Immagine
 mymarketing.it: e tu cosa ne pensi?... di Admin
 
"
Errare è umano, ma per incasinare davvero tutto è necessario un computer.

Arthur Bloch
"
 
\\ : Storico : Internet (inverti l'ordine)
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di Matteo B. (del 20/09/2005 @ 08:32:54, in Internet, linkato 1579 volte)

Navigando su internet ieri sera mi sono imbattuto in questa notizia, che potrebbe apre più di un dibattito... Abile operazione di marketing o "marchetta" virtuale? King non è però nuovo a questi esperimenti, n 2000 aveva pubblicato il romanzo "Riding the Bullet" che poteva essere acquistato solo su internet.

 

Una donna pagherà 25.100 dollari pur di trasformare suo fratello in uno dei protagonisti del nuovo manoscritto dell'autore di Portland (ITnews)

Sarà un donna americana, una delle tante fans dello scrittore horror Stephen King, a scegliere il nome ad un personaggio del prossimo romanzo, intitolato 'Cell'. Ad aggiudicarsi il primo round dell'asta chiusosi stanotte per la somma di 25.100 dollari, è stata l'americana Pam Alexander, che vive a Fort Lauderdale, in Florida.

La moda inaugurata da Stephen King potrebbe presto essere seguita anche da altri scrittori considerato il vantaggio, oltre che economico, di fidelizzazione con i propri lettori.

 

 
Di Matteo B. (del 17/09/2005 @ 18:05:22, in Internet, linkato 1505 volte)

Microsoft e Google potrebbero avere un blog dedicato, visto che ormai non passa quasi giorno nel quale non ci siano rumors su qualche loro futura mossa. Questa anticipazione pubblicata da "La Stampa" è però clamorosa, perché segnerebbe la fine di un matrimonio che all’epoca aveva fatto scalpore...

Cinque anni fa sembrava la fusione che avrebbe dominato la scena mondiale delle comunicazioni: adesso la Time Warner sta pensando di sbarazzarsi di America Online. La soluzione preferita sarebbe quella di venderla alla Microsoft, ma non si esclude una cessione a Yahoo o Google. (...)

 

La favola era cominciata nel 2000, quando proprio il topolino aveva inghiottito l'elefante. America online non era esattamente un'azienda minuscola, perché era il principale servizio per l'acceso ad internet via telefono. Aveva oltre 26 milioni di clienti, che pagavano non solo per accedere alla rete, ma anche per ricevere il suo contenuto esclusivo. Sembrava la strada da seguire per le comunicazioni del futuro e il suo capo, Steve Case, passava per il ragazzo prodigio della rivoluzione digitale.

La Time Warner invece era un colosso dei contenuti, con giornali tipo il settimanale Time, una delle più famose case cinematografiche e discografiche al mondo, e in seguito anche la televisione di notizie Cnn. Era l'azienda più grande e antica delle due, ma formalmente era stata fagocitata da Aol perché il futuro si era preso in carica il passato.

 

Sembrava un matrimonio voluto in cielo, come dicono gli americani, perché avrebbe unito i contenuti al nuovo mezzo mediatico per distribuirli. I film, gli articoli, le trasmissioni televisive della Time Warner sarebbero arrivate in tutto il mondo, attraverso il collegamento ad internet garantito da America online.

 

La tecnologia, però, fa brutti scherzi: proprio quando pensi di averle messo il sale sulla coda, lei scappa via. Dal punto di vista culturale, la fusione tra la nuova generazione di Aol e la vecchia di Time Warner non aveva mai funzionato sul serio. Poco alla volta, però, aveva perso anche la sua attrattiva economica. Il colosso dei contenuti, infatti, aveva conservato tutta la sua forza, restando un punto di riferimento nel settore e allargandosi anche alla fornitura dell'accesso ad internet con la banda larga.

 

Il topolino della nuova tecnologia cibernetica, invece, aveva progressivamente perso colpi, proprio perché il suo modello si era inceppato. La gente si era stancata delle lunghe attese nei collegamenti «dial-up», e i contenuti esclusivi di America online non erano più sufficienti a trattenerla dalla corsa verso la banda larga e la libertà sconfinata di internet.

 

La fusione aveva finito per bruciare circa 200 miliardi di dollari in termini di valore delle azioni, cioè grosso modo il costo dei danni fatti dall'uragano Katrina in Louisiana e Mississippi, tanto per capirsi. La testa di Case era saltata e i dinosauri di Time Warener avevano ripreso il controllo della sua compagnia. Adesso, però, stanno considerano l'ipotesi di sbarazzarsene del tutto, come un corpo estraneo che non vedono l'ora di espellere. (...)

 

La prima ipotesi sarebbe quella di cedere il 50% delle azioni alla Microsoft, che poi gestirebbe l'impresa a metà con la Time Warner, collegandola ai propri servizi.

La seconda, però, non esclude di passare la mano integralmente alla concorrenza, girando tutta la proprietà a Yahoo oppure a Google, che proprio in questi giorni sta rastrellando altri soldi sul mercato. Comunque vada a finire, la bella favola di Aol sembra arrivata all'ultimo capitolo.

 
Di Matteo B. (del 16/09/2005 @ 14:31:04, in Internet, linkato 1482 volte)

In molti blog Google viene citato almeno tre volte al giorno. Questo libro potrà fornire nuovi e inaspettati spunti?


Anche Google protagonista di un libro,Autore il co-fondatore della rivista Wired

Si intitola “The Search: How Google and Its Rivals Rewrote the Rules of Business and Transformed Our Culture” ed è interamente dedicato al motore di ricerca più famoso della Rete. È il libro appena pubblicato dal giornalista hi-tech John Battelle – tra le altre cose co-fondatore della rivista Wired - che in 288 pagine racconta l’intera storia dell’incredibile successo di Google, passo dopo passo, dalla sua nascita (nel 1998) a oggi.

 
Di Matteo B. (del 14/09/2005 @ 14:30:12, in Internet, linkato 1393 volte)
Capisco che competer con Google sia ogni giorno più difficile, ma questa notizia mi ha lasciato alquanto perplesso… Yahoo, tutte le guerre del mondo Yahoo mostrera' su Internet tutte le guerre del mondo. La compagnia ha creato a Santa Monica, California, un dipartimento che produrra' servizi multimedia su tutti i conflitti del nostro pianeta da presentare su un sito Web che sara' inaugurato il 26 settembre.
 
Di Jacopo Gonzales (del 12/09/2005 @ 17:37:39, in Internet, linkato 1368 volte)
Questo articolo nasce dalla necessità di trattare, sotto una luce diversa, uno tra i temi più conosciuti: lo spam, o meglio ciò che l’utente può percepire come tale, ogni qualvolta viene mal guidato.
Partiamo da un concetto di base: quando l’utente naviga in internet è a caccia dei suoi contenuti, riflesso dei suoi desideri. La bravura dei marketer sta nel riuscire a soddisfare quel desiderio in quello specifico momento, offrendo al consumatore ciò che egli cerca, sia che egli sia arrivato a noi attraverso un link o tramite uno dei tanti motori di ricerca a disposizione, sia che abbia digitato il nostro indirizzo nella barra delle Url. Il concetto non cambia.

Forse molti di voi ignorano alcuni servizi che i big del contextual advertising hanno pensato per far guadagnare i Registrar di siti internet (eh già proprio quelli cui vi rivolgete voi) che hanno a disposizione una notevole quantità di domini parcheggiati. Cosa sono? Beh i c.d. parked domains sono in sostanza tutti quei domini che vengono acquistati da un utente (pagando) e che in attesa di essere utilizzati al meglio dal legittimo proprietario, vengono sfruttati economicamente dal registrar-publisher, che in breve si arricchisce sulla vostra inerzia. Come? Semplicemente aderendo ad uno dei vari servizi disponibili in rete come ad esempio: Google AdSense for domains.

Approfondiamo un attimo il concetto di contextual advertising che trova la sua applicazione pratica quando determinati tipi di pubblicità vengono mostrati all’utente dinamicamente ed in modo automatico, basandosi sul content di una pagina, ossia sull’argomento che quella pagina tratta. Per fare un esempio pratico: se voi navigatori vi trovate su una pagina che parla di viaggi, il tipo di advertising che verrà visualizzato seguirà il content e quindi vedrete con tutta probabilità pubblicità relativa a vacanze, offerte last minute su voli aerei o su pacchetti turistici. Questo perché il software che gestisce il funzionamento degli ads riconosce piu’ o meno correttamente il contenuto trattato.

Il problema nasce qui, ossia nel momento in cui per portare pubblicità mirata sui gusti dell’utente viene a mancare la base di sostegno, ossia il content.
In questo caso, pur di bombardare il navigatore e sperare in un suo click su uno sponsored listing (che fa guadagnare il registrar-publisher grazie al vostro dominio), il software che gestisce la pubblicità ha solo un elemento su cui basarsi per targettizzare l’advertising: l’url del sito. Mi pare un pò pochino!
Considerazioni personali a parte, in questo particolare caso il software si basa su elementi semantici (e non lessicali, come di solito avviene con Adsense, Adwords et similia), vale a dire su elementi che valutano il significato delle parole contenute nel nome del dominio.

Il grosso limite di questo sistema semantico (che siamo ben lontani dal realizzare) sta proprio nel fatto che dovrebbe proporre un risultato profilato sulla necessità dell’utente, sulla base di un unico parametro, peraltro assolutamente variabile, con il rischio più reale che virtuale di danneggiare l’utente forzando la mano con sistemi che mal funzionano, almeno per ora.
Immaginate ad esempio che il nome di dominio non abbia alcun significato. Cosa si troverebbe a visualizzare l’utente? Come si comporterebbe a questo punto il sistema di advertising semantico? E poi perché dovrebbe essere il Registrar a guadagnarci in tutto questo, nonostante il dominio sia registrato e quindi di proprietà di un altro soggetto?

Con tutta probabilità mostrerebbe qualche sponsored listing che non ha nessuna attinenza con ciò che il navigatore internet sta cercando. Le conseguenze?
Di tutto rilievo, in quanto il navigatore internet si trova di fronte a ciò che non cerca, a ciò che non vuole, vedendo inoltre fortemente deluse le sue aspettative, per non parlare poi del danno che ricevono più o meno direttamente tutti quegli advertiser che pagano per utilizzare gli annunci sponsorizzati, legati come sono ad un meccanismo di impression/cpc/performance ed inseriti in un circuito semantico che non può funzionare tecnicamente in un discorso di dinamiche forzate.

Il rischio che si viene a presentare con questo tipo di advertising semantico su larga scala (attualmente Google da solo gestisce più di 3 milioni di parked domains) è la percezione che gli utenti ne hanno. Si è ormai talmente insofferenti allo spam che anche le newsletter sottoscritte volontariamente sono percepite come indesiderate se anche appena non combaciano con gli interessi degli utenti. Di questo passo, tutto diventa spam. Un pericolo molto grave, la cui soluzione a mio avviso è ben lontana dall’essere ritrovata nel semantic advertising, ma un buon punto di partenza può essere individuato partendo dal massimo rispetto degli utenti.
 
Di Jacopo Gonzales (del 12/09/2005 @ 17:28:17, in Internet, linkato 1558 volte)

Sono infinite le discussioni che questo motore di ricerca sta generando, da tutti i punti di vista, rendendoci spesso inobiettivi e googleofili per il solo gusto di esserlo. Ormai che tu legga un giornale, accenda la TV, o vada su internet, Google è sempre lì. Non solo. Google è diventato un verbo, “to google” (almeno nello slang americano) sinonimo di ricerca e di motore di ricerca (il più grande del mondo) citato e definito da vocabolari ed enciclopedie di tutto rispetto, e questo basta a spiegare quanto penetrante sia la sua presenza nelle nostre vite.
Credo che la ragione, il comune denominatore di tutto ciò, sia che Sergey Brin e Larry Page, due ragazzi ora poco più che trentenni, stanno rivoluzionando (se già non lo hanno fatto) l’informazione su scala mondiale ed il modo in cui questa vada concepita. E non accennano a fermarsi, in fondo perché dovrebbero farlo? Hanno iniziato in due con un “piccolo” motore di ricerca all’università di Stanford, arrivando ad avere oggi circa 4.200 dipendenti in tutto il mondo, oltre 100.000 server per gestire praticamente tutte le pagine web esistenti sul pianeta (per la cronaca abbiamo superato quota 8 miliardi di pagine), oltre al fatto che l’80% delle ricerche fatte online vengono fatte attraverso i suoi 100 ed oltre domini nazionali.

Partiamo dalla google mission (
http://www.google.it/intl/it/privacy.html), oserei dire il loro manifesto programmatico:

La missione di Google è organizzare le informazioni a livello mondiale e renderle universalmente accessibili e fruibili”.

Affascinante senza dubbio, d'altronde un obiettivo di tale ambizione e portata non poteva che provenire da una nazione che ritiene che tutto sia possibile, e che qualunque problema possa e debba essere superato, non importa a quale costo. Ma che vuol dire nello specifico ve lo chiedete mai? E a quale prezzo questo potrebbe avvenire? E la nostra privacy? Basta pensare che Google, sia attraverso la sua interfaccia di ricerca che attraverso la sua toolbar, acquisisce informazioni sul nostro utilizzo del web (fonte
http://www.google.it/intl/it/privacy.html: Google non raccoglie informazioni che permettano di identificare l'utente (come il nome e l'indirizzo di posta elettronica) a meno che non sia l'utente a fornirle esplicitamente. Google acquisisce e salva informazioni quali l'ora del giorno, il tipo di browser, la lingua utilizzata dal browser e l'indirizzo IP per ciascuna richiesta ricevuta. Tali informazioni vengono confrontate con i record a disposizione di Google e servono a fornire servizi più mirati agli utenti. Ad esempio, Google può utilizzare l'indirizzo IP o la lingua del browser per stabilire quale lingua utilizzare per la visualizzazione dei risultati delle ricerche e degli annunci pubblicitari).

Inoltre come molti sanno, è diventato anche un Registrar, anche se non consente la registrazione di domini, almeno per ora. Ciò vale a dire che, comunque sia, ha accesso a tutte le informazioni che riguardano la vita dei siti web su scala mondiale (fatevi due conti), e grazie anche a queste informazioni (almeno a detta sua) può rendere migliore e più affidabile per il navigatore l’esperienza online, in modo da poter combattere più efficacemente lo spam, terribile piaga del mondo virtuale. A tal proposito, leggevo ieri una curiosa statistica secondo cui almeno la metà dei blog ospitati da Blogger (società acquistata di recente da Google) sarebbe in mano agli spammer.

Tornando al loro manifesto programmatico, sembrerebbe un concetto talmente democratico da non poter destare timori o sospetti. Eppure non è così. La missione del Googleplex non ha precedenti nella storia dell’uomo, e vale da sola a giustificare le paure che ne seguono, forse proprio per la mancanza di un “precedente”. Ci sono schiere di governi in tutto il mondo che stanno cominciando a tremare pensando al tanto folle quanto ambizioso servizio Google Print (
http://print.google.com/), (altro che biblioteca di Alessandria) applicazione online di imperialismo culturale a matrice americana. Non sapete ancora che cos’è? Un americano ti risponderebbe: “Well, just google it”...
In breve il progetto, che coinvolge editori, biblioteche ed università prestigiose, consiste nella digitalizzazione e messa online di milioni di libri, per un totale di miliardi di pagine. Meno male che è intervenuto il copyright, giusto in tempo, a frenare un processo quantomeno frettoloso. Già il fatto che per accedere a tutta questa mole di informazioni ci sia bisogno di connessioni internet o di un cellulare limita e rende meno democratica la sua accezione di universalità. Qualche miliardo di persone ad oggi non ha acqua potabile, figuriamoci se puo’ accedere ad internet. Comunque sicuramente Google Print è un progetto interessante, e chi lo nega? Fa sorridere pensare che un progetto di questa natura sia stato promosso e dovrebbe essere gestito da un paese che, con tutto il dovuto rispetto, di cultura, intesa in senso ampio ne sa ben poco (forse è più corretto parlare di nozionismo).

Ma la ricerca continua anche tramite cellulare, ed ecco qui spuntare Google Mobile (
http://mobile.google.com/), tramite cui puoi accedere a quasi qualunque informazione che il noto motore abbia da offrire. Interessante, sicuramente un servizio utile, che si andrà rafforzando anche grazie alla recente acquisizione di Android (società specializzata nella realizzazione di software per disposivi mobili, ma rispetto alla quale nulla di più è dato sapere) da parte del colosso californiano.
Tornando alla privacy, lettori tremate: Google può decidere di divulgare le informazioni personali degli utenti alle società che utilizzano Google a scopo pubblicitario, ai partner commerciali, agli sponsor ed altri. (fonte
http://www.google.it/intl/it/privacy.html)
E poi ci sono le mappe, quasi dimenticavo. Consiglio a chiunque non lo abbia ancora fatto, di farsi un giro del pianeta visto dai satelliti. Il servizio online si chiama Google Maps (
http://maps.google.com/) e permetterà gratuitamente di vedere in modo dettagliato praticamente qualunque città o luogo del globo. Analoga funzione svolge poi Google Earth (http://earth.google.com/), realizzato sulle impronte del software della Keyhole (ennesima società acquisita). Non parliamo poi dei problemi di sicurezza che taluni hanno sollevato in merito alla libera fruizione di un prodotto del genere e alle conseguenze che essa genera. Tralasciamo anche la mancanza di concorrenza che si respira nella Silicon Valley, (tra le altre acquisizioni vale la pena di segnalarvi anche quella della brasiliana Akwan Information Technologies, società specializzata nello sviluppo di sistemi di ricerca delle informazioni, e l’acquisto del 2% di Baidu, il primo motore di ricerca in Cina. Vi ricordo che i cinesi sono oltre 1 miliardo) dove le società che si trovano sulla rotta di interessi economici del Googleplex vengono direttamente acquisite, senza mezzi termini, e quelle che non riescono a stargli dietro (e chi ci riuscirebbe, considerando che anche Yahoo e Microsoft faticano nell’intento) chiudono direttamente bottega (beata concorrenza), altre ancora direttamente rinunciano ad aprire. Potrei continuare all’infinito, ma penso che sia palese che di imperialismo e monopolio incontrollabile dell’informazione si possa parlare quando questi due concetti vengono associati a quel numero seguito da cento zeri (http://it.wikipedia.org/wiki/Googol).
Siamo ancora tanto sicuri che sia giusto che un gruppo di ragazzi decida quello che dobbiamo sapere, oltre al come e al dove? In fondo ha ragione Sergey Brin, nel dire che se le cose vi stanno bene così tanto meglio, altrimenti un altro motore di ricerca è sempre a portata di click.

 
Di Eli (del 12/09/2005 @ 12:46:23, in Internet, linkato 1411 volte)

Adesso è ufficiale!

 

http://www.swissinfo.org/sit/swissinfo.html?siteSect=143&sid=6080580&cKey=1126520773000

 

eBay, il gruppo statunitense leader mondiale nelle aste online, ha reso noto ufficialmente di aver acquisito l'operatore telefonico online Skype Technologies, con sede legale in Lussemburgo, per un controvalore di 2,6 miliardi di dollari.

 

L'operazione avverrà parte in contanti e parte con uno scambio azionario. eBay pagherà cash 1,3 miliardi di dollari, oltre a assegnare in concambio agli azionisti Skype un totale di 32,4 milioni di proprie azioni.

 

Oltre a questo, nell'ambito di un accordo cosiddetto di earn-out, vale a dire subordinato al raggiungimento di determinate condizioni, eBay pagherà ulteriori 1,5 miliardi di dollari, se Skype centrerà gli obbiettivi previsti.

 
Di Matteo B. (del 10/09/2005 @ 08:29:48, in Internet, linkato 1435 volte)
Questa non e' una novita', ma e' tanto per parlare di Google anche oggi... http://www.megalab.it/news.php?id=819 La macchina Google e' in piena attivita', e il gruppo non perde certo occasione per sperimentare ogni nuovo servizio che possa richiamare l'attenzione di stampa ed investitori. L'ultima trovata e' l'acquisto di alcuni spazi pubblicitari su Pc Magazine, il popolare mensile di informatica in vendita (suona ormai stano a dirlo) in tutte le edicole. La mossa e' in netta controtendenza rispetto alla politica Internet-centrica del gruppo, ma con questa trovata il portale di Mountain View spera di attirare nuovi inserzionisti al programma AdSense, proponendo qualche "lancio" su Pc Magazine come piatto di contorno.
 
Di Jacopo Gonzales (del 09/09/2005 @ 09:53:00, in Internet, linkato 1498 volte)

Complimenti Google. E' di un'ora fa la notizia che Vinton Cerf, uno dei padri fondatori di Internet, oltrechè sviluppatore (unitamente a Robert Kahn) del protocollo di comunicazione TCP/IP, è diventato un nuovo dipendente di Google. Sembra che avrà il compito chiave di sviluppare nuove applicazioni internet oriented per il Googleplex.

Ricordo ai lettori di Mymarketing.it che recentemente Vinton Cerf si stava occupando dello sviluppo di un nuovo protocollo interplanetario come standard di  comunicazione fra pianeti, che si baserà sulla comunicazione radio/laser, fortemente tollerante al degrado del segnale.

Vediamo se ci sarà ancora qualcuno che sostiene che Google si occupa solo di "ricerca" in senso stretto.

 
Di Jacopo Gonzales (del 08/09/2005 @ 16:12:34, in Internet, linkato 1518 volte)
Vi segnalo una notizia interessante riportata proprio in queste ore da alcune fonti come Businessweek e CNN, secondo cui Ebay starebbe per acquistare la nota società Skype, leader nel settore del VoIP, per una cifra che si aggirerebbe tra i 2 ed i 3 miliardi di dollari. Non stupisce poi troppo a pensarci, dal momento che già altri big player hanno rivolto la loro attenzione al settore della telefonia via internet protocol, basti pensare al nuovo Google Talk, a Yahoo che ha acquisito Dialpad o a Microsoft con Teleo, giusto per citarne alcuni. C'e' da rilevare che comunque Ebay tramite quest'acquisizione andrebbe di fatto a ricoprire un ruolo di primissimo piano nel panorama del VoIP, dato che attualmente gli utilizzatori di Skype nel mondo ammontano ad oltre 50 milioni. Non ci rimane che aspettare e vedere l'evolversi di queste voci, che, come è ovvio, attualmente non vengono commentate dalle 2 parti interessate.
 
Ci sono 1958 persone collegate

< febbraio 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
     
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
 
             

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Advertising (108)
Aziende (142)
Blog (11)
Brand (37)
Comarketing (2)
Comunicazione (9)
dBlog (1)
Digitale (33)
eCommerce (40)
Grande Distribuzione (7)
Internet (545)
Marketing (289)
Marketing Ambientale (3)
Marketing non convenzionale (62)
Media (102)
Mercati (79)
Mobile (210)
Permission Marketing (1)
Prodotti (95)
Pubblicità (32)
Pubblicità (88)
Retail (12)
Segnalazioni (45)
Social Networks (350)
Startup (1)
Strategie (59)
Tecnologie (74)
Trade Marketing (1)
Viral Marketing (40)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020

Gli interventi più cliccati

Titolo
Automobili (2)
Bianco e nero (1)
Comarketing (1)
Home (4)
Internet (4)
Prodotti (5)
Pubblicità (5)

Le fotografie più cliccate


Titolo

< /p>


Subscribe to my feed


Google
Reader or Homepage

Add to netvibes



Creative Commons License




20/02/2020 @ 04:04:54
script eseguito in 375 ms