Immagine
  mymarketing.it: perchè interagire è meglio!... di Admin
 
"
Errare è umano, ma per incasinare davvero tutto è necessario un computer.

Arthur Bloch
"
 
\\ : Storico (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Max Da Via' (del 07/09/2005 @ 06:28:25, in Brand, linkato 2573 volte)

In questi giorni sto leggendo Cogito Ergo Brand, di Thomas Braun, che recita in copertina “Da Eraclito a Popper: breve storia filosofica del branding”.
Si tratta di un agile volumetto (meno di 200 pagine) dove le tematiche di brand management sono accostate in modo inedito alla filosofia occidentale.
Nel tempo libero mi piace leggere libri che affrontino tematiche di marketing, sia che lo facciano in maniera tradizionale sia che, come questo, approccino gli argomenti da un punto di vista meno convenzionale. A dire il vero mi aspettavo una lettura meno impegnativa, ma tra una pagina e l’altra si nascondono piacevoli sorprese.
Nelle ultima parte trova spazio un breve indice dei filosofi in pillole, dove aspetti legato al branding sono interpretati alla luce del pensiero filosofico di grandi pensatori del passato. Mi piaciuto in particolare quanto scritto in relazione a Kant, che cito testualmente (nome me ne voglia la Etas, sono solo poche righe e si tratta di pubblicità gratuita):

“Non impazzite pensando di dover conoscere tutto dei vostri consumatori, mercati e brand. Vedrete, ascolterete e odorerete soltanto ciò che la vostra attrezzatura vi consentirà. State piuttosto sistemando le cose in modo che vi comunichino che cosa volete conoscere?
Ricordate che le “categorie” attraverso le quali percepite il mondo hanno più a che fare con i modelli mentali che non con la realtà in se stessa. Spesso i più straordinari cambiamenti avvengono dopo una modifica della percezione delle “categorie” (ad esempio segmentare un mercato)

L’idea di sistemare le cose in modo che siano queste ultime a comunicare con noi ha un suo fascino, specialmente quando, come a volte capita, sembra facile perdersi una marea di dati su mercati, prodotti, abitudini di consumo e quant’altro nel tentativo di raggiungere un’onniscenza che, nonostante tutto, continua a sfuggirci. Ma forse se la raggiungessimo davvero non sarebbe più divertente fare questo lavoro, o no?

Sempre in tema di pubblicità gratuita tra i tanti posti dove comprare questo libro vi segnalo questo.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Jacopo Gonzales (del 06/09/2005 @ 20:55:11, in Internet, linkato 1535 volte)
E’ un po’ che non se ne sentiva piu’ parlare, ma sembrerebbe che il progetto Google Wallet, il sistema di pagamenti che il colosso di Mountan View sta sviluppando, si trovi in una piuttosto avanzata, a giudicare almeno dall’annuncio apparso su Yahoo Hotjobs, secondo il quale Google sta cercando un Fraud Operations Director. Chissà che qualche novità non sia dietro l’angolo…
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Matteo B. (del 06/09/2005 @ 13:46:37, in Internet, linkato 1930 volte)
Voci di corridoio (tutte da verificare) parlano di un ennesimo colpo di scena da parte di Google: un nuovo sistema operativo, che si avvia tramite memoria USB. Il sito dove è apparsa la notizia è digi.it.sohu.com (http://digi.it.sohu.com/20050904/n240337911.shtml). Come riportato anche da un quotidiano inglese il nuovo sistema operativo sarebbe basato su Linux. Il tutto funziona tramite chiavetta USB, e una volta avviato il sistema è possibile collegarsi ai server di Google, dove sono installate le applicazioni messe a disposizione dell’utente.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Max Da Via' (del 06/09/2005 @ 12:39:18, in Pubblicità, linkato 1726 volte)
Sulla scia del fruttuoso tentativo fatto nel 2004 dalla Seagram, che ha pagato artisti di fama internazionale per citare il proprio gin in alcune delle loro canzoni, anche il colosso dei fast food McDonald’s scalpita per scalare le classifiche d’oltreoceano.

Alla base di questa strategia c’è ovviamente un’attenta valutazione dell’influenza esercitata da un certo tipo di musica sui teenager americani, da sempre cari al marketing dell’azienda.

Con l’aiuto dell’agenzia pubblicitaria Maven Strategies , la stessa che ha supportato anche la Seagram, McDonald’s selezionerà un certo numero di artisti rap ai quali verrà proposto di inserire le parole “Big Mac” nei loro testi. Nel caso in cui il pezzo diventi una hit e passi per radio ciascun artista riceverà un “bonus” che oscilla da 1 e 5 dollari per ogni volta che la canzone viene trasmessa.

Ovviamente, per evitare pericolosi boomerang, il testo nel quale sarà citato il famoso panino deve preventivamente essere approvato dal marketing di McDonald’s, che verificherà la congruenza dei messaggi in esso contenuti.

Da un certo punto di vista questa strada, già collaudata, è creativa e con rischi limitati, in quanto l’artista è pagato in funzione del livello di promozione che riesce concretamente ad effettuare. D’altro canto però cosa potrebbe succedere se uno degli artisti supportati (come talvolta succede nel mondo del rap ma non solo) dovesse avere problemi di immagine e/o con la giustizia?

Il passaggio del pezzo in radio in questo caso non sarebbe più molto gradito al re degli hamburger, che potrebbe vedere la propria immagine, già ciclicamente messa in discussione per aspetti legati alla saltuarietà dei cibo offerti, associata a personaggi diventati nel frattempo scomodi o poco edificanti.

A prescindere però dai rischi evidenziati mi sembra che si tratti di un tentativo per certi versi coraggioso di battere nuove strade, per raggiungere il consumatore utilizzando uno strumento di forte impatto come la musica in un modo sicuramente nuovo e direi in questo caso “subliminale”.

A mio parere infatti è ora che le strategie di marketing, specialmente quando portate avanti da grandi player, provino nuove strade, integrando tra loro i diversi media e proponendo alle stanche orecchie del consumatore una “musica” nuova.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Max Da Via' (del 03/09/2005 @ 19:18:35, in Media, linkato 1920 volte)
Il marchio per la maggior parte delle aziende rappresenta un asset intangibile ma fondamentale, sinonimo di qualità, innovazione e servizio al Cliente. Per questo motivo deve essere supportato da un'adeguata strategia di comunicazione, che ne accresca valore e notorietà.

Come rilevato da Interbrand , società leader nell'ambito della Brand Consultancy, nel corso dell'annuale ricerca svolta per BusinessWeek, le aziende di maggiore successo sono quelle che hanno saputo costruire delle vere e proprie comunità attorno ai propri brand, andando oltre gli angusti limiti del mass advertising.

Tra tutte la più abile è stata sicuramente la Apple che, sfruttando l'eccezionale fedeltà della Clientela ma anche le elevate vendite del più richiesto gadget tecnologico, l'ormai famosissimo iIPOD, è l'azienda che ha ottenuto il maggiore incremento, con un guadagno del 23,7% in termini di valore del brand.

Nello stesso tempo brand altamente consolidati, quali Coca Cola, Microsoft, Disney e Ford hanno invece evidenziato un trend negativo, tanto da riconoscere "la necessità di coltivare legami più stretti con i propri consumatori".

Questa la top ten 2005:

1. Coca-Cola - $67.5bn (US)
2. Microsoft - $59.9bn (US)
3. IBM - $53.4bn (US)
4. General Electric - $50bn (US)
5. Intel - $35.6bn (US)
6. Nokia - $26.5bn (Finland)
7. Disney - $26.4bn (US)
8. McDonald's - $26bn (US)
9. Toyota - $24.8bn (Japan)
10.Marlboro - $21.1bn (US)

Quali sono invece le strategie che utilizzano le aziende di casa nostra per promuovere il proprio brand? Tradizionalmente in Italia la maggior parte degli investimenti pubblicitari delle grandi aziende è da sempre riservata al canale televisivo.

Una ricerca effettuata da Nielsen Media Research sulla ripartizione degli investimenti pubblicitari in Italia nel 2004 in
relazione al media utilizzati ha evidenziato come in un mercato complessivo da 8 milioni di Euro le quote siano state:

56,03% Televisione
21,17% Quotidiani
14,39% Periodici
4,93% Radio
2,27% Affissioni
1,11% Cinema.

In un momento di particolare sovraesposizione mediatica, quando ormai la pubblicità televisiva è onnipresente e spesso scarsamente indifferenziata la ricerca di canali alternativi in grado di creare un maggiore coinvolgimento sembra invece la via più proficua da percorrere.

Non bisogna inoltre trascurare l'affermarsi di canali televisivi tematici legati alle nuove tecnologie, che si stanno rapidamente diffondendo grazie anche alla diffusione di collegamenti a banda larga e decoder digitali. Questo determina una progressiva erosione del potere della televisione generalista.

La stessa sorte ha colpito anche l'editoria generica, che perde quote di mercato a favore di pubblicazioni più specifiche mirate a gruppi di lettori meno numerosi ma con specifici interessi in comune. Questo spiega perché in America un brand come Amazon sia riuscito ad affermarsi al numero 66 (+22%) affidandosi ben poco al tradizionale advertising.

Il settore della comunicazione è infatti caratterizzato da una grande frammentazione, e se da un lato questo può rendere più complessa la stesura del budget di comunicazione dall'altro offre nuove possibilità di reale contatto con il consumatore tramite l'utilizzo di diversi canali che possono essere tra loro complementari offrendo un'esperienza a 360 gradi.

Nello stesso tempo questi queste nuove modalità di comunicazione rivelano un'importanza crescente, soprattutto in un'ottica di integrazione ecomplementarietà delle strategie di comunicazione: internet, sms, mms si affiancano a più tradizionali eventi speciali e attività sul punto vendita, che restano spesso centrali nelle decisioni di acquisto. Un loro sapiente mix consente allora di coinvolgere i propri Clienti più volte al giorno in contesti diversi, creando un nuovo senso di familiarità con il brand e di appartenenza.

I brand di maggiore successo infatti dispongono di un arsenale di marketing in grado di gestire molteplici campagne per diversi consumatori utilizzando sinergicamente tutti i media a disposizione, sfumando i tradizionali confini tra advertising e entertainment. Sono in grado poi scegliere agenzie così brillanti da rendere i messaggi di promozione del brand divertenti al punto tale da essere visti come una forma di intrattenimento invece di un'intrusione.

Queste nuove strategie di promozione del brand, che esulano dal tradizionale mass advertising, oltreoceano sono già una realtà, ma c'è da scommettere che sono destinate ad affermarsi anche da noi. Il nuovo obiettivo di comunicazione non sarà più misurato in termini di portata (quanti potenziali consumatori vedono il mio ad) o frequenza (quante volte al giorno appare), ma diventerà quello di trovare forme sempre nuove per spingere i consumatori a vivere quotidianamente il proprio brand.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Max Da Via' (del 03/09/2005 @ 15:37:53, in Strategie, linkato 2122 volte)

The Board of Cadbury Schweppes plc today announces its intention to sell its Europe Beverages business. Cadbury Schweppes expects to commence the sale process in the near future.

Following a strategic review of Europe Beverages, the Board has decided to focus the Group's financial and management resources on its confectionery and other beverage businesses which have greater potential for higher growth and returns. Proceeds from the sale will initially be used to reduce the Group's net debt which at June 2005 was £4.3 billion.

Todd Stitzer, CEO of Cadbury Schweppes said, "Europe Beverages has a great portfolio of brands, a talented management team and strong routes to market. I'm proud of the commitment and dedication of its workforce. However, the potential for growth and value creation is greater in the Group's other operations, and therefore we believe it is in the best interests of our shareowners to investigate a sale of the business."
Overview of Europe Beverages

In 2004, on an IFRS basis, Europe Beverages' revenue was £653 million and underlying profit from operations was £116 million, representing 10% and 11% of the Group's revenue and underlying profit from operations respectively. Its sales volume of 1.7 billion litres makes it the third largest player in the European carbonated soft drinks market.

Europe Beverages' principal products are carbonated soft drinks, mineral waters and still drinks. Its main brands are Schweppes, Orangina, TriNa, Oasis and La Casera which account for around 75% of sales. Other brands include Apollinaris, Pampryl, Gini and Vida. Products are sold across Continental Europe, with some sales in the UK, parts of North and West Africa and the Middle East. Sales are concentrated in three countries, France, Spain and Germany, which account for around 85% of total sales.

The business has wholly owned bottling operations in Germany, Spain, Portugal and Belgium and a production arrangement with San Benedetto in France. In other countries, the business operates through licence agreements with third party manufacturers and distributors. The business has around 3,000 employees.
Strategic Rationale for Sale

Cadbury Schweppes adopted its Managing for Value philosophy in 1997 and remains committed to utilising its assets to exploit growth opportunities and drive value creation. The Group has five goals which support Managing for Value. The overriding goal is to consistently deliver superior shareholder returns. This is supported by two commercial goals which are to profitably and significantly increase global confectionery share and profitably secure and grow regional beverages' share.

Following the acquisition of the Adams confectionery business in 2003 and subsequent organic growth, Cadbury Schweppes has become the leading company in the global confectionery market. It has the broadest category participation and geographic footprint in the global confectionery industry. Investments in marketing, innovation, science & technology and sales & distribution have accelerated the Group's confectionery sales growth: in 2004, confectionery sales grew by 6% compared with average annual growth of 3% in the previous 3 years; in the first half of 2005, the Group's confectionery sales grew by 7%.

In beverages in the Americas, the combination of the three North American businesses - Dr Pepper/SevenUp, Mott's and Snapple - into a single cohesive unit is enabling the Group to leverage fully the powerful brand portfolio of flavoured carbonated soft drinks (including Dr Pepper, 7 UP, Sunkist and A&W) and non-carbonated soft drinks (including Snapple and Mott's). With almost 18% of the US carbonated soft drinks market, the largest market in the world, the business generates high returns and cashflow. Together, the US beverage and confectionery businesses make the Group the 10th largest food company supplying the grocery trade in the US. Similarly in Australia, the combination of confectionery and full system beverage businesses has created the fourth largest supplier to the grocery trade.

The Board believes growth and returns can be increased through continued focus and investment on the Group's advantaged global confectionery business and regional beverage operations in the Americas and Australia. Therefore, following a strategic review of Europe Beverages, the Board has decided it would be in the best interests of shareholders to investigate a sale of the business.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Max Da Via' (del 03/09/2005 @ 13:25:02, in Permission Marketing, linkato 3369 volte)
Il permission marketing è definito dal suo ideatore, Seth Godin, una strategia di marketing che ha l'obiettivo di ottenere dal consumatore il permesso di comunicare con lui. Avere il suo permesso garantisce che il consumatore presti maggiore attenzione al nostro messaggio.

Ma a cosa è dovuto il suo notevole successo?

I principi del permission marketing sono molto semplici e partono da un'incontestabile verità: la risorsa scarsa per eccellenza (il tempo). In una società sempre più frenetica, dove siamo continuamente sottoposti a stimoli e bombardamenti di informazioni, la gestione del tempo assume una valenza sempre più strategica.
Le iniziative pubblicitarie, così come le promozioni e gli sconti e tentano di attirare l'attenzione dei potenziali consumatori, tuttavia la frequenza dei messaggi è tale che per autodifesa molti consumatori non prestano più attenzione a queste iniziative.

Secondo Godin "il permesso del consumatore va ottenuto in modo graduale e nella maniera meno intrusiva possibile". Ad esempio, una tecnica efficace è quella di spedire un campione di prodotto in omaggio ad un certo numero di persone, facenti parte di un target selezionato. In questo modo, si stabilisce un primo contatto con la clientela potenziale senza utilizzare forme di pubblicità troppo intrusive.

In seguito, gli operatori di marketing pianificano un'azione di telemarketing per ottenere un feed-back riguardo al grado di apprezzamento del campione gratuito. Attraverso questo processo graduale, l'azienda viene percepita non più come "estranea", che vuole invadere la privacy dei consumatori, ma come "amica", che se ne vuole guadagnare il consenso.
Ecco, quindi, che la clientela potenziale diventa molto più disposta a prestare attenzione ai messaggi promozionali e ad effettuare il primo acquisto. È da premettere che attuare una politica di permission marketing richiede un'investimento iniziale molto maggiore dell'interruption marketing. Tuttavia, ciò permette di fidelizzare il consumatore, di conquistarne la fiducia ad una ben precisa marca.

Con il marketing tradizionale, invece, si ottengono solo risultati a breve termine (se il mercato non è già completamente saturo): il cosidetto "mordi e fuggi", per cui l'acquirente può comprare occasionalmente un prodotto, ma non viene fidelizzato.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Max Da Via' (del 01/09/2005 @ 19:47:46, in Pubblicità, linkato 1637 volte)

La scelta controcorrente è opera dell’azienda di cosmetici Coty,che sarà la prima nella storia a lanciare in uno spot online, che passerà in televisione solo il prossimo inverno.
Il nuovo spot è trasmesso via webcasting dal sito internet della rivista Vogue, e ha come protagonista Sarah Jessica Parker, la star del serial televisivo cult “Sex and the City”.

Decisamente una bella scommessa: in questo caso sarà l’utente a dover deliberatamente scegliere di vedere lo spot, mentre sempre più spesso, almeno con altri media (ad esempio la tv), lo spettatore fa del suo meglio per evitare il bombardamento promozionale.

Dennis Keogh, vicepresidente marketing del gruppo Lancaster, di cui fa parte Coty, vede questa soluzione come una tattica per ottenere maggiore visibilità differenziandosi dai competitor, rivolgendosi nello stesso tempo a un target estremamente mirato.

Sono infatti oltre 1 milione gli utenti (in grande maggioranza giovani donne) che visitano il sito di Vogue ogni mese in cerca di consigli e novità. La fascia di utenza della rivista è quindi decisamente in linea con la testimonial prescelta, e questo potrebbe decretare il successo dell’iniziativa.

Si tratta in ogni caso di un esperimento molto interessante: fino ad ora infatti gli spot pubblicitari erano stati lanciati prima in televisione e poi eventualmente sul web, dopo un opportuno riadattamento.

Che sia l’inizio di una nuova era di maggiore integrazione tra i vari media?

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Max Da Via' (del 20/08/2005 @ 16:31:51, in Marketing, linkato 2335 volte)
Il servizio legato alle figurine "direct-to-phone" è disponibile per gli utenti TIM, Vodafone e Wind e consente di ricevere direttamente sul proprio cellulare il link per scaricare la figurina della propria squadra preferita.

Panini annuncia oggi il lancio delle figurine direct-to-phone, nate per offrire ai collezionisti la possibilità di personalizzare il proprio telefonino con le immagini delle figurine "Calciatori" della serie A 2004-2005.

Si tratta di un progetto coordinato dalla divisione New Media del gruppo Panini e realizzato in collaborazione con DADA www.dada.net, tra le prime realtà del mercato italiano nell'offerta alle aziende di soluzioni tecnologiche avanzate e di prodotti evoluti di net marketing.

Nel dettaglio, l'iniziativa consente di ricevere direttamente sul proprio cellulare il link per scaricare la figurina desiderata (per questo il nome "direct-to-phone"), semplicemente attraverso l'invio al numero 482001 di un SMS contenente il nome del giocatore oppure il numero della figurina corrispondente all'interno dell'album Calciatori 2004-2005 (www.calciatoripanini.it).

Il servizio legato alle figurine direct-to-phone è accessibile agli utenti TIM, Vodafone e Wind ed ha un costo variabile in funzione all'operatore telefonico utilizzato.

Per aggiornare invece ogni settimana il proprio cellulare con una figurina nuova di un calciatore della propria squadra preferita, selezionato casualmente dal sistema, è sufficiente inviare sempre al 482001 un SMS contenente il nome della propria squadra. Quest'ultima opzione è attiva solo per gli utenti Vodafone e Wind.

L'iniziativa delle figurine direct-to-phone va ad aggiungersi all'ampia gamma di servizi per il telefonino disponibili all'interno dell'area "Wireless" del sito di Panini - www.panini.it/mobile: dai siti mobile presenti nel portale TRE, in Vodafone Live! e nell'i-modeTM di Wind, ai giochi giochi JavaTM a marchio Panini - tra questi sono attualmente disponibili il Quiz ed il PhotoQuiz Calciatori 2005, accessibili sia agli utenti Vodafone che agli utenti Wind.

"Con questo nuovo servizio, estendiamo significativamente i prodotti Panini nell'ambito della telefonia mobile in Italia" - ha dichiarato Antonio Allegra, Direttore della Divisione New Media del Gruppo Panini. "Un'area che ci interessa particolarmente in prospettiva per lavorare in maniera sinergica e incrementale rispetto alle nostre attività principali legate alle collezioni e al publishing in generale" – conclude Allegra.

"In DADA stiamo assistendo ad una forte crescita della domanda da parte delle aziende italiane di soluzioni tecnologiche mobile VAS, ovvero di piattaforme che consentono alle aziende stesse di offrire alla propria base utenti contenuti, servizi e applicazioni accessibili tramite dispositivo mobile" – afferma Alessandro Sordi, Vice Presidente DADA e Direttore Commerciale del Gruppo. "In questo contesto, Panini è stata senz'altro una delle prime aziende italiane a riconoscere le opportunità offerte dal mondo mobile e siamo lieti di continuare ad offrire loro le nostre soluzioni tecnologiche" – continua Sordi.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Max Da Via' (del 15/07/2005 @ 23:10:05, in Internet, linkato 1789 volte)

Sembra che da Larry Page e Sergey Brin non riescano ad arrestare il flusso idee ed iniziative che contraddistinguono l'operato della Grande G nell'ultimo periodo.

Tra novità degli ultimi mesi (o settimane) spiccano:

* Google Wallet: la sfida forse più impegnativa: nel mirino di Google c'è PayPal, il più diffuso sistema di pagamenti online, dal 2002 di proprietà del sito d'aste eBay

* Google Mobile: il servizio, che consente di effettuare ricerche Web attraverso il telefonino, il palmare o lo smartphone, con in futuro la possibilità di cercare oggetti e servizi nelle vicinanze oppure di effettuare ricerche in Google tramite SMS

* Google Personalized Homepage: questo progetto, denominato Fusion, prevede la personalizzazione di uno spazio con informazioni che potranno essere gestite un semplice drag and drop. Ovviamente si integra con Gmail: la visualizzazione delle nuove e-mail con uno spazio per le temperature con relative previsioni del tempo città per città, le news e il servizio Google Maps

* Google Web Video: un software in grado di visualizzare video. Lo scopo è quello di visualizzare i video trovati con il proprio motore di ricerca (disponibile al link video.google.com)

* Google Site Targeting: servizio, attualmente in beta, consente agli investitori pubblicitari di scegliere in quali siti di contenuto, tra le migliaia disponibili nel Network Google, inserire i propri annunci

* Google Earth: che permette di unire al più popolare motore di ricerca della rete una rappresentazione fotorealistica e tridimensionale del pianeta, ed è la naturale evoluzione di GoogleMaps. ... e la lista non è certo finita qui

Nel frattempo il valore dell'azione è quasi triplicato in meno di un anno e per la prima volta nella sua storia supera i 300 dollari fino ad attestarsi a 304,1 (+2,3% alla chiusura degli scambi al Nasdaq) per una capitalizzazione di mercato di 82,5 miliardi. Supera inoltre il colosso Time Warner (80,2 miliardi) e secondo un considerevole numero di analisti il target price potrebbe essere di di 350 dollari. Questa differenziazione di servizi corrisponde ad una strategia di lungo periodo? Riusciranno i nostri eroi a competere con colossi come eBay, e Yahoo!? Forse la chiave di volta sarà la capacità di stringere alleanze con altri operatori, e sfruttare le sinergie che un portafoglio di prodotti così ampiopuò offrire, senza perdere però di vista il core business, ammesso che sia ancora possibile identificarlo.

Max Da Vià

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Ci sono 6129 persone collegate

< dicembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
         

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Advertising (108)
Aziende (142)
Blog (11)
Brand (37)
Comarketing (2)
Comunicazione (9)
dBlog (1)
Digitale (33)
eCommerce (39)
Grande Distribuzione (7)
Internet (543)
Marketing (288)
Marketing Ambientale (3)
Marketing non convenzionale (62)
Media (102)
Mercati (79)
Mobile (210)
Permission Marketing (1)
Prodotti (95)
Pubblicità (32)
Pubblicità (88)
Retail (11)
Segnalazioni (45)
Social Networks (349)
Startup (1)
Strategie (59)
Tecnologie (73)
Trade Marketing (1)
Viral Marketing (40)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019

Gli interventi più cliccati

Titolo
Automobili (2)
Bianco e nero (1)
Comarketing (1)
Home (4)
Internet (4)
Prodotti (5)
Pubblicità (5)

Le fotografie più cliccate


Titolo

< /p>


Subscribe to my feed


Google
Reader or Homepage

Add to netvibes



Creative Commons License




10/12/2019 @ 21:53:47
script eseguito in 404 ms