produzione di personal computer, telefoni cellulari, macchine fotografiche, televisori, stampanti e consolle per il gioco.

Potete visualizzare l’infografica relativa al settore Consumer Electronics cliccando qui.

E potete anche leggere l’executive summary della ricerca cliccando qui.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Altri Autori (del 13/07/2011 @ 07:31:55, in Mobile, linkato 1531 volte)

Novità in vista per Foursquare. Il servizio di geolocalizzazione integrerà presto una nuova funzione nelle sue applicazioni mobili, permettendo agli utenti di visualizzare le offerte giornaliere di siti partner quali Groupon, Living Social e Gilt Groupe.

In pratica, Forsquare veicolerà i depliant giornalieri dei siti di e-commerce, tenendo per sé una parte dei ricavi: “Stiamo provando a vedere se il nostro modo di individuare i clienti funzione e come l’utenza reagirà a questo servizio”, ha detto il Ceo della compagnia, Dennis Crowley.

Via Quo Media

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Altri Autori (del 14/07/2011 @ 07:22:14, in Social Networks, linkato 1532 volte)

Una ricerca rivela il posizionamento dei marchi tecnologici sui social network nazionali. Nokia il più noto, nonostante la crisi di vendite.

La rete e i social network possono essere mezzi ideali per rafforzare l’immagine di un prodotto. Una ricerca condotta dal Centro di ricerca sui media dell’Università Cattolica ha monitorato venti compagnie del settore Consumer Electronics e la loro presenza su blog, Facebook, Twitter e YouTube, evidenziando comportamenti comuni e peculiarità dell’uso del web 2.0. Lo studio ha permesso di stilare una classifica che tiene conto degli investimenti in termini di comunicazione e dell’interazione con gli utenti da parte di ciascun marchio.

L’Osservatorio incorona Facebook come luogo privilegiato per la comunicazione aziendale. Sedici delle venti compagnie analizzate hanno una propria pagina ufficiale in lingua italiana e ne fanno un uso assiduo. L’aggiornamento delle bacheche è un’attività entrata nella routine quotidiana di molte società. Le aziende non si limitano ad aggiornare i profili, ma aizzano discussioni sui loro prodotti, con picchi di settanta commenti per alcuni post di Blackberry e Playstation. Il trend più interessante è però l’affermazione della strategia multicanale favorita dall’integrazione di YouTube con gli altri network. Il portale di Google anima le pagine delle compagnie su Twitter e affini con video sempre più allettanti. Va diminuendo invece l’importanza del blog, che fino a pochi anni or sono sembrava un elemento cardine della comunicazione aziendale su internet.

A dominare la graduatoria approntata dallo studio è Nokia, che fa registrare un’elevata frequenza di aggiornamento dei profili e un gran numero di adepti su Facebook e Twitter (oltre 20mila persone). La compagnia finlandese ha un rapporto propositivo con i social media: pubblica due post su Facebook e dieci tweet al giorno, mentre aggiorna il proprio account YouTube con due video al mese. L’assenza dal mondo dei blog non penalizza la sua visibilità. La comunicazione è incentrata sui prodotti, che diventano fulcro del dialogo con gli utenti. A una elevata brand awareness non corrisponde però un successo sul mercato: Nokia sta infatti attraversando un periodo di crisi, culminato nella recente revisione al ribasso dell’outlook per il 2011 e con il crollo del titolo sui mercati azionari. La casa di Helsinki, Samsung, Lg, Playstation, Xbox e Blackberry, fa parte del primo gruppo di aziende evidenziato dall’Osservatorio, quelle che attuano una strategia diffusiva e proattiva poiché sono presenti su un numero di social media che varia da due a quattro e su ciascuno registrano una frequenza d’aggiornamento elevata, con buoni riscontri da parte dei fan. Il secondo gruppo, che comprende Hp, Jvc ed Epson, punta sul presidio dei network stabile e costante, senza picchi di performance particolari. Proprio il colosso dei computer Hp offre un buon esempio di questa strategia dell’equilibrio, con post e video informativi focalizzati sui prodotti che hanno per scopo l’affermazione della presenza dell’azienda piuttosto che il coinvolgimento dell’utenza. Vi sono infine i marchi che hanno scelto una strategia monocanale, con buoni risultati nel mantenimento del profilo e del rapporto con la potenziale clientela. Tra queste compagnie spicca Apple, che concentra la propria comunicazione social su iTunes, con Facebook come canale privilegiato. Gli addetti marketing della Mela sono stati capaci di creare una vera e propria comunità online, che si riconosce nei prodotti proposti senza il bisogno di commentare e dimostrare pubblico apprezzamento per gli interventi sui social network.

Scorrendo i marchi presenti in classifica ci si accorge di come non esista una strategia ideale per conquistare popolarità sui social media. Ciascuna compagnia sceglie un approccio differente che va a rafforzare l’idea e i valori del proprio brand: Nokia offre da sempre prodotti di massa e propone quindi una comunicazione imponente, che punta sui grandi numeri. Viceversa, Apple è storicamente elitaria e radical(chic) e può per questo permettersi di scegliere un solo canale e di utilizzarlo in modo univoco, facendo a meno di una vera e propria interazione con i suoi fan. I social media non determinano, o forse non dovrebbero determinare, le strategie di comunicazione, ma dovrebbero arricchirle rafforzando la presenza e la consapevolezza di sé da parte delle aziende. Anche perché su Facebook non si vende (quasi) niente, nè si fanno grandi conquiste. Al massimo ci si esibisce e si seduce un potenziale acquirente.

Via Quo Media

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Ci sono 3726 persone collegate

< dicembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
         

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Advertising (108)
Aziende (142)
Blog (11)
Brand (37)
Comarketing (2)
Comunicazione (9)
dBlog (1)
Digitale (33)
eCommerce (39)
Grande Distribuzione (7)
Internet (543)
Marketing (288)
Marketing Ambientale (3)
Marketing non convenzionale (62)
Media (102)
Mercati (79)
Mobile (210)
Permission Marketing (1)
Prodotti (95)
Pubblicità (32)
Pubblicità (88)
Retail (11)
Segnalazioni (45)
Social Networks (349)
Startup (1)
Strategie (59)
Tecnologie (73)
Trade Marketing (1)
Viral Marketing (40)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019

Gli interventi più cliccati

Titolo
Automobili (2)
Bianco e nero (1)
Comarketing (1)
Home (4)
Internet (4)
Prodotti (5)
Pubblicità (5)

Le fotografie più cliccate


Titolo

< /p>


Subscribe to my feed


Google
Reader or Homepage

Add to netvibes



Creative Commons License




12/12/2019 @ 06:58:02
script eseguito in 547 ms