Immagine
  mymarketing.it: l'isola nell'oceano del marketing... di Admin
 
"
Errare è umano, ma per incasinare davvero tutto è necessario un computer.

Arthur Bloch
"
 
\\ : Storico : internet (inverti l'ordine)
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di Altri Autori (del 04/02/2009 @ 07:10:19, in Internet, linkato 1463 volte)

Esiste un database di contatti attivi e connessi in ogni momento di proporzioni tali da poter diventare soggetto di sondaggi e ricerche di mercato? La risposta è si. Si tratta di Facebook, il sito di social network che vanta 160 milioni di iscritti in tutto il mondo e, stando al parare dei suoi creatori, costituisce un prezioso bacino d'utenza al quale porre domande di ogni genere. 

Le intenzioni di Mark Zuckerberg, giovane creatore di Facebook, e di sua sorella Randi sono state riprese dal quotidiano britannico Guardian dopo essere state espresse dai due davanti alla platea del Forum economico mondiale di Davos.

Il principio è semplice: Facebook possiede già un database dettagliatamente profilato - degli utenti si conosce età, sesso, stato civile e nella maggior parte dei casi hobby e passioni - e partendo da questa piattaforma si possono attivare una serie infinita di sondaggi mirati e ricerche di marketing.

A guadagnare sarebbero le aziende, che potrebbero affidarsi a un sistema rapido per avere risposte sul lancio di un determinato prodotto o servizio, gli utenti, che se chiamati in causa potrebbero guadagnare qualcosa, e ovviamente Mr Zuckenberg, che avrebbe (ha) trovato l'ennesimo modo per monetizzare la sua creatura. 

Via Quo Media

 
Di Admin (del 02/02/2009 @ 07:25:16, in Internet, linkato 3091 volte)

Dopo l'invito alla cautela da parte del Garante della Privacy, preoccupato della scarsa consapevolezza con cui gli italiani si approcciano all'attività di social-networking, sono arrivati i dati di Eurispes a confermare che tre italiani su dieci (30,7%) sono presenti su Facebook.

Il 38,1% dichiara di non essere iscritto al primo portale di social-network e il 31,2% non conosce il significato di questo termine e rimane, probabilmente, legato a mezzi di comunicazione e relazione di tipo tradizionale.

Sono soprattutto  i giovani tra i 25 e i 34 anni e quelli tra i 18 e i 24 anni (rispettivamente il 53,7% e il 52,7%) a sperimentare questo nuovo strumento di comunicazione, che, permettendo la condivisione di interessi, esperienze e desideri, consente loro di coltivare vecchie e nuove amicizie.

Tra i non iscritti a questo social network prevalgono, invece, i 45-64enni (44,6%), mentre non hanno mai sentito parlare di Facebook soprattutto gli ultra65enni (65%).

Il numero più consistente di iscritti si rintraccia tra coloro che risiedono nelle Regioni centrali della nostra Penisola (39,3%). Al contrario, tra i non iscritti spiccano gli abitanti del Nord-Est (49,5%). Infine, non sono informati sul “fenomeno Facebook”, in prevalenza, gli italiani delle Isole (48,7%).

Ben il 63,1% degli italiani ritiene che esso sia utile in quanto permette di ritrovare vecchi amici. Probabilmente, proprio perché svolge questa importante funzione, Facebook non viene ritenuto una perdita di tempo (45,8%). Esso, invece, non viene ritenuto un mezzo utile per fare nuove conoscenze (51,9%), per essere informati su eventi di proprio interesse (54,7%) e per passare il tempo (55,3%). Il 47,9% degli italiani crede che esso metta a rischio la privacy.

In particolare, si parla di social risks, poiché, nel preciso momento in cui si mette in Rete un’informazione personale, se ne perde il controllo, con il rischio che dati delicati finiscano per entrare in possesso di sconosciuti.

I giovanissimi (18-24 anni) sono coloro i quali credono, in misura maggiore rispetto agli altri, che Facebook sia uno strumento utile per ritrovare vecchi conoscenti (72,1%) e passare il tempo (49,6%). Al contrario, sono i meno propensi a credere che esso consenta di stringere nuove amicizie (56,6%).

Gli italiani che hanno un’età compresa tra i 25 e i 34 anni sono i più convinti che Facebook non abbia la funzione di informare su eventi di proprio interesse (58,4%) e che rappresenti, pertanto, una perdita di tempo (53,1%), al contrario dei 18-24enni (51,2%), 45-64enni (48,3%), 35-44enni (47,4%) e ultra 65enni (42,9%).

Più affascinati dalle potenzialità dello strumento che preoccupati per i possibili rischi ad esso associati, i giovani con età compresa tra i 18 e 24 anni (51,9%) sono quelli più inclini a considerarlo non dannoso per la privacy, seguiti dai 35-44enni (44,7%). Di parere opposto sono, infine, gli ultra 65enni (54%), i 25-34enni (53,5%) e i 45-64enni (42,8%).

SOCIAL NETWORK: A  settembre 2008 su quasi un miliardo di utenti unici connessi ad Internet più di 670 milioni hanno navigato su sistemi di social networking.

La top ten dei social più frequentati a livello mondiale vede in testa Facebook con 161milioni di visitatori unici, seguito da MySpace (117,9 milioni), Flickr (66,7 milioni) e Hi5 (58,7 milioni).


Nella classifica italiana dei principali social network al primo posto troviamo MySpace con il 59,5% degli iscritti (2,7 milioni di utenti), seguito da Facebook con il 19,5% (900mila utenti), LinkedIn (un social network di natura professionale) con il 7,7% (300mila) e altri social network quali Flickr, Anobii e Badoo, che insieme totalizzano il 13,3% (625mila persone).

Nel nostro Paese, poi, nel 2007 erano presenti più di 3 milioni di utenti internet in possesso di un blog, mentre gli iscritti ai social network erano circa 4,7 milioni.


Le aziende italiane a che punto sono nell’uso dei social network? Da una ricerca dell’Osservatorio Enterprise 2.0, su un campione di 70 imprese italiane (intervistate tra il 2007 e il 2008) emerge che il 34% di esse è favorevole all’implementazione di strumenti web 2.0 al proprio interno, mentre il 14% ha già intrapreso un percorso di introduzione di queste tecnologie in azienda.


Le aziende considerate hanno intrapreso le seguenti iniziative: appartenenza aperta (13%), ossia l’apertura dei confini organizzativi al fine di favorire il coinvolgimento degli attori esterni; social network (21%), con la creazione di reti di relazioni; conoscenza in rete (30%), è relativa a processi e sistemi funzionali alla gestione della conoscenza sia di tipo esplicito che di natura tacita; collaborazione allargata (30%), contempla azioni e strumenti finalizzati a favorire la collaborazione e la cooperazione tra attori, superando la formalità degli schemi organizzativi precostituiti; riconfigurabilità adattiva (20%), riguarda la possibilità di favorire la flessibilità e la riconfigurazione di processi organizzativi; global mobility (25%), concerne l’accesso adattivo a strumenti e informazioni del virtual workspace in condizioni di mobilità.

INFORMAZIONE: se internet spopola grazie alla possibilità di interagire con vecchi e nuovi amici, la televisione rimane il mezzo preferito per informarsi. Ben il 43,4% degli italiani utilizza prevalentemente la tv per tenersi informato.

Più bassa è, invece, la percentuale di di quanti vengono a conoscenza dei principali avvenimenti che accadono in Italia attraverso i quotidiani cartacei (26,7%) o quelli online (19,1%).

Poco significativa è, infine, la tendenza a tenersi aggiornati tramite la radio (7,9%) o la free press (2,4%). Ad aggiornarsi periodicamente tramite quotidiani cartacei (33,1%) o news radiofoniche (10,8%), sono soprattutto i 45-64enni, mentre gli ultra 65enni si affidano, in prevalenza, al mezzo classico per eccellenza: la televisione (57,2%).

Leggere i quotidiani online è, invece, un’abitudine diffusa principalmente tra i 24-34enni (30,1%) e dai 18-24enni (29,5%), che, perennemente “connessi”, prediligono l’informazione elettronica, ormai sempre più aggiornata, veloce e alla portata di tutti. Sono sempre i più giovani appartenenti a queste due fasce di età a fruire maggiormente della free press (rispettivamente 3,3% e 3,4%). Più propensi a tenersi informati leggendo i quotidiani tradizionali (27,6%) o quelli gratuiti (3,2%) sono i diplomati.

Il telegiornale è seguito soprattutto tra quanti hanno un basso livello di istruzione, prediligendo, probabilmente, il piccolo schermo per la sua capacità di veicolare informazioni con un linguaggio semplice ed accessibile (72,4%).

Sfruttano maggiormente la Rete coloro i quali sono in possesso di una laurea/master (25,9%).

La televisione? Superficiale e diseducativa. Gli italiani non sembrano essere soddisfatti dell’offerta televisiva, ritenendola, nella maggioranza dei casi, superficiale (49,5%), diseducativa (22,5%) e volgare (9,3%). Pochissimi infatti giudicano la programmazione televisiva pubblica in linea con i propri interessi (7,1%), utile ad accrescere le proprie conoscenze (3,9%) o divertente (3,8%). I giudizi negativi sono più marcati nell’opinione dei giovani che ritengono nel 24% dei casi, per i 18-24enni, i contenuti della Tv diseducativi e nel 53,7% dei casi, per i 25-34enni, superficiali. Tra i pochi che mostrano di avere un giudizio positivo su questo mezzo di comunicazione di massa, spiccano i 45-64enni, che nel 3,9% dei casi considerano la programmazione divertente, e gli ultra 65enni, per i quali, invece, essa risulta interessante e formativa (rispettivamente 9,4% e 7,8%). Quest’ultimi, tuttavia, sono allo stesso tempo più di tutti convinti che l’offerta televisiva sia volgare (15%).

A credere maggiormente che quanto trasmesso in tv sia diseducativo e superficiale sono rispettivamente i diplomati (26,3%) e i laureati (56,7%).

Al contrario, i meno istruiti sono convinti, più di altri, che i contenuti trasmessi dal piccolo schermo siano divertenti (10,3%) e in linea con i propri interessi (15,5%), mentre quanti possiedono la licenza media li giudicano formativi e, quindi, idonei ad accrescere le loro conoscenze (7,1%). Tuttavia, è importante evidenziare che tra i meno istruiti si rintraccia la percentuale più consistente di chi considera la programmazione volgare (17,2%).

FREE PRESS  Il 33,4% degli italiani ritiene che la free press sia un mezzo d’informazione che consente di apprendere le notizie con rapidità. Tuttavia, un’informazione sui principali avvenimenti nazionali priva di approfondimenti e commenti si traduce spesso in un’informazione superficiale (22,3%) e futile (15,8%), che, probabilmente, impedisce al pubblico di esprimere al meglio il proprio spirito critico.

D’altra parte, molti ritengono che la stampa gratuita sia scritta in modo semplice e immediato (13,7%) o che addirittura questa abbia sostituito l’informazione veicolata dai classici quotidiani nazionali (6,8%). Rapida fruibilità (40,2%) e superficialità delle notizie (25,6%) sono le caratteristiche che contraddistinguono maggiormente la stampa gratuita rispettivamente per gli ultra 65enni e 35-44enni.

La free press è scritta, poi, con un linguaggio semplice (16,9%) ed è piena di notizie futili (21,4%) soprattutto per i 45-64enni. Infine, tra chi sostiene che la sua diffusione sia stata così ampia da rimpiazzare, addirittura, i quotidiani tradizionali, spiccano i più giovani (12,7%).

Quanti hanno un livello di istruzione più basso sono anche i più portati a credere che la stampa gratuita soddisfi solo in parte i bisogni informativi degli italiani. Ciò dipende, secondo loro, dal fatto che si tratta di un’informazione priva di approfondimenti (37,5%) e, pertanto, superficiale (20,8%).

La futilità delle notizie è, invece, una caratteristica evidenziata prevalentemente dai diplomati e i laureati (in entrambi i casi 19,4%) e non riscontrata, invece, da coloro i quali hanno un basso livello di istruzione. Quest’ultimi appaiono, infatti, particolarmente soddisfatti dei contenuti presenti nei quotidiani gratuiti, tanto da essere i più convinti che la free press abbia sostituito i quotidiani tradizionali (20,8%

Via Quo Media

 
Di Altri Autori (del 26/01/2009 @ 07:36:08, in Internet, linkato 2047 volte)

Una crescita che sfiora il 2% ed un profitto di 1,58 miliardi di dollari: questi i dati diffusi ieri da Apple che, comunicando i risultati, mostra un’azienda che non teme la crisi ma anzi la supera con buoni risultati e liquidità per il primo trimestre 2009 chiusosi il 27 dicembre 2008.

Nonostante Apple abbia perso terreno negli Stati Uniti (-19%), le vendite mancate nei negozi statunitensi sono state compensate da quelle effettuate nei negozi europei e giapponesi, che hanno visto una crescita rispettiva del 30 e del 27%.

Il successo è stato reso possibile dalla vendita di 2 milioni e mezzo di computer Mac (effettuata per buona parte da nuovi acquirenti nel mondo Apple, dato molto significativo per le previsioni future), ma soprattutto dal record di vendite iPod che ha raggiunto quasi i 23 milioni per questo primo trimestre, facendo riconfermare Apple quale re incontrastato sul mercato dei lettori musicali, mentre l’iPhone, che comunque continua ad andare bene con 4 milioni e 363 mila unità vendute, ha perso lo slancio iniziale. Jobs conferma i dati dichiarando che “Questo trimestre si rivela il migliore della storia di Apple”.

Il settore iTunes , su base annua, cresce del 25% e, rispetto al trimestre precedente, cala del 4%.

Come confermato da Cook, Apple non fa compromessi di prezzo per andare in contro alla crisi economica: “Non è la nostra identità e non è per questo che siamo qui…Il nostro obiettivo non è fare molti telefoni, ma il miglior telefono sul mercato.”

Riflettendo anche sui netbook inferiori ai 500 dollari, Cook aggiunge che “Stiamo osservando il settore, ma i prodotti attuali sono poco potenti e poco ergonomici. Il nostro attore in quel settore è iPhone, che permette di fare quello che fa un notebook, e sta in una tasca”.

Mentre Apple si gode i successi ottenuti, la Sec apre un fascicolo sulla salute di Jobs, per verificare se le comunicazioni riguardo al suo stato di salute siano state fatte in ritardo, al fine di non allarmare gli investitori.

Via Quo Media

 
Di Gianluigi Zarantonello (del 20/01/2009 @ 08:00:00, in Internet, linkato 1843 volte)

Ho visto con piacere nei giorni scorsi in televisione e sul web la campagna socialePosta con la testa” che invita i giovani, e non solo, ad usare prudenza nel caricare materiali personali in rete.

Sento spesso parlare infatti dei rischi per la privacy insiti nei social network ed in generale sugli strumenti del web 2.0, preoccupazione certamente non priva di ragioni che però nasce da un problema di fondo: la mancanza di cultura e consapevolezza del mezzo.

Infatti ritengo vi sia una reale assenza di percezione di ciò che avviene davvero quando, ad esempio, si posta una foto in rete: di fatto la nostra immagine diventa disponibile al mondo intero su di una macchina server da cui può essere scaricata in un istante e ricopiata in infiniti altri luoghi, senza possibilità reale di bloccarne la diffusione.

Nulla di male se ci sta bene così, un po’ meno se invece si trattava di qualcosa di riservato.
Lo stesso vale, potenziato, per i profili dei social network: scrivere delle sbornie o delle avventure di una sera in un posto potenzialmente accessibile a tutti non sembrerebbe una buona idea offline, mentre sul web lo si fa con assoluta disinvoltura.

Con ciò non voglio difendere a tutti i costi i social network: la possibilità, ad esempio, di postare foto o commenti sui profili altrui sicuramente è qualcosa che lede il diritto alla privacy di ciascuno.

Anche sotto questo punto di vista tuttavia, escludendo i casi di malafede, ancora una volta torniamo al problema della mancanza di cultura: non vorremmo mai così male ad un amico da dire che tradisce la moglie davanti all’interessata, eppure lo facciamo sul suo profilo (pubblico) di Facebook.

Ancora, sempre restando su Facebook, quante persone che conoscete non hanno chiara la differenza fra messaggio (privato) e bacheca (pubblica) nello scrivervi qualcosa?

Ecco dunque che si pone il problema della consapevolezza delle conseguenze delle proprie azioni, cui si aggiunge la mancata comprensione di un fattore chiave: nel nuovo web ci si mette la faccia.

E’ finito infatti il tempo dell’anonimato assoluto dietro un nickname, ora quando siamo in rete facciamo, come ho scritto recentemente, del personal branding, ossia presentiamo noi stessi al mondo.
Sono certo che la pensiamo così saremo più attenti nei comportamenti e, magari daremo una mano anche ai più giovani a capire meglio come vanno davvero le cose (con un po’ di buon esempio).

Mi piacerebbe, al solito, conoscere la vostra opinione.

Gianluigi Zarantonello
via http://webspecialist.wordpress.com/

 
Di Altri Autori (del 19/01/2009 @ 07:51:09, in Internet, linkato 1964 volte)

I siti di social network, generalmente sfruttati dai più giovani per tenersi in contatto con vecchi e nuovi amici, stanno diventando punto d’incontro irrinunciabile anche per gli over 35.

E’ quanto emerso da una ricerca del Pew Research Center, che ha rivelato che il 35% della popolazione adulta statunitense non può più fare a meno di MySpace, preferito dal 50% del campione intervistato, e affini (Facebook, 22% e Linkedin, 6%). A conquistare questo bacino d’utenza è la possibilità fornita dai portali di social network di rimanere in contatto con gli amici di vecchia data (89%), il desiderio di fare progetti con loro (57%) e la voglia di stringere nuove amicizie (49%). A farla da padrone sono quindi gli interessi privati rispetto a quelli professionali, come accade nel caso degli utenti più giovani

Via Quo Media

 
Di Altri Autori (del 15/01/2009 @ 07:01:09, in Internet, linkato 1692 volte)

Il 2008 è stato per eBay l’anno degli acquisti online. Le categorie di prodotti tipicamente venduti e acquistati nel mercato virtuale sono riconfermate dal primato di accessori e ricambi per auto e moto (rispettivamente +73 e + 72%) e di videogiochi e console  con Sony PlayStation 3 (+272%) e Nintendo Wii (+195%).

La novità però non sta nell’aumento delle vendite di questi prodotti, ma nell’incremento di categorie nuove per quel che riguarda la lista della spesa classica eBay: scopriamo infatti dall’indagine effettuata dal sito di e-commerce che i prodotti eno-gastronomici hanno avuto un incremento del 62% con alti picchi per dolci, biscotti, tè, caffè e birra.

Scopriamo inoltre che il regno della casa è diventato sempre più prezioso per gli italiani che non perdono occasione per proteggerlo ed ornarlo come meglio possono: la vendita di antifurti e sistemi di sicurezza è arrivata al +55%, mentre quella di prodotti per l’allestimento del giardino ha raggiunto il +53%. In tempi di crisi gli italiani si sono rifugiati negli hobby creativi che hanno fatto aumentare le vendite del 58%, mentre i prodotti di cura e bellezza, con particolare attenzione a quelli da erboristeria, sfiorano il +24%.

Via Quo Media

 
Di Gianluigi Zarantonello (del 13/01/2009 @ 08:00:00, in Internet, linkato 1334 volte)

Ormai il social networking è diventata un’attività, e anche forse una moda, estremamente diffusa nel nostro paese.
La maggiore esperienza diretta sta portando molti a chiedersi quale sia il modo migliore per utilizzare questi strumenti, specie in ottica business, e quale sia il migliore approccio nella gestione delle proprie reti.

Uno dei temi sicuramente più caldi è quello delle connessioni, meglio averne tante oppure è bene essere selettivi negli inviti e nell’accettare richieste di contatto?

Provo a fare qualche mia considerazione relativa solo all’ambito dei business social network che frequentiamo per motivi di lavoro o di interesse professionale.

Negli studi sociali il numero di Dumbar ci dice che possiamo ragionevolmente intrattenere rapporti di reale conoscenza al massimo con circa 150 persone: dunque secondo questa visione tutti i numeri superiori di connessioni non sarebbero veri contatti.

Dall’altra parte però troviamo le riflessioni di Anderson sul web come mercato a coda lunga: rispetto alle reti sociali offline con pochi click e utilizzando dei filtri come settore di attività, ruolo, area geografica possiamo velocemente selezionare dei contatti interessanti in una quantità virtualmente illimitata di possibili connessioni.

E dunque? La personale visione mi porta a dire questo:

1) E’ bene selezionare con cura i nostri contatti seguendo una certa linea di operato: ad esempio potremmo cercare di contattare nuove connessioni ragionando su di un tipo di ruolo in un determinato settore. Avere troppi contatti disparati è una fonte di ‘rumore’ che ci impedisce di percepire i nostri reali interessi.

2) Per contro sono propenso ad accettare le richieste di connessione: sono pur sempre frutto di una manifestazione di interesse e ci possono aprire, a livello di contatti di secondo livello, un mondo di possibili relazioni utili.

3) La gestione delle relazioni è un lavoro lungo: se non gestiamo con impegno i nostri network e siamo passivi non ne trarremo nulla (i contatti interessanti non arrivano da soli). Inoltre connessioni che oggi ci sembrano inutili potrebbero tornare preziose un giorno, per cui non precludiamoci opportunità a priori trascurandole del tutto.

4) Come tutti i mercati a coda lunga anche quello delle connessioni è governato dai filtri: dunque nel profilo cerchiamo di dare le informazioni giuste su di noi e casomai proviamo a frequentare qualche gruppo che ci interessa veramente, dove poter trovare persone che condividono i nostri interessi.

Le mie naturalmente sono riflessioni brevi e credo che questo sia un tema interessante e ricco di spunti, per cui dopo aver lanciato il sasso sarei curioso ora di sentire le vostre opinioni.

Gianluigi Zarantonello
via http://webspecialist.wordpress.com

 
Di Altri Autori (del 09/01/2009 @ 07:12:18, in Internet, linkato 1337 volte)

Annunciato lo scorso dicembre, il nuovo sistema integrato di Audiweb per la rilevazione dei dati relativi alla fruizione dei media on line, è ora entrato in funzione a pieno regime. La Joint Industry Committee che vede fra i soci partecipanti Fedoweb, Upa ed Assocomunicazione ha infatti perfezionato il meccanismo di distribuzione agli operatori specializzati del database mensile contenente i dati quotidiani di navigazione del panel composto da 20mila utenti Internet. Nelle mani di editori, centri media, concessionarie di pubblicità e agenzie Web vi sono quindi tutti gli strumenti per poter procedere con qualsiasi tipo di pianificazione di natura pubblicitaria e, questa una delle novità più importanti per il 2009, la possibilità di mettere a frutto i vantaggi di una metodologia in grado di integrare i dati forniti dai panelist con quelli censuari (estratti dalle attività svolte sui siti censiti e riferiti alle pagine effettivamente consultate via browser dall'utente) e quelli (stimati) relativi alla navigazione in Rete effettuata da luoghi pubblici. Il "nuovo" corso della misurazione del Web italiano, secondo Audiweb, può contare su una comunità ampia e variegata - gli editori online presenti nel database, direttamente o tramite i loro network pubblicitari, sono 80 e i brand censiti 179 – che abbraccia praticamente tutti (le eccezioni sono poche sebbene autorevoli, vedi Yahoo! e Sky) i grandi e piccoli attori della Rete.

Il valore aggiunto dell'impianto di ricerca Audiweb, dicono i diretti interessati, deriva dal fatto di essere fondato su tre distinti metodi di rilevazione - ricerca quantitativa di base, panel statisticamente rappresentativo della popolazione italiana online e sistema censuario – che nell'insieme offrono una reportistica completa dell'audience dei media digitali. Lo strumento "innovativo" di misurazione è proprio il Database, che oltre a descrivere il comportamento tenuto sui siti degli associati dal campione da casa e ufficio riporta i profili socio-demografici dei componenti del panel stesso e una precisa codifica per categorie dei canali visitati. Il dettaglio è quindi il più approfondito possibile, e per gli operatori questo si traduce nella possibilità di studiare, costruire e ottimizzare adeguatamente i piani media. Investire in advertising on line non è mai stato così facile, questo in sintesi il messaggio che lancia al mercato Audiweb, e considerando le ancora diffuse reticenze all'utilizzo di Internet come canale di sbocco per la comunicazione commerciale non sembra una cosa da poco. Dietro tale auspicio c'è anche, e Audiweb ne sottolinea infatti la valenza, l'utilizzo di sofisticati sistemi di ponderazione (nello specifico la routine statistica Calmar, messa a punto con il contributo di Memis e Nielsen Online) a garanzia dell'autenticità e veridicità dei dati Internet provenienti dal mercato.

Nella logica di sistema integrato, al Database si affiancano altri tre strumenti di rilevazione del traffico on line. AW Trends è il report con i risultati dei primi tre cicli della ricerca di base (curata da Doxa) e fornisce la stima dell'universo dei navigatori per la corretta ponderazione dei dati panel; AW View è invece il servizio (basato su Nielsen Online NetView) che visualizza i dati di audience mensili di tutti i siti; AW Report è infine il sistema di monitoraggio quotidiano dei dati censuari complessivi di navigazione dei siti Web iscritti. La convinzione di Audiweb è quella, in sostanza, di aver messo a punto un "ecosistema" che possa essere un punto di riferimento puntuale e omogeneo (oltre che certificato) per misurare l'audience del Web nostrano. I dati di traffico (pagine viste, utenti unici, tempo medio speso on line e quant'altro) di portali e siti di maggior afflusso saranno cioè facilmente tra di loro confrontabili e così facendo sarà più immediato per chi investe in Web avere delle basi e dei riscontri qualitativamente e quantitativamente adeguati. Che si sia agli albori di una nuova e florida stagione della pubblicità on line è troppo presto per dirlo, ma certo è che il Web è un media che più di ogni altro ha fra le sue peculiarità quella di un rapporto molto stretto e funzionale con i suoi utenti. L'essere in Rete è sinonimo (spesso) di trovare la risposta alle proprie necessità informative e comunicative e ciò che più conta per gli operatori pubblicitari è la costante crescita della propensione a navigare on line degli italiani. Senza dimenticare, inoltre, che fare advertising sul Web costa ancora decisamente meno che non ritagliarsi una finestra in televisione.

di Gianni Rusconi su ILSOLE24ORE.COM

 
Di Altri Autori (del 08/01/2009 @ 07:35:24, in Internet, linkato 1279 volte)

Internet potrebbe essere un salvagente formidabile per alcuni modelli di business tradizionali, che nella Rete troverebbero esempi e consigli pratici per superare indenni gli effetti della crisi finanziaria globale. Uno dei punti focali teorizzati dal giapponese Joichi Ito, guru dell'informatica e di Internet considerato dal World Economic Forum uno dei 100 "leader globali del futuro", verte sul fatto che il Web ha abbattuto i costi della distribuzione delle informazioni e il cardine delle attività di business non deve più essere fondato sul come diffonderle ma sul come selezionarle, individuando gli utenti idonei a riceverle. Internet, dice Ito, crea costantemente forme nuove di business partendo dalla gratuità della distribuzione dei contenuti e Google, che offre gratuitamente i suoi servizi (dalla ricerca alle mappe) e vive di pubblicità, è ovviamente un esempio d'eccellenza. In tempi di crisi, però, anche la Rete offre il fianco a minacce che possono seriamente ridimensionare la crescita del Web advertising, per quanto lo strumento costituisca una forte attrattiva per inserzionisti "delusi" dal mezzo televisivo o dalla carta stampata. I media digitali non sono quindi immuni dalla recessione e a confermarlo sono i dati – relativi agli Stati Uniti - pubblicati di recente da una delle società più attente a rilevare le dinamiche in atto nel cyberspazio, e cioè eMarketer .

Sotto la lente di ingrandimento degli analisti è finito in particolare il fenomeno del Web 2.0 per antonomasia, il social networking, sempre più al centro dell'attenzione di addetti ai lavori e non e mai avaro di contraddizioni. Facebook – oltre 120 milioni di utenti nel mondo e 60 miliardi di pagine visitate al mese – è l'emblema di una nuova era della comunicazione, che verte su socialità globale, interattività ed estrema visibilità. Strano a credersi, ma i siti di social network non sono certo un riferimento per gli inserzionisti della Rete. Anzi. Proprio eMarketer ha abbassato più volte nel corso del 2008 le previsioni di spesa per l'advertising su Facebook & Co. e stando alle ultime stime elaborate in dicembre nell'anno appena concluso aziende e centri media statunitensi dovrebbero aver raccolto 1,2 miliardi di dollari, contro gli 1,4 miliardi stimati a giugno. Per il 2009, il taglio dei budget rispetto alle iniziali previsioni è ancora più netto: il livello di investimenti per i prossimi dodici mesi si attesta infatti attorno agli 1,3 miliardi di dollari, mezzo miliardo in meno circa di quanto a suo tempo profetizzato. Numeri che rimangono importanti – pensiamo per esempio al fatto che la pubblicità on line in Italia raggiunge gli 850 milioni di euro nel suo complesso – ma che testimoniano i limiti dell'advertising su Internet nel decollare definitivamente. Rispetto agli altri media (giornali e TV) la reazione alla crisi è sicuramente migliore ma resta in sostanza il fatto che tanto l'intero comparto della pubblicità online quanto le reti sociali in modo particolare non significano ancora per molte aziende un sicuro ritorno sugli investimenti.

Nel caso specifico dei vari Facebook, MySpace, Linkedin e via dicendo ciò che preoccupa gli analisti (e il messaggio è decisamente in contrasto con quello di molti esperti di marketing) è l'incertezza che ruota intorno all'efficacia pubblicitaria di questi siti, alla loro capacità di valorizzare a fini commerciali gli enormi volumi di contenuti generati dagli utenti. I numeri che fotografano le difficoltà dei più gettonati siti di social network parlano di fatto da soli: MySpace, di proprietà della News Corp. di Rupert Murdoch, dovrebbe aver chiuso il 2008 con 585 milioni di dollari di ricavi pubblicitari, rispetto ai 755 milioni di dollari previsti. Facebook se la passa anche peggio perché se le stime di eMarketer sono corrette si è dovuta accontentare di 210 milioni, contro i 265 milioni previsti a inizio anno. Anche la faccia più splendente del Web 2.0, insomma, ha le sue belle gatte da pelare e i prossimi dodici mesi saranno una sorta di prova della verità. Tornando alle teorie di Ito, i social network sono sicuramente un'irrinunciabile opportunità sociale ed economica, una base di partenza per la creazione di modelli di business credibili, ma almeno per ora hanno "fallito" la prova del campo e del mercato. Il rischio di una nuova bolla come quella del 2000 (anche se qualcuno l'ha predetta) sembra scongiurata ma ha forse visto bene il Commissario europeo per la società dell'informazione Viviane Reding nell'auspicare la definizione di normative dedicate al fenomeno. Normative che avrebbero l'obiettivo di strutturare i social network su basi più solide e renderli meno esposti alle forti oscillazioni del mercato, così da attirare l'attenzione (e gli investimenti) di una vasta comunità di aziende.


di Gianni Rusconi su ILSOLE24ORE.COM

 
Di Gianluigi Zarantonello (del 03/01/2009 @ 08:00:00, in Internet, linkato 1606 volte)

Avrete sentito parlare di Chris Anderson e della teoria della coda lunga. In buona sostanza si tratta di una constatazione, in un mercato praticamente illimitato come quello digitale anche la vendita di piccole quantità di prodotti di nicchia è redditizia, anzi, la somma del valore generato da questi piccoli lotti supera spesso in valore l’introito dei best sellers. 

Questa osservazione può essere molto interessante anche rispetto ai contenuti e alla comunicazione nell’era del web 2.0

Se infatti analizziamo in modo attento le statistiche di un qualunque nostro website dotato di qualche notorietà in rete vedremo che fra i referrals ci sono tantissimi accessi da siti che ci portano uno o due visitatori per volta.

Di solito trascuriamo questo tipo di valori, se però proviamo a sommare le provenienze da siti “altri” rispetto alle grandi fonti di traffico vedremo che sono i primi che ci portano la maggioranza dei nostri accessi.

Di più, se abbiamo un sito ricco di contenuto probabilmente quei pochi accessi verranno ciascuno da una fonte attinente con il tema trattato nella pagina di atterraggio. Questo mi porta a riprendere e amplificare un messaggio lanciato alcuni post fa: è fondamentale creare molto contenuto di qualità e diffonderlo capillarmente nel web con feed rss e piattaforme 2.0.

Il risultato sarà quello di una presenza diffusa dei nostri contenuti che potranno intercettare tutta quella domanda più o meno di nicchia che la dimensione del web riesce finalmente a soddisfare nei bisogni latenti, non gratificati dalla necessaria selezione di prodotti e contenuti propria delle economie offiline (magazzini, rese a metro, spazio sugli scaffali).

Grazie a questa diffusione porteremo un flusso continuo di piccoli accessi che a conti fatti saranno il reale punto d forza del nostro traffico per realizzare il nostro business (vendita di pubblicità, e-commerce, altro).

Che ne pensate?

Gianluigi Zarantonello
Via http://webspecialist.wordpress.com

 
Ci sono 1786 persone collegate

< febbraio 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
     
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
 
             

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Advertising (108)
Aziende (142)
Blog (11)
Brand (37)
Comarketing (2)
Comunicazione (9)
dBlog (1)
Digitale (33)
eCommerce (40)
Grande Distribuzione (7)
Internet (545)
Marketing (289)
Marketing Ambientale (3)
Marketing non convenzionale (62)
Media (102)
Mercati (79)
Mobile (210)
Permission Marketing (1)
Prodotti (95)
Pubblicità (32)
Pubblicità (88)
Retail (12)
Segnalazioni (45)
Social Networks (350)
Startup (1)
Strategie (59)
Tecnologie (74)
Trade Marketing (1)
Viral Marketing (40)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020

Gli interventi più cliccati

Titolo
Automobili (2)
Bianco e nero (1)
Comarketing (1)
Home (4)
Internet (4)
Prodotti (5)
Pubblicità (5)

Le fotografie più cliccate


Titolo

< /p>


Subscribe to my feed


Google
Reader or Homepage

Add to netvibes



Creative Commons License




26/02/2020 @ 04:07:09
script eseguito in 343 ms