Immagine
 mymarketing.it: e tu cosa ne pensi?... di Admin
 
"
Errare è umano, ma per incasinare davvero tutto è necessario un computer.

Arthur Bloch
"
 
\\ : Storico (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Eli (del 10/09/2005 @ 12:41:53, in Marketing, linkato 1442 volte)
Recentemente ho ricevuto da un fornitore un omaggio un po' particolare: un buono vacanza da usufruire in 6 mesi. Badate bene: un buono, non la vacanza... Si chiama Buono Vacanze Piu' e da' diritto ad una vacanza soggiorno di una settimana, ovvero il soggiorno gratuito in appartamento con angolo cottura. Non comprende: viaggio, vitto, consumi in loco, quota di iscrizione e di assicurazione variabile da 18 a 39 euro a persona a seconda delle destinazioni e dei periodi. Limite: i periodi di alta stagione, nei quali e' possibile comunque usare il buono, ma aggiungendo quanche soldino extra. Dietro questo nuovo modo di "incentivare" i clienti e cercare di "fidelizzarli", c'e' Iperclub Vacanze, azienda che gestisce e commercializza 180 strutture turistiche in Italia. Ma e' davvero conveniente per un piccolo imprenditore utilizzare questo tipo di promozioni? Quanto fidelizza al suo prodotto e quanto invece promuove il catalogo di Iperclub?
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Eli (del 10/09/2005 @ 14:19:19, in Strategie, linkato 1494 volte)
E' previsto il tutto esaurito per il concerto di Luciano Ligabue, in programma stasera sabato 10 settembre al Campovolo di Reggio Emilia. E tutto esaurito probabilmente anche su Rosso Alice, il portale adsl di Telecom Italia, che per l'occasione dedica al cantante emiliano un'intera sezione del canale Musica. Collegandosi all'indirizzo www.rossoalice.it, gli utenti registrati possono prenotarsi per la visione Internet sul PC di casa in modalita' streaming. Intanto TIM, grazie al servizio di Mobile TV, rendera' disponibile sui telefonini le fasi di preparazione del concerto e il backstage. I telegiornali e i quotidiani non parlano d'altro... potremmo concludere "copertura totale!" Bravo Luciano!
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Alessandro Figus (del 10/09/2005 @ 17:23:46, in Pubblicità, linkato 4207 volte)

Chi abita a Roma,Milano, Firenze, Torino o Napoli si sarà imbattuto, a partire dal 5 Settembre, nella nuova cartellonistica di Ra-Re, una griffe di moda medio-alta.Uno dei tre tipi di pubblicità rappresenta due uomini che si baciano, mentre nelle altre due gli stessi modelli,passatemi il termine, sono intenti a toccarsi. Preciso che i ragazzi sono molto ben vestiti, elemento importante ai fini della sensazione che imprime l'immagine nel suo complesso rispetto a foto di semi-nudo.

Il padre creativo della campagna è Oliviero Toscani che ha sempre abituato a dividere l'opinione pubblica in seguito alle sue ideazioni spesso d'impatto. Anche questa volta non ha tardato a comporsi il fronte degli indignati che si oppone a coloro che non reputano offensivo un "naturale" ritratto della realtà omosessuale.

Le parole usate dallo stesso Toscani per descrivere il messaggio che si cela dietro questa campagna pubblicitaria sono:"Massima libertà di comportamenti,d'interpretazione e massima libertà di espressione,anche quella di essere omosessuali". Siamo sicuri che la libertà di espressione di uno non intacchi la libertà di chi è costretto a vedere i suddetti cartelloni per strada? La capacità di analisi di un adulto sarà identica a quella di un bambino?

Dal punto di vista etico assisteremo ad ovvi dibattiti sull'idoneità di una simile pubblicità ad "arredare" i lati delle strade; ma analizzando invece l'efficenza pubblicitaria, a che risultati porterà? Sicuramente farà parlare di sè; probabilmente il target afferrerà e condividerà in buona parte il messaggio.Si sa, la novità, la stranezza capta l'attenzione.Ma c'è chi afferma di non trovarci niente di strano.

E allora, cosa c'è di strano nel pubblicizzare una marca di abbigliamento giocando con la sessualità omosessuale?Niente?In questo caso non staremmo neanche qui a discuterne. A parer mio la prima e ineccepibile stranezza risiede nel fatto che la trovata di Toscani è la prima nel suo genere e come tale è strana. Forse tra qualche tempo non lo sarà più.Bisognerà vedere se questa forma di comunicazione verrà seguita da altri brand d'avanguardia o se la società rigetterà il coraggioso tentativo.

Per giudicare in prima persona vi consiglio www.ra-re.it ,(anche fonte delle mie informazioni), andate poi nella sezione ra-re, troverete inoltre maggiori informazioni sulla campagna pubblicitaria.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Eli (del 12/09/2005 @ 12:46:23, in Internet, linkato 1394 volte)

Adesso è ufficiale!

 

http://www.swissinfo.org/sit/swissinfo.html?siteSect=143&sid=6080580&cKey=1126520773000

 

eBay, il gruppo statunitense leader mondiale nelle aste online, ha reso noto ufficialmente di aver acquisito l'operatore telefonico online Skype Technologies, con sede legale in Lussemburgo, per un controvalore di 2,6 miliardi di dollari.

 

L'operazione avverrà parte in contanti e parte con uno scambio azionario. eBay pagherà cash 1,3 miliardi di dollari, oltre a assegnare in concambio agli azionisti Skype un totale di 32,4 milioni di proprie azioni.

 

Oltre a questo, nell'ambito di un accordo cosiddetto di earn-out, vale a dire subordinato al raggiungimento di determinate condizioni, eBay pagherà ulteriori 1,5 miliardi di dollari, se Skype centrerà gli obbiettivi previsti.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Jacopo Gonzales (del 12/09/2005 @ 17:28:17, in Internet, linkato 1542 volte)

Sono infinite le discussioni che questo motore di ricerca sta generando, da tutti i punti di vista, rendendoci spesso inobiettivi e googleofili per il solo gusto di esserlo. Ormai che tu legga un giornale, accenda la TV, o vada su internet, Google è sempre lì. Non solo. Google è diventato un verbo, “to google” (almeno nello slang americano) sinonimo di ricerca e di motore di ricerca (il più grande del mondo) citato e definito da vocabolari ed enciclopedie di tutto rispetto, e questo basta a spiegare quanto penetrante sia la sua presenza nelle nostre vite.
Credo che la ragione, il comune denominatore di tutto ciò, sia che Sergey Brin e Larry Page, due ragazzi ora poco più che trentenni, stanno rivoluzionando (se già non lo hanno fatto) l’informazione su scala mondiale ed il modo in cui questa vada concepita. E non accennano a fermarsi, in fondo perché dovrebbero farlo? Hanno iniziato in due con un “piccolo” motore di ricerca all’università di Stanford, arrivando ad avere oggi circa 4.200 dipendenti in tutto il mondo, oltre 100.000 server per gestire praticamente tutte le pagine web esistenti sul pianeta (per la cronaca abbiamo superato quota 8 miliardi di pagine), oltre al fatto che l’80% delle ricerche fatte online vengono fatte attraverso i suoi 100 ed oltre domini nazionali.

Partiamo dalla google mission (
http://www.google.it/intl/it/privacy.html), oserei dire il loro manifesto programmatico:

La missione di Google è organizzare le informazioni a livello mondiale e renderle universalmente accessibili e fruibili”.

Affascinante senza dubbio, d'altronde un obiettivo di tale ambizione e portata non poteva che provenire da una nazione che ritiene che tutto sia possibile, e che qualunque problema possa e debba essere superato, non importa a quale costo. Ma che vuol dire nello specifico ve lo chiedete mai? E a quale prezzo questo potrebbe avvenire? E la nostra privacy? Basta pensare che Google, sia attraverso la sua interfaccia di ricerca che attraverso la sua toolbar, acquisisce informazioni sul nostro utilizzo del web (fonte
http://www.google.it/intl/it/privacy.html: Google non raccoglie informazioni che permettano di identificare l'utente (come il nome e l'indirizzo di posta elettronica) a meno che non sia l'utente a fornirle esplicitamente. Google acquisisce e salva informazioni quali l'ora del giorno, il tipo di browser, la lingua utilizzata dal browser e l'indirizzo IP per ciascuna richiesta ricevuta. Tali informazioni vengono confrontate con i record a disposizione di Google e servono a fornire servizi più mirati agli utenti. Ad esempio, Google può utilizzare l'indirizzo IP o la lingua del browser per stabilire quale lingua utilizzare per la visualizzazione dei risultati delle ricerche e degli annunci pubblicitari).

Inoltre come molti sanno, è diventato anche un Registrar, anche se non consente la registrazione di domini, almeno per ora. Ciò vale a dire che, comunque sia, ha accesso a tutte le informazioni che riguardano la vita dei siti web su scala mondiale (fatevi due conti), e grazie anche a queste informazioni (almeno a detta sua) può rendere migliore e più affidabile per il navigatore l’esperienza online, in modo da poter combattere più efficacemente lo spam, terribile piaga del mondo virtuale. A tal proposito, leggevo ieri una curiosa statistica secondo cui almeno la metà dei blog ospitati da Blogger (società acquistata di recente da Google) sarebbe in mano agli spammer.

Tornando al loro manifesto programmatico, sembrerebbe un concetto talmente democratico da non poter destare timori o sospetti. Eppure non è così. La missione del Googleplex non ha precedenti nella storia dell’uomo, e vale da sola a giustificare le paure che ne seguono, forse proprio per la mancanza di un “precedente”. Ci sono schiere di governi in tutto il mondo che stanno cominciando a tremare pensando al tanto folle quanto ambizioso servizio Google Print (
http://print.google.com/), (altro che biblioteca di Alessandria) applicazione online di imperialismo culturale a matrice americana. Non sapete ancora che cos’è? Un americano ti risponderebbe: “Well, just google it”...
In breve il progetto, che coinvolge editori, biblioteche ed università prestigiose, consiste nella digitalizzazione e messa online di milioni di libri, per un totale di miliardi di pagine. Meno male che è intervenuto il copyright, giusto in tempo, a frenare un processo quantomeno frettoloso. Già il fatto che per accedere a tutta questa mole di informazioni ci sia bisogno di connessioni internet o di un cellulare limita e rende meno democratica la sua accezione di universalità. Qualche miliardo di persone ad oggi non ha acqua potabile, figuriamoci se puo’ accedere ad internet. Comunque sicuramente Google Print è un progetto interessante, e chi lo nega? Fa sorridere pensare che un progetto di questa natura sia stato promosso e dovrebbe essere gestito da un paese che, con tutto il dovuto rispetto, di cultura, intesa in senso ampio ne sa ben poco (forse è più corretto parlare di nozionismo).

Ma la ricerca continua anche tramite cellulare, ed ecco qui spuntare Google Mobile (
http://mobile.google.com/), tramite cui puoi accedere a quasi qualunque informazione che il noto motore abbia da offrire. Interessante, sicuramente un servizio utile, che si andrà rafforzando anche grazie alla recente acquisizione di Android (società specializzata nella realizzazione di software per disposivi mobili, ma rispetto alla quale nulla di più è dato sapere) da parte del colosso californiano.
Tornando alla privacy, lettori tremate: Google può decidere di divulgare le informazioni personali degli utenti alle società che utilizzano Google a scopo pubblicitario, ai partner commerciali, agli sponsor ed altri. (fonte
http://www.google.it/intl/it/privacy.html)
E poi ci sono le mappe, quasi dimenticavo. Consiglio a chiunque non lo abbia ancora fatto, di farsi un giro del pianeta visto dai satelliti. Il servizio online si chiama Google Maps (
http://maps.google.com/) e permetterà gratuitamente di vedere in modo dettagliato praticamente qualunque città o luogo del globo. Analoga funzione svolge poi Google Earth (http://earth.google.com/), realizzato sulle impronte del software della Keyhole (ennesima società acquisita). Non parliamo poi dei problemi di sicurezza che taluni hanno sollevato in merito alla libera fruizione di un prodotto del genere e alle conseguenze che essa genera. Tralasciamo anche la mancanza di concorrenza che si respira nella Silicon Valley, (tra le altre acquisizioni vale la pena di segnalarvi anche quella della brasiliana Akwan Information Technologies, società specializzata nello sviluppo di sistemi di ricerca delle informazioni, e l’acquisto del 2% di Baidu, il primo motore di ricerca in Cina. Vi ricordo che i cinesi sono oltre 1 miliardo) dove le società che si trovano sulla rotta di interessi economici del Googleplex vengono direttamente acquisite, senza mezzi termini, e quelle che non riescono a stargli dietro (e chi ci riuscirebbe, considerando che anche Yahoo e Microsoft faticano nell’intento) chiudono direttamente bottega (beata concorrenza), altre ancora direttamente rinunciano ad aprire. Potrei continuare all’infinito, ma penso che sia palese che di imperialismo e monopolio incontrollabile dell’informazione si possa parlare quando questi due concetti vengono associati a quel numero seguito da cento zeri (http://it.wikipedia.org/wiki/Googol).
Siamo ancora tanto sicuri che sia giusto che un gruppo di ragazzi decida quello che dobbiamo sapere, oltre al come e al dove? In fondo ha ragione Sergey Brin, nel dire che se le cose vi stanno bene così tanto meglio, altrimenti un altro motore di ricerca è sempre a portata di click.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Jacopo Gonzales (del 12/09/2005 @ 17:37:39, in Internet, linkato 1355 volte)
Questo articolo nasce dalla necessità di trattare, sotto una luce diversa, uno tra i temi più conosciuti: lo spam, o meglio ciò che l’utente può percepire come tale, ogni qualvolta viene mal guidato.
Partiamo da un concetto di base: quando l’utente naviga in internet è a caccia dei suoi contenuti, riflesso dei suoi desideri. La bravura dei marketer sta nel riuscire a soddisfare quel desiderio in quello specifico momento, offrendo al consumatore ciò che egli cerca, sia che egli sia arrivato a noi attraverso un link o tramite uno dei tanti motori di ricerca a disposizione, sia che abbia digitato il nostro indirizzo nella barra delle Url. Il concetto non cambia.

Forse molti di voi ignorano alcuni servizi che i big del contextual advertising hanno pensato per far guadagnare i Registrar di siti internet (eh già proprio quelli cui vi rivolgete voi) che hanno a disposizione una notevole quantità di domini parcheggiati. Cosa sono? Beh i c.d. parked domains sono in sostanza tutti quei domini che vengono acquistati da un utente (pagando) e che in attesa di essere utilizzati al meglio dal legittimo proprietario, vengono sfruttati economicamente dal registrar-publisher, che in breve si arricchisce sulla vostra inerzia. Come? Semplicemente aderendo ad uno dei vari servizi disponibili in rete come ad esempio: Google AdSense for domains.

Approfondiamo un attimo il concetto di contextual advertising che trova la sua applicazione pratica quando determinati tipi di pubblicità vengono mostrati all’utente dinamicamente ed in modo automatico, basandosi sul content di una pagina, ossia sull’argomento che quella pagina tratta. Per fare un esempio pratico: se voi navigatori vi trovate su una pagina che parla di viaggi, il tipo di advertising che verrà visualizzato seguirà il content e quindi vedrete con tutta probabilità pubblicità relativa a vacanze, offerte last minute su voli aerei o su pacchetti turistici. Questo perché il software che gestisce il funzionamento degli ads riconosce piu’ o meno correttamente il contenuto trattato.

Il problema nasce qui, ossia nel momento in cui per portare pubblicità mirata sui gusti dell’utente viene a mancare la base di sostegno, ossia il content.
In questo caso, pur di bombardare il navigatore e sperare in un suo click su uno sponsored listing (che fa guadagnare il registrar-publisher grazie al vostro dominio), il software che gestisce la pubblicità ha solo un elemento su cui basarsi per targettizzare l’advertising: l’url del sito. Mi pare un pò pochino!
Considerazioni personali a parte, in questo particolare caso il software si basa su elementi semantici (e non lessicali, come di solito avviene con Adsense, Adwords et similia), vale a dire su elementi che valutano il significato delle parole contenute nel nome del dominio.

Il grosso limite di questo sistema semantico (che siamo ben lontani dal realizzare) sta proprio nel fatto che dovrebbe proporre un risultato profilato sulla necessità dell’utente, sulla base di un unico parametro, peraltro assolutamente variabile, con il rischio più reale che virtuale di danneggiare l’utente forzando la mano con sistemi che mal funzionano, almeno per ora.
Immaginate ad esempio che il nome di dominio non abbia alcun significato. Cosa si troverebbe a visualizzare l’utente? Come si comporterebbe a questo punto il sistema di advertising semantico? E poi perché dovrebbe essere il Registrar a guadagnarci in tutto questo, nonostante il dominio sia registrato e quindi di proprietà di un altro soggetto?

Con tutta probabilità mostrerebbe qualche sponsored listing che non ha nessuna attinenza con ciò che il navigatore internet sta cercando. Le conseguenze?
Di tutto rilievo, in quanto il navigatore internet si trova di fronte a ciò che non cerca, a ciò che non vuole, vedendo inoltre fortemente deluse le sue aspettative, per non parlare poi del danno che ricevono più o meno direttamente tutti quegli advertiser che pagano per utilizzare gli annunci sponsorizzati, legati come sono ad un meccanismo di impression/cpc/performance ed inseriti in un circuito semantico che non può funzionare tecnicamente in un discorso di dinamiche forzate.

Il rischio che si viene a presentare con questo tipo di advertising semantico su larga scala (attualmente Google da solo gestisce più di 3 milioni di parked domains) è la percezione che gli utenti ne hanno. Si è ormai talmente insofferenti allo spam che anche le newsletter sottoscritte volontariamente sono percepite come indesiderate se anche appena non combaciano con gli interessi degli utenti. Di questo passo, tutto diventa spam. Un pericolo molto grave, la cui soluzione a mio avviso è ben lontana dall’essere ritrovata nel semantic advertising, ma un buon punto di partenza può essere individuato partendo dal massimo rispetto degli utenti.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Max Da Via' (del 12/09/2005 @ 22:15:55, in Blog, linkato 1728 volte)

In questo primo mese di vita del nostro blog sono già stati postati molti interventi interessanti da parte dei nostri autori ( Matteo, Jacopo, Alessandro ed Elisabetta, per ora), ai quali va il mio personale ringraziamento.

Una domanda che mi è stata fatta spesso quando parlavo di questo progetto (e sarebbe tuttora in cima ad una ipotetica hit-parade) è questa: "Ma perché qualcuno dovrebbe scrivere all'interno del blog di un sito ideato da te quanto può facilmente crearsene gratis uno personale?".

Ho una sola risposta: perché siamo tutti a corto di tempo. In un mondo "ideale" con le giornate di 48 ore sarebbe facile per tutti lavorare, andare in palestra, scrivere per il proprio sito e vedere gli amici. Nella realtà quotidiana le cose stanno molto diversamente, spesso si riesce a fare solo la metà delle cose che si vorrebbero, ed è difficile organizzarsi anche dandosi una scala di priorità.

Un sito che abbia come obiettivo quello di occuparsi di marketing (con o senza blog) deve necessariamente essere tempestivamente aggiornato, offrire anticipazioni, suscitare l'interesse dei visitatori e il loro feedback tramite l'interazione.

Anche lavorandoci a tempo pieno (cioè dedicandosi al 100% al sito) è praticamente impossibile fare tutto da soli, e si corre il rischio di aggiornare raramente le pagine, scrivere articoli poco interessanti, non destare destando l'interesse del visitatore.

Da questa premessa nasce mymarketing.it: un sito all'interno del quale rispettando le regole, sia possibile per tutti confrontarsi su tematiche di marketing a 360° (e non solo di web marketing come in altri), scrivendo nel blog ma anche partecipando come autori nelle altre sezioni.

Il poco tempo che molte persone possono trovare, infatti, può rendere un progetto interessante, con spazio di crescita e di confronto per tutti.

Perchè partecipare come autori a questo progetto:

· Un elevato numero di visitatori garantisce quotidianamente visibiltà e possibilità di confronto

· Il sito è dedicato esclusivamente a tematiche di marketing , e vanta la partecipazione di validi professionisti

· Abbiamo un dominio facilmente identificabile e memorizzabile , azzeccato in riferimento agli argomenti che si trattano

· Non ci sono sponsor, adwords, dialer, pop up e altri strumenti che rendono faticosa e noiosa la navigazione

· Proprio per rendere il sito sempre più dinamico e orientato ad essere la prima marketing community italiana offriamo accesso come autore a chi lo desideri e abbia le carte per farlo (quindi senza richiedere suppliche, raccomandazioni o quant'altro).

Vuoi maggiori informazioni? Contattami

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Eli (del 13/09/2005 @ 09:15:53, in Prodotti, linkato 1627 volte)

A quanto pare Matteo aveva ragione. Il nuovo cellulare targato Motorola e Apple ha deluso più di un'aspettativa. Considerando che entrambe ultimamente si sono mosse molto bene sul mercato la cosa è ancora più sorprendente...

Nano esalta, Rokr delude (http://webnews.html.it/focus/518.htm)

(…) Le novità annunciate sono state sostanzialmente due: il nuovo iPod Nano e il cosiddetto Mactorola. Se era il secondo a dover convogliare tutte le attenzioni della stampa, è stato invece il primo a calamitare il maggior numero di flash e commenti. Qualcosa non ha evidentemente funzionato nel progetto Rokr: nonostante le promesse, nonostante le attese, nonostante il fatto che il Rokr sembrava essere stato progettato dal destino, il prodotto non sembra in realtà destinato a sconvolgere il mercato del settore e semmai, nella migliore delle ipotesi, può costituire una sorta di prototipo. Sensazioni, solo sensazioni, che il mercato potrà liberamente ribaltare.

iPod Nano
Il nuovo iPod ha stupito, eccome. Dimensioni minimali e stile inconfondibile, il nuovo iPod ha tutte le carte in regola per sostituire nell'immaginario collettivo le versioni precedenti e candidarsi a vero oggetto "cool" dell’inverno: il primo suggerimento per il prossimo regalo di Natale è già pronto. (…)

Mactorola Rokr
Completamente diversi i commenti piovuti sul Rokr. «Più marketing che rivoluzione hi-tech» per Week.it; «il Nano è uno strumento incredibile […] ma non si può dire lo stesso per il Rokr» secondo Macworld; «tutto qui?» per Portel. Molte le critiche mosse all’oggetto e, se alcune sono dettate dalla delusione del trovarsi di fronte ad una finta evoluzione dopo tanti annunci ed una lunga attesa, soprattutto sono pochi i veri elogi mossi verso il nuovo prodotto. Lo stile, innanzitutto, non è di quelli che lasceranno un segno nella storia del design: riciclato un vecchio modello Motorola (E398), un solo tasto aggiuntivo simboleggia il fatto che il Rokr abbia in più la funzione musicale. Delude, inoltre, lo schermo: la definizione VGA è lontana da quella degli iPod ed i due strumenti non sono dunque paragonabili sotto questo punto di vista. Altra delusione giunge dal fatto che il Mactorola sia in grado di tenere in memoria appena 100 canzoni, una quantità assolutamente bassa per permettere all’utente quella vastità di scelta che ci si aspetta da nuove simili tecnologie.

La più acida delle delusioni, soprattutto, è l’assenza della possibilità di connessione al music store iTunes e la contemporanea presenza di un farraginoso sistema di gestione dei file in connessione al proprio Mac/PC. Quasi clamorosa, inoltre, una ennesima mancanza: in seguito alle prime prove pare che il Rokr non possa neppure sfruttare i file scaricati come suoneria del cellulare, aspetto che i più avrebbero potuto dare quasi per scontato (sorge il sospetto di una qualche complicazione a livello di diritto d’autore, unica possibile attenuante).

Mancanza di stile. Mancanza di una connessione al music store iTunes. Mancanza di funzioni ottimizzate per la gestione dei file musicali. Memoria limitata. Definizione d’immagine scarsa. A ben guardare tutti questi aspetti non riguardano tanto il servizio iTunes (ovvero quella parte del prodotto addebitabile ad Apple), quanto più la progettazione Motorola. Se il telefono non risponde alle esigenze del lettore MP3, insomma, la cosa non è addebitabile direttamente a Cupertino se non in riferimento all’opportunità di lanciare sul mercato un ibrido tanto carente. La scelta di Apple, però, può essere decifrata alla luce del rapporto di non-esclusività in vigore tra Motorola e l’azienda di Jobs. Apple potrebbe dunque aver semplicemente ceduto alle lusinghe di una prima casa produttrice propostasi, ma nulla vieta che entro breve non compaia un simil-Rokr firmato Nokia (nonostante precedenti accordi con Microsoft), firmato Siemens (azienda già in collaborazione con Apple in ambito telefonico), firmato Sony (i cui rapporti con Apple sembrano andare verso il disgelo), o firmato comunque da qualunque azienda decisa a sfruttare il traino iTunes per guadagnare posizioni di mercato. (…)

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Max Da Via' (del 13/09/2005 @ 20:30:00, in Comarketing, linkato 2806 volte)

Kraft in collaborazione con la Apple ha messo a disposizione dei possessori di iPod oltre 100 ricette estive, che possono essere scaricate dal proprio sito e visualizzate la funzione "Note" dell'iPod.

Il menù comprende svariate pietanze, che possono essere facilmente realizzate utilizzando gli ingredienti Kraft. L'utente, tramite la scroll wheel dell'iPod può visualizzare in ogni momento gli ingredienti necessari, anche mentre fa la spesa.

Se l'esperimento si rivelasse un successo la Kraft è pronta con un nuovo giro di ricette.

Tra i tanti utilizzi prevedibili dell'iPod questo non compare sicuramente in testa alla classifica. Per la Kraft legare i propri prodotti a un prodotto di successo come l'iPod presenta indubbi vantaggi, ed è anche un modo sia per fidelizzare (ricette gratuite) che per promuovere sito e prodotti (che sono alla base delle ricette pubblicate).

La Apple d'altro canto, fedele alla propria fama si sperimentatrice, potrà vantare anche questo inaspettato utilizzo per un prodotto che ha oltrepassato da tempo ogni previsione di vendita.

Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Di Matteo B. (del 14/09/2005 @ 14:30:12, in Internet, linkato 1380 volte)
Capisco che competer con Google sia ogni giorno più difficile, ma questa notizia mi ha lasciato alquanto perplesso… Yahoo, tutte le guerre del mondo Yahoo mostrera' su Internet tutte le guerre del mondo. La compagnia ha creato a Santa Monica, California, un dipartimento che produrra' servizi multimedia su tutti i conflitti del nostro pianeta da presentare su un sito Web che sara' inaugurato il 26 settembre.
Articolo (p)Link   Storico Storico  Stampa Stampa
 
Ci sono 3854 persone collegate

< dicembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
         

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Advertising (108)
Aziende (142)
Blog (11)
Brand (37)
Comarketing (2)
Comunicazione (9)
dBlog (1)
Digitale (33)
eCommerce (39)
Grande Distribuzione (7)
Internet (543)
Marketing (288)
Marketing Ambientale (3)
Marketing non convenzionale (62)
Media (102)
Mercati (79)
Mobile (210)
Permission Marketing (1)
Prodotti (95)
Pubblicità (32)
Pubblicità (88)
Retail (11)
Segnalazioni (45)
Social Networks (349)
Startup (1)
Strategie (59)
Tecnologie (73)
Trade Marketing (1)
Viral Marketing (40)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019

Gli interventi più cliccati

Titolo
Automobili (2)
Bianco e nero (1)
Comarketing (1)
Home (4)
Internet (4)
Prodotti (5)
Pubblicità (5)

Le fotografie più cliccate


Titolo

< /p>


Subscribe to my feed


Google
Reader or Homepage

Add to netvibes



Creative Commons License




15/12/2019 @ 22:24:56
script eseguito in 554 ms