Immagine
  mymarketing.it: perchè interagire è meglio!... di Admin
 
"
Errare è umano, ma per incasinare davvero tutto è necessario un computer.

Arthur Bloch
"
 
\\ : Storico : Internet (inverti l'ordine)
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di Altri Autori (del 27/01/2015 @ 07:01:20, in Internet, linkato 1602 volte)

I commenti sui social sono un diluvio intorno al sito VeryBello, e le ragioni di critica stanno crescendo e consolidandosi nel tempo.

Poiché si tratta di un ambito fondamentale (è convinzione diffusa che Expo2015 può essere una importante occasione per l’economia italiana) e poiché ci sono già diversi problemi legati al completamento dei lavori e alla trasparenza (che grazie all’operazione Open Expo è in via di decisiva ripresa), è importante condividere precocemente le criticità dell’iniziativa, come contributo al MiBACT per un loro superamento.

Proviamo a sintetizzarle:

  • Dal punto di vista formale, il dominio di un sito istituzionale non può essere di proprietà di un privato, come è in questo caso;
  • Dal punto di vista di strategia operativa, il sito VeryBello, come vetrina di eventi, si sovrappone al sito Italia.it e lo priva di uno dei ruoli principali. Poiché non si comprende l’integrazione, siamo tra la sovrapposizione, la duplicazione di sforzi e il cannibalismo interno. In un momento di difficoltà gestionale di Italia.it e di necessità di ottimizzazione delle risorse l’iniziativa appare poco comprensibile;
  • Dal punto di vista tecnico, il sito VeryBello, monolingua (solo italiano) e statico (al momento in cui scrivo sono presenti eventi già trascorsi), privo di funzionalità chiave (la navigazione per calendario/agenda e per mappa geografica), è chiaramente un passo indietro rispetto allo stesso sito Italia.it e molto lontano dal poter supportare gli obiettivi di “vetrina internazionale per Expo2015” che il MiBACT si propone di raggiungere.

È certamente difficile fare dei passi indietro dopo la pubblicizzazione di un’iniziativa, ma lo sforzo organico che in questi mesi il governo sta producendo, anche con la produzione di documenti strategici e l’avvio di progetti di sistema, obbliga a valutare attentamente vantaggi e svantaggi delle iniziative, benefici e problemi, così da intervenire precocemente sugli errori, anche rivedendo profondamente le scelte fatte. Questo sembra il caso.

Via Agenda Digitale

 
Di Altri Autori (del 13/01/2015 @ 07:42:45, in Internet, linkato 1731 volte)

Nonostante le apparenze il Consumer Electronics Show, che si è appena concluso a Las Vegas, non è una fiera dedicata ai consumatori bensì a chi deve pensare e produrre servizi o prodotti. Il grande cambiamento che si respira crea però un problema: tutto sta diventando “Consumer electronics” e per questo ogni imprenditore o aspirante (gli startappari) e tutte le aziende, vecchie e nuove, dovrebbero interessarsi a quello che succede nel settore perché se non direttamente coinvolti lo potrebbero essere dalle conseguenze della sempre più spinta integrazione fra internet e le cose (potenzialmente tutte).

Il vero tema del Consumer Electronics Show è stato proprio questo: la Internet delle cose, detta anche Internet of things (IoT) o per chi esagera Internet of everything. Della possibilità che ogni oggetto possa avere intelligenza a bordo ed essere connesso alla rete si parla da trent'anni e 15 anni fa il fenomeno venne “battezzato” con la definizione che oggi conosciamo (Internet of things appunto) ma è adesso che si comincia a fare sul serio grazie alla combinazione di vari fattori: una massiccia diffusione degli smartphone, che sono uno snodo fondamentale per collegare le “cose”, connettività sempre più diffusa e veloce, varietà dei sensori e loro costo in caduta libera, altre componenti in silicio come le CPU più potenti ed economiche.

Nonostante ciò “serviranno ancora tre anni per delle linee guida ben identificate” spiega Benedetto Vigna, responsabile delle divisione che progetta e produce sensori in STMicroelectronics in una intervista a 2024 su Radio24. “Quello che stiamo vedendo ora è quello che accade sempre quando una nuova tecnologia prende piede - dice Vigna - ci sono tanti player, tante idee e pochi arriveranno al traguardo. Personalmente credo che quelli che avranno maggiori prospettive siano gli oggetti che già indossiamo come occhiali od orologi”. Un altro motivo che frena il boom della IoT è il consumo di energia: “il fenomeno si affermerà quando la combinazione fra protocolli di comunicazione wireless e sensori consumerà molto meno e STM sta lavorando per questo”.

I sensori sono i mattoni fondamentali per “animare” gli oggetti e finora il mercato si è ampiamente espresso inserendoli nei braccialetti o negli smartwatch che misurano i nostri parametri fisici. Altro ambito dove a Las Vegas si è visto grande fermento è quello della casa, dalla lampadina al termostato tutto si connette, anche se la giungla di protocolli di comunicazione e standard di connettività è ancora fitta e vedremo quindi molti cambiamenti nei prossimi anni. E poi, va detto, che non tutte le soluzioni viste sono davvero utili: avere un bollitore o la macchina per il caffè che si comanda dallo smartphone come abbiamo provato al Consumer Electronics Show cambia la vita? Insomma la buona notizia per un imprenditore o un'azienda italiana è che abbiamo ancora davanti alcuni anni per non perdere il treno e il caos di idee che c'è è una grande opportunità. A patto di buttarsi ora nella mischia per capire e comprendere come la miglior manifattura del mondo può trasformare i prodotti di oggi.

Via IlSole24Ore.com

 
Di Altri Autori (del 08/01/2015 @ 07:35:57, in Internet, linkato 1211 volte)

Quanto sono digitali gli italiani?
Sappiamo dall’ultimo rapporto Istat che nel 2014 è aumentata rispetto all’anno precedente la quota di famiglie che dispongono di un accesso ad Internet da casa e di una connessione a banda larga (rispettivamente dal 60,7% al 64% e dal 59,7% al 62,7%). Sappiamo anche che oltre la metà delle persone con almeno 3 anni di età (54,7%) utilizza il pc e oltre la metà della popolazione di 6 anni e più (57,3%) naviga su Internet. Se questo è vero allora vuol dire che il 38,3% della popolazione italiana è offline. Fanno 22 milioni di persone. Ventidue milioni che non sono nell’agenda digitale.

Chi è offline?

Le quote maggiori di non utenti internet si concentrano nelle fasce di età più anziane e di uscita dal mondo del lavoro: la percentuale di non utenti tra i 65-74 anni è del 74,8% e sale al 93,4% tra gli over settantacinquenni. Alte anche le quote di non utenti tra i giovanissimi (1 milione 518 mila tra i 6-10 anni) che, seppure definiti “nativi digitali ”, per più del 50% non utilizzano la rete. Tuttavia, al netto del fattore età, che condiziona fortemente l’utilizzo del web, la presenza in famiglia di genitori che utilizzano Internet favorisce tale comportamento nei figli. Basti osservare che nelle famiglie in cui entrambi i genitori navigano su Internet, la percentuale di figli tra gli 11 e 14 anni che non frequentano il web scende al 6,7%, mentre nel caso in cui entrambi i genitori non navigano su Internet, la quota sale addirittura al 40,1 per cento.

Perché? Mancano le competenze.

E’ lecito quindi domandarsi perché. In base ai dati Istat scopriamo che la maggior parte delle famiglie che non dispongono di un accesso a internet da casa indica la mancanza di competenze come principale motivo del non utilizzo della rete (55,1%). Una percentuale significativa (24,3%) non considera Internet uno strumento utile e interessante. Seguono motivazioni di ordine economico legate all’alto costo dei collegamenti o degli strumenti necessari (15,8%). L’8,5% non naviga in rete da casa perché accede ad Internet da un altro luogo. Residuale è invece la quota di famiglie che indicano tra le motivazioni l’insicurezza rispetto alla tutela della propria privacy (1,9%) e la mancanza di disponibilità di una connessione a banda larga (1,4%).

In Val d’Aosta, a Bolzano e in Trentino internet è giudicata non è interessante.

Nell’info abbiamo voluto entrare nel merito analizzando le motivazione degli offline regione per regione.  Scopriamo così che percentuali tra le più alti d’Italia di abitanti della Val d’Aosta, di Bolzano e del Trentino ritengono il web non interessante. In Campania, Sicilia e Calabria difendono il loro essere non online con gli alti costi di connessione. Mentre in Umbria il 60% di coloro che sono offline dichiara di non sapere usare internet. Più in generale le famiglie del Centro-nord che dispongono di un personal computer e di un accesso ad Internet da casa sono rispettivamente il 66% e il 66,6%, contro il 57,3% e il 58,3% delle famiglie del Mezzogiorno. Quest’ultima ripartizione registra un forte ritardo anche nella connessione alla banda larga: 56,4% contro 65,4% del Centro-nord.

Le ragioni regionali del non utilizzo

La geografia del grado di non utilizzo vede una maggiore prevalenza di non utenti nel Sud e nelle Isole (rispettivamente 45,5% e 43%), mentre nel Centro-nord circa un terzo della popolazione non naviga in rete.
Le cause indicata del non uso del web sono principalmente la mancanza di gradimento e d’interesse verso questo strumento (28,7%), la totale non conoscenza di Internet (27,9%) e l’assenza di capacità nell’utilizzarlo (27,3%). Il 23,5% ha dichiarato di non utilizzarlo perché non gli serve e non ne trova utilità e il 14,3% ha affermato di non disporre degli strumenti necessari per connettersi.
In pochi lamentano alti costi degli strumenti necessari per connettersi (4,3%) o delle tariffe di connessioni (3,7%). Il 3,1% si dichiara diffidente verso le nuove tecnologie e appena l’1,9% ha espresso preoccupazioni per la tutela della privacy. Mentre tra i minorenni una larga quota di non utenti ha dichiarato di non accedere al web in quanto gli è proibito dai genitori per la loro età, in particolare ben il 58,5% dei non utenti tra i 6-10 anni e il 42,2% tra gli 11-14 anni.

Quanta tecnologia c’è nelle case degli italiani?

Nel 2014 oltre la metà delle persone con almeno 3 anni di età (54,7%) utilizza il pc e oltre la metà della popolazione di 6 anni e più (57,3%) naviga su Internet. Rispetto al 2013 rimane stabile l’uso del personal computer mentre aumenta quello di Internet (+2,5 punti percentuali). In particolare aumenta l’uso giornaliero del web (+3,3 punti percentuali). Sono ancora forti le differenze di genere e di generazione. Per avere un quadro più completo su e-commerce e dotazione tecnologica basta consultare le ultime due info interattive.

Via IlSole24Ore.com

 
Di Altri Autori (del 16/12/2014 @ 07:26:31, in Internet, linkato 1940 volte)

Batteria dell'iPhone, bolletta, matrimonio e carburante. Ecco su cosa cercano di risparmiare gli italiani. Lo si scopre dalla fotografia che ritrae un anno di ricerche degli utenti internet su Google: insieme alla parola “risparmiare” sono questi gli accostamenti più frequenti e digitati sul motore di ricerca nel corso degli ultimi 12 mesi. Non manca, infine, chi si chiede come tagliare i costi del riscaldamento oppure le spese in cucina o per i rifiuti.

Sono questi alcuni dei risultati più curiosi che emergono dai Google trends 2014 relativi alle ricerche degli utenti italiani, in particolare da alcune classifiche che fotografano il loro rapporto con l'economia, elaborate in esclusiva per il Sole 24 Ore. I Google trends, che l'anno scorso erano stati battezzati con il nome di Zeitgeist (“spirito del tempo” in lingua tedesca), da stanotte sono pubblici online in tutto il mondo (e si possono consultare su www.google.com/trends/2014).

Qualche distrazione se la concede chi cerca su Google cosa “comprare”. È proprio sul web, infatti, che si scatena la caccia allo shopping più improbabile, quello che si fatica a trovare nei negozi tradizionali. Tanto che insieme alla parola “comprare” gli italiani googlano più spesso le maglie dell'Nba, oppure vanno alla ricerca di un flipper. Buone notizie per i retailer di gioielli che puntano sull'e-commerce: sempre più italiani si muovono per acquistare pendenti, monili e collane su internet. Una curiosità, infine, per gli amanti dei fumetti: a Milano forse non sono abbastanza le librerie che vendono Manga giapponesi... perchè sono davvero tanti a cercare questo genere di strisce in Rete.

Continua a far scaldare gli animi degli utenti anche la necessità di dover “pagare” Whatsapp, l'app ormai installata in quasi tutti gli smartphone degli italiani: a chiedersi (e a cercare informazioni su) come e quanto costa il servizio sono stati davvero numerosi utenti nel 2014. L'appuntamento con i conti su Google scatta anche con le scadenze fiscali. C'è soprattutto chi si orienta nel labirinto delle tasse locali: Tares e Tasi prima di tutto. Le migliaia di delibere comunali hanno moltiplicato la confusione e sul web si cerca prima di tutto “come pagare”, visto che le istruzioni e le aliquote si sono moltiplicate sul territorio (l'ultima scadenza è fissata proprio per oggi, con il saldo Imu-Tasi). Ma in tempi di crisi emerge anche chi si interroga su “come pagare Equitalia” oppure come pagare “in solido”. E anche in questo caso le responsabilità di fronte al Fisco sono protagoniste delle pagine di ricerca.

Guarda la mappa delle parole più cercate
Ecco le classifiche con le parole «risparmiare», «comprare» e «pagare»
Risparmiare
batteria iPhone
bolletta Enel
matrimonio
batteria Android
carburante
acqua
riscaldamento
in cucina
bolletta luce
sui rifiuti

Pagare
Whatsapp
Fastweb
Tares
un regista
non pagare alimenti
come pagare Equitalia
in solido
la Tasi
bollette Enel
dove pagare bollo

Comprare
gioielli online
maglie Nba
un flipper
immagini online
cuoio
Viacard
piercing online
un cavallo
manga a Milano
oro puro

Via IlSole24Ore.com

 
Di Altri Autori (del 03/12/2014 @ 07:31:58, in Internet, linkato 1411 volte)

Il 16% degli internauti italiani si collega a Internet solo da smartphone e tablet, il 42% solo da Pc e il restante 42% lo fa da entrambe le piattaforme. I dati emergono da un’indagine di ComScore presentata stamani a Roma in occasione del seminario Mobile Measurement & Monetizing organizzato dalla stessa ComScore e da Yahoo.

In base allo studio, 24,3 milioni di italiani guardano video da desktop e 12,3 milioni lo fanno da mobile. A fruire di video sullo smartphone almeno una volta a mese è il 49%. Il dato, relativo al settembre 2014, si mostra in crescita rispetto al 38% registrato nel settembre 2013. Nello stesso arco di tempo, la percentuale di chi guarda video su smartphone almeno una volta a giorno è passata dal 12% al 15%. “L’utenza si sta spostando sul mobile ed è lì, insieme al social networking, che stiamo investendo fortemente”, ha detto Lorenzo Montagna, numero uno di Yahoo! Italia.

Sul mobile Yahoo ha messo al lavoro globalmente 500 ingegneri, e nel settore ha investito con diverse acquisizioni, a cominciare da Tumblr. Il sito di microblogging, che secondo l’ultimo rapporto del Globalwebindex è il social con la maggiore crescita di utenti (+120%), ha 400 milioni di utilizzatori, di cui 120 milioni in Europa. E 400 milioni di utenti attivi al mese li conta la stessa Yahoo, mentre BrigtRoll, la piattaforma di video advertising della società, ne ha ha 160 milioni. “L’obiettivo è avere massa critica e veicolare una pubblicità targettizzata“, ha spiegato Montagna. Sul fronte degli spot mobile “pop-up e banner non funzionano, occorre una soluzione ponte tra desktop e mobile, che è il native advertising”

Via Tech Economy

 
Di Gianluigi Zarantonello (del 24/11/2014 @ 09:00:00, in Internet, linkato 1559 volte)
Oggi vi segnalo questa infografica tratta dallo studio globale che GlobalDMA in partnership con Winterberry Group ha realizzato sul data-driven marketing mettendo insieme le risposte di oltre 3.000 partecipanti provenienti da 17 mercati globali.

The Global Review of Data-Driven Marketing and Advertising 6 Global data and customer insights

Ringrazio Kawakumi per la segnalazione e vi rimando al suo articolo per un’ottima sintesi dei principali finding dell’executive summary della ricerca. Da parte mia mi piace tornare ad evidenziare come creatività e dati si stiano sempre più avvicinando in un approccio multidisciplinare che richiede una doppia anima ai marketing manager.

Noi italiani come siamo messi rispetto a questo tema?

A leggere le statistiche presenti nella ricerca di Global DMA non sembriamo tra i più fiduciosi nella possibilità di fare crescita attraverso questo tipo di approccio, il che contrasta con un certo ottimismo su temi affini, come i big data, che emerge da altre ricerche.

una chart della ricerca DDMA


A mio avviso ciò si spiega con una certa ritrosia di molti marketer rispetto alla tecnologia, che inoltre è ancora spesso limitata dalla presenza di silos chiusi di dati e da una governance carente.
La mancanza di competenza in effetti è ancora una delle principali preoccupazioni, e non solo nel nostro paese, quando si parla di maneggiare grandi fonti di dati.



 Ragionare però in un’ottica dove i dati sono una guida e un supporto al processo decisionale non è più qualcosa di evitabile. Si tratta di un cambiamento culturale importante, che non può che migliorare le professionalità delle persone che fanno marketing.

Last but not least, bisogna capire quali di tutti questi dati sono davvero importanti e bisogna dotarsi di sistemi efficaci di data visualization e di sintesi che possano dare degli strumenti per decidere. Ma su questo magari ci sarà spazio per un altro post…

Gianluigi Zarantonello via Internetmanagerblog.com
 
Di Gianluigi Zarantonello (del 17/11/2014 @ 09:00:00, in Internet, linkato 1400 volte)

Ho scritto davvero spesso dei temi strategici e organizzativi che stanno dietro il processo di digitalizzazione delle aziende e all’approccio sempre più ominicanale che i mercati ed i clienti richiedono.
In questo periodo in cui mi sono assentato dal blog ho realizzato poi molto bene che la digital transformation richiede un altro pilastro importante che oggi è ancora poco presidiato: la governance.

Fonte Brian Solis

Fonte Brian Solis

Ecco 10 ragioni per cui il governo dell’ecosistema digital invece è sempre più cruciale:

1) Non si può impedire l’accesso alle tecnologie in modo parzialmente autonomo da parte di un numero sempre più ampio di persone. Dal BYOD alle soluzioni software pronte, tutti possono usare (ed acquistare) strumenti un tempo necessariamente centralizzati;

2) Il time to market è sempre più costretto per pensare sempre di costruire ex-novo. Le soluzioni ready to use possono essere utilissime, basta che siano viste in una logica di insieme e non ciascuna per conto suo;

3) Proprio perché sempre più persone usano (e acquistano) direttamente gli strumenti digitali è importante avere dietro un supporto di regia specifico che aiuti a prendere le strade corrette; 

4) Il digital va concepito come un ecosistema coerente e articolato, di cui non va sottovalutata la complessità a fronte di singole soluzioni pronte;

5) Il cliente va seguito attraverso tutti i touchpoint. Non è facile ma senza logica di ecosistema è direttamente impossibile;

6) Non si possono concepire più grandi progetti digital senza integrazione con i sistemi IT aziendali. Il che richiede competenze ibride di business e di tecnologia e soprattutto una visione di insieme;

7) L’adozione di una tecnologia deve essere figlia di strategia e studio degli obiettivi, non il contrario. Non va quindi solo scelta la “moda del momento“;

8) A meno di non essere pure player, vedere le vendite online disgiunte da una logica multicanale vuol dire capire solo un pezzo del puzzle. Ma bisogna abbattere i silos dei dati;

9) La collaborazioni tra funzioni in un contesto di competenze cross è indispensabile. Ma non è così facile abituare culturalmente le persone, senza contare le difficoltà di capirsi in linguaggi diversi. Servono dei facilitatori;

10) Le persone in azienda devono potersi preoccupare di che cosa vogliono fare, la tecnologia è un abilitante che non le deve non far pensare al “come”. Questo non vincola ad un controllo troppo soffocante di una governance ma chiede una supervisione di insieme che guidi verso gli strumenti più giusti e limiti dispersione e inefficienza.

Dove deve stare la governance nell’organigramma dell’organizzazione? Non credo che oggi ci sia una sola risposta possibile, quello che invece mi è chiaro è il profilo che questa figura di Chief Digital Officer deve avere: una persona con i piedi saldamente piantati nel business ma che, a differenza di quanto accade solitamente oggi, conosca e capisca profondamente la tecnologia e la logica di ecosistema. Per chi ha queste caratteristiche, la strada è aperta, a patto che ci sia la legittimazione del ruolo da parte dell’organizzazione.

Gianluigi Zarantonello via Internetmanagerblog.com

 
Di Gianluigi Zarantonello (del 10/11/2014 @ 09:00:00, in Internet, linkato 1416 volte)

Buon lunedì. Mi è capitato recentemente e per vari motivi di leggere diversi report sul social caring e la capacità di risposta delle aziende, come questo di Blogometer e altri, anche di provenienza straniera.

IMG_0946.PNG

IMG_0947.PNG

Al di là di numeri e trend quello che, secondo me, dovrebbe balzare più all'occhio è il fatto che questi canali molto spesso sono ancora trattati in modo separato dal customer care tradizionale e dal CRM.

Viene persa quindi una grandissima opportunità di arricchire la conoscenza che abbiamo dei nostri clienti (nurturing) che spesso invece sono disponibili a condividere molte informazioni con noi a patto di essere ascoltati e supportati.
La logica di ecosistema si porta dietro anche il concetto di single customer view ed i social media, spesso in bilico tra sopravvalutazione e disincanto eccessivo, sono un canale bidirezionale e quindi ideale per attingere dal dialogo. Al di là delle varie metriche, è questo il loro reale valore, non certo il numero totale di fan/follower acquisiti in modi magari non leciti.

Ovviamente tutte queste informazioni poi devono essere in qualche modo rese disponibili a tutti coloro che ne possono trarre informazioni utili al business (basta con i silos!), per dare valore agli inevitabili investimenti che questo tipo di collezionamento comporta.

È ovviamente un tema di tecnologia per gestire tutto questo ma anche e soprattutto di processo interno all'organizzazione.
E voi, che esperienze avete in merito?

Gianluigi Zarantonello via Internetmanagerblog.com

 
Di Altri Autori (del 04/11/2014 @ 07:29:27, in Internet, linkato 1222 volte)

Audiweb ha rilasciato i nuovi dati dell’audience mobile e della total digital audience del mese di agosto 2014: in questo periodo sono stati 27,4 milioni gli italiani dai due anni in su che si sono collegati a internet almeno una volta, online in media per 42 ore e 49 minuti per persona. La total digital audience nel giorno medio è rappresentata da 19,5 milioni di utenti collegati per 1 ora e 56 minuti.

La fruizione di internet da device mobili (smartphone e tablet) nel giorno medio supera ancora l’accesso alla rete tramite computer. Sono, infatti, 15,5 milioni gli italiani tra i 18 e i 74 anni che ogni giorno hanno dedicato in media 1 ora e 37 minuti alla navigazione in mobilità, mentre l’audience online da PC registra 10,5 milioni utenti unici (2+ anni) online per 1 ora e 13 minuti a persona.

Con 1 ora e 43 minuti nel giorno medio e 45 ore e 53 minuti di tempo speso in media per persona nel mese, le donne confermano un maggiore consumo di internet da mobile rispetto agli uomini.
Oltre il 62,5% dei giovani italiani tra i 18 e i 34 anni era online nel giorno medio ad agosto (7 milioni), principalmente da device mobili.
Più in dettaglio, risultano 2,6 milioni i giovani tra i 18 e i 24 anni che nel giorno medio hanno usato device mobili (smartphone e tablet) per accedere a internet (il 60,2% dei 18-24enni), mentre l’accesso da PC vede solo 962mila utenti unici di questa fascia d’età (il 22,6% della popolazione di riferimento).

Dai dati sull’uso dei differenti device utilizzati per accedere a internet, risulta che il 66,4% del  tempo totale speso online è generato dalla fruizione di internet da mobile e, più in dettaglio, il  55,7% del totale dalla fruizione tramite mobile applications.

Via Tech Economy

 

C’è un equivoco che ancora ha molto seguito nel marketing e nelle aziende, specie quando ci si sposta sui mezzi a vocazione più digitale: bisogna essere su quel canale o utilizzare quella tecnologia perché ci daranno un vantaggio o solo perché altri ci sono già.

IMG_0795.JPG

Certo grazie alla diffusione di internet, degli smartphone e a mille altri fattori sono cambiate molte cose negli ultimi anni rispetto agli strumenti per comunicare, e in particolare:

a) si sono pesantemente ridotte le barriere all’ingresso per la produzione di contenuti, sia in termini di competenze tecniche sia sul piano dei costi;

b) i privati ormai posseggono in molti casi una tecnologia pari o perfino migliore di quella aziendale e non è raro che la sappiano padroneggiare meglio;

c) in termini teorici la distribuzione su vasta scala è accessibile a tutti.

Fermiamoci un attimo: rispetto a quanto sopra nella gran parte dei casi il nostro pubblico come privati sono degli amici per i quali ciò che creiamo ha un significato che nasce dal contesto, dalle relazioni, da una storia e che prescinde da qualità e mezzo di produzione.
Ma se siamo delle aziende, quali dovrebbero essere i motivi per cui dovremmo avere successo ora che la fruizione dei media è frammentata tra tanti device, asincrona e personalizzata? Per quale (abbondante) mancanza di umiltà noi dovremmo essere per forza interessanti nel frastuono della conversazione collettiva?

Senza un palinsesto unico dei media che ci dia una mano a dettare l’agenda e i tempi, come avveniva per la tv tradizionale, e con tanti stimoli continui che arrivano nello stesso momento da fonti disparate per livello, qualità e vicinanza il solo esserci non serve. E anzi è controproducente.

La domanda giusta infatti non è tanto “dove devo essere” ma che cosa voglio fare e rispetto a chi. L’ormai storico acronimo POST viene rispettato infatti inconsciamente dagli utenti, per i quali la tecnologia è qualcosa di indifferente purché sia comodo per fare ciò che vogliono, ma non dalle aziende.

IMG_0794.JPG

Un contenuto di qualità e rivolto alle persone giuste quindi è la prima chiave.
La seconda è la capacità di gestirlo attraverso i canali e nel tempo: fondare una strategia su di un singolo media, specie se earned, vuol dire essere a rischio ad ogni nuovo arrivo nell’ecosistema.
In più, la possibilità (tecnica e organizzativa) di rilavorare e adattare in tempi brevi ad ogni nuovo mezzo le storie ciò per cui veniamo scelti dal cliente è il secondo pilastro di una sana capacità di cavalcare l’evoluzione frenetica dei nostri tempi.

Contenuto può poi volere dire tante cose ma al centro ci sono sempre le persone, le storie, le aziende, i bisogni, l’immaginazione: è questo che riempie di senso un libro come un post di Facebook.
E allora si capisce che partire solo dal supporto non è davvero una buon idea.

P.s. Tutto ciò si applica alla grande anche agli strumenti di collaboration, ma lì c’è materiale per più di un altro post!

Gianluigi Zarantonello via Internetmanagerblog.com

 
Ci sono 875 persone collegate

< gennaio 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
  
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
   
             

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Advertising (108)
Aziende (142)
Blog (11)
Brand (37)
Comarketing (2)
Comunicazione (9)
dBlog (1)
Digitale (33)
eCommerce (40)
Grande Distribuzione (7)
Internet (544)
Marketing (288)
Marketing Ambientale (3)
Marketing non convenzionale (62)
Media (102)
Mercati (79)
Mobile (210)
Permission Marketing (1)
Prodotti (95)
Pubblicità (32)
Pubblicità (88)
Retail (11)
Segnalazioni (45)
Social Networks (349)
Startup (1)
Strategie (59)
Tecnologie (73)
Trade Marketing (1)
Viral Marketing (40)

Catalogati per mese:
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020

Gli interventi più cliccati

Titolo
Automobili (2)
Bianco e nero (1)
Comarketing (1)
Home (4)
Internet (4)
Prodotti (5)
Pubblicità (5)

Le fotografie più cliccate


Titolo

< /p>


Subscribe to my feed


Google
Reader or Homepage

Add to netvibes



Creative Commons License




20/01/2020 @ 12:08:50
script eseguito in 343 ms